Assunzione Vergine Maria

Inserito in Rubrica Spirito e Vita

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

15 AGOSTO

ASSUNZIONE DELLA B. V. MARIA (Solennità)

 

 

 

ASSUNZIONE DELLA B. V. MARIA

DAL MAGISTERO DELLA CHIESA

 

 

 

La verità dell'Assunzione, definita da Pio XII, è riaffermata dal Concilio Vaticano II che così esprime la fede della Chiesa: "Infine, l'Immacolata Vergine, preservata immune da ogni macchia di colpa originale, finito il corso della sua vita terrena, fu assunta alla gloria celeste in anima e corpo e dal Signore esaltata quale Regina dell'universo, perché fosse più pienamente conformata con il Figlio suo, Signore dei dominanti e vincitore del peccato e della morte".

Con il mistero dell'Assunzione al Cielo si sono definitivamente attuati in Maria tutti gli effetti dell'unica mediazione di Cristo redentore del mondo e Signore risorto: «Tutti riceveranno la vita in Cristo... E l'ultimo nemico a essere annientato sarà la morte» (1 Cor 22.26).

Redemptoris Mater, n. 41

 

PREGHIERA

Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno, noi ti ringraziamo e Ti benediciamo perché la Vergine Maria, Madre di Cristo, tuo Figlio e nostro Signore, è stata assunta nella gloria del Cielo.

In Lei primizia e immagine della Chiesa, hai rivielato  il compimento del mistero di salvezza e hai fatto risplendenre per il tuo popolo, pellegrino sulla terra, un segno di consolazio e di sicura speranza.

Tu non hai voluto che conoscesse la corruzione del sepolcro Colei che ha generato il Signore della vita. Amen.

  (dal prefazio dell'Assunzione)

 

RIFLESSIONE SULLA B. V. MARIA ASSUNTA IN CIELO

Colei che nel parto aveva conservato illesa la sua verginità doveva anche conservare senza alcuna corruzione il suo corpo dopo la morte.

Colei che aveva portato nel suo seno il Creatore fatto bambino, doveva abitare nei tabernacoli divini.

Colei che fu data in sposa al Padre, non poteva che trovar dimora nelle sedi celesti.

Doveva contemplare il suo Figlio nella gloria alla destra del Padre, Lei che lo aveva visto sulla Croce, Lei che, preservata dal dolore quando lo diede alla luce, fu trapassata dalla spada del dolore quando lo vide morire.

Era giusto che la Madre di Dio possedesse ciò che appartiene al Figlio e che fosse onorata da tutte le creature come Madre ed Ancella di Dio.

(San Giovanni Damasceno)

COME SAN FRANCESCO CHIESE ED OTTENNE L'INDULGENZA DEL PERDONO

Inserito in Rubrica Spirito e Vita

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

COME SAN FRANCESCO CHIESE ED OTTENNE L'INDULGENZA DEL PERDONO


Una notte dell'anno del Signore 1216, Francesco era immerso nella preghiera e nella contemplazione nella chiesetta della Porziuncola, quando improvvisamente dilagò nella chiesina una vivissima luce e Francesco vide sopra l'altare il Cristo rivestito di luce e alla sua destra la sua Madre Santissima, circondati da una moltitudine di Angeli. Francesco adorò in silenzio con la faccia a terra il suo Signore!

PREGHIERA A SANT'ALFONSO M. DE' LIGUORI

Inserito in Rubrica Spirito e Vita

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

PREGHIERA A SANT'ALFONSO M. DE' LIGUORI

O mio glorioso ed amatissimo protettore San' Alfonso che hai tanto faticato e sofferto per assicurare agli uomini il fruttoo della redenzione, guarda le miserie della mia povera anima ed abbi pietà di me. Per la potente intercessione di cui godi presso Gesù e Maria, ottienimi con un vero pentimento, il perdono delle colpe passate, un grande terrore al peccato e la forza di resistere sempre alle tentazioni. Fammi partecipe, te ne prego, di una scintilla di quell'ardente carità di cui il tuo cuore fu sempre infiammato e fa' che imitando il tuo fulgido esempio, io scelga la divina volontà come unica norma nella mia vita. Implora per me un fervido e costante amore a Gesù, una tenera e filiale devozione verso Maria e la grazia di pregare sempre e di perseverare nel divino servizio fino allora della mia morte, affinché io possa finalmente unirmi a te per lodare Dio e Maria Santissima per tutta l'eternità.

Cosi sia

AGOSTO MESE DEDICATO AL PADRE

Inserito in Rubrica Spirito e Vita

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

AGOSTO MESE DEDICATO AL PADRE

 

In questo mese ricordiamoci in modo particolare di Dio-Padre Colui che ogni giorno invochiamo con il PADRE NOSTRO

Santa Veronica Giuliani il Sangue di Cristo e i Sacerdoti

Inserito in Rubrica Spirito e Vita

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

SANTA VERONICA GIULIANI, Il PREZZIOSSIMO SANGUE DI GESù E I SACERDOTI

Questa notte, dopo lungo travaglio, ho avuto il raccoglimento nel quale il Signore mi ha fatto vedere una moltitudine di Sacerdoti, tutti con abito sacerdotale; ma anche, nel medesimo punto, mi ha fatto comprendere che, fra essi, vi sono molti Giuda e suoi nemici: [...]. In un subito, una parte di essi sono divenuti come mostri infernali e peggio che gli stessi demoni. A questa vista così spaventevole il Signore, da capo a piedi tutto grondava Sangue; ed, in questo punto, mi ha comunicato che quel Sangue che Lui versava, glielo facevano versare i peccati c sacrilegi che commettevano detti Sacerdoti, ed erano come tante spade e pugnali, come tante ferite e colpi verso Sua Divina Maestà. E mi fece vedere quel suo preziosissimo Sangue scorrere come un fiume per terra, acciò io vedessi la poca stima e poco conto che ne faceva chi aveva potestà di tenerlo nelle medesime mani ed anche riceverlo indegnamente, come facevano tutti quei tali che Egli mi faceva vedere. Io gli domandai se mi volesse fare intendere chi erano, ma Egli mi disse: «No, questi non si sapranno sino al dì del Giudizio. Già sono tutti condannati al fuoco eterno». lo risposi: