Beato Tommaso Maria Fusco

Inserito in Biografia.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Tommaso Maria Fusco

Ricordo il 24 Febbraio

Tommaso Maria Fusco, settimo di otto figli, nacque a Pagani (SA), in diocesi di Nocera-Sarno, il 1° dicembre 1831, dal farmacista dott. Antonio, e dalla nobildonna Stella Giordano, genitori di integra condotta morale e religiosa che seppero formarlo alla pietà cristiana e alla carità verso i poveri.

Fu battezzato lo stesso giorno della nascita nella Parrocchia di San Felice e Corpo di Cristo.

 

Ben presto rimase orfano della madre, vittima dell' epidemia colerica nel 1837 e, pochi anni dopo, nel 1841, perdette anche il padre. D' allora si occupò della sua formazione don Giuseppe, lo zio paterno, il quale gli fu maestro negli studi primari.

 

Fin dal 1839, anno della canonizzazione di Sant' Alfonso Maria de' Liguori, il piccolo Tommaso aveva sognato la chiesa e l' altare e finalmente nel 1847 entrò nel Seminario diocesano di Nocera, dal quale nel 1849 uscirà consacrato sacerdote il fratello Raffaele.

 

Il 1° aprile 1851 Tommaso Maria ricevette il Sacramento della Cresima e il 22 dicembre 1855, dopo la formazione seminaristica, fu ordinato sacerdote dal Vescovo Agnello Giuseppe D' Auria.

 

In questi anni di esperienze dolorose, per la perdita di persone care alle quali si aggiungeva quella dello zio (1847) e del giovane fratello Raffaele (1852), si sviluppa in Tommaso Maria una devozione già cara a tutta la famiglia Fusco: quella al Cristo paziente e alla sua SS. Madre Addolorata, come viene ricordato dai biografi: «Era devotissimo del Crocifisso e tale rimase sempre».

 

Fin dall' inizio del ministero curò la formazione dei fanciulli, per i quali in casa sua, aprì una Scuola mattinale, e ripristinò la Cappella serotina, per i giovani e gli adulti presso la chiesa parrocchiale di San Felice e Corpo di Cristo con lo scopo di promuovere la loro formazione umana e cristiana.

 

Essa fu un autentico luogo di conversioni e di preghiera, come lo era stata nell' esperienza di Sant' Alfonso, venerato e onorato a Pagani per il suo apostolato.

 

Nel 1857 fu ammesso alla Congregazione dei Missionari Nocerini, sotto il titolo di San Vincenzo de' Paoli, con la immissione in una itineranza missionaria estesa specialmente alle regioni dell' Italia meridionale.

 

Nel 1860 fu nominato cappellano del Santuario della Madonna del Carmine, detta delle Galline, in Pagani, dove incrementò le associazioni cattoliche maschili e femminili, e vi eresse l' altare del Crocifisso e la Pia Unione per il culto al Preziosissimo Sangue di Gesù.

 

Per l' abilitazione al ministero del confessionale, nel 1862 aprì nella sua casa una Scuola di Teologia morale per i Sacerdoti, infiammandoli all' amore del Sangue di Cristo: nello stesso anno istituì la «Compagnia (sacerdotale) dell' Apostolato Cattolico» per le missioni popolari; nel 1874 ebbe l' approvazione dal Papa Pio IX, oggi beato. Profondamente colpito dalla disgrazia di un' orfana, vittima della strada, il 6 gennaio giorno dell' Epifania del 1873, dopo attenta preparazione nella preghiera di discernimento, don Tommaso Maria fondò la Congregazione delle «Figlie della Carità del Preziosissimo Sangue». L' Opera ebbe inizio nella Chiesa della Madonna del Carmine, alla presenza del Vescovo Raffaele Ammirante il quale, con la consegna dell' abito alle prime tre Suore, benedisse il primo Orfanotrofio per sette orfanelle povere del paese. Sulla nascente famiglia religiosa e sull' Orfanotrofio, dietro sua richiesta, non tardò a scendere anche la benedizione del Papa.

 

Don Tommaso Maria continuò a dedicarsi al ministero sacerdotale con predicazione di esercizi spirituali e di missioni popolari; e su questa itineranza apostolica nacquero le numerose fondazioni di case e orfanotrofi che segnarono la sua eroica carità, ancora più intensa specialmente nell' ultimo ventennio della sua vita (1870-1891).

 

Agli impegni di Fondatore e Missionario Apostolico associò anche quelli di Parroco (1874-1887) presso la Chiesa Matrice di San Felice e Corpo di Cristo, in Pagani, di confessore straordinario delle monache di clausura in Pagani e Nocera, e, negli ultimi anni di vita, di padre spirituale della Congrega laicale nel Santuario della Madonna del Carmine Ben presto don Tommaso Maria, divenuto oggetto d' invidia per il bene operato col suo ministero e per la vita di sacerdote esemplare, affronterà umiliazioni, persecuzioni fino all' infamante calunnia nel 1880, da un confratello nel sacerdozio. Ma egli sostenuto dal Signore, portò con amore quella croce che il suo Vescovo Ammirante, al momento della fondazione, gli aveva preconizzato: «Hai scelto il titolo del Preziosissimo Sangue? Ebbene, preparati a bere il calice amaro».

Nei momenti della durissima prova sostenuta in silenzio, ripeteva: «L' operare e il patire per Dio sia sempre la vostra gloria e delle opere e patimenti che sostenete sia Dio la vostra consolazione in terra e la vostra mercede in cielo. La pazienza è come la salvaguardia e il sostegno di tutte le virtù».

 

Consumato da una patologia epatica, don Tommaso Maria chiuse piamente la sua esistenza terrena il 24 febbraio 1891, pregando col vecchio Simeone: «Nunc dimittis servum tuum, Domine, secundum verbum tuum, in pace» (Lc 2, 29).

 

Aveva 59 anni!

 

La testimonianza evangelica della sua vita, nota a tutti, fu compendiata così nel manifesto emesso dal Comune di Pagani il 25 febbraio 1891: «Tommaso Maria Fusco, Missionario Apostolico, Fondatore delle Figlie della Carità del Preziosissimo Sangue, Sacerdote esemplare d' invitta fede, di ardente carità, in nome del Sangue Redentore lavorò infaticabilmente per la salvezza delle anime: Visse amando i poveri, morì perdonando i nemici».

 

La vita sacerdotale intensamente vissuta nella meditazione assidua del mistero dell' amore del Padre, contemplato nel Figlio Crocifisso, il cui Sangue è «espressione, misura e pegno» della carità divina, la carità eroica verso i poveri e i bisognosi, nei quali don Tommaso Maria vedeva lo stesso. Volto insanguinato di Gesù, orientarono la sua esistenza al culto altissimo delle virtù cristiane. Gli scritti, la predicazione, le missioni popolari segnarono una grande esperienza di fede e una luce di speranza cristiana che traspariva nella sua vocazione e nelle sue azioni. La sua carità verso Dio era viva e ardente; infiammava le sue parole e il suo apostolato che fu reso fecondo dall' amore per Dio e per il prossimo, dall' unione con Gesù

Crocifisso e dalla confidenza in Maria Immacolata e Addolorata, e soprattutto dall' Eucaristia. Don Tommaso Maria Fusco fu apostolo della carità del Preziosissimo Sangue, amico dei fanciulli e dei giovani, attento ad ogni povertà e miseria umana e spirituale. Per tutte queste ragioni godette fama di santità presso il presbiterio diocesano, presso il popolo e presso le sue figlie spirituali che hanno raccolto il suo carisma e oggi lo testimoniano nelle varie parti del mondo in cui svolgono il loro apostolato in comunione con la Chiesa.

 

Iniziato il Processo di Beatificazione nel 1955, decretato l' esercizio eroico delle virtù cristiane il 24 aprile 2001, il 7 luglio 2001 fu riconosciuto l' aspetto prodigioso della guarigione della signora Maria Battaglia, guarigione avvenuta a Sciacca (AG) il 20 agosto 1964 per intercessione di don Tommaso Maria Fusco.

 

Con la sua Beatificazione Papa Giovanni Paolo II lo presenta come esempio e guida di santità ai sacerdoti, al popolo di Dio, alle sue figlie spirituali, le «Figlie della Carità del Preziosissimo Sangue».