Il Libro della Grazia Speciale di Santa Matilde

Inserito in Libri.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Scarica il documento in formato zip

 

 

IL LIBRO DELLA

GRAZIA SPECIALE

 

 

 

RIVELAZIONI DI

SANTA METILDE

 

VERGINE DELL'ORDINE

DI S. BENEDETTO

 

 

 

CON PREFAZIONE DI S. E. IL CARD. SCHUSTER

ARCIVESCOVO DI MILANO

 

 

 

 

Nihil òbstat quominus imprimatur.

Can. Joseph Pecora, Gen. Eccl.

Mediolani, die 13 - 9 - 1938.

_______________________________

IMPRIMATUR

in Curia Arch. Mediolani, die 13 - 9 - 1938.

+ P. CASTIGLIONI Vic. Gen.

PREFAZIONE

Quando la Chiesa ha approvato il diffusissimo culto liturgico reso a Santa Metilde, essa non ha propriamente approvato il suo "Liber gratiae specialis", ma si è fondata esclusivamente su questo volume per riconoscere l'eroica santità della nobile Contemplatrice Benedettina.

Mentre Domna Mechtildis Cantrix faceva ancora echeggiare delle sue devote melodie liturgiche il coro delle monache di Helfta, le sue mistiche elevazioni già venivano piamente trascritte, raccolte e meditate dentro e fuori della sua abbazia.

In seguito, diffuse largamente anche in Italia ed a Firenze, esse impressionarono talmente l'energica Fede di Dante Alighieri, che ne introdusse i più bei squarci nella Divina Commedia, facendo di Donna Matelda una delle più celestiali figure del mondo d'oltre tomba.

Dopo che il Certosino Lanspergio (+ 1539) curò la stampa delle Rivelazioni di S. Gertrude e di S. Metilde, il Liber gratiae specialis divenne per gli Scrittori Ascetici come uno dei più autorevoli libri di testo; così che da più secoli, per l'unanime consenso della Chiesa, esso va esercitando una grande influenza sulla pietà Cattolica, orientandola specialmente verso il Sacro Cuore di Gesù. Infatti, e stato il Liber gratiae specialis quello che, insieme all'Araldo del Divino Amore di S. Gertrude, sin dal secolo XIV ha preparato gli animi dei fedeli alle grandi rivelazioni del Sacro Cuore per opera di S. Margherita Alacoque.

Il titolo di: Liber gratiae specialis venne dato all'opera dal Signore stesso, il quale più volte dichiarò a Santa Metilde di approvare l'opera e di benedirne largamente i lettori.

Ecco il motivo pel quale anch'io ho incoraggiato il pio e bravo nostro D. M. Andreoletti a condurre a termine ed a pubblicare questa versione italiana del: Libro della Grazia speciale.

Peccato, che in Italiano il titolo non rifletta così bene il significato latino!

Lo si sarebbe potuto intitolare italianamente: Storia di un'anima privilegiata, se le mistiche contemplazioni della Veggente di Helfta, appunto perché esclusivamente ispirate alla sacra Liturgia, non si rivolgessero invece a tutte quante le anime Cattoliche.

Dopo il: sentire cum Ecclesia, qui, nell'Abbazia di Helfta, abbiamo esclusivamente: orare cum Ecclesia; meditari cum Ecclesia: questo e non altro.


Milano, 1 Maggio 1939.


+ ILDEFONSO Card. Arciv.

INTRODUZIONE

 

 

Santa Metilde di Hackeborn, di una nobile famiglia imparentata con l'Imperatore di Germania Federico II, nacque nel 1241. Della sua vita sappiamo ben poco, perché dobbiamo contentarci delle scarse notizie che se ne trovano in questo libro e in quello dell' Araldo del divino amore di santa Gertrude.

Nell'età di sette anni si fece accettare nel Monastero delle Benedettine di Rodensdorf, dove era già monaca sua sorella maggiore Gertrude. Questa, essendo stata eletta badessa del monastero di Helfta, vi condusse seco la sorella, che aveva 17 anni e la educò con la massima cura.

Metilde aveva ricevuto da Dio eminenti doni naturali, e particolarmente una bellissima voce, per cui le venne affidato l'ufficio di Domna cantrix, Maestra di canto in coro. Ella santamente adempiva il suo ufficio con somma grazia ed abilità, e sapeva dare alle melodie liturgiche espressioni celestiali, a segno che si meritò il plauso del Divino Sposo, il quale si compiacque di chiamarla sua Filomela (suo usignuolo). Col suo talento e la sua grande applicazione allo studio, Metilde in poco tempo fece mirabili progressi nelle scienze divine ed umane, crescendo in pari tempo nella santità. Venne pertanto chiamata ad istruire e formare le educande del monastero. Aveva 20 anni quando le fu affidata una fanciulla di cinque anni, per nome Gertrude, la quale dalla Santa ricevette un'educazione così perfetta sotto ogni rapporto che fu poi Gertrude la grande, santa essa pure.

Le doti naturali, la scienza e la grande santità fecero di Metilde il più prezioso tesoro del monastero; la sua fama irradiò fuori delle mura del chiostro e vi attirò molte persone di ogni ceto, anche sapienti e dotti, i quali da lontano vi accorrevano avidi di ricevere dottrina e consolazioni con gli ardori del divino amore; e a tutti la Santa, come una vera madre, porgeva lumi e conforti. A lei pure ricorse santa Gertrude per avere un giudizio sicuro su le grazie straordinarie che riceveva dal Signore.

Santa Metilde mori il 19 Novembre 1298 e, per concessione della S. Sede, è onorata come santa, il. 26 Febbraio, in parecchie famiglie dell'Ordine di san Benedetto.

 

* * *

 

Il "Libro della grazia speciale" venne diffuso principalmente da Giovanni Gerecht (in latino Justus), detto Lanspergio; la prima edizione latina preparata con seria diligenza dallo stesso Lanspergio, venne pubblicata nel 1536; ma il libro era già stato diffuso "subito dopo la morte della Santa sotto il titolo di Lode di dama Metilde. La città di Firenze era stata una delle prime a riceverlo, e sino alla rivoluzione si vide il popolo fiorentino ripetere ogni sera davanti alle sacre immagini le lodi che gli erano state trasmesse dalla monaca di Helfta".

Per questa pubblicazione abbiamo usato della traduzione italiana del 1588, la quale in pochi anni ebbe parecchie edizioni, ma ora non si trova più se non nelle grandi biblioteche pubbliche. Essa è incompleta e molto abbreviata; l'abbiamo corretta e completata con le edizioni dei Benedettini, rispettando la divisione primitiva in cinque Libri verosimilmente fatta dal Lanspergio, aggiungendo in un 6° Libro la narrazione della morte di santa Metilde fatta da santa Gertrude. L'ordine dei capitoli e delle rivelazioni essendo diverso secondo le edizioni, evidentemente non ha nessuna importanza tanto per la cronologia come sotto il rapporto della logica. Nell'edizione italiana inoltre i capitoli talora sono molto lunghi e contengono cose affatto disparate senza nessun richiamo nel titolo. Abbiamo perciò creduto bene di adottare, secondo i casi, un ordine alquanto diverso e più logico. Un copioso indice analitico servirà a ritrovare con facilità i pensieri opportuni. Per altro non è stato nostro intento di fare un'opera critica, ad uso dei dotti, per la quale ci mancavano mezzi e competenza; abbiamo voluto offrire alle anime cristiane un buon libro dove la loro pietà troverà un alimento sostanzioso insieme e piacevole.

 

***

 

Ad uso dei fedeli che non sono addentro nelle questioni teologiche, non sarà inutile qualche schiarimento su le rivelazioni private in generale.

Con la morte degli Apostoli: venne definitivamente chiusa la rivelazione cristiana; è certo che Gesù Cristo per mezzo degli Apostoli ha detto alla sua Chiesa tutto quanto le occorre e potrà occorrerle in ogni tempo sino alla fine del mondo. Si chiamano rivelazioni private quelle che si dicono fatte da Dio, dopo gli Apostoli, ad anime sante in particolare. Tali: rivelazioni particolari, anche quando siano riconosciute come autentiche, non aggiungono nessuna verità nuova al depositò delle verità rivelate affidato alla Chiesa. Né si deve né si può dar loro quell'assenso di fede teologica che si presta alle verità insegnate dalla Chiesa come da Dio rivelate.

E ciò è vero anche nel caso in cui siano approvate dalla Chiesa, perché approvando tali rivelazioni, la Chiesa non intende proporre ai fedeli come oggetto di fede, ma solo dichiarare che si possono piamente credere, ossia che non contengono nulla di contrario né alla Fede né alla vera pietà; inoltre in certi casi riconosce che giovano a diffondere una luce nuova sopra verità rivelate e divozioni particolari. La Chiesa anzi accoglie queste rivelazioni con una certa diffidenza, perché facilmente potrebbero infiltrarsi in esse delle illusioni, non solo per l'azione, ingannatrice del demonio, ma anche perché l'anima che riceve tali: illuminazioni straordinarie potrebbe interpretarle male, sia per la loro oscurità perché Dio spesso presta soltanto una mezza luce, sia per l'imperfezione dei nostri vocaboli umani, sia per il pericolo di fermarsi troppo al senso letterale delle espressioni, dei simboli o delle immagini.

Alle rivelazioni private pertanto non si può prestare che un assenso di fede umana secondo le regole della prudenza. Perciò non commetterebbe peccato di eresia chi le mettesse in dubbio ed anche rifiutasse di ammetterle; ma in certi casi (come, a cagion d'esempio, per le rivelazioni del Sacro Cuore) sarebbe grave temerità respingerle e disprezzarle. La Chiesa ritiene passibili tali rivelazioni, poiché le prende in esame e talora le approva; pertanto chi le disprezzasse tutte in blocco, come "sogni di fantasie esaltate e inezie buone per donnicciuole" secondo il linguaggio di qualche protestante, avrebbe gran torto e mancherebbe grandemente al rispetto dovuto alla Chiesa medesima.

Notiamo che l'anima la quale direttamente riceve queste rivelazioni e le persone cui sano indirizzate, quando, dopo. seria esame, siano sicure che veramente vengono da Dio, non possono senza peccato rifiutare di prestarvi fede, perché sarebbe grave ingiuria contro la veracità divina. Neppure le persone estranee potrebbero senza peccato rifiutare di credere a cose rivelate privatamente quando fossero proprio sicure che Dio ha parlato, la qual cosa sarà assai difficile perché Dio alle persone direttamente interessate darà sempre maggiori e più chiari indizi del suo intervento.

 

***

 

Le rivelazioni di santa Metilde sono tra le più apprezzate nella Chiesa, quantunque non abbiano ricevuta nessuna approvazione particolare; avrebbe gran torto chi le disprezzasse, benché col simbolismo che contengono, urtino le nostre abitudini intellettuali moderne. Bisogna ricordare che "vennero scritte in un tempo in cui tutto si esprimeva con simboli; e inoltre che i nostri vocaboli, i nostri poveri vocaboli vennero inventati per gli usi ordinari della vita, e sono infelici, inquieti, stupiti, come mendicanti intorno ad un trono, quando si adoperano per esprimere i più sublimi fenomeni della vita mistica".

Le visioni contenute. in questo libro sono per lo più simboliche; ma il simbolo sovente viene svelato da Gesù Cristo medesimo, tal'altra volta dalla Santa o da santa Gertrude dietro ispirazione di Metilde; quando non ne sia manifesta la spiegazione, con un po' di attenzione o di pratica se ne intende il significato.

Prescindendo pure dalla loro ispirazione divina, le rivelazioni di santa Metilde sono opera di gran pregio e di grande utilità per la mirabile dottrina che contengono; illuminano, infatti, di una luce tutta di amore e di pietà parecchi punti della fede, in modo particolare la bontà di Dio e il suo misericordioso amore verso di noi; Gesù Cristo e il suo ufficio di Mediatore che supplisce per le nostre deficienze davanti all'Eterno Padre; le grandi verità che troviamo in San Paolo su la vita di Gesù in noi e nel suo Corpo mistico; il potere ai Maria; la santa Comunione; il Purgatorio; la Comunione dei Santi tra loro e con noi; tutte queste verità vengono esposte in un modo che fa grande impressione.

Santa Metilde fu un'ardente apostola del Sacro Cuore quattro secoli prima delle grandi rivelazioni fatte da Nostro Signore a santa Margherita Maria ne parla frequentemente e ce lo rappresenta sotto i simboli più espressivi: la fornace ardente, il turibolo donde si innalza verso il Padre l'omaggio più perfetto. Vi è però qui una differenza, ed è questa che le rivelazioni di S. Margherita Maria hanno come oggetto quasi essenziale e carattere distintivo la riparazione all'amore di Gesù oltraggiato; questo carattere manca nelle rivelazioni di santa Metilde, quantunque vi si trovi qualche accenno alla riparazione, come quando in tempo di carnevale Gesù cerca un rifugio nel cuore della Santa.

Il Libro della grazia speciale non si può leggere senza sentirsi il cuore infiammato di amore per Gesù Cristo e di divota pietà per la sua Passione, e animato d'a una gran fiducia nella bontà e misericordia di Dio, a segno che si potrebbe chiamarlo il Libro dell'amore e della confidenza.

Da notarsi poi che le visioni della Santa sono avvolte in un'atmosfera liturgica; di solito, specialmente nel primo libro, l'ispirazione nasce da qualche circostanza liturgica che è il punto di partenza delle visioni e delle estasi. Da un'antifona, da un versetto o da un responsorio parte il raggio che illumina la mente della veggente e ne infiamma il cuore. Quali magnifici spettacoli ci presentano, specialmente nel primo Libro, le solennità liturgiche e le solenni comunioni! Vorremo quasi dire che S. Metilde vede e descrive il retroscena soprannaturale e mistico delle funzioni liturgiche. Con quale divozione e con qual frutto assisteremmo noi pure alle sacre funzioni, se ricordando le visioni di santa Metilde fossimo penetrati dal sentimento della presenza di Gesù Cristo e della sua divina Madre, degli Angeli e dei Santi, che vi prendono parte attiva in mezzo a noi!

 

***

 

Le rivelazioni private vanno intese e interpretate con prudenza, senza spingere all'eccesso la lettera e tenendo conto dell'ambiente del tempo in cui vennero fatte, ed anche delle disposizioni del soggetto da Dio scelto per suo strumento. Ciò è vero per tutti i mistici che da Dio ricevono illuminazioni straordinarie; Dio si adatta alla forma dell'istrumento che si degna di adoperare, perciò la sua ispirazione prende l'impronta della formazione intellettuale di quello. Tutto ciò è vero anche di santa Metilde, perciò le scene e le visioni che sono descritte nel suo libro, vanno lette con intenzione soprannaturale e interpretate secondo il retto criterio della fede.

Chi si scandalizzasse di certe espressioni, rimarrebbe "accecato non già dal braciere ardente, ma dal fumo che avvolge la fiamma, perché si sarebbe fermato alla scorza esterna mentre è d'uopo penetrare nella sostanza". Daremo alcuni esempi.

Nelle rivelazioni di santa Metilde si dice spesso che Gesù è il nostro supplemento, quindi coi suoi meriti supplisce a tutte le nostre debolezze ed alle nostre colpe; questo non vuol dire che Egli ci doni qualche merito senza la nostra cooperazione o ci accordi il perdono delle colpe senza pentimento; ma significa che ci copre del suo amore e dei suoi meriti, dimodochè il Padre guardandoci attraverso Gesù Cristo è disposto ad usarci compatimento e misericordia e a darci tutte le grazie di cui abbiamo bisogno per far bene. Gesù Cristo non intende favorire la nostra pigrizia.

Così dobbiamo dire dell'intercessione dei Santi, ricordando. queste parole di san Giovanni Crisostomo: "Guardiamoci dal dormire nella pigrizia, riposando su l'aiuto dei Santi; le loro preghiere, hanno grande efficacia, ma per risentirne l'effetto, bisogna far penitenza e progredire nella virtù" (Hom. V in Matt.).

Si parta bene spesso in questo libro di accrescimento di meriti e di gloria nei Beati; è evidente che ciò si deve intendere di un aumento che si chiama accidentale, e non del merito sostanziale della visione intuitiva di Dio. Il merito essenziale è definitivamente costituito al punto della morte e non cresce più né mai diminuisce per tutta l'eternità. Si tratta dunque di un soprappiù accidentale, nel senso in cui Gesù disse che gli Angeli godono in cielo quando si converte qualche peccatore.

Quando sant'Agnese riceve da Gesù Cristo l'ordine di fare a santa Metilde il dono dei suoi propri meriti, sarebbe errore grossolano pensare che un Santo possa cedere ad un'altra anima il minimo grado di merito; bisogna intendere soltanto che quel Santo presenta a Dio i suoi meriti, con una intercessione più pressante a favore di quell'anima, perché possa ottenere le grazie di cui abbisogna. Tanto è vero che nelle visioni di santa Metilde, i Santi che avevano fatto dono dei loro meriti, li riprendono poi; li avevano dunque dato soltanto come in prestito, perché l'anima li offrisse a Dio per suo vantaggio.

Quando Gesù prega la Madre sua per Metilde e gliela raccomanda, sono preghiere fatte non da Gesù personalmente, ma dai fedeli che. formano il suo Corpo mistico, nel cuore dei quali Gesù forma queste preghiere, imprimendovi sentimenti di divozione fervente verso la Madre sua; oppure è questo un modo di esprimere l'estrema tenerezza di Gesù per sua Madre, tenerezza per la quale Egli è disposto ad accoglierne tutte le domande, come se a Lei le presentasse Egli medesimo. Il bacio dato da Gesù a Maria Vergine è l'espressione dell'amore incomparabile di cui il suo divin Cuore è infiammato verso di lei.

Quando Gesù si mette a disposizione di Metilde, come uno schiavo pronto il fare tutto ciò che le piacerà, vuole in tal modo significare l'ardente amore che lo induce a concederle tutte le grazie ch'ella desidererà secondo l'ordine della divina sapienza. Non possiamo noi dire che Dio è nostro servo, anzi come il nostro schiavo, poiché la nostra preghiera lo costringe a fare la nostra volontà?

In tutti questi casi basta un po' di buon senso cristiano per dissipare ogni difficoltà.

Nelle visioni di santa Metilde, v'è un simbolismo ammirabile; tutto è simbolico in quei magnifici quadri che ci inebriano di gioie celestiali, trasportandoci negli splendori del mondo soprannaturale; persino, ogni colore ha il suo mistico significato. Le vesti sfarzose con ricami e gemme preziose, in Gesù Cristo, nella, B. Vergine, negli angeli e nei Santi, naturalmente esprimono la santità, i meriti e la gloria celeste, cose che non si possono spiegare col nostro linguaggio umano, se non con simboli sfolgoranti della più sublime bellezza. Anche le pene del Purgatorio sono descritte con simboli stupendamente adatti ed espressivi.

Le scene ed espressioni di tenerezza, sensibile, che di frequente s'incontrano nelle visioni della Santa (baci, abbracci), sono simboli dell'amore santo e divino. Soprattutto rispetto a tali visioni è necessario elevarsi ben oltre le figure e le metafore e guardarsi da ogni idea di cose materiali e sensibili. Non trovando vocaboli adatti ad esprimere la unione mistica e la santa familiarità col suo divino Sposo, la Santa naturalmente ricorre al linguaggio ed alle scene dell'amore umano e sensibile, ad imitazione della Sposa del Cantico dei Cantici. Anche la Chiesa nella sua liturgia usa: tali espressioni e tali simboli applicandoli a Maria SS.

È il caso di dire: Omnia munda mundis: tutto, è puro e santo per chi ha puro il cuore; ed anche di ricordare le parole di Nostro Signore: Se il tuo occhio sarà semplice, tutto il tuo corpo sarà luminoso (Matth., VI, 22); se l'intenzione sarà buona, non si incontreranno ombre. Chi ha buon senso non si ferma all'esterno dei vocaboli, ma ne ricerca il senso mistico e più intimo.

Abbiamo dato questi schiarimenti generali onde evitare di introdurre frequenti note nel testo.

 

***

 

Le rivelazioni di santa Metilde, insieme con quelle di santa Gertrude, ebbero su la pietà una influenza considerevole, specialmente nei secoli XVI e XVII. È certo che gli iniziatori della scuola cosiddetta francese (De Bérulle, Condren, Olier) ne fecero l'oggetto delle loro meditazioni; se ne riconosce manifestamente l'influenza nei loro scritti su Gesù Cristo, su la sua vita in noi e, nel suo Corpo mistico, e su la nostra unione costante con Lui nelle opere nostre.

Lo studio delle Rivelazioni di santa Gertrude e di santa Metilde esercitò pure una grande influenza su la formazione di san Giovanni Eudes: il Libro della grazia speciale gli era particolarmente caro.

Aggiungeremo un'altra circostanza onorifica per santa Metilde. Gli amanti degli studi danteschi discutono tra loro per identificare quel personaggio che Dante introdusse nei canti XXVIII - XXXIII del Purgatorio nella Divina Commedia sotto il nome di Donna Matelda. L'opinione tradizionale si fermava alla celebre Matilde contessa di Canossa, la quale fu figlia spirituale e fedele cooperatrice e protettrice di san Gregorio VII. Vari eruditi moderni pensano invece che si tratti di santa Metilde di Hackeborn. Nella edizione francese dei Benedettini (1920) a pagina 163 in nota si legge che "dal confronto tra il canto XXVIII del Purgatorio col capitolò II della Parte II, risulta con evidenza che Dante volle indicare santa Metilde".

Non è il caso di addentrarci qui in questa questione che va discussa dagli studiosi competenti; ne abbiamo fatto cenno unicamente a gloria di santa Metilde.

 

SAC. M. ANDREOLETTI..

 

 

 

NB. - La nostra edizione italiana porta questo titolo:

"LIBRO DELLA SPIRITUALE GRATIA, DELLE RIVELATIONI E VISIONI DELLA B. METTILDE VERGINE" diviso in cinque libri: NÈ quali si contengono mirabili sentimenti de' Divini Secreti della dolce Pietà di Dio N. S. mediante i quali ogni divoto Christiano, e specialmente le persone Religiose, ritroveranno una molto utile, e celeste Dottrina, per conoscere et intendere pienamente la dritta via da incamminarsi alla vera perfettione dello spirito.

Raccolto dal santiss. Gio. Lanspergio - Tradotti dal Latino in Italiano, dal R. D. Antonio Ballardini. In Venetia, appresso Nicolò Misserini 1588.

 

(Dalla prefazione):

 

(La Beata Mettilde) le cui meravigliose e stupende Rivelationi, e Visioni, chi legge e considera, le ritroverà piene veramente di altissimi e divinissimi sentimenti dello spirito di Dio, che grandemente illuminano le humane menti a conoscere et intendere gli occulti Misterii di Christo, e le secrete cose pertinenti alla nostra salute; et maravigliosamente infiammano i divoti cuori nell'Amor Divino...

Il clementissimo Iddio aprendo il thesoro delle sue divine gratie riempì talmente il santo vaso del virginal cuore di questa B. e Divotissima Vergine Mettilde, che non potendo contenere tanta copia et abbondanza di doni celesti, ha dato a tutti noi sufficiente materia con lo spargimento di quelli, di riempire e satiar parimenti li nostri spiriti per la soavità e dolceza di così santa e benedetta Lettione...

PROLOGO

 

 

La Benignità e Umanità del Nostro Salvatore Iddio, il quale tanto misericordiosamente apparve all'uman genere nell'Incarnazione, ogni giorno ancora maggiormente risplende nelle sue opere mirabili, e in questi ultimi tempi, anche in noi e a noi si degna di mostrarsi con tanta generosità. Quante meraviglie Dio abbia operato nei suoi eletti, nessuna lingua umana lo potrà spiegare. Quanti doni Egli sparga nell'anima che fedelmente lo ama, nessun umano discorso lo saprà manifestare: essa sola, quell'anima felice, merita di sperimentare con quale squisita dolcezza e bontà il Signore a lei si esibisca.

Tuttavia, desideriamo con l'aiuto di Dio e per quanto ne saremo capaci, narrare quanti doni Egli abbia sparsi in un'anima che lo amava con tutto il Cuore. Quest'anima santa, con gli occhi dello spirito vide innumerabili misteri dei celesti segreti; ma per la sua umiltà, reputandosi vilissima, non voleva manifestarli, Se non quando le Sue amiche intime Ve la costringevano. E quando si decideva a parlare, diceva una piccola parte soltanto delle cose mirabili che le erano rivelate, e questo per gloria di Dio e costretta dall'obbedienza.

Noi dunque descriveremo nel nome di Gesù, secondo il nostro poco sapere, quello che quell'anima ci ha narrato, a lode e gloria della Somma Veneranda Trinità. Onde vi preghiamo, carissimi in Cristo che leggerete questo libro, di ringraziare il Signore per le grazie ed i beni che da Lui, fonte di ogni bene, furono sparsi in quell'anima ed in ogni creatura.

Che se alcuno in questo libro trovasse cosa meno dottamente scritta, lo preghiamo che per carità ci perdoni perché abbiamo poca perizia nello scrivere, ricordando questo detto di Sant'Agostino: "È carattere e segnalato indizio di buon ingegno amare ed apprezzare nei discorsi non le parole ma le verità, non la forma ma la sostanza".

Quantunque questo libro dir si possa essere tutto di rivelazioni e di visioni, e che ad ogni pagina contenga cose utilissime per l'edificazione e l'istruzione di tutti, nondimeno per l'utilità del lettore, lo distingueremo in cinque parti. Nella prima si porranno le rivelazioni che, secondo il tempo liturgico, riguardano le feste del Signore, dei Santi e specialmente della B. V. Maria. Nella seconda, riferiremo varie cose pertinenti alla persona cui vennero fatte queste rivelazioni, nelle quali la divozione e la carità dei lettori troveranno molto profitto. Nella terza parte, si porranno alcune istruzioni pertinenti alla divina lode del Signore come alla salute degli uomini. Nella quarta si descriveranno altre cose simili ad utilità e consolazione degli uomini. Nella quinta, infine, si tratterà delle anime dei fedeli, le quali dalla Santa furono vedute nel suo spirito ed aiutate.

Tutti coloro adunque, ai quali Dio infonde lo spirito della sua Carità, la quale, come dice l'Apostolo, tutto crede, tutto spera e si dà tutta a tutti; e quegli ancora che aspirano alla grazia di Dio, tutti accolgano con mente devota questo libro della Grazia Speciale, acciocché essi pure meritino di conseguire tutti quei beni che in detto libro sono scritti e che da Dio sono promessi. Ma se vi troveranno detti che non siano confermati dalla Scrittura, purché non siano contrari né al Vangelo né ai libri dell'Antico Testamento, li commettano alla grazia di Dio, il quale, nel presente come nel passato, quando vuole, manifesta a coloro che lo amano i segreti nascosti della sua sapienza e della sua bontà.

Preghiamo parimenti tutti quelli che leggeranno o udiranno leggere questo libro, di offrire a Nostro Signore Gesù Cristo qualche lode per quell'anima beata, onde almeno si dimostrino grati al Signore, perché si degna con tali incitamenti rinnovare questo mondo invecchiato e gli uomini sommersi nella pigrizia di ogni bene.

.

PROEMIO

 

 

NASCITA DI SANTA METILDE

E SUO INGRESSO NEL MONASTERO

 

Santa Metilde venne in tal modo prevenuta dalle benedizioni della Divina dolcezza (Ps. XX, 4), che nel momento medesimo della sua nascita, sembrando vicina a spirare, in gran fretta venne dai parenti portata in chiesa perché le fosse subito amministrato il santo Battesimo. Tuttavia, il sacerdote che la battezzò, uomo di grande santità, disse con ispirito profetico: "Perché temete? Questa bambina non è già vicina a morire; essa vivrà molti anni e diventerà una religiosa santa, in cui Dio opererà grandi meraviglie".

Gesù Cristo rivelò poi a questa vergine il motivo per cui il battesimo le era stato conferito così presto: Egli voleva senza ritardo consacrarne l'anima come un tempio nel quale Dio abitasse con la sua grazia.

Giunta all'età di sette anni, Metilde accompagnò sua madre in un monastero vicino al castello dei suoi parenti e, benché in età ancora sì tenera, volle ad ogni costo rimanervi contro la volontà della genitrice; vi si trovava tanto felice che supplicò le monache ad una ad una di accoglierla nella loro compagnia. I genitori dovettero cedere, né poterono, né con le minacce, né con le carezze, condurla via dal chiostro.

Da quel momento la fanciulla incominciò ad infervorarsi nell'amor di Dio e a goderne con istupendo ardore la dolce e divina soavità. Ogni giorno progrediva sempre più nella pratica di tutte le virtù, a segno che in poco tempo si elevò alla santità più eminente. Tutti ne ammiravano la singolare mansuetudine, la profonda umiltà, la pazienza inalterabile, il grande amo te per la povertà e la fervente divozione. Progrediva principalmènte nella carità verso Dio e verso il prossimo; era squisitamente affabile con tutti, ma specialmente con le persone che si trovavano nell'afflizione e nella prova; a queste anime tribolate porgeva, come una vera madre, conforto e consolazione. Da tutti perciò era grandemente amata; ognuno desiderava di goderne la dolce compagnia; nessuno se ne partiva da lei senza ricevere ammaestramenti e consolazioni, benché, tali impegni le procurassero talvolta gravi noie e disturbi anche per lo spirito.

Fin dai primi anni Dio usava con lei una particolare familiarità, la ricolmava di doni singolari e le rivelava molte cose. Il Signore, in una parola, l'aveva arricchita di una grande abbondanza di beni di ogni sorta. Come se non volesse nulla tralasciare dei suoi tesori, alle gioie spirituali ed ai doni gratuiti soprannaturali, Egli aveva aggiunto i più bei doni naturali. La scienza, l'intelligenza, la conoscenza delle umane lettere, la voce di una meravigliosa soavità: tutto la rendeva adatta ad essere per il monastero un vero tesoro sotto ogni aspetto.

Tuttavia il suo dolcissimo Signore la teneva pure sotto il peso di continue prove e, per verità, dopo tanti doni non poteva mancarle quello della sofferenza; Metilde quindi soffriva quasi sempre forti dolori di capo ed altri acerbissimi mali, ma tutto sopportava in pace, anzi con gioia. L'unico dolore, che per lei era come un supplizio d'inferno, era quello di non poter fruire pienamente, secondo i desideri del suo cuore, della melliflua soavità della divina grazia, per unirsi tutt'intera al suo Diletto nella beata unione del suo amore.

LIBRO PRIMO

 

VISIONI NELLE FESTE DEL SIGNORE, DELLA SS. VERGINE E DEI SANTI

 

 

 

CAPITOLO I

 

NELLA FESTA DELL'ANNUNCIAZIONE

DELLA BEATA MARIA VERGINE

 

Nella festa dell'Annunciazione, quella Vergine di Cristo, mentre nella orazione ricordava con grande amarezza i suoi peccati, vide sé stessa tutta coperta di cenci come di un mantello, e le vennero in mente queste parole: E la giustizia sarà cingolo dei tuoi reni (Isa. XI, 5). Si mise a pensare cosa farebbe mai quando il Dio di Maestà, cinto di giustizia, le sarebbe comparso nella sua divina Onnipotenza per domandarle conto delle Sue negligenze. Quanto più l'uomo è santo davanti a Dio, tanto più si reputa vile ed inferiore a tutti; quanto più nella sua coscienza è mondo dal peccato, tanto più teme e paventa di incorrere nella disgrazia del suo Dio.

Penetrata da tale vivissima contrizione, Metilde vide il Signore Gesù seduto sopra un altissimo trono, in atteggiamento di ineffabile dolcezza. A questa vista la cenere di cui era coperta scomparve, ed ella si trovò davanti al suo Signore, rivestita di uno splendore lucente come oro. Riconobbe allora che la vita santissima e le opere perfettissime di Cristo avevano supplito a tutto il bene che essa aveva trascurato e che tutta la sua imperfezione era stata riparata dalla sublime perfezione del Figlio di Dio.

Quando Dio lascia riposare sopra un'anima lo sguardo della sua misericordia e si china verso quella per averne pietà, tutte le colpe di lei vengono gettate in un eterno oblio.

Ricevuto così il prezioso dono della remissione di tutti i suoi peccati, Metilde, pienamente rassicurata, tutta accesa di santo ardore, si mise a riposare in seno al suo diletto Gesù, moltiplicando le testimonianze di, affetto per il suo Signore e scambiando con Lui parole di ineffabile tenerezza.

 

***

 

Allora ella vide uscire dal Cuore del signore uno strumento di musica di cui si servì per celebrare le lodi di Dio; pregandolo pure che volesse Lui medesimo essere a sé stesso la propria lode. E subito udì la voce del suo amato Gesù che cantava quest'antifona: Laudem dicite Deo nostro omnes Sancti ejus; Date lode al nostro Dio, voi tutti, suoi Santi (Apoc., XIX, 5). Meravigliandosi ella che il Signore cantasse queste parole, le venne divinamente ispirato che in questa parola: Laudem, Lode, Dio loda sé stesso in sé medesimo senza fine, con lode perfetta. In quell'altra: Dicite, Dite, conobbe che Dio, dal tesoro della sua divina potenza, dona all'anima il potere d'invitare tutte le creature del cielo e della terra a lodare il loro Creatore. Nelle parole: Deo nostro, Al nostro Dio, intese come il Figlio, in quanto uomo, onori e riverisca il Padre che Egli chiama Mio Dio e vostro Dio (Joan., XX, 19). Infine, in quelle parole Omnes sancti ejus, Tutti i suoi santi, conobbe che tutti i Santi in cielo e su la terra, sono santificati da Gesù Cristo sommo Santificatore.

Quella pia vergine vide pure la Madre di Dio alla destra del Figlio suo, ornata di una lunga cintura d'oro da cui pendevano cembali di oro lucentissimo. La Vergine Santissima percorreva tutti gli ordini angelici ed il coro dei Santi, i quali toccando quei cembali ne traevano armoniosi suoni. In tal modo tutti lodavano Dio per Metilde per i doni e per le grazie che la Maestà di Dio le aveva così largamente conferite ed ella pure, con tutte le sue forze, ne benediva il Signore con loro.

Il Signore avendo chiamato Metilde vicino a sé, posò le sue divine mani su le mani di quella sua sposa, donandole tutte le fatiche e tutte le opere della sua santa Umanità. Poi applicò i suoi propri occhi dolcissimi su gli occhi della sua diletta, donandole così il merito dei suoi santissimi sguardi e delle copiose lagrime versate nel corso della sua vita mortale. Applicò pure le sue divine orecchie alle orecchie di essa, donandole il merito del suo udito. Imprimendo le sue labbra vermiglie su la bocca di lei, le fece dono di tutte le sue parole di lode, di azione di grazie, di preghiera e persino di quelle dei suoi discorsi pubblici, in supplemento delle negligenze da lei commesse. Infine il Signore unì il suo dolcissimo Cuore al cuore della sua diletta, e in tal modo le donò il frutto di tutto il suo esercizio di meditazione, di divozione e di amore, arricchendola in grande abbondanza di tutti i suoi propri beni.

A questo modo, quell'anima, tutt'intera incorporata con Gesù Cristo e, tutta liquefatta nel divino amore come cera nel fuoco, ricevette il sigillo della divina somiglianza e divenne col suo Diletto una medesima cosa.

Mentre nella messa si leggeva il vangelo, Missus est, Metilde vide l'Arcangelo Gabriele che sollecito scendeva in Nazaret verso la Beatissima Vergine, portando il vessillo regio coperto di lettere d'oro. Una innumerabile moltitudine di angeli lo seguiva e tutti ordinatamente si fermarono intorno alla casa dove stava la gloriosa Vergine. Dopo gli Angeli, venivano gli Arcangeli, poi le Virtù e così tutti i cori angelici, disposti in modo che ciascun ordine formava come un muro dalla terra al cielo intorno a quella casa benedetta.

Comparve infine il Signor Gesù, più bello di tutti i figli degli uomini, uscendo come lo Sposo dalla camera nuziale, circondato dagli ardenti Serafini che sono gli spiriti più vicini alla Divinità. Tutta la corte celeste circondava il Signore e la Beata Vergine, come di un muro che si innalzava dalla terra sino alla volta dei cieli.

Intanto il Signore, in piedi presso il vessillo dell'Arcangelo, sotto la forma di un fidanzato nel fiore di brillante giovinezza, aspettava in silenzio che l'Arcangelo avesse rispettosamente presentato alla Vergine il suo messaggio.

Quando la Beata Maria, dal profondo abisso della sua umiltà ebbe dato questa risposta: Ecco l'Ancella del Signore, mi sia fatto secondo la vostra parola, d'un tratto lo Spirito Santo, sotto la forma di una colomba, con le ali spiegate della divina dolcezza, entrò nell'anima della Beata Vergine, coprendola della sua ombra e rendendola feconda per generare il Figlio di Dio.

Divina maraviglia operata dallo Spirito Santo! Benché carica del prezioso tesoro per cui era madre, Maria conservò intatto quell'altro tesoro per il quale chiamasi Vergine.

È così la Vergine Immacolata fu fatta Madre di Dio-Uomo; e lo Spirito Santo fu l'unico testimonio di quest'opera a Lui tutta propria.

 

* * *

 

Giunta l'ora del regale banchetto in cui la Santa doveva ricevere il Diletto dell'anima sua comunicandosi col sacramento del corpo e del sangue di Cristo, ella sentì queste parole: Tu in me, o Sposa mia, ed io in te; e in eterno non ti abbandonerò mai.

Ma essa altro non desiderava che di lodare Iddio; perciò il Signore le donò il suo Cuore Divino sotto il simbolo d'una coppa d'oro meravigliosamente ornata, dicendole: "Con questo mio divin Cuore tu sempre mi loderai. Va dunque ad offrire a tutti i Santi il liquore di vita che si contiene nel mio Cuore, affinché ne siano felicemente inebriati".

Metilde subito si avvicinò agli Angeli e presentò loro il calice della salvezza; gli Angeli non bevettero, ma nondimeno ne restarono saziati.

Dopo, la Santa offrì la coppa ai Patriarchi ed ai Profeti: "Ricevete, disse, Colui che tanto avete desiderato ed aspettato per sì lungo tempo; fate che io pure con tutta la mia forza, giorno e notte, lo brami, lo desideri e per Lui sospiri".

Agli Apostoli presentò pure la preziosa coppa dicendo: "Ricevete Colui che avete amato con tanto ardore e fate che l'ami anche io sopra ogni cosa e dal più profondo del mio cuore".

Poi ella si rivolse ai Martiri dicendo: "Ecco Colui per amor del quale avete versato il vostro sangue ed abbandonato il vostro corpo; alla morte; ottenetemi ch'io spenda tutte le mie forze nel servirlo";

In seguito, Metilde si accostò ai Confessori: "Ricevete ancor voi, disse loro, Colui per il quale tutto avete sacrificato disprezzando le delizie di questo mondo, fate ch'io pure disprezzi per Lui i beni terreni e salga verso le cime d'ella religiosa perfezione".

Infine con grande letizia si portò verso le Vergini e disse loro: "Ricevete la celeste bevanda del divin Cuore di Colui al quale avete consacrata la vostra verginità; fate ch'io perseveri nella castità dell'anima, e del corpo e ottenetemi in ogni cosa un perfetto trionfo".

Nel coro delle Vergini Metilde ne scorse una che da poco tempo era defunta.

Si riconobbero perché su la terra avevano vissuto in una stretta e vicendevole familiarità, ed ella le domandò se ogni cosa lassù fosse davvero come aveva detto mentre era ancora vivente quaggiù. "In verità, rispose la vergine defunta, tutto è perfettamente come dicevo, ma ora ho trovato il centuplo di quanto mi era stato detto su la terra".

Dopo aver fatto il giro della intera Corte celeste, Metilde ritornò presso il Signore e gli riconsegnò la coppa d'oro. Egli prese questa coppa e la depose nel cuore della sua diletta, la quale si trovò in tal modo col suo Dio felicemente unita.

 

 

CAPITOLO II

 

IL CUORE SANTISSIMO DELLA BEATISSIMA VERGINE

 

Nel tempo dell'Avvento, desiderando Metilde offrire i suoi omaggi alla Beatissima Vergine, il Signore le disse:

"Saluta, figliuola mia, il Cuore verginale di mia Madre, per la sovrabbondanza di tutti i beni che l'hanno resa così soccorrevole per gli uomini; = quel Cuore così puro che per il primo emise il voto di Verginità; = quel Cuore umilissimo, perché per la sua singolare e profonda umiltà ella meritò di concepire per opera dello Spirito Santo; = quel Cuore pieno di divozione e di ardenti desiderii, a segno che mi attirò in sé; = quel Cuore così infiammato d'amore per Dio e per il prossimo; = quel Cuore che così fedelmente conservò in sé medesimo tutti gli atti della mia infanzia e della mia giovinezza; = quel Cuore che nella mia Passione fu trapassato da stimma te così vive per cui non perdette mai più la memoria dei miei patimenti; = quel Cuore fedelissimo, a segno che diede il proprio consenso all'immolazione del suo. unico Figlio per la redenzione del mondo; = quel Cuore che intercedeva senza posa per il bene della Chiesa nascente; = quel Cuore infine tutto dedicato alla contemplazione, impetrando agli uomini, per i suoi meriti, abbondantissime grazie".

 

 

CAPITOLO III

 

LA VOCE DEL SIGNORE

 

Nella domenica seconda di Avvento, mentre si cantava la messa: Populus Sion, a quelle parole dell'introito: Il Signore farà sentire la Voce della sua gloria, quella vergine desiderò sapere cosa sia questa voce della divina gloria e il Signore le disse: "La voce della mia gloria si fa sentire quando l'anima pentita piange i suoi peccati più per amore che per timore, e in tal modo merita di sentire da me le parole del perdono: Ti sono rimessi i tuoi peccati, va in pace. Non appena l'uomo sente un vero dolore ed una sincera contrizione per i suoi peccati, gli rimetto tutte le sue colpe e lo ricevo nelle mie braccia come se mai non avesse peccato.

"La voce della mia gloria risuona ancora quando l'anima a me unita nell'orazione intima, ossia nella contemplazione, ode da me questa dolce voce: Vieni, amica mia, mostrami il tuo viso. (Cant. II, 14).

"Inoltre è pure la voce della mia gloria quella che nell'ora della morte dolcemente invita l'anima ad uscire dal suo corpo per entrare nell'eterno riposo, con queste dolci parole: Vieni, eletta mia; tu sarai il mio trono, perché ho desiderato la tua bellezza.

"Infine, nel dì del giudizio, quando convocherò i miei eletti destinati fin dall'eternità agli splendori del regno celeste, la voce della mia gloria dirà: Venite, voi che siete benedetti dal Padre mio, ricevete il regno che vi fu preparato fin dall'origine del mondo. (Matth., XXV, 34).

 

 

CAPITOLO IV

 

PERCHÈ LA FACCIA DEL SIGNORE SIA ASSOMIGLIATA AL SOLE.

 

Il sabato delle quattro tempora dell'Avvento, pregando quella santa vergine per tutti quelli i quali con tutto il cuore desiderano di vedere la faccia del Signore, vide il Signore nel mezzo del coro. Egli stava in piedi e, coi raggi ardentissimi della sua divina faccia più radiosa di mille soli, illuminava ciascuna delle Suore presenti. Ella gli domandò perché il suo volto avesse preso l'aspetto del sole:

"Perché il sole, rispose il Signore, ha tre proprietà nelle quali mi rassomiglia: riscalda, feconda e rischiara. - Il sole riscalda: così quelli che a me si avvicinano s'infiammano di amore, ed i loro cuori nella mia presenza si fondono come la cera davanti al fuoco. Il sole rende feconde le piante, così la presenza della mia divina faccia rende l'anima vigorosa e feconda nelle buone opere. Il sole illumina e risplende, parimenti chiunque viene da me è illuminato dagli splendori della mia divina scienza".

 

* * *

 

In seguito, quella vergine ricordando il. versetto: Come un gigante si slancio a correre la sua via (Ps. XVIII, 6), disse al Signore: "Mio Dio e mio Signore, cos'avete ispirato al profeta con queste parole?"

D'un tratto il Signore si mostrò nel cielo sotto la forma di un giovine di alta statura, di grande bellezza ed agilità, cinto di un nastro tessuto di seta rossa, verde e bianca e disse: "Colui che si accinge a percorrere una via lunga ed ardua: ha bisogno di cingersi in alto e strettamente perché le sue vesti non gli, siano d'ingombro nel camminare. La seta rossa è più solida che quella di altro colore: così la mia passione sorpassa ogni martirio; essa sorregge i Martiri di ogni tempo, comunicando loro forza e costanza. La seta bianca e quella verde hanno pure la loro solidità; così l'innocenza della mia Umanità e la santità della mia vita superarono qualsiasi innocenza e qualsiasi merito acquistato dagli uomini.

"Io mi strinsi in alto e fortemente con la cintura della mia Umanità passibile; la lunghezza della mia eternità, l'abbreviai dentro il breve spazio della mia vita umana; esultante per la gioia, mi slanciai, come un gigante nella sua forza, quando volli percorrere la difficile e gravissima via per compiere la redenzione del genere umano.

"Chi porta un gran tesoro, si cinge strettamente per non perderlo; così io pure quando portai quel prezioso tesoro che è l'anima dell'uomo, con più diligenza mi cinsi; vale a dire, portai nel mio proprio Cuore, in mezzo agli ardori del mio ineffabile amore, tutte le anime che dovevo redimere".

 

* * *

 

Mentre le suore andavano alla santa Comunione, Metilde vide il Signore sotto l'aspetto di un Re magnifico che stava al posto del Sacerdote; alla sua presenza ognuna delle suore che si accostavano teneva in mano una lampada ardente la quale col suo splendore illuminava le loro facce. Lo Spirito Santo le fece intendere che quelle lampade erano il simbolo dei cuori, l'olio il simbolo della misericordia del divin Cuore, mentre la fiamma simboleggiava l'ardore dell'amore, perché il Santo Sacramento a quelli che lo ricevono comunica la pietà che porta ad ogni bene, e di più li infiamma del divino amore.

 

 

CAPITOLO V

 

NELLA SOLENNITÀ DEL SANTO NATALE

 

Nella vigilia della dolce Natività di Gesù Cristo Figlio di Dio, nell'ora in cui la Comunità si portava al Capitolo, Metilde vide una moltitudine di Angeli che a due a due, con fiaccole ardenti, accompagnavano ciascuna delle Suore. Il Signore comparve seduto al posto della madre badessa, sopra un trono di avorio donde impetuosamente sgorgava un fiume, di cui le limpide acque fecero scomparire ogni macchia dal viso delle suore quando recitarono il primo Miserere. Al secondo Miserere si avviarono tutte verso il Signore offrendogli le preghiere che a quell'ora facevano per la santa Chiesa. Al terzo Miserere, il Signore, di sua propria mano, alle anime di cui si faceva menzione nella preghiera delle suore, presentò un calice d'oro affinché ne bevessero, poi disse: "Io medesimo, ogni anno qui tengo questo solenne capitolo".

 

* * *

 

Nella santissima notte della Natività di G. Cristo, parve a Metilde di trovarsi sopra un monte pietroso dove sedeva la Beata Vergine prossima al vergineo parto. Quando l'ora fu venuta, la Vergine Santissima venne inondata di una gioia e di una allegrezza ineffabile; la luce divina la circondò di uno splendore così vivo che incontanente ella si alzò piena di stupore, e si. prostrò sino a terra per offrire a Dio, con l'umiltà la più profonda, le sue azioni di grazie. Maria era così assorta per lo stupore, che non seppe ciò che in lei avveniva se non al momento in cui nel suo grembo ebbe il piccolo Infante più bello di tutti i figli degli uomini. Allora con un indicibile gaudio e con l'amore più ardente, se lo strinse tra le braccia e gli diede i primi tre dolcissimi baci della sua materna tenerezza. In virtù di questi tre baci, la Vergine venne elevata ad una unione con la SS. Trinità oltremodo superiore a qualunque unione possibile in una creatura umana eccettuata l'unione personale.

La vita spirituale, che in questo mondo sembra dura ed aspra, era figurata da quel monte ripido e pietroso che Cristo e la sua santa Madre salirono per i primi onde, dare agli uomini l'esempio della perfezione religiosa.

Metilde vedeva sé stessa come seduta vicino alla Beata Vergine e desiderava ardentemente di baciare lei pure l'amabile Infante; perciò la Vergine Madre dopo averlo ancora baciato e stretto sul proprio cuore con dolcissime parole, lo diede parimenti ai baci ed agli abbracci di quell'anima, la quale in un trasporto di amore se lo prese fra le braccia e amorosamente se lo strinse al cuore salutandolo con queste ardenti parole che non aveva mai pensate prima: "Vi saluto, o dolcissima sostanza del Cuore del Padre vostro, alimento e forza della mesta e languida anima mia. Vi offerisco in lode e gloria eterna tutto il midollo del mio cuore e dell'essere mio".

Per ispirazione divina ella intese come il Figlio sia, per così dire, il midollo del Cuore di Dio Padre.

Il midollo è un alimento che riconforta, risana ed ha un gusto piacevole; così il Padre a noi ha dato il Figlio suo che è la sua potenza e l'espressione della sua misericordiosa dolcezza, affinché sia per noi protettore, medico e consolatore.

Il midollo è quel deliziosissimo gaudio che Dio solo può dare all'anima con l'infusione del suo amore, gaudio per cui essa disprezza ogni cosa terrena, gaudio al quale in nessun modo possono essere paragonati i godimenti del mondo, quando pure fossero tutti riuniti nel cuore di un uomo solo.

Dal volto del caro e divin Bambino risplendevano quattro raggi, i quali illuminavano le quattro parti del mondo; questi raggi erano il simbolo della vita santissima di Gesù Cristo e della sua dottrina che illuminò il mondo intero.

 

* * *

 

In quella medesima festa, durante la messa Dominus dixit ad me, che si celebra per ricordare ed onorare la nascita misteriosa ed ineffabile del Verbo nel seno di Dio Padre, parve a quella divota vergine di vedere l'Eterno Padre come un re potentissimo, seduto sopra un trono d'avorio, sotto un meraviglioso padiglione, Egli le diceva: "Vieni e ricevi il Figlio eterno ed unico del mio Cuore e comunicalo a tutti quelli che con divota gratitudine onorano in questo momento la sua eterna e sublime generazione".

E Metilde vide uscire dal Cuore di Dio una luce che venne ad unirsi al suo proprio cuore sotto la forma di un piccolo Infante tutto radioso; ed ella lo salutò con queste parole: ­ "Salve o splendore dell'eterna gloria, proferente la luce dalla luce; Luce di luce, fonte dì luce, giorno che illumini il giorno". Poi portò a tutte le suore quell'Infante, il quale a ciascuna donò sé stesso senza cessare però di farsi portare sul cuore di Metilde,

Il dolce Infante si chinò sul petto di ognuna delle suore, e per tre volte parve succhiare il loro cuore, mentre dava loro il favore di un bacio delle sue labbra,

Per il primo bacio Egli succhiò i loro desiderii, per il secondo la loro buona volontà, per il terzo prese come un bene suo proprio tutta la fatica che avevano fatta nel canto, nei devoti inchini e negli esercizi di quella santa vigilia; tutto ciò Egli succhiò in sé stesso con quel dolce bacio.

Metilde riconobbe allora quanto sarebbe gradito a Dio che gli uomini, non ostante la loro incapacità per comprendere la divina ed ineffabile generazione del Figlio nel seno del Padre, volessèro nondimeno rallegrarsene nella fede ed esaltarla con le migliori lodi possibili.

Al Vangelo: Exiit edictum, le parve che Dio Padre le dicesse: "Va dalla Vergine Madre di mio Figlio; pregala di darti il Figlio suo con tutto quel gaudio che essa risentì quando lo generò, ed anche tutti i beni che questo Figlio unigenito da me ricevette per la salvezza della Madre sua e del mondo intero".

Metilde portatasi subito dalla Vergine, trovò l'Infante adagiato nella mangiatoia e avvolto in fasce, il quale disse: "Sin dalla nascita io fui così legato e stretto in fasce che non potevo muovermi, per indicare che mi abbandonavo tutt'intero, coi beni che apportavo dal cielo, al potere dell'uomo ed al suo servizio; uno che è legato non ha più alcun potere, non può difendersi né impedire che gli si tolga il suo avere.

"Parimenti quando uscii da questo mondo, ero inchiodato sulla Croce, né potevo fare il minimo movimento, e questo dimostrava l'abbandono completo che facevo all'uomo di tutti i beni che avevo acquistati durante la mia vita mortale.

"Così la mia vita, le mie opere, i beni che possiedo come Dio e come Uomo e la mia Passione, tutto abbandono all'uomo; perciò l'uomo con piena fiducia può godere tutto quanto mi appartiene. Ed è mio sommo desiderio che i miei fedeli utilmente godano di tutti i miei beni e di tutte le mie grazie".

Parve inoltre a quella pia vergine che l'Amore, sotto la figura di una vergine, sedesse vicino alla Beata Vergine Maria e l'anima gli disse: "O dolce Amore, insegnatemi a rendere un conveniente omaggio a questo nobilissimo Infante".

L'Amore rispose: "Io fui il primo che me lo tenni nelle mani verginali; io lo avvolsi nelle fasce; insieme con sua Madre lo allattai nel mio purissimo seno e lo riscaldai sul mio cuore; insieme con sua Madre lo servii e ancora di continuo lo servo. Chi vuole servirlo degnamente mi prenda per compagno, ossia faccia tutte le sue opere in unione con quell'amore per il quale Dio assunse in sé stesso la natura umana, e a questo modo tutto ciò che farà, a Dio sarà gratissimo".

 

PULSAZIONI DEL CUORE DI GESÙ CRISTO

 

Mentre si cantava nell'aurora la Messa: Lux fulgebit, Metilde ricevette ineffabili illuminazioni, e conobbe come il Figlio di Dio fosse la luce che aveva illuminato con la sua risplendente Natività l'intero universo e ciascun uomo in particolare; conobbe pure come in un bambino così piccolo abitasse la pienezza della Divinità e come la onnipotente virtù di Dio avvolgesse quel corpicino e lo sostenesse, ché senza di essa sarebbe stato, per così dire, annichilito; intese inoltre come in Gesù si trovasse nascosta l'inscrutabile sapienza di Dio, così grande nel Verbo adagiato nel presepio come nel medesimo Verbo regnante nei cieli; infine, ella vide come la dolcezza e l'amore dello Spirito Santo fossero infusi in quel piccolo Infante, tanto che da tale suprema conoscenza l'animo di Metilde provava sentimenti ineffabili, superiori ad ogni parola e ad ogni pensiero umano.

Metilde, o piuttosto l'anima di lei, preso l'Infante, se lo strinse fra le braccia e tanto strettamente contro il suo cuore che sentiva e contava i battiti del divin Cuore. Ora, questo Cuore dava come in un solo impulso tre vigorose palpitazioni, poi un battito leggero. Metilde se ne stupiva, ma l'Infante disse: "Il mio Cuore non batteva come quello degli altri uomini; dalla mia infanzia sino alla morte ha sempre pulsato come tu lo senti; ecco perché su la Croce spirai così in breve. Ma sappi che il primo battito provenne dall'onnipotente amore del mio Cuore, amore così grande che, nella mia mansuetudine e nella mia pazienza, vinsi le contraddizioni del mondo e la crudeltà dei Giudei. Il secondo battito provenne dall'amore sapientissimo, con cui governai me stesso e tutte le mie cose in una maniera infinitamente degna di lode; amore per il quale ordinai con sapienza tutto quanto vi è in cielo e in terra. Il terzo battito nasceva. da quel soavissimo amore di cui ero infiammato, a segno di trovare dolci le amarezze di questo mondo, amabile e piacevole persino quella morte amarissima che soffrii per la salvezza degli uomini. Il quarto e più debole battito è l'espressione della bontà che ebbi come uomo, per la quale comparivo amabile, socievole ed imitabile in tutti i miei atti".

Avendo la Santa domandato al Signore perché fosse spirato così presto per i tre battiti del suo divino Cuore, il Signore le diede questa risposta: "Nell'istante medesimo in cui, nell'allegrezza della Santa Trinità, venne creata l'anima mia, l'adorabile Trinità, abbracciandola nel suo immenso amore, si diffuse in essa con la pienezza della Divinità e le fece dono di tutto quanto possedevano le tre divine persone. Dio Padre le diede la sua onnipotenza; la persona del Figlio, la sua increata sapienza; lo Spirito Santo, tutta la sua bontà, ossia tutto il suo amore; dimodochè l'anima mia possedeva per grazia tutto quanto la Divinità possiede per natura.

"In quella unione medesima, quel divino ed eterno desiderio che la Santa Trinità ebbe sempre di unire la natura umana alla Divinità per redimere l'uomo, infiammò l'anima mia di un ineffabile amore per il compimento dell'opera sua. Siccome d'altra parte, nella mia sapienza divina conoscevo pienamente e chiaramente la gloria della mia Umanità e tutto quanto le doveva capitare e in conseguenza la salvezza dell'uomo in tutta la sua ampiezza, ne concepivo una gioia divina, oltre ogni misura. L'amore benevolissimo che lo Spirito Santo aveva infuso nell'anima mia mi ispirò un'ardentissima brama della salvezza dell'uomo, a segnò che questa era per me un peso leggiero e dolce.

"Ma nel momento in cui fui concepito per opera dello Spirito Santo, vale a dire quando l'anima mia fu unita al mio corpo, l'onnipotenza dovette moderare questo divino desiderio, la sapienza temperare questa gioia, l'unzione della Spirito Santo mitigare un tal fervore nell'amare, affinché la mia Umanità potesse vivere nel tempo.

"Tuttavia nell'ora della mia morte, quella carità onnipotente, saggia e benigna, che faceva battere il mio cuore con tanto vigore, cedette la vittoria alla Divinità e diede libera corso al mia desiderio ed al mio gaudio.. Essa investì il mio Cuore di un amore sommo ed immenso, e separò l'anima mia dal mio corpo. Se non era l'azione di questa carità, nessun tormento fosse pur superiore a tutto quanto la mente dell'uomo saprebbe inventare, avrebbe potuto darmi la morte".

 

* * *

 

Durante le preghiere segrete, il Signore le diede questa istruzione: "Quando si intona il Sanctus, ognuno reciti un Pater, pregando affinché con l'onnipotente, sapiente, dolce e benigno amore del mio Cuore, io lo prepari in modo che sia fatto degno di ricevermi spiritualmente nell'anima sua, ed io possa compiere in lui i miei eterni disegni, secondo tutto il mio divino beneplacito.

"Durante il Postcommunio, ognuno ancora ripeta questa versetto: Io ti lodo, o amore fortissimo; ti benedico, amore sapientissimo; ti glorifico, amore dolcissimo; ti esalto, amore sapientissimo; ti glorifico, amore dolcissimo; ti esalto, amore infinitamente buono; in ogni cosa e per tutti i beni che la tua gloriosissima Divinità e beatissima Umanità si è degnata di operare in noi per mezzo del nobilissimo strumento del tuo Cuore e che si opererà nei secoli dei secoli. Amen. - Ed io, quando. il Sacerdote darà la benedizione, lo benedirò in questo modo: "La mia onnipotenza ti benedica, la mia sapienza ti illumini, la mia dolcezza ti inebrii, e la mia benignità ti attiri ed a me ti unisca per sempre! Amen".

 

* * *

 

In altro tempo, nella messa della Natività del Signore, parve a quella Vergine che sopra l'altare fosse cresciuto un albero. di meravigliosa grandezza, la cui altezza arrivava sino al cielo e la larghezza copriva tutto il circuito della terra; ed era piena di foglie e di frutti infiniti. L'altezza di quest'albero figurava la Divinità di Cristo, la larghezza denotava la sua vita perfettissima; i frutti significavano i beni immensi che provennero dalle sue opere e da tutti i suoi atti. Nelle foglie erano scritte in lettere d'oro queste parole: "Cristo incarnato, Cristo-uomo nato, Cristo. circonciso, Cristo dai Magi adorato, Cristo nel tempio presentato, Cristo battezzato, Cristo crocefisso". E in tal modo tutta la vita di Cristo in quell'albero si trovava scritta.

 

 

CAPITOLO VI

 

SAN GIOVANNI APOSTOLO ED EVANGELISTA

 

Nella festa di San Giovanni Apostolo ed Evangelista, mentre si suonava il Mattutino, parve a quella vergine che il Signor Gesù sotto l'aspetto di un fanciullo di dodici anni circa, con gioia svegliasse le suore. San Giovanni compariva pure nel dormitorio vicino al letto di una suora che a lui era molto divota.

Davanti al santo Apostolo un angelo di grande bellezza e maestà, dell'ordine dei Serafini, portava un lume, mentre una moltitudine di altri angeli, venuti ad onorare il santo Evangelista, con le loro lampade scortavano pure le suore fino al coro.

Le suore che ispirate dall'amore, si alzavano con allegrezza, ricevevano una gloria molto maggiore di altre che erano mosse solo dal timore. Ma il primo angelo che specialmente rendeva omaggio a san Giovanni perché questo apostolo quaggiù aveva amato il Signore di un amore serafico, aveva di più il potere di mantenere l'amore nel cuore di tutti quelli che amano questo Santo, in considerazione della tenerezza particolare di Cristo verso di lui. Per altro, lo Spirito di Dio eccita Lui stesso questo amore negli uomini.

Durante il Mattutino. san Giovanni percorreva il coro accostando un calice alle labbra di ciascuna delle suore, raccogliendo la divozione che mettevano nella santa salmodia. e con grande letizia l'offriva a Gesù Cristo. come un vino per Lui preparato.

Aveva Metilde gran desiderio di sapere quale fosse la ricompensa particolare del Signore verso Giovanni per avere scritto nel suo Vangelo su la Divinità di Gesù Cristo con maggior profondità che non gli altri evangelisti. Dio le fece questa risposta:

"Tutti i suoi sensi hanno ricevuto una certa quale superiorità: i suoi occhi vedono più chiaramente la luce inaccessibile della Divinità; le sue orecchie con più sottile intelligenza penetrano il dolce mormorio della voce divina; la sua bocca e la sua lingua gustano senza posa un delizioso sapore. ed il profumo che esce dalle sue labbra riempie tutto il cielo di soavità, a segno che ciascun Santo aspira dolcemente l'odore di Giovanni. Ma il suo cuore soprattutto arde di amore per Dio e con un, volo più libero e più sublime, penetra gli inscrutabili segreti delle divine profondità".

Le parve inoltre di vedere la gloria di Giovanni, e in quella risplendere come stelle tutte le parole ch'egli scrisse su Cristo e la sua Divinità, poi tutte quelle che i Santi e i Dottori dissero o scrissero onde spiegare quel sacro testo. Le sembrava di vedere un sole raggiante attraverso un puro cristallo ornato di preziose gemme.

Metilde intese in seguito ciò che si canta di san Giovanni: Lavit in vino stolam suam: Egli ha lavato nel vino la sua veste, e ciò significa che la sua veste di gloria porta un contrassegno particolare, perché egli si trovò sul Calvario, vicino a Cristo inchiodato su la Croce, con l'anima compresa da tale compassione che vi soffrì il martirio. In sanguine olivae pallium suum; Il suo mantello nel sangue dell'ulivo. In quella guisa che l'olio illumina, brucia e addolcisce, così splendeva in Giovanni il fuoco dell'amore unito ad una singolare mansuetudine e dolcezza.

Infine quella vergine presentò a san Giovanni, come ne era stata pregata, le orazioni di una persona che a lui era molto divota. San Giovanni le accolse con piacere: "Di tutto ciò che quella mi ha offerto, disse, io preparerò un convito per tutti gli eletti. Ma, e per lei medesima, domandò Metilde, non avete voi nessun messaggio?" Il Santo rispose: "Voglio essere il custode della sua verginità; in tutte le sue pene e tentazioni ella in me troverà un rifugio sicuro: nella sua morte poi l'assisterò, e presenterò l'anima sua senza macchia a Cristo suo Diletto".

 

* * *

 

Metilde vide ancora San Giovanni riposare sul petto del Signore Gesù. La moltitudine dei Santi sembrava danzare intorno ad essi cantando al Signore un inno in onore di Giovanni. La Santa allora pregò il Signore d'insegnarle come potrebbe lei pure lodarlo per questo discepolo tanto da Lui amato.

Il Signore si degnò di rispondere: "Mi loderai: 1. a motivo dell'alta nobiltà della sua famiglia, perché egli era della mia stirpe, e sotto il cielo non ve n'è altra più nobile: 2. mi loderai perché dalle nozze lo chiamai all'apostolato; 3. perché venne scelto di preferenza agli altri apostoli per contemplare sul monte lo splendore della mia faccia; 4. perché nell'ultima cena riposò sul mio seno; 5. lo loderai perché più di tutti possedette l'intelligenza dei miei alti segreti? quindi Lui solo ebbe il merito. di scrivere per gli uomini la preghiera che feci nell'andare all'Orto degli Ulivi; 6. perché dalla mia Croce, con ispeciale amore gli affidai la Madre mia; 7. perché dopo la mia risurrezione lo illuminai così bene che, nella pescagione insieme coi discepoli, mi riconobbe prima degli altri, esclamando: È il Signore!; 8. perché in virtù di una più intima familiarità, gli rivelai i miei misteri, quando scrisse l'Apocalisse e quando per divina ispirazione disse: In principio era il Verbo, mistero prima di lui ignorato persino dai Profeti; 9. lo loderai perché bevette il veleno per confessare il mio nome davanti agli uomini; 10. lo loderai ancora per tanti miracoli e risurrezioni che operò nel mio nome; 11. lo loderai pure per quella dolce visita che gli feci nel suo ultimo passaggio, quando coi suoi fratelli lo invitai al mio eterno convito; 12. infine, perché lo ritirai dall' esilio della terra, liberandolo da ogni dolore e gli donai il gaudio dell'eternità.

 

* * *

 

Nella messa poi, durante il Vangelo, Metilde vide questo discepolo ritto vicino all'altare; egli teneva il libro davanti al sacerdote e dalla sua bocca tutte le parole del Vangelo uscivano come raggi di sole. Vide pure la Beata Vergine Maria in piedi dall'altra parte dell'altare; dagli occhi di San Giovanni partiva un raggio di meraviglioso splendore diretto al volto della Vergine. E come Metilde di ciò restava ammirata, Giovanni le disse: "Quando ero su la terra, io avevo tanto rispetto e tanta riverenza per la Madre del mio Signore, che non ardivo neppure mirare la sua faccia".

 

 

CAPITOLO VII

 

NELLA NOTTE DELLA CIRCONCISIONE DEL SIGNORE

 

Nella notte santa della Circoncisione del Signore, mentre quella pia Vergine offriva a Dio le preghiere ed i divoti omaggi delle suore, pregandolo di dar loro la benedizione per il nuovo anno, il Signore rispose:

"Salute a voi e benedizione da Dio mio Padre, da me Gesù Cristo suo Figlio, e dallo Spirito Santo il quale è la santificazione di tutte le opere vostre.

"Io sono Colui del quale sta scritto: Gli anni tuoi non finiranno punto. Venite da me, voi tutti che avete sete di me. (Eccl., XXIV, 26). Imparate da me che sono mansueto ed umile di cuore. (Matth., XI, 29). Chiunque vuole ottenere il riposo del cuore e del corpo, bisogna sia umile e mansueto.

"Chi desidera rinnovare la sua vita, faccia come la sposa che brama ricevere dal suo sposo i regali del nuovo anno. Così l'anima fedele desideri di essere da me ornata di vesti nuove, onde nel corso dell'anno si presenti agli occhi di tutti con la magnificenza d'una regina.

"Mi domandi. dapprima la veste purpurea di una profonda umiltà; e come per umiltà io scesi dal cielo in terra, essa pure in ogni, circostanza si abbassi sino a ciò che è vile ed abietto.

"Mi domandi inoltre la veste scarlatta della santa pazienza; poiché io mi feci uomo per soffrire i tormenti e gli obbrobri, ella pure abbracci con pazienza ciò che le sembrerà difficile e penoso. Ricopra infine la porpora e lo scarlatto col mantello d'oro della carità; affinché, in unione con quell'amore che su la terra mi rese amabile e benigno verso tutti, si mostri sempre affabile e graziosa verso le sue sorelle ed il suo prossimo.

"Passato l'anno, domanderà che siano rinnovate queste vesti, vale a dire, si eserciterà sempre più nella pratica di queste virtù, come se le ricevesse di nuovo".

 

* * *

 

Quella santa vergine pregò ancora il Signore di togliere da ciascuna delle suore tutto ciò che non gli piacesse; ed il Signore rispose: "Togliete dal vostro cuore ogni pensiero di superbia, di impazienza e di vanità mondana. Togliete dalle. vostre labbra ogni parola di detrazione, di vana compiacenza e di giudizio proprio. Nelle opere circoncidetevi dall'ozio, dalla pigrizia nel bene, da ogni trasgressione dei precetti di Dio e da ogni disobbedienza". Queste parole del Signore le fecero intendere qual colpa si commetta nel giudicare il prossimo.

Chi porta un giudizio ingiusto, è colpevole come se avesse commesso il fallo che imputa al prossimo. Chi porta un giudizio giusto ma secondo il proprio sentimento senza conoscere le intenzioni di colui che ha commesso il male, è tanto colpevole in questo giudizio come quello che ha fatto il peccato; e se non farà penitenza, avrà il medesimo castigo.

 

 

CAPITOLO VIII

 

NELLA SOLENNITA DELL'EPIFANIA

 

Nella vigilia dell'Epifania, Metilde, secondo il suo solito, conversava col Signore nell'orazione, quando vide una porta immensa, e in questa porta cinque altre porte ornate di meravigliose sculture.

La porta grande figurava l'Umanità di Gesù Cristo. Le due porte in basso indicavano i piedi del Signore; su la colonna che li separava si leggeva questo versetto: Venite a me, voi tutti che siete affaticati ed oppressi, ed io vi solleverò.(Matth. XI, 28). Davanti a questa doppia porta stava una vergine di gran bellezza: era la Misericordia, la quale fece entrare Metilde. L'anima si trovò allora davanti al gi,usto Giudice il quale; placato dalla Misericordia, le diede il perdono di tutti i peccati e la rivestì dalla tunica dell'innocenza.

Rivestita di questa candida tunica, l'anima si avvicinò fiduciosa alle porte che si aprivano più in alto, le quali significavano le mani di Cristo. Su la colonna che stava tra queste due porte, ella lesse queste parole: Ricevete la gioia della vostra gloria (Ex.; IV, 36). Là vi era pure una giovane vergine: era la Benignità, la quale introdusse l'anima al cospetto del Re e l'arricchì di tutte le virtù.

Così ornata, con tutta confidenza l'anima si avvicinò alla porta più alta che indicava il dolcissimo Cuore di Gesù Cristo simile ad uno scudo d'oro forato in segno della vittoria che riportò nella sua Passione. Su la colonna davanti a questa porta, erano scritte queste parole: Avvicinatevi a Lui, siate illuminati, e il vostro volto non si coprirà di confusione. (Ps., XXXIII, 6). Là pure stava una vergine oltremodo superiore alle altre nella sua incomparabile bellezza. Era questa la Carità, che introdusse l'anima presso il suo dolce Sposo più bello di tutti i figli degli uomini. E lo Sposo ricolmò la sua diletta dei segni della sua tenerezza.

Nella notte santa, durante il responsorio: In columbae specie - Sotto la forma di colomba, ella vide il Signore rivestito di un abito candidissimo come la neve; e intese che nell'ora in cui Giovanni battezzò Cristo, avendo il santo Precursore udito la voce del Padre e veduto lo Spirito Santo sotto la forma di una colomba, vide pure il Signore glorioso sotto la forma in cui lo videro i tre discepoli nella Trasfigurazione sul monte.

Metilde desiderava sapere se Giovanni avesse ricevuto il battesimo di Cristo, poiché aveva detto: Io invece debbo essere da Voi battezzato. (Matth., III, 14). Il Signore esaudì il suo desiderio:"Nel toccarmi per immergermi nell'acqua, rispose, Giovanni da me ricevette il battesimo, perché l'aveva desiderato e ne aveva riconosciuto la necessità; gli conferii dunque il battesimo del cristiano e per ciò stesso la mia innocenza".

Il Signore soggiunse: "Oggi ancora a tutti quelli che vengono battezzati nel mio nome, io comunico la mia innocenza per la quale sono fatti figli del Padre celeste: perciò mio Padre può dire di ogni battezzato: Questi è il mio figlio prediletto, mentre in lui si compiace come in un figlio carissimo. Che se l'uomo col peccato perde, questa innocenza, può ricuperarla mediante una sincera penitenza".

Mentre si cantava: Ipsum audite: Ascoltatelo, quella divota vergine disse a Dio: "Mio Signore, che cosa dobbiamo noi udire dal vostro diletto Figlio?" il Signore rispose: "Ascoltate il mio unigenito Figlio che vi chiama: Venite a me, voi tutti che siete afflitti. Ascoltate i suoi insegnamenti: Beati i cuori puri. Ascoltate i suoi consigli: Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna; Chi mi segue, non camminerà nelle tenebre. Ascoltate i suoi comandamenti: Il mio precetto è che vi amiate l'un l'altro. Ascoltate le sue minacce: Come avrete giudicato, così sarete voi medesimi giudicati; e ancora: Chi non porta la sua croce dietro di me, non può essere mio discepolo; e parimenti: Guai al mondo a motivo degli scandali!"

 

* * *

 

Dopo che la Santa ebbe ricevuto il corpo di Cristo, il Signore le disse: "Ecco, sposa mia, io ti dono l'oro, ossia. il mio divino amore; l'incenso, ossia tutta la mia santità e la mia divozione; infine la mirra, che, è l'amarezza della mia intera Passione. Tutti questi beni ti dono in proprietà, a segno che potrai offrirmeli come un bene che ti appartiene. All'anima che fa così, io rendo doppiamente il suo dono; e ogni volta che rinnova la sua offerta glielo rendo sempre duplicato".

Così l'uomo riceve proprio il centuplo in questo mondo, nell'attesa della vita eterna che gli è. promessa per l'altro.

Ogni anno in questo giorno si potrebbe fare a Dio questa triplice offerta del suo divino amore, della sua purissima santità e del frutto della sua Passione.

 

 

CAPITOLO IX

 

NELL'OTTAVA DELL'EPIFANIA.

 

Nella Domenica nell'Ottava dell'Epifania. durante la messa In excelso throno, Metilde vide il Signor Gesù come un bel giovinetto di dodici anni; l'altare gli serviva come di trono regale, ed Egli diceva: "Eccomi con la mia virtù divina, pronto a sanare tutte le vostre piaghe". Ma in pari tempo ella pensava nel proprio cuore: "Oh! se Egli offrisse per me una lode perfetta a Dio Padre, come sarei felice!".

Il Signore le rispose: "Che cos'è il desiderio della divina lode, se non una specie di gemito dell'anima, la quale soffre di non poter mai lodare Iddio come vorrebbe? Orbene, i desiderii, la divozione, la preghiera. la buona volontà che l'anima prova di fare il bene sono parimenti gemiti dolorosi; e venendo io a supplire per me medesimo all'incapacità dell'anima, ne guarisco tutte le piaghe".

 

* * *

 

Un'altra volta nella medesima domenica. il Signore le apparve di nuovo come un giovinetto di dodici anni rivestito di una tunica verde e bianca e quella divota vergine gli disse: "Perché, o Signore, aspettaste sino ai dodici anni a manifestarvi nel tempio e a sedervi in mezzo ai dottori per ascoltarli ed interrogarli? Certo, già eravate spesse volte andato al tempio secondo la consuetudine".

Il Signore rispose: "Il motivo ne fu che. secondo il corso naturale delle cose, incominciai allora ad esercitarmi negli atti umani, facendo progressi di giorno in giorno nella sapienza benché fossi uguale al Padre nella sapienza eterna. Voi pure quando i fanciulli hanno dodici anni, dovreste istruirli in ogni sorta di bene e correggerli severamente delle loro colpe; se così faceste, molti non sarebbero perduti per la religione e per le cose spirituali".

Metilde riprese: "Che significano i due colori della vostra tunica?" Il Signore rispose: "Il bianco significa la purezza verginale della mia vita santissima; il verde l'eterna freschezza con la quale sempre fiorisco in me stesso".

"Amantissimo mio Signore e fratello, ripigliò la Santa, intercedete per me presso il vostro celeste Padre": ed Egli subito stese le mani e rivolse al Padre questa preghiera: Le vostre collere passarono sopra di me, i vostri terrori mi turbarono. (Ps. LXXXV II,1 7). All'udire queste parole Metilde temette di essere vittima di qualche illusione diabolica, ma il Signore la rassicurò dicendo: "Sono io, proprio io quello che mitigai la collera del Padre celeste e col sangue mio riconciliai l'uomo con Dio; ma le sue collere passarono sopra di me, poiché non mi risparmiò quantunque fossi il suo unigenito Figlio, e mi diede nelle mani degli empi. Talmente placai la sua ira, che se l'uomo vorrà, non ne risentirà mai più i colpi".

 

* * *

 

Dopo il Vangelo comparve una scala d'oro la cui sommità toccava il cielo e per la quale scendeva la Regina della gloria. La Vergine Santissima nelle sue braccia portava il divin Bambino e lo depose su l'altare. Le sue vesti erano tessute di un argento lucentissimo, cosparso di rose d'oro; mentre quelle del divino Infante erano di colore verde e rosso. All'elevazione dell'Ostia, il Sacerdote elevò l'Infante, e in seguito su l'Infante medesimo compì tutto ciò che i sacri riti prescrivono di fare sopra l'Ostia Santa.

 

 

CAPITOLO X

 

DELLA VENERAZIONE DELL'IMMAGINE DI CRISTO

 

Nella Domenica seconda dopo l'Epifania, in cui a Roma si espone alla venerazione dei fedeli l'immagine della faccia del Signore, mentre si cantava la messa Omnis terra, Metilde vide il Signore sopra un monte tutto fiorito, in un trono fatto di diaspro e ornato di oro e di rubini. Il diaspro rappresentava la eterna giovinezza della sua Divinità; l'oro il suo amore; i rubini la Passione ch'egli soffrì per amor nostro. Il monte era circondato di alberi magnifici coperti di frutti; le anime dei Santi riposavano all'ombra di questi alberi dove ciascuno aveva il suo padiglione d'oro, e tutti con gaudio deliziosamente si nutrivano di quei frutti.

Questo monte figurava la vita di Gesù Cristo; gli alberi, le sue virtù: la Carità, la Misericordia e tutte le altre.

Ogni Santo riposava sotto questo o quell'albero, a seconda che aveva imitato il Signore in tale o tal altra virtù. Colui che aveva imitato il Signore nella Carità, mangiava del frutto dell'albero della Carità; colui che aveva praticato le opere di misericordia, si nutriva dei frutti dell'albero della Misericordia; e così degli altri, secondo la loro virtù speciale.

Tutti i fedeli che con qualche prece particolare si erano preparati a venerare la Santa Immagine, si avvicinavano al Signore; portando su le loro spalle il carico dei loro peccati lo deponevano ai suoi piedi, e subito questi peccati si cambiavano in oro. Quelli che nel loro pentimento erano animati dall'amore, ossia sentivano maggior dolore per l'offesa fatta al Signore che non per la pena meritata dalle loro colpe, vedevano i loro peccati cambiati in monili d'oro. Coloro i quali avevano riscattato le proprie colpe con salteri e preghiere, le vedevano cambiate in anelli d'oro, simili a quelli che si usano negli sposalizi.

Le anime che, lottando con forza, avevano resistito alle tentazioni, ritrovavano le loro lotte sotto forma di scudi d'oro; quelle che si erano purificate dal peccato col castigare la loro carne sembravano trasformate in turiboli d'oro, perché la mortificazione sale davanti a Dio come un incenso di soavissimo odore.

Il Signore diede uno sguardo a tutte queste offerte e disse: "Che ne faremo noi di questi peccati così ben purgati ?.. Siano tutti bruciati nel fuoco dell'amore!"

Il Signore soggiunse: "Pongasi in ordine la mensa". D'un tratto davanti al Signore comparve una mensa coperta di scodelle e di coppe d'oro, e la faccia del Signore, scintillante come il sole, in luogo di cibo riempiva queste scodelle e queste coppe dello splendore del suo volto. Tutti i presenti, genuflessi davanti a quella mensa, coperti a guisa di vesti dallo splendore della faccia divina, pigliavano i cibi e le bevande che formano la deliziosa refezione degli Angeli e dei Santi. Alle suore poi che in quel giorno non si erano accostate al Sacramento della vita, il Signore, per mezzo di San Giovanni l'Evangelista, mandò un cibo della sua mensa regale.

Accorriamo dunque con un santo ardore: a venerare quella dolcissima. faccia che, in cielo, sarà per noi tutto quanto potrà mai essere desiderato da qualsiasi umana ed angelicamente.

La Serva di Dio aveva insegnato alle suore in qual modo potevano portarsi in ispirito a Roma in quel giorno in cui si esponeva il volto del Signore. A questo fine dovevano recitare tanti Pater quante miglia vi sono tra Roma e il loro monastero.

A questo punto, dovevano confessare al Sommo Pontefice, vale a dire a Dio, tutti i loro peccati implorandone la remissione, è ricevere il corpo di Gesù Cristo. Poi, in quella medesima domenica nell'ora in cui sarebbero state libere di darsi all'orazione, usando di una preghiera dettata dalla Santa a questa intenzione, con umile rispetto dovevano adorare l'immagine di Cristo. Santa Metilde ebbe la visione di cui sopra dopo che le suore ebbero adottato questa pratica.

 

* * *

 

Metilde vide parimenti quattro raggi uscire da quella faccia del Signor Gesù che gli Angeli sono avidi di contemplare (I Petr. I, 12). Il raggio che veniva dall'alto della faccia del Signore illuminava tutti quelli che sono talmente uniti a Dio che, nella prosperità come nell'avversità, non desiderano altro che la volontà di Dio solo. Il raggio che veniva dal punto più basso splendeva su tutti i peccatori per chiamarli alla penitenza. Quello di destra investiva della sua luce tutti i predicatori che annunciano la parola di Dio; e quello di sinistra, quelli che servono il Signore con una perfetta e intera fedeltà.

Quella pia vergine si mise a pregare per tutti quelli che si erano raccomandati alle sue orazioni e che celebravano la memoria della dolcissima faccia del Signore, affinché potessero un giorno contemplarla in cielo. Il Signore le disse: "Nessuno di loro sarà mai separato da me".

Vide poi la Santa venire dal Cuore di Dio verso l'anima sua una fune di cui si servì per attirare verso il Signore tutti gli astanti. Questa fune figurava l'amore che Dio aveva infuso con tanta abbondanza in quest'anima santa, la quale perché infiammata di tale ardentissimo amore, con gli esempi e con la dottrina attirava tutti a Dio.

Il Re della gloria stendendo sopra la sua diletta le mani. della sua onnipotenza, la benedì insieme con tutta l'assistenza, dicendo: "La luce del mio volto sia la vostra eterna allegrezza! Amen!"

 

 

CAPITOLO XI

 

DI SANT 'AGNESE

 

Nella festa della beatissima Agnese, quella Serva di Cristo vide questa santa vergine e martire, vicino all'altare, la quale con un turibolo d'oro ornato di. gemme preziose incensava le suore, riempiendo tutto il coro di un fumo di soavissimo odore. Comprese che quel turibolo figurava il cuore di Sant'Agnese; le gemme preziose, le sue dolci parole; e il fuoco, l'amore che acceso dallo Spirito Santo nel suo cuore ne consumava tutti i pensieri ed i desiderii, e con soavissimo odore rallegra ancora e diletta il cuore degli uomini che onorando Iddio meditano con divozione le deliziose parole della santa Martire.

Mentre nel Mattutino si cantava il responsorio: Amo Christum - Io amo Cristo, il Signore Gesù comparve a Metilde tenendo sant'Agnese abbracciata col Suo braccio destro.

Il Signore e la Beata Agnese portavano vesti di color rosso, dove si vedevano tessuti in lettere d'oro tutte le parole della Santa, e queste parole, dalle vesti del Signore emettevano raggi che facevano risplendere gli abiti di Agnese, a segno che il loro splendore si rifletteva dapprima sul Signore, poi nel corso e sopra tutta l'adunanza. Dal cuore di quelle che recitavano i Salmi con attenzione e divozione, partiva un raggio che attraverso il Cuore di Dio, raggiungeva il cuore di Sant'Agnese, dove scorreva come un delizioso liquore. Un tal simbolo. le fece intendere che la divozione e l'amore che ancora provengono dalle parole di Sant'Agnese e di tutti i Santi, sono come un sole ardente che fonde il ghiaccio e lo fa risalire come un fiume verso la sua sorgente. Così, l'omaggio dei cuori risale verso Dio. e ricolma i Santi di dolce allegrezza.

 

* * *

 

Siccome il testo dell'Ufficio richiamava di continuo le parole di Agnese, Metilde piena di tristezza si doleva col Signore perché, essendo sin dall'infanzia rivestita dell'abito religioso e fidanzata a Cristo, non lo aveva mai amato con tutto il cuore come quella Vergine beata.

Invece di risponderle, il Signore disse a sant'Agnese: "Donale, figlia mia, tutti i tuoi beni".

Da tale parola, Metilde conobbe che Dio ai suoi Santi ha conferito il privilegio di far dono di tutto quanto Cristo ha operato in essi ed insieme di tutto quanto hanno sofferto per amor suo, a quelli dei loro divoti ed amici i quali lodano il Signore per loro e gli réndono grazie, ovvero onorano i doni di Dio in loro.

Quando sant'Agnese ebbe adempito il desiderio del Signore, Metilde nel colmo della sua gioia, supplicò la Regina delle Vergini di voler con sé lodare il suo divin Figlio e ringraziarlo: "Reciterai un'Ave Maria", rispose la Santissima Vergine. Ma per divina ispirazione, Metilde si mise a cantare:

"Vi saluto nel nome dell'onnipotenza del Padre; Vi saluto nel nome della sapienza del Figlio; Vi saluto nel nome della bontà dello Spirito Santo, o dolcissima Maria, luce del cielo e della terra.

"Piena di grazia, la vostra pienezza fluisce sopra tutti quelli che vi amano.

"Il Signore è con voi; il Signore, Figlio unigenito del Padre e del vostro verginal cuore, vostro amico e Sposo dolcissimo.

"Voi siete benedetta fra tutte le donne, perché da noi avete allontanata la maledizione e ci avete procurato l'eterna benedizione.

"Il frutto delle vostre viscere è benedetto, essendo Egli il Creatore e Signore dell'universo, il quale tutto benedice e santifica ed ogni cosa vivifica ed arricchisce".

Allora la Beata Maria Vergine le fece dono di tutti i suoi beni, persino della sua verginale maternità, affinché come ella è Madre di Dio per natura, così Metilde diventasse, per la grazia, madre di Dio in ispirito. Questo fece comprendere alla Santa che le anime le quali seguono la volontà divina, amandola ed adempiendola in ogni cosa, diventano veramente madri di Cristo secondo queste parole: Chiunque farà la volontà del Padre mio, quello è mio fratello, mia sorella e mia madre (Matth., XII, 50).

 

* * *

 

Vedendo la Santa il tenerissimo amore che Dio porta alle Vergini, e restandone ella stupefatta per riconoscenza ed ammirazione della Divina Pietà, il Signore le disse: "Le vergini, a preferenza degli altri Santi, hanno ricevuto tre speciali privilegi.

"Dapprima le amo più di ogni creatura; ed ecco perché la prima Vergine che mi ha consacrato la sua castità ha talmente infiammato il mio amore che, non potendo più contenermi, mi sono precipitato dal cielo per rinchiudermi tutto intero in lei.

"Per secondo privilegio le ho arricchite più di tutte le altre creature, perché ho dato loro in ispeciale proprietà tutti i miei beni e tutti i miei patimenti.

"In terzo luogo, glorifico le anime vergini più delle altre; quando, infatti, si avvicinano a me, rallegro il loro orecchio col dolce mormorio di un misterioso segreto, ed esse sole hanno la libertà di godere, a loro piacimento dei miei carissimi abbracci".

Metilde domandò: - "O Dio dolcissimo, quali devono essere quelle felicissime Vergini che voi onorate di tali grazie?"

"Devono essere nobili, belle e ricche, rispose il Signore; una vera vergine scelta in tal modo per diventare mia sposa, deve essere nobile per l'umiltà; stimando se stessa come un nulla, si consideri come l'ultima delle creature, e desideri sinceramente. di essere disprezzata ed avvilita; quanto più s'immergerà nella umiliazione, tanto più apparirà gloriosa e nobile nella gloria, ed io aggiungendo la mia umiltà alla sua, le conferirò la più elevata delle nobiltà.

"La vergine deve pure essere bella, vale a dire paziente; la sua bellezza crescerà in proporzione della sua pazienza, perché ai suoi patimenti aggiungerò quelli della mia propria Passione; anzi onde portare al colmo la sua bellezza, le aggiungerò il divino splendore che dal Padre mio ricevetti prima della creazione del mondo.

"La vergine infine deve essere ricca nei meriti; raccolga il tesoro di tutte le virtù ed io vi aggiungerò le incomparabili ricchezze delle mie virtù che le procureranno là sovrabbondanza delle delizie eterne".

 

* * *

 

Un'altra volta, mentre si cantava l'offertorio: Adducentur Regi Virgines - Le vergini saranno offerte al Re, Metilde pensava che cosa ella potesse offrire a Dio che gli fosse gradito.

"Chi mi offrirà, disse il Signore, un cuore umile, paziente e caritatevole, mi farà un dono graditissimo".

"Qual è il cuore, riprese la Santa, abbastanza umile perché possa piacervi?"

Il Signore rispose: "Quello che trova la sua gioia nel vedersi disprezzato, afflitto ed immerso nell'avversità, godendo perché è degno di aggiungere qualche cosa alla mia Passione ed alle mie umiliazioni, e perché ha qualche cosa da offrirmi in sacrificio; costui è veramente paziente ed umile di cuore.

"Parimenti, colui che gode di tutto il bene che avviene al suo prossimo e si affligge delle disgrazie di lui come delle sue proprie, costui mi offre un cuore veramente caritatevole"..

 

 

CAPITOLO XII

 

DELLA PURIFICAZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

 

Nella notte santa della Purificazione di Maria, quella divota sposa del Signore, vide la gloriosa Vergine Madre che portava in braccio il regale Infante Gesù rivestito di una tunica azzurra ornata di fiori d'oro. Sul petto, intorno al collo ed alle braccia, Egli portava scritto il dolcissimo nome di Gesù.

"O dolcissima Vergine, disse la Santa, adornaste dunque in questo modo il Figlio vostro quando lo presentaste al Tempio?"

"No, rispose Maria; tuttavia lo presentai in dilettevole apparenza. Dal momento della sua nascita, con indicibile gaudio aspettavo quel giorno in cui potessi offrire a Dio Padre il Figlio suo, come l'Ostia graditissima che fu l'unica causa per cui Dio accettò tutte le Ostie offerte fino dal principio del mondo. Tali erano la mia divozione e la mia gratitudine quando lo presentai, che se la divozione di tutti i Santi si trovasse riunita nel cuore di un uomo solo, non potrebbe ancora paragonarsi alla mia.

"Ma a quella parola di Simeone: Una spada trapasserà l'anima tua, tutto il mio gaudio si convertì in dolore.

"Quante volte perciò, quando mi stringevo al seno il Figlio mio, quante volte, nella dolcezza della mia divozione, chinavo la mia testa su la sua, e versavo lagrime tanto abbondanti che il suo capo e il suo piccolo ed amabile volto rimanevano interamente bagnati da queste lagrime di amore! Molte volte pure gli ripetevo queste parole: "O salvezza e gioia dell'anima mia!"

Metilde guardava l'amabile infante con un desiderio sì ardente che la Madre del Re volle accontentarla e lo depositò nelle sue braccia. Nel colmo della gioia, la Santa volle stringere sul proprio cuore il divin Bambino, ma vano fu il suo sforzo, perché la visione era tutta spirituale e il Bambino era già scomparso.

 

* * *

 

Mentre quella divota Vergine intonava l'Antifona: Hac est quae nescivit, udì i cori angelici che nell'aria con dolce armonia ne continuavano il canto; durante tutto il salmo Benedixisti, gli Spiriti celesti cantarono a vicenda quell' Antifona, dapprima gli Angeli, poi gli Arcangeli, i Troni, le Dominazioni, le Potestà e le Virtù. Ma quando venne la volta degli Angeli di fuoco, ossia dei Cherubini e dei Serafini, il canto divenne talmente soave che nessun'armonia terrena potrebbe venirgli comparata.

La Beata Vergine Maria stava in mezzo al coro col divino Infante in braccio; ed ecco che dalla terra apparve uno splendore la cui luce superava mille soli. La Vergine Madre sopra questo splendore depositò il suo dolcissimo Figlio. Quella luce sfolgorante rappresentava la Divinità; infatti, il Signore, quando era su la terra, Lui medesimo porta va sé stesso, perché la sua Divinità reggeva la sua Umanità.

La gloriosa Vergine portava sul capo un diadema regale sorretto da due angeli, e vi si vedevano, come cesellate nell'oro e in gemme preziose, le virtù ed i meriti, di tutti i Santi che furono servi divoti della Vergine Santissima. Da questo diadema di Maria, a modo di splendide perle, stillavano gocce di rugiada, figura della grazia che Dio diffonde sopra tutti quelli che con pietà onorano la sua vergine Madre.

Davanti a Maria stava l'Arcangelo Gabriele, con in mano uno scettro d'oro, nel quale si leggeva in lettere d'oro: Ave gratia plena, Dominus tecum: Vi saluto, o piena di grazia, il Signore è con voi. Questo fece intendere alla Santa che Gabriele, nei cieli è onorato con una particolare distinzione, perché per il primo rivolse alla Madre di Dio questa meravigliosa salutazione.

La Beata Vergine stava ancora alla destra del suo Figlio, con in mano un ciborio d'oro. Metilde pensava cosa mai potesse contenere quel vaso d'oro, e la Vergine le disse: "Contiene il liquore del divin Cuore, che voglio offrire al Figlio mio con tutto quel lavoro che si compie nel suo e nel mio servizio".

 

* * *

 

La Serva di Cristo vide Simeone in piedi vicino all'altare, e dal cuore di lui usciva un triplice raggio in forma di arcobaleno; da ciò intese che quel profeta ebbe verso Dio un cuore umile, forte e fervente, tutto desideroso dell'onore e della gloria del Signore. Ella gli disse: "Ottenetemi un vero desiderio di essere liberata dal mio corpo e riunita a Cristo". Simeone rispose: "È cosa migliore e più perfetta rimettere a Dio la tua volontà, e volere tutto ciò ch'egli vorrà".

Infine, la Santa supplicò la Beatissima Vergine che volesse intercedere presso il Figlio suo per lei e per tutta la Comunità. La Vergine, inginocchiandosi, subito ne assecondò il desiderio.

Compiuto poi il Mattutino, Metilde mentre stava per intonare il Benedicamus insieme con le altre suore incaricate del canto, pregò di nuovo la Santa Vergine che lodasse suo Figlio a nome della Comunità. Allora la Regina dei cieli, con la sua voce più dolce, modulò questa strofa:

 

Iesu, corona Virginum,

Amor, dulcedo et osculum:

 

Gesù, corona, Amore, dolcezza e bacio delle Vergini!

 

E tutti gli Angeli ed i Santi che erano nell'aria cantarono dicendo:

 

Te laudamus in saeculum,

Quem amor fecit Virginis Filium;

 

Vi lodiamo in eterno, Voi che l'amore fece Figlio della Vergine!

 

Una luce sfolgorante parve illuminare tutto il coro, e Metilde intese che la Beata Vergine effettivamente lodava suo Figlio per le suore ed assieme con esse.

Tutto l'esercito degli Angeli e dei Santi con grande allegrezza risalì al cielo seguendo il Signore e cantando:

 

Hymnizate nunc superi

Pariterque resonate inferi:

 

Lodate e benedite l'Altissimo; o voi superni Spiriti, e voi parimenti della terra!

 

 

CAPITOLO XIII

 

VISIONE DEL MERAVIGLIOSO MONTE DEI SETTE PIANI

 

Nella domenica di Quinquagesima, detta Esto mihi, Metilde vide il Diletto dell'anima sua, il quale con la sua dolcissima voce le diceva: "Vuoi tu, sposa mia, dimorare meco sul monte per quaranta giorni e quaranta notti? - Volentieri, mio Signore, rispose ella, non voglio né desidero altro". Allora il Signore le mostrò un alto monte che si stendeva dall'Oriente all'Occidente, con sette piani per i quali si ascendeva a sette fontane. Egli la prese seco. e raggiunse il primo piano che si chiamava: grado dell'umiltà; là vi era una fontana di cui l'acqua purificava l'anima dai peccati di superbia.

Ascesero al secondo piano chiamato grado della dolcezza; vi trovarono la fontana della pazienza che purificava l'anima dalle colpe di ira.

Raggiunsero il terzo grado che è quello dell'amore. dove scorreva una fontana in cui l'anima poteva purificarsi da tutti i peccati che avesse fatto per odio. In questo piano, Dio si fermò qualche tempo con quell'anima, la quale. si prostrò ai piedi di Gesù; ma la dolce voce di Cristo risuonò come la sinfonia d'un organo, dicendo: "Alzati, amica mia, e mostrami il tuo volto" (Cant., II, 14) e tutti gli Angeli insieme coi Santi, adunati su la sommità della montagna, cantarono all'unisono con Dio e in Dio il dolce epitalamio dell'amore. Quel canto era così dolce nella sua soave melodia che nessuna lingua umana potrebbe ripeterlo.

Salirono al quarto piano chiamato grado dell'obbedienza, dove si trovava la fontana della santità, la quale purificava l'anima da ogni colpa di disobbedienza.

Poi salirono al Quinto che è il grado della continenza, dove si vedeva la fontana della liberalità in cui l'anima si purificava dai peccati commessi per avarizia nell'usare delle creature senza l'intenzione di glorificare il Signore e di procurare il proprio spirituale progresso. ­

Giunsero al sesto piano, quello della castità, dove zampillava la fontana della divina purezza, di cui l'acqua purificava l'anima dai desiderii carnali. Là, quell'anima si vide rivestita di una veste candida come quella del Signore.

Infine arrivarono al settimo piano, quello della gioia spirituale; la fontana di questo piano si chiamava gioia celeste e purificava da tutte le. colpe commesse per accidia nelle cose spirituali. Orbene, questa sorgente non isgorgava con impetuosità come le altre, ma lentamente, a goccia a goccia, perché la gioia celeste da nessuno, in questa vita, può venire pienamente gustata; in questo mondo, l'anima ne riceve qualche goccia. ma è un nulla in confronto della realtà di quell'eterno ed immenso gaudio.

 

* * *

 

Il Diletto con la sua diletta ascesero poi su la sommità del monte, dove trovarono la moltitudine degli Angeli, simili ad uccelli che portavano campanelli d'oro dal suono argentino. Sul monte vi erano due magnifici troni.

Il primo era la sede della somma ed invisibile Trinità e ne uscivano quattro fiumi di acqua viva. Il primo fiume indicava la divina Sapienza che governa i Santi e fa che in tutto ne riconoscano ed adempiano con gioia la volontà; il secondo, la divina Provvidenza, la quale li sazia abbondantemente di tutti i beni nella eterna libertà. Il terzo fiume. rappresentava la divina sovrabbondanza che li inebria di ogni bene, a segno che i loro desiderii sono sempre inferiori alle ricchezze di cui sono colmati; il quarto infine, figurava le delizie per cui quelle beate anime vivono in Dio nella pienezza delle inebrianti delizie che non avranno mai fine, mentre Dio dai loro occhi asciugherà ogni lagrima (Apoc., VII, 7).

Sopra questo trono vi era un baldacchino in oro finissimo, ornato a profusione di gemme preziosissime; esso copriva tutto l'universo e figurava la Divinità; era un'opera regale fatta in verità per il Re dei cieli. Vi erano pure parecchi padiglioni per la dimora dei santi Patriarchi, Profeti, Apostoli, Martiri, Confessori ed infine di tutti gli eletti.

Il secondo trono era quello della Vergine Madre che stava vicino al Re, come a Regina si conviene. Questo trono era pure circondato da parecchi padiglioni destinati alle sante vergini che avevano seguito ed imitato la Regina Madre e come un corteo di onore sempre accompagnano la Vergine per eccellenza.

Alla vista del Re della gloria Gesù, seduto sul trono della sua imperiale magnificenza, e della Madre sua seduta alla destra di Lui, l'anima rapita di ammirazione davanti a quella gloriosa faccia su la quale gli Angeli tanto desiderano di gettare lo sguardo, si sentì svenire per la riverenza verso la santa Trinità e cadde prostrata ai piedi di Gesù.

Il Signore medesimo la rialzò e dolcemente l'attirò a riposare sul proprio seno quantunque ella avesse la frangia della veste alquanto lorda per una leggiera polvere, la quale vi si era attaccata poche ore prima a motivo di una preoccupazione momentanea; ma la Beata Vergine fece scomparire anche questa polvere.

La sposa di Cristo vide allora, davanti al trono, apparecchiata una mensa regale alla quale vennero invitate tutte le suore che in quel giorno ricevevano il corpo del Signore.

Il Figlio della Vergine venne Lui medesimo ad offrir loro il delizioso cibo del suo corpo adorabile, pane di vita e di salvezza; poi, il Diletto si prese un dolce riposo con quelle che lo amavano. Egli offrì loro anche il calice pieno del purissimo vino del sangue dell'Agnello immacolato che purifica i cuori da ogni macchia.

Dolcemente inebriate, le suore gustarono le gioie dell'unione divina e Dio disse a Metilde: "Ora dono me stesso all'anima tua con tutto il bene che sono e che posso dare; tu sei in me ed io sono in te; né mai sarai da me separata".

 

* * *

 

Dopo questo regale banchetto, Metilde pregò la Beata Vergine che volesse lodare il suo divin Figlio per lei. Maria SS., accompagnata dal coro delle Vergini incontanente si alzò dal suo trono e magnificò il Figlio suo con una lode ineffabile.

I Patriarchi ed i Profeti lodavano essi pure il Signore, dicendo. con giubilo il Responsorio Summae Trinitati.

Il glorioso coro degli Apostoli cantava la antifona Ex quo omnia.

Essi infatti hanno riconosciuto su la terra Colui dal quale provengono tutti i beni, dal quale tutte le cose furono fatte in cielo e in terra, nel quale ogni bene è nascosto.

Parimenti, l'esercito vittorioso dei Martiri cantava: "Tibi decus, a Voi l’onore, ecc., mentre i Confessori facevano risuonare l'antifona Benedictio et claritas.

Tra i Confessori Metilde distinse il beato Padre Benedetto rivestito di una tunica bianca frastagliata di ornati di colore vérmiglio; il bianco significava la sua verginale castità, il vermiglio indicava il suo martirio per re vittorie riportate con tante lotte per l'osservanza regolare e per il mantenimento dell'Ordine.

Meravigliandosi la Santa di non udire nessun canto degli angeli, il Signore le disse: "Tu canterai con gli Angeli". E subito insieme con lei gli Angeli cantarono il responsorio: Te sanctum Dominum.

Dopo questa visione Metilde disse al Signore:, "O unico mio Diletto in che cosa maggiormente vi compiacete Voi di essere dagli uomini conosciuto?= Nella mia bontà e nella mia giustizia, rispose il Signore; nella mia bontà con la quale tanto misericordiosamente aspetto gli uomini a penitenza e di continuo con la mia grazia li attiro al mio cuore. Ma quando non vogliono in alcun modo convertirsi, allora la mia giustizia mi obbliga a condannarli".

"Ma, Signore, ripigliò Metilde, non mi dite nulla della vostra carità?"

"L'anima fedele, rispose il Signore, all'amico fa parte di tutti i suoi beni e gli rivela tutti i suoi segreti".

Quella divota vergine pregò ancora il suo Diletto di insegnarle in qual modo ella potesse offrirgli qualche soddisfazione per gli oltraggi che in quei giorni Egli riceveva dai membri della - sua Chiesa; è il Signore le rispose: "Reciterai a questo fine trecento cinquanta volte l'antifona: Tibi laus, tibi gloria, tibi gratiarum actio in sempiterna saecula, o beata Trinitas. A Voi lode, O Beata Trinità, a Voi gloria ed azioni di grazie, nei secoli sempiterni!".

 

* * *

 

Un altro giorno, Metilde vide ancora in ispirito quel medesimo monte e vi, salì tutta sola. Arrivata al terzo piano, quello dell'amore, nell'acqua della fontana lavò tutte le sue macchie; dopo essersi fermata al sesto per rivestirsi della veste bianca, pervenne infine al settimo e vide il Signor Gesù su la sommità del monte. Egli la prese come per mano e l'innalzò sino a sé, dicendo: "Vieni, andiamo da queste parti". Ed ella se n'andò sola con Lui solo, non vedendo altro che Gesù solo.

Arrivarono ad una casetta in argento trasparente come il cristallo. Intorno a questa, piccoli fanciulli vestiti di bianco giocavano e con grande letizia lodavano il Signore.

L’anima intese che i bambini morti prima dell'età di cinque anni stavano là in un'eterna allegrezza.

Incontrarono poi una casa fatta di pietre rosse tagliate. D'intorno vi era una moltitudine di anime vestite di porpora, le quali dolcemente cantavano; erano le anime di quelli che erano vissuti sia nella vedovanza, sia nello stato di matrimonio, ed anche la folla dei beati.

Giunsero ancora davanti ad una casa tagliata in un zaffiro rosso e circondata di una folla innumerabile di Santi vestiti di scarlatto. L'anima intese che erano queste le anime beate che, in questa vita, avevano combattuto contro il demonio per Gesù Cristo col quale in questo luogo si rallegravano senza fine.

Proseguendo il loro viaggio trovarono una casa in oro purissimo. Il Signore la mostrò alla sua diletta, dicendo: "È questa la casa della Carità, di cui sta scritto: Ti condurrò nella casa di mia madre, nella casa di quella che mi ha dato la luce (Cant. II, 4). Mia madre è la carità, ed io sono Figlio della carità".

Da tali parole la Santa divinamente ispirata conobbe che la Vergine Maria, infiammata degli ardori dello Spirito Santo come di un celeste fuoco, aveva concepito il Figlio di Dio nel fervente amore dello Spirito Santo; in tal modo Cristo è figlio della Carità e la madre sua è la Carità. Quando furono entrati in questa casa, l'anima di Metilde si prostrò ai piedi di Gesù; ma Egli, affrettandosi a rialzarla, se la prese fra le braccia.

Tutte le persone che si erano raccomandate alle sue preghiere, le sembravano stare alla porta di questa casa, ed attaccarsi vivamente con ambo le mani ad una fune che saliva sino al Cuore di Gesù. Quest'immagine significava che le persone per le quali ella pregava, avevano parte a tutte le grazie divine.

 

* * *

 

Dopo che la Santa ebbe ricevuto il corpo del Signore. i Santi che circondavano la casa cantarono: Panem Angelorum manducavit homo: l'uomo ha mangiato il pane degli Angeli. Alleluia! Gli Angeli, alla loro volta dissero: Panem coeli dedit eis: Egli ha dato loro il pane del cielo. Unita col Diletto, Metilde in Lui e con Lui godeva la pienezza di ogni bene e la abbondanza delle eterne delizie, le quali cose in Gesù unicamente si trovano.

 

 

CAPITOLO XIV

 

NELLA DOMENICA DELLE PALME

 

Nella Domenica delle Palme, quella Serva di Cristo richiamava alla sua memoria le azioni compiute da Cristo in. quel giorno e provava il desiderio di conoscere ciò che le beate Maria e Marta avessero preparato per ricevere il Signore.

Subito le parve di essere a Betania nella loro casa; in una stanzetta appartata vi era una mensa, dove le sembrò di vedere seduto il Signore e lo interrogò sopra quanto Egli avesse fatto nella notte precedente al suo ingresso in Gerusalemme.

"Passai tutta quella notte in orazione; rispose il Signore; verso lo spuntar del giorno, riposai seduto per pochi istanti". E soggiunse: "Mi preparerai nell'anima tua una casa simile a questa e in quella mi servirai".

Su l'istante le parve che il Signore sedesse alla mensa e ch'ella medesima lo servisse.

Dapprima in un piatto d'argento Metilde servì al Signore del miele, ossia quel tenero amore che dal seno del Padre lo trasse sino al presepio quando i cieli stillarono il miele sopra l'intero universo.

Venne in seguito un cibo composto di viole, simbolo dell'umile vita di Cristo, il quale in questo mondo si sottopose ad ogni creatura.

In terzo luogo la Serva di Cristo apportò la carne dell'agnello, ossia di quell'agnello immacolato che toglie i peccati del mondo, Poi mise davanti al Signore il vitello ingrassato della grazia spirituale.

In quinto luogo portò il cerbiatto, ossia quel desiderio inestimabile col quale Gesti Cristo ogni giorno della sua vita correva verso la morte.

Ella servì inoltre del pesce arrostito, il quale significava Cristo medesimo nei dolori della sua Passione per nostro amore.

Infine, la Santa offrì pure il Cuore di Gesù Cristo, con vari profumi che significavano la pienezza di tutte le virtù, e versò a bere al Signore tre vini differenti: dapprima un eccellente vino bianco che figurava le fatiche di Cristo e dei suoi eletti durante la loro vita; poi un vino rosso, simbolo della Passione e morte di Cristo; il terzo era un vino puro e soavissimo il quale raffigurava l'effusione intima e spirituale della divina consolazione.

Ogni anima divota serve al Signore il medesimo banchetto spirituale, quando con gratitudine medita questi sacri misteri e divini benefizi offrendo al Signor Gesù lodi e benedizioni.

 

* * *

 

Nella notte seguente, mentre per una certa tristezza non poteva pigliar sonno, Metilde udì il coro degli angeli che cantavano: Getta nel Signore la tua inquietudine. Egli ti sostenterà; e il Signore comparve ritto davanti a lei, vestito di una tunica verde. Ella gli disse: "O amabilissimo Signore, perché portate Voi questo colore nel tempo della Passione?"

Il Signore rispose: "Sta scritto: Se così viene trattata la legna verde, cosa sarà di quella secca?" (Luc,. XXIII, 31).

Da queste parole Metilde intese che se Gesù che è la linfa di tutte le virtù, ha sofferto tali supplizi, quelli che sono come legna secca aridi in ogni bene, in verità non possono aspettarsi che i tormenti eterni.

Domandò allora in qual modo lo potesse lodare in quel tempo della Passione, e il Signore le mostrò le cinque dita della mano per insegnarle che lo dovesse lodare in cinque modi, e cioè benedire:

1 - l'onnipotenza infinita che per salvare l'uomo condannò all'impotenza il supremo Signore degli Angeli e degli uomini;

2 - l'inscrutabile sapienza per la quale Egli accettò di essere ritenuto insensato;

3 - la carità senza limiti, che lo fece ingiustamente odiare da quelli ch'Egli doveva salvare;

4 - la benignissima misericordia che lo indusse a lasciarsi condannare, per l'uomo, ad una morte così acerba;

5 - la dolcezza infinitamente soave per la quale soffrì le amarezze della più terribile delle morti.

 

 

CAPITOLO XV

 

IL NOME DI GESÙ - LE PIAGHE DEL REDENTORE

 

Il martedì della settimana Santa, durante la messa Nos autem, (1) il Signore le disse: "Considera queste parole: In quo est salus. vita et resurrectio nostra - In cui si trova la nostra salvezza, la nostra vita e la nostra risurrezione. Nella Croce sta la vera salvezza; fuori di quella non v'è salvezza, secondo queste parole:

 

Nulla salus est in domo,

Si non crucem invenit homo,

Super liminaria.

 

Non v'è salvezza in una casa, se su la soglia della porta l'uomo non trova la Croce.

 

"Nell'anima in cui non v'è croce, ossia tribolazione, non v'è pazienza; e senza pazienza nessuna salvezza. Per mezzo della Croce venne data all'uomo la vera vita. Quando io, che sono la vita dell'anima, morii di amore su la Croce, allora diedi la vita all'anima morta per il peccato, concedendole che potesse vivere eternamente in me. Per mezzo della Croce venne pure concessa all'uomo la grazia di risuscitare mediante la penitenza tante volte quante muore per il peccato. Dalla Croce ancora la risurrezione della carne e la vita eterna".

Siccome nell'Epistola si leggeva: Dio gli diede un nome che è sopra ogni nome; la Santa disse a Gesù: "Mio Signore, qual è questo nome sublime che dal Padre vi fu donato?"

"Salvatore di tutti i secoli, rispose il Signore; io, infatti, sono il Salvatore ed il Redentore di quanto vi fu, vi è e vi sarà. Sono il Salvatore di quelli che vissero prima della mia incarnazione; solo il Salvatore di quelli che vivevano, quando, essendomi fatto uomo, convivevo con gli uomini su la terra; sono il Salvatore di quelli che hanno abbracciata la mia dottrina e vogliono camminare su le tracce mie; e ciò sino alla fine dei tempi. È questo un nome degno di me, dal Padre a me solo destinato fin dall'origine del mondo, ed è al disopra di tutti gli altri nomi".

 

* * *

 

Metilde rendeva grazie a Dio per le santissime piaghe di Gesù, pregando il Padre che si degnasse imprimere nell'anima sua tante ferite d'amore quante il Figlio suo ne ricevette nel suo corpo; il Signore le disse: "Quando l'uomo amorosamente geme ricordando la mia Passione, ogni volta sembra dolcemente accarezzare le mie piaghe con foglie di rosa di fresco sbocciata; quindi dalle mie ferite esce il dardo dell'amore il quale, penetrando nell'anima sua, la riempie di dolcezza e la ferisce per risanarla".

 

* * *

 

Il mercoledì della settimana Santa, mentre si cantava la messa In nomine Domini, quella pia vergine disse al Signore: "Oh! se ne avessi il potere, o mio dolcissimo e fedelissimo. Amico, come davanti a Voi umilierei, con profonda riverenza, il cielo, la terra e l'inferno con tutte le creature!".

E il Signore replicò: "Domandami ch'io compia in me stesso questo voto, perché in me è contenuta ogni creatura; e quando offerisco me stesso a Dio Padre in lode, ovvero in ringraziamento, è necessario che per me e in me io degnamente supplisca ad ogni difetto delle creature. Per altro, la mia bontà non può soffrir che rimanga inefficace il desiderio di un'anima fedele, quando essa di per sé stessa non possa effettuarlo".

 

 

CAPITOLO XVI

 

L'ALBERO DELLA CROCE

DI NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO

 

Il giovedì della settimana Santa, cantandosi la messa Nos autem, Metilde vide in mezzo alla chiesa un albero magnifico, altissimo e così largo da coprire tutta la terra. Questo albero era crèsciuto a quel modo da tre virgulti sorti assieme dal suolo e i rami ne ricadevano verso la terra formando graziosi archi.

Sotto uno di questi rami si vedevano parecchi animali che si nutrivano dei frutti caduti dall'albero; significavano i peccatori e gli uomini che vivono come le bestie senza mai elevare la mente a ringraziare Colui dal quale proviene ogni bene.

Sotto un altro ramo v'erano uomini che mangiavano il frutto dell'albero; e la Santa in questi riconobbe tutti i membri della Chiesa, giusti e buoni.

Sul terzo ramo stavano degli uccelli che cantavano una bella melodia; e significavano le anime dei Santi i quali senza fine lodano il Signore.

Le anime del purgatorio comparivano pure come ombre a figura umana, e venivano a ristorarsi coi profumi dell'albero.

Certi uccelli neri tentavano di svolazzare intorno, ma un gran fumo, uscendo dall'albero, li respingeva lontano; e questi figuravano i demonii, e le tentazioni suscitate dagli uomini, di cui non si può meglio trionfare che ricordando la Passione di Cristo raffigurata da quel fumo.

Il sacerdote che celebrava sembrava rivestito e parato delle foglie del medesimo albero e intorno a lui pendevano i frutti sospesi ai rami. Questo significava che ogni persona la quale con amore onori la Passione di Cristo, nobilita le proprie virtù ed accresce il merito di tutte le sue buone opere.

I cuori dei fedeli, a guisa di lampade ardenti pendevano dai rami dell'albero e il liquore che alimentava la loro fiamma scorreva dall'albero medesimo. Nessuno, infatti, può amare la Passione di Cristo, a meno che da Dio ne riceva la grazia. La fiamma poi delle lampade simboleggiava il ricordo e il culto della Passione, che ognuno deve alimentare nel proprio cuore se vuole amare il Signore. La memoria di questa santa Passione alimenta sovrabbondantemente l'amore; perché nulla può in egual modo commuovere ed infiammare i cuori.

 

 

CAPITOLO XVII

 

DELLA PASSIONE DI NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO

 

Nel Venerdì Santo, Metilde inondata di grazie divine, disse al Signore: "O dolcissimo mio Dio, che cosa potrebbe fare l'uomo per compensarvi dell'amore con cui vi siete lasciato prendere e legare per suo amore?

- Che spontaneamente e liberamente si lasci parimenti legare per mio amore dalle catene dell'obbedienza.

- E quali lodi potrà offrirvi in compenso degli immondi sputi e dei crudeli schiaffi che avete ricevuto dai Giudei?

- In verità ti dico, che chiunque disprezza i suoi superiori mi sputa in faccia. Chi adunque vuol riparare questo oltraggio rispetti il suo superiore.

- E per gli schiaffi, quali azioni di grazie accetterete, o misericordioso Signore?

- Che si osservino con una stretta fedeltà le regole e gli statuti del proprio Ordine.

- E qual lode rendervi, o fedelissimo Amico, per il dolore che soffriste, quando il vostro capo regale venne coronato di spine così acute che il sangue velò la vostra amabile faccia, quella faccia dagli Angeli tanto desiderata?

- Chi resisterà con tutte le forze alle tentazioni, metterà nella mia corona tante gemme quante vittorie avrà riportate in mio nome.

- O Maestro, il più sapiente di tutti i maestri, come riparare lo scherno per cui foste, come un insensato, rivestito d'una tunica bianca?

- Con la fuga di ogni affettazione nei vestiti, non ricercando ornamenti, ma unicamente il necessario, senza nessun lusso, né pazza spesa,

- Quali azioni di grazie accoglierete Voi, o unico Bene del mio cuore, per essere stato crudelmente flagellato?

- Che l'uomo sia costante nel seguirmi con perfetta fedeltà e pazienza, tanto nell'avversità come nella prosperità.

- Che possiamo offrirvi, o mio Diletto, per le ferite dei vostri piedi inchiodati su la Croce?

- Che si pongano in me tutti i desiderii; e chi non sente buoni des1derii, abbia almeno la volontà di concepirne, ed io riceverò la buona volontà come l'opera.

- Che domandate per esservi lasciato inchiodare le mani su la Croce?

- Che ognuno si eserciti nelle opere buone, e che per mio amore eviti tutte le azioni perverse.

- Quali azioni di grazie, o unica dolcezza, vi si devono rendere per quella piaga d'amore che riceveste su la Croce quando l'Amore invincibile col suo dardo trapassò il vostro dolcissimo Cuore, dande uscirono per nostro rimedio il sangue e l'acqua; quando vinto dall'amore per la vostra sposa, siete morto di amore?

- Che l'uomo conformi sempre la sua volontà alla mia, e che la mia volontà gli piaccia in tutte le cose e sopra tutte le cose".

Il Signore soggiunse: "Ti dico in verità, che se uno versa lagrime di divozione per la mia Passione, io le accetterò come se Egli l'avesse sofferta per me".

- "O mio Signore, replicò Metilde, in che modo ottenere queste lagrime?"

"Ascoltami: pensa dapprima alla tenerezza con cui mi portai ad incontrare i nemici che, armati di spade e di bastoni, mi cercavano per mandarmi alla morte come un ladro e un malfattore; ed, io andai loro incontro come una madre ad un figlio ch'essa vorrebbe strappare ai denti dei lupi.

"Pensa ai crudeli schiaffi che mi davano; orbene, quanti schiaffi ricevevo, altrettanti dolci baci offrivo alle anime che, sino all'ultimo giorno, dovevano essere salvate dalla mia Passione.

"Mentre atrocemente mi flagellavano, offrivo per loro al Padre celeste una preghiera così efficace che molti si convertirono.

"Quando mi conficcavano nel capo la corona di spine, attaccavo alla loro corona tante gemme quante furono le spine che infissero nella mia carne.

"Quando m'inchiodavano su la Croce e mi dislogavano le membra a segno che si potevano contare le mie ossa e vedere le mie viscere, le mie forze, si esaurivano nell'attirare verso di me le anime di tutti i predestinati alla vita eterna, come avevo annunciato: Quando sarò elevato da terra, attirerò tutto a me. (Ioan., XXII, 32).

"Infine, quando la lancia mi aprì il costato, presentai, nel mio Cuore, la bevanda della vita a tutti quelli che in Adamo avevano sorbito la bevanda mortifera, affinché divenissero tutti figli della salvezza in me che sono la Vita".

 

* * *

 

Dopo che ebbe ricevuto il corpo di Cristo la Santa udì il Signore che le diceva: "Vuoi tu sapere come ora io sia in te e tu in me?"

Nel sentimento della propria indegnità ella stava in silenzio, ma vide il Signore come un cristallo trasparente, e la sua propria anima come un'acqua pura e brillante che scorreva per tutto il corpo di Cristo. Mentre si trovava tutta compresa da ammirazione per questo favore e per la stupenda bontà di Dio, il Signore le disse: "Ricorda ti di ciò che scrisse San Paolo: Io sono l'ultimo degli Apostoli e indegno di essere chiamato apostolo: ma per la grazia di Dio sono quel che sono. (I Cor., XV, 9, 10). Parimenti, da te medesima tu non sei nulla, ma quello che tu sei, per grazia mia lo sei in me".

 

* * *

 

Mentre, in seguito si faceva. secondo l'usanza, il seppellimento della Croce, Metilde disse al Signore: "Ora, o unico Diletto del mio cuore, seppellitevi in me e fate che io sia unita con Voi in un modo inseparabile". Il Signore disse: "Sì, voglio seppellirmi in te; nel tuo capo voglio essere l'oggetto dei tuoi pensieri; voglio essere l'attività delle tue mani; voglio essere l'esercizio di tutti i tuoi sensi ed identificarmi con tutti gli atti tuoi".

 

* * *

 

Un'altra volta. nella medesima cerimonia del Venerdì Santo, questa divota Vergine disse al Signore: "O carissimo mio Diletto, almeno la mia anima fosse d'avorio per darvi in sé stessa una onorevole sepoltura!" Il Signore rispose: "Io invece ti seppellirò in me: sopra di te, io sarò speranza e gioia; dentro, sarò la vita che ti vivificherà, la sostanza che rallegrerà e impinguerà l'anima tua. Dietro di te, sarò il desiderio di spronarti; davanti, sarò l'amore per attirarti e rapire l'anima tua. A destra, sarò la lode che renderà perfette le tue opere; a sinistra, il sostegno d'oro che ti sorreggerà nella tribolazione; sotto di te, sarò la base irremovibile che porterà l'anima tua".

 

* * *

 

Un'altra volta ancora, nella medesima notte del Venerdì Santo, nell'orazione Metilde disse al Signore: "O dolcissimo mio Signore, che posso offrirvi in compenso dell'amore con cui in questa notte per me vi lasciaste prendere e caricare di catene?"

"Donami il desiderio e la buona volontà, rispose il Signore. Ecco due cordoni di seta a mezzo dei quali dolcemente mi legherai all'anima tua, perché il cuore pieno di buona Volontà e pronto ad ogni bene, facilmente mi ritiene in sé stesso. I pensieri inutili che d'improvviso gli sopravvengono non sono colpe, a meno che accorgendosene vi si fermi volentieri e con deliberazione".

Il Signore soggiunse: "Quando mi abbandonai nelle mani degli empi, mi legarono le mani e fecero di me tutto ciò che vollero; ma non poterono legare la mia lingua. lo solo ebbi il potere d'incatenarla dimodochè non proferisse nessuna parola che non fosse necessaria. Parimenti, benché l'uomo possa parlare bene o male, ei deve regolare le proprie parole in modo che non ne dica mai nessuna che offenda o turbi il suo Prossimo".

 

* * *

 

Verso l'ora di Prima, mentre Metilde considerava che a quell'ora il Signore era Comparso davanti al Preside per essere giudicato, Egli le disse: "Vieni con me al giudizio", quindi la condusse seco davanti al Padre celeste, e tutte le creature si misero a deporre contro di lei.

I Serafini l'accusavano d'aver spesse volte con la tiepidezza spento in sé medesima il divino amore, mentre il suo cuore ne era stato infiammato dal divin Cuore.

I Cherubini la rimproveravano perché non aveva diretta la propria vita secondo la luce della divina conoscenza che le era stata comunicata meglio che a tanti altri.

I Troni portavano contro di lei l'accusa d'aver, con pensieri inutili, disturbato il Re pacifico che nell'anima di lei aveva stabilito il suo trono.

Le Dominazioni dicevano che non aveva obbedito con la conveniente riverenza al loro Re il Signore Iddio.

I Principati si lagnavano perché non aveva rispettato in sé stessa e negli altri quella divina nobiltà che l'uomo possiede in virtù della sua somiglianza con Dio.

Le Potestà l'accusavano di non aver professato il timore riverenziale dovuto alla divina Maestà.

Le Virtù si lagnavano perché non aveva praticato, come si conveniva, le divine virtù.

Gli Arcangeli dicevano che non aveva prestato sufficiente attenzione ai soavi colloqui di Dio e che aveva mancato di inviare al Diletto, a mezzo dei Ministri ch'Egli le deputava, i dolci mormorii del suo amore.

Gli Angeli le muovevano querela perché aveva abusato dei loro servigi.

La Beata Vergine le muoveva querela, lei pure, per le infedeltà verso il dolcissimo Figlio di Dio, divenuto fratello di lei per la sua nascita temporale.

Gli Apostoli l'accusavano di negligenza nel seguire i loro insegnamenti; i Martiri le rinfacciavano la sua ripugnanza nel sopportare le pene e le infermità; i Confessori l'accusavano di tiepidezza nella sua vita religiosa e nei suoi esercizi spirituali; le Vergini le rimproveravano la sua freddezza per il loro amabilissimo Sposo.

Infine tutte le creature si unirono per protestare contro il cattivo uso che aveva fatto di esse tutte.

Allora, il benignissimo Gesù disse al Padre suo; "Per tutte le querele mosse Contro Metilde risponderò io medesimo, perché debbo confessare che sono preso d'amore per lei".

Dio Padre disse al Figlio suo; "Ma chi vi ha costretto a tanto? La mia libera scelta, rispose Gesù, perché l'ho eletta come mia per l'eternità.".

Allora quell'anima, piena di fiducia nel credito di un tale difensore, lo prese nelle sue braccia e disse a Dio:

"Vi presento, o Padre adorabile, vi presento il Vostro amabilissimo Figlio che vi ha già pagato tutti i miei peccati di superbi. Vi presento il Vostro mansuetissimo Figlio che vi ha già soddisfatto per tutti i miei peccati di rabbia. Vi presento il Vostro Amatissimo Figlio, l'amore del vostro Cuore; Egli ha pienamente supplito ai miei peccati di odio. La sua illuminata liberalità ha compensato i miei peccati di avarizia; il suo santo zelo ha riparato la mia tiepidezza; la sua perfetta astinenza ha supplito alle mie intemperanze. La purezza della sua innocentissima vita ha pagato tutti i miei peccati di pensieri, di parole e di opere; la sua obbedienza sino alla morte, ha cancellato le mie disobbedienze. Insomma, la sua perfezione ha riscattato tutte le mie imperfezioni.

"Siate dunque placabile, o Padre santo, sopra la mia iniquità, in virtù di quest'Ostia tanto degna e a Voi tanto gradita; e per la Vostra clemente pietà rimovete da me la vostra indignazione e ricevetemi nella vostra sempiterna grazia".

 

* * *

 

Nell'ora di Terza, Metilde vide il Signore circondato di luce e di gloria; dalla pianta dei piedi sino al vertice del capo, il suo corpo sembrava coperto di ornamenti preziosi, affine di compensarlo di aver sofferto per noi la barbara flagellazione nella Passione. Egli portava pure sul capo una corona intrecciata di fiori così belli e variati, che mai se ne videro di simili. Orbene, Cristo aveva Egli stesso formato questa sua corona per mezzo dei dolori di capo che la Santa di recente aveva sofferto per più di quaranta giorni.

 

* * *

 

Nell'ora di Sesta, essa vide il Signore che portava la sua Croce. La Comunità arrivava, e ciascuna delle suore caricava la Croce del Signore di un ramo che figurava le sue proprie pene personali. Gesù tutto accoglieva con bontà e ne caricava la sua Croce con pazienza e con gioia; tuttavia tutte le suore in pari tempo, lo aiutavano a portare la Croce.

Verso l'ora di Nona, il Signore le comparve nella sua gloria e nella sua maestà, portando una collana d'oro ornata di una scudo nel quale si distinguevano tutti i supplizi della sua Passione. Questo stemma che copriva il petto del Signore, nella parte superiore aveva un candidissimo giglio e nella parte inferiore una rosa vermiglia. Questo scudo significava la vittoriosa Passione del Signore; il giglio, la sua innocenza; la rosa, la sua suprema pazienza.

 

* * *

 

Accostandosi, le suore alla santa comunione, il Signore a ciascuna diede il suo divin Cuore tutto ripieno di, aromi di un odore soavissimo. Tali aromi, a guisa di viti novelline, come fiori freschissimi, uscivano da ogni parte di quel Cuore sacratissimo e gli davano l'aspetto di un bel mazzo di fiori. Ciascuna delle suore nell'accostarsi al Signore, riceveva dalle mani di Lui uno scudo simile a quello che portava Lui stesso; e questo ornamento, posto sul loro petto, vi brillava con un meraviglioso splendore. A tale vista, Metilde conobbe che Cristo ai suoi fedeli ha conferito la vittoria che riportò nella sua Passione, onde sia per loro riparo e fortezza contro ogni sorta di nemici.

 

* * *

 

Quando venne il suo turno di baciare la Croce, Metilde alla piaga dei piedi per divina ispirazione, disse: "Ecco, o Signore, in Voi depongo tutti i miei desiderii e li conformo ai vostri affinché pienamente purificati e perfettamente santificati, non si fermino mai più alle cose terrestri".

Alla piaga della mano destra il Signore le disse: "Nascondi qui tutta la tua vita spirituale, affinché le negligenze che puoi aver commesse, siano da me riparate".

Alla mano sinistra: "Metti qui le tue pene e le tue afflizioni, perché al contatto con le mie sofferenze si addolciscano e davanti a Dio diffondano un gratissimo profumo, in quella guisa che una veste impregnata di muschio o d'altre essenze ne diffonde l'odore, e che un boccone. di pane inzuppato nel miele riceve la soave dolcezza di quello".

Alla piaga. del Cuore: "In questa piaga di amore, così vasta che abbraccia il cielo, la terra e tutto quanto contengono, applica il tuo amore al mio divino amore, affinché divenga col mio un solo e medesimo amore, come il ferro arroventato è:una medesima. cosa col fuoco".

 

* * *

 

Nell'ora dei Vespri, Metilde vide il Signore che, deposto dalla Croce, riposava in seno alla Beata Vergine Maria, la quale le diceva: ­ "Vieni a baciare le piaghe salutari che il mio dolcissimo Figlio ricevette per tuo amore.

"Imprimi tre baci sul suo benignissimo Cuore, rendendogli grazie per l'effusione presente, passata e futura che da quel Cuore emana sopra di te e su gli eletti tutti.

"Nel baciare la piaga della sua mano destra, gli renderai grazie perché quella mano viene ad aiutarti e a cooperare a tutte le tue opere buone; nel baciare quella della sua mano sinistra, lo ringrazierai perché in quella trovi sempre un sicuro rifugio.

"Bacia pure la piaga del suo piede destro, ringraziandolo. dell'ardente desiderio che lo spinse a correre dietro a te per tutto il tempo di sua vita. Bacia quella del suo piede sinistro perché vi troverai la remissione di tutti i tuoi peccati.

"Ti occorrono pure unguenti per imbalsamare il Diletto dell'anima tua; il primo sia l'olio di oliva che significa la misericordia, quindi ti eserciterai con maggiore assiduità nelle opere di misericordia; il secondo sia l'olio di mirra, vale a dire che per amore di Dio sopporterai le infermità e le tribolazioni con gioia, costanza e fedeltà; infine il terzo sarà olio di balsamo, il quale significa che riceverai tutti i doni di Dio con gratitudine, unicamente per sua gloria, non desiderando né sperando nulla per te medesima, ma facendo li tutti ritornare, con purezza di intenzione, verso Colui che è la fonte e l'origine di tutti i beni".

 

* * *

 

Verso l'ora di Compieta, la Beata Vergine Maria le disse ancora: "Ricevi il Figlio mio onde seppellirlo nel tuo cuore". E subito la Santa vide il proprio cuore sotto forma di un sarcofago d'argento, che aveva il coperchio d'oro. L'argento significava la purezza del cuore; e l'oro, quell'amore che trattiene e custodisce Dio nell'anima. Mentre le sembrava di seppellire Dio in questo sepolcro del proprio cuore, udì il Signore: "Qui, nel tuo cuore, diceva, sempre mi troverai; ti assicuro la vita eterna per te e per tutti quelli per i quali oggi hai pregato".

 

* * *

 

Chi desidera rinnovare spesso la memoria della Passione del Signore, può recitare sette volte, ogni venerdì, a guisa di ore canoniche, il Salmo XXIX, Exaltabo te, Domine, quoniam suscepisti me; in fine dell'anno avrà detto tanti versetti quante sono le piaghe che Cristo ha ricevute nel suo proprio corpo. Legga inoltre, se può, uno dei racconti della Passione nel Vangelo, e renda speciali azioni di grazie a Dio che ci diede la piaga del suo piede sinistro, come un bagno salutare; quella del suo piede destro, come un fiume di pace; quella della sua. mano sinistra, come un torrente di grazie; e quella della sua mano destra, come un rimedio per la guarigione delle anime. Infine, renda azioni di grazie perché la ferita del suo dolcissimo Cuore fece zampillare sopra di noi l'acqua vivificante e il vino inebriante, ossia, il sangue di Cristo e l'infinita abbondanza d'ogni bene".

 

* * *

 

Avendo un giorno Metilde domandato al Signore cosa gli piacesse di più nell'uomo, ne ebbe questa risposta:

"Ciò che mi piace di più è la cura di considerare con profonda riconoscenza e di meditare con una costante memoria tutte le virtù che praticai su la terra; tutte le pene e le ingiurie che sopportai durante trentatrè anni; poi l'afflizione nella quale passai la mia vita, gli affronti che mi vennero inflitti dalle mie creature, e infine la mia amarissima morte su la Croce per l'amore dell'uomo di cui redensi l'anima onde farne la mia sposa col prezzo del mio prezioso sangue.

"Per tutti questi benefizi ciascuno abbia tanto amore e riconoscenza come se per lui solo io avessi sofferto tutti i miei dolori".

 

 

CAPITOLO XVIII

 

RISURREZIONE E GLORIFICAZIONE DI GESÙ CRISTO

 

Nella santa notte della Risurrezione di Nostro Signore, quella Serva di Cristo lo vide che riposava nel sepolcro; divinamente ispirata conobbe che nella Risurrezione il Padre alla Umanità di Cristo aveva conferito tutta la sua divina potenza; il Figlio le aveva comunicato quella glorificazione che eternamente riceve dal Padre, e io Spirito Santo in quella aveva diffuso ogni sua dolcezza; bontà e amore. Perciò il Signore disse a Metilde:

"Nella mia Risurrezione, il cielo, la terra e tutta la creazione si posero al mio servizio".

