Divinazione e Magia

Inserito in Rubrica Spirito e Vita.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Creazione

Divinazione e Magia

dal Catechismo della Chiesa Cattolica, numeri 2115-2117

 

2115      - Dio può rivelare l'avvenire ai suoi profeti o ad altri Santi. Tuttavia il giusto  atteggiamento  cristiano  consiste nell'abbandonarsi con fiducia nelle mani della Provvidenza per ciò che concerne il futuro e a rifuggire da ogni curiosità malsana a questo riguardo. L'imprevidenza può costituire una mancanza di responsabilità

2116      - Tutte le forme di divinazione sono da respingere: ricorso a satana o ai demoni,  evocazione  dei  morti  o  altre pratiche che a torto si ritiene che "svelino " l'avvenire [Cf Dt 18,10; Ger29,8]. La consultazione degli oroscopi, l'astrologia, la chiromanzia, l'interpretazione dei presagi e delle sorti, i fenomeni di veggenza, il ricorso ai medium occultano una volontà di dominio sul tempo, sulla storia ed infine sugli uomini ed insieme un desiderio di rendersi propizie le potenze nascoste. Sono in contraddizione con l'onore e il rispetto, congiunto a timore amante, che dobbiamo a Dio solo.

 

2117 - Tutte le pratiche di magia e di stregoneria con le quali si pretende di sottomettere le potenze occulte per porle al proprio servizio ed ottenere un potere soprannaturale sul prossimo -fosse anche per procurargli la salute- sono gravemente contrarie alla virtù della religione. Tali pratiche sono ancor più da condannare quando si accompagnano ad una intenzione di nuocere ad altri o quando in esse si ricorre all'intervento dei demoni. Anche portare gli amuleti è biasimevole. Lo spiritismo spesso implica pratiche divinatorie o magiche. Pure da esso la Chiesa mette in guardia i fedeli. Il ricorso a pratiche mediche dette tradizionali non legittima né l'invocazione di potenze cattive, né lo sfruttamento della credulità altrui..