Ella gli domandò: "In che modo il cielo vi serviva?"

"Tutti gli spiriti Angelici erano ai miei ordini", rispose il Signore.

Incontanente le sembrò di vedere presso il sepolcro una moltitudine di angeli, che circondavano il Signore come di un muro dalla terra sino al cielo.

Quella vergine allora disse: "Quale inno vi cantarono allora gli Angeli, poiché nella vostra nascita avevano intonato il Gloria in Excelsis?"

Il Signore rispose: "Cantarono: Sanctus, Sanctus, Sanctus, Santo, Santo, Santa! Orsù, giubiliamo tutti assieme e rallegriamoci! Lode all'Altissimo Dio, nei cieli! Tale fu il canto degli Angeli di cui ti riferisco, non le parole, ma il senso".

Metilde vide pure tutta la Comunità intorno al Signore, il quale, dal suo Cuore lasciava dardeggiare dei raggi che penetravano in ciascuna delle suore; poi Egli stese la mano sopra ciascuna di loro e comunicò loro la sua propria gloria dicendo: "Ecco: vi dono la chiarezza della mia Umanità glorificata: la conserverete con la purezza del cuore, con la dolce unione tra voi e con la vera pazienza, e nel giorno del giudizio vi glorierete di presentarmela".

 

* * *

 

Mentre la Comunità faceva la visita al sepolcro, quella divota vergine, nel fervore del suo cuore, disse a Dio: "Ah! mio Diletto che siete eletto tra mille e l'Amante del mio Cuore, insegnatemi Voi con quali unguenti io possa imbalsamarvi".

Il Signore disse: "Prendi quella inenarrabile dolcezza che fin dall'eternità dal mio divin Cuore scorreva nel Padre e nello Spirito Santo; ne farai del vino. Prendi quella dolcezza di cui il cuore verginale di mia Madre fu penetrato più di qualunque altro cuore; ne comporrai un miele squisito. Prendi pure quella divozione che prima della mia Passione mi tratteneva in un fervente desiderio e in un ardentissimo amore; ne farai un balsamo prezioso".

E subito le parve di avere in mano un vaso pieno dei. più meravigliosi profumi, d cui si. servì per ungere il Signore secondo il desiderio del divin Cuore; poi ne baciò le piaghe vermiglie, come veri medicamenti per l'anima sua.

 

* * *

 

Dopo la precedente visione, il Signore mostrò. a quella vergine una casa superba, vasta ed elevata, nella quale ve n'era un'altra più piccola fatta di legno di cedro e rivestita all'interno di lamine di argento; nel mezzo risiedeva il Signore. Agevolmente ella riconobbe che questa casa era il divin Cuore, perché più d'una volta l'aveva già vista in tale forma.

La piccola casa situata nella grande, figurava l'anima, la quale è immortale come il legno dei cedri è incorruttibile; aveva la porta ad Oriente, chiusa con un chiavistello d'oro dal quale pendeva una catenella d'oro che andava ad attaccarsi al Cuore medesimo del Signore, in tal modo ché mentre si apriva la porta, pareva che quella catenella commuovesse il Cuore del Signore.

La Santa intese che questa porta indicava il desiderio dell'anima, e il chiavistello la sua volontà; ma la catenella figurava il desiderio di Dio, il quale sempre previene ed eccita il desiderio dell'anima, e l'attira a sé.

Il Signore le disse: "In tal modo l'anima tua è sempre rinchiusa nel mio Cuore, ed io nel tuo. Ma quantunque tu mi contenga dentro di te così bene che ti sono più intimo di quello che tu sii intima il te medesima; tuttavia il mio Cuore è tanto alto ed elevato sopra l'anima tua da sembrare ch'essa non possa giungere fino a Lui. la qual cosa viene indicata dall'altezza e dalle dimensioni della casa grande che hai vista".

 

* * *

 

Metilde pregava pure il Signore. che si degnasse di prepararla a ricevere il suo preziosissimo Corpo.

"Prima di comunicarti, disse il Signore, esaminerai con gran cura la stanza della tua anima ber vedere se le sue pareti sono sporche o l'intonaco in disordine. Nel lato orientale, considererai se sei stata zelante o negligente in tutto ciò che riguarda Dio: nella lode, nell'azione di grazie, nella preghiera, nell'osservanza dei comandamenti. Nel lato meridionale; esaminerai in qual modo sei stata divota verso mia Madre e tutti i Santi; penserai se hai approfittato dei loro esempi e dei loro insegnamenti. Nel lato occidentale, osserverai con attenzione se sei andata avanti o indietro nel bene, se sei stata obbediente, umile, paziente nel sopportare le ingiurie, fedele nell'osservare le regole e gli statuti; esaminerai se hai combattuto e vinto i tuoi difetti. Dal lato di tramontana, osserverai se sei stata fedele verso la Chiesa intera; come ti sei comportata col tuo prossimo, se l'hai amato con intera carità, ed hai considerato come tue le sue pene; se hai pregato divotamente per i peccatori, per le anime dei fedeli e per tutti quelli che sono nel bisogno. E se sopra qualcuno di Questi punti troverai qualche macchia o qualche fallo. ti applicherai a ripararlo con la penitenza e la soddisfazione".

Subito dopo questa divina lezione, l'anima entrò in quella casa e vi si gettò ai piedi del Signore che si degnò di rialzarla e, attirandola sul proprio seno, la baciò tre volte dicendole:"Ti do il bacio di pace, da parte della mia onnipotenza, da parte della mia sapienza, da parte della mia irremovibile bontà".

 

* * *

 

Durante la Messa Resurrexi il Signore la colmò di carezze e le disse: "Sì, eccomi, e sono ancora con te: Et adhuc tecum sum, per dimorarvi sempre. Tu hai posto la tua mano sopra di me: Posuisti super me manum tuam, vale a dire hai fissato sopra di me l'intenzione che dirige tutte le tue opere"; poi soggiunse molte altre parole meravigliose ed ineffabili.

Stupita di una sì estrema bontà, l'anima voleva per riverenza allontanarsi da Dio; ma Egli l'attirò più vicino ancora, e le disse: "Andiamo, resta con me affinché io sia con te e vi goda le mie delizie".

Mentre si cantava il Gloria in excelsis, la Santa si augurava di poter ringraziare Iddio per questi nuovi favori; ma il Signore le disse: "Tu sai che sta scritto: La lode alle cose terrestri, la gloria alle cose celesti. Se adunque tu vuoi lodarmi, lo farai in unione con quella gloria di cui mi onora Dio Padre con lo Spirito Santo nella sua onnipotenza; in unione con quella gloria sublime di cui io medesimo nella mia inscrutabile sapienza, glorifico il Padre e lo Spirito Santo, mentre questa divina Persona nella sua immutabile bontà, esalta il Padre e me stesso in un modo degnissimo".

Dopo Terza, Metilde, benché si sentisse troppo debole a segno di non poter usare neanche del bastone, pregò le Suore di condurla al seguito della processione, Ella vide allora il Signor Gesù, rivestito della dalmatica come un diacono, con in mano un vessillo di color rosso; Egli andava camminando con ciascuna come con lei. E pensando ella perché mai il Signore comparisse sotto la forma. di diacono a lato di ogni persona, Egli stesso si degnò di rispondere: "Come il diacono all'altare serve il Sacerdote, così assisto Dio mio Padre, pronto ad eseguire tutti i suoi ordini. Di più, mai nessun diacono nel suo ministero fu tanto zelante, quanto io sono fedele nel servire le anime".

 

* * *

 

Nei Vespri, mentre si cantava l'antifona Regina coeli, la Santa vide nel coro la Beata Vergine in piedi; alla destra di lei stava il suo verginal Figlio rivestito di abiti ornati di trifogli e di risplendenti scudi.

Intese Metilde che i trifogli figuravano l'altissima ed adorabile Trinità: un Dio solo che in Cristo abita in modo sostanziale. Essa conobbe pure che gli stemmi, con la punta in basso e la parte larga in alto, simboleggiavano l'amarezza della vita e della Passione di Cristo la quale su la terra fu di breve durata, mentre la gioia e la gloria ch'Egli ne acquistò brilla in cielo in una maniera sempre più splendente, poiché il suo trionfo prosegue di secolo in secolo.

Il Signore portava inoltre una corona da cui pendevano vari stemmi sui quali brillavano lucide croci da ciascuna delle quali uscivano cinque raggi.

Il Signore disse: "Ecco, io voglio in questa sera offrirvi un banchetto composto di cinque vivande. Dapprima vi servirò il mutuo gaudio che in questo giorno si diedero a vicenda la mia Umanità e la mia Divinità; poi il gaudio che risentii quando, in compenso dell'amarezza della mia Passione, l'amore fece trasalire tutte le mie membra con le sovrabbondanti delizie della sua dolcezza. Vi servirò pure il gaudio che provai quando presentai al Padre mio, come un pegno preziosissimo, l'anima mia assieme con tutte quelle da me redente; e quell'altro gaudio che mio Padre mi diede nel comunicarmi il pieno potere di onorare, arricchire e ricompensare gli amici miei ch'io mi acquistai col prezzo di tanti stenti. Infine, l'ultimo di questi cibi sarà il gaudio che provai quando il Padre al mio regno eterno associò le anime da me redente perché siano per sempre mie coeredi e convittrici della mia mensa.

"I Re della terra dopo un banchetto, si separano dagli amici che vi erano invitati, io invece ammetterò i miei amici in quella medesima dimora dove abito io stesso. Se adunque uno mi ricorderà quei cinque gaudi Speciali, per il primo le darò fin da questo mondo, se lo desidererà, il gusto della mia Divinità, per il secondo, il dono di conoscermi; per il terzo, nell'ora della morte presenterò l'anima sua al Padre mio: per il quarto, l'assocerò al frutto della mia Passione e dei miei patimenti; infine, per il quinto, gli darò l'amabile società dei miei Santi".

 

LODI PER I CINQUE GAUDI DI NOSTRO SIGNORE

NELLA SUA RISURREZIONE

 

Lode, adorazione, grandezza, gloria e benedizione a Voi, Gesù Re buono, per quell'ineffabile gaudio che risentiste quando, nella vostra Risurrezione, la vostra Umanità dal Padre ricevette la divina chiarezza, e a tutti gli eletti, in sé stessa e nella sua Divinità, donò la eterna glorificazione; per quell'ineffabile gaudio vi prègo, o amatissimo Mediatore tra Dio e gli uomini, di conservarmi illesa, onde possa. per la grazia vostra conseguire quella gloria che allora mi avete donata, e di cui prenderò possesso nel giorno del giudizio. Amen,

A Voi, o mio buon Gesù, lode, adorazione, grandezza, gloria e benedizione, per quel gaudio ineffabile che risentiste nella vostra Risurrezione, quando l'inestimabile carità la quale dal seno di Padre vi aveva attirato in questo mondo ed assoggettato alle pene ed alle miserie umane, ricolmò il vostro corpo di una gioia e di una allegrezza incomparabili, come su la Croce lo aveva abbandonato a dolori intollerabili. Per questo gaudio, vi prego, o amantissimo Mediatore tra Dio e gli uomini, di darmi il lume dell'intelletto affinché io conosca l'anima mia ed in ogni tempo sappia ciò che a Voi sia accetto.

A Voi, o buon Gesù, lode, adorazione, grandezza, gloria: e benedizione, per quell'ineffabile gaudio che la vostra anima santissima risentì, quando si presentò a Dio Padre, come prezzo e pegno di eterna redenzione, felicemente accompagnata dall'immensa moltitudine delle anime beate uscite dal Limbo. Per questo ineffabile gaudio vi prego, o amantissimo Mediatore tra Dio e gli uomini, che nell'ora della mia morte siate il pegno che riscatti l'anima mia e il prezzo che paghi ogni mio debito. Fate che mi sia placabile il Padre Vostro, Giudice d'infinita equità, e conducetemi con gaudio al suo cospetto.

A Voi, o buon Gesù, lode, adorazione, grandezza, gloria e benédizione, per quell'ineffabile gaudio che risentiste quando Dio Padre vi diede il pieno potere di premiare, arricchire ed onorare, secondo la magnificenza della vostra liberalità, i vostri amici e compagni d'arme, che con tanto trionfo liberaste dalla potenza del demonio. Per questo ineffabile gaudio, vi prego, o amantissimo Mediatore tra Dio e gli uomini, di farmi partecipe di tutte le vostre fatiche e delle vostre opere, come della vostra beata Passione e della vostra gloriosa morte".

A Voi, o buon Gesù, lode, adorazione, gloria e benedizione, per quell'ineffabile gaudio che provaste quando Dio Padre vi diede tutti i vostri amici in eterna eredità, e che fu compiuta quella volontà che avevate espressa in questa preghiera così benigna: "Voglio, o Padre, che dove sono io, là siano pure quelli che mi avete dati" (Joan. XVII, 24), dimodochè per sempre possiedano quel gaudio e quel bene perfetto che siete Voi medesimo. Per questo ineffabile gaudio, vi prego, o amabilissimo Mediatore tra Dio e gli uomini, di concedermi la beata società dei vostri eletti, affinché con loro io possieda Voi, la mia gioia ed il mio unico Bene, quaggiù e nell'eternità. Amen.

 

* * *

 

Metilde in seguito pregò il Signore perché, in quel sentimento di gioia per il quale Egli aveva reso grazie a Dio Padre per l'immortalità conferita alla sua Umanità nell'ora della sua Risurrezione, si degnasse di offrire anticipatamente all'Eterno Padre, azioni di grazie per quella medesima immortalità di cui lei pure sarebbe dotata nella risurrezione futura.

Il Signore si degnò dirle: "È appunto questo ch'io fo presentemente per te e per ciascuno dei miei tanto volentieri come per me stesso, perché considero la gloria dei miei membri come la mia propria gloria: l'onore che si rende loro mi procura una gratissima gioia come se fosse reso a me stesso; e l'anima per la quale durante la sua vita terrestre compio la lode e l'azione di grazie, ne riceverà in cielo una gloria ed una beatitudine speciale".

 

* * *

 

Mentre ella ancora pensava quale fosse quella glorificazione della Santa Umanità di cui il Padre aveva dotato il Figlio suo nella Risurrezione, il Signore con bontà le disse: "Il Padre glorificò il mio Cuore con darmi ogni potere in cielo e su la terra, affinché io fossi onnipotente come Uomo, come lo ero in quanto Dio. Ho dunque il potere di premiare, onorare ed innalzare i miei amici, e insieme quello di attestar loro il mio amore, secondo la mia libera volontà. La glorificazione dei miei occhi e delle mie orecchie è questa ch'io posso vedere e conoscere sino al fondo ogni necessità ed ogni tribolazione dei miei fedeli, e sentire, onde esaudirti, tutti i loro gemiti e desiderii e le loro preghiere. A tutto il mio corpo ancora è stata data questa gloria che come nella Divinità io sono in ogni luogo, così parimenti nella mia Umanità sono dovunque voglio con tutti gli amici miei e con ciascuno di loro, la qual cosa nessuno, per quanto sia potente, ha mai potuto né mai potrà fare".

 

CAPITOLO XIX

 

NELLA SECONDA FESTA DI PASQUA

 

Nel secondo giorno di Pasqua, mentre si leggeva il Vangelo: Rimanete con noi, quella divota vergine disse al Signore: "O mia unica dolcezza, dimorate con me, ve ne prego, perché il giorno della mia vita declina verso la sera".

"Io resterò con te, replicò il Signore, come un padre col suo figlio, ti farò parte della celeste eredità che ti acquistai col mio prezioso sangue, e di tutto ciò. ch'io feci per te su la terra durante trentatrè anni: tutto questo lo riceverai in proprietà:

"Resterò ancora con te come un amico col suo amico: chi ha trovato un amico fedele, presso di lui cerca un rifugio in tutte le sue. necessità e non lo abbandona punto; così in me che sono l'amico fedele, troverai un rifugio sicuro; nella tua debolezza tu potrai sempre affidarti a me, ché in tutto fedelmente ti aiuterò.

"Dimorerò pure con te come lo sposo con la sua sposa: fra loro non può esservi separazione se non in caso di infermità; orbene, se ti infermerai, io che sono il più perito dei medici ti guarirò dei tuoi mali; epperò tra noi non vi sarà mai separazione, ma indissolubile ed eterna unione.

"Infine, resterò con te come un viandante col suo compagno; se uno dei due porta un carico troppo pesante, subito l'altro gli porge la mano e ne divide con lui il peso: io pure sarò così assiduo a portare con te tutti i tuoi carichi che ti sembreranno sempre leggieri".

Metilde allori si ricordò che il Signore altra volta le aveva detto: "Ti dono l'anima mia come compagna e come guida: in essa tu puoi aver fiducia; se sarai triste, ti consolerà, e sarà per te in ogni occasione una amica fedele". Disse dunque al Signore: ­ "Ahimé! mio Signore, vita dell'anima mia e mia dolcissima guida, perdonatemi, perché troppo raramente ho associato alle mie opere questa nobilissima compagna, né in tutte le cose mie ho ricercato come dovevo il suo aiuto!".

"Ti perdono, ripigliò il Signore, e l'anima mia resterà con te sino al termine della tua vita. Allora ti riceverà, ti darà i medesimi sentimenti con cui morendo su la Croce raccomandai lo spirito mio nelle mani del Padre mio, e in tale unione ti présenterò al Celeste Padre".

Dopo questa promessa del suo Diletto, Metilde si mise a pregare per una sua amica fedele, affinché il Signore le facesse parte di questi medesimi beni. E in quell'istante vide quella persona in presenza di Cristo il quale le prendeva le mani e le conferiva la proprietà di tutti quei beni.

 

* * *

 

Essendo inoltre dal proprio cuore portata a lodare altamente il Signore per tutti questi benefizi, lo pregò che preparasse alla sua celeste famiglia qualche magnifico banchetto. Incontanente vide i preparativi di uno splendido convito, e il Signore vestito di un abito nuziale di color verde cosparso di rose d'oro. Egli le diceva: "Io sono una rosa nata senza spine, eppure da quante spine non fui io ferito!".

La famiglia celeste del Signore portava vesti simili a quelle del Signore medesimo.

Essendo le nozze preparate, il Signore domandò: "Chi vuol tenere il posto del giullare?" E subito prendendo l'anima di Metilde nelle sue divine mani la fece danzare.

A quella vista i commensali ne provarono un nuovo aumento di gaudio e ringraziarono il Signore della graziosa amabilità che dimostrava verso quell'anima; ma Metilde stringendo il suo Diletto con abbracciamenti d'intima carità, lo condusse davanti alla mensa d'egli invitati e vide allora una luce di uno splendore meraviglioso che emanando dalla divina faccia di Cristo, illuminava tutta la Corte celeste e si diffondeva in tutte le coppe di quella mensa regale.

In tal modo lo splendore dell'amabile faccia del Signore era la sazietà degli eletti, la loro gioia e la loro voluttà; perché in se stesso il Signore dona loro una sazietà senza noia, una gioia senza fine, con eterni trasporti di allegrezza.

 

Al dolce Figlio della Vergine siano lode ed onore per un tal, banchetto!

 

 

CAPITOLO XX

 

NELL'OTTAVA DI PASQUA

 

Nel giorno dell'ottava della Risurrezione di Cristo, quella pia vergine vide di nuovo la casa di cui si è già parlato sopra.

Stava per entrarvi, quando scorse su la porta, due angeli in piedi con le ali distese in alto, in modo che, toccandosi nella loro estremità, producevano un canto dolce come quello dell'arpa; questo canto esprimeva il gaudio dei cori angelici all'arrivo di quest'anima, la quale, appena entrata, cadde prostrata ai piedi del Signore e ne salutò, baciandole, le piaghe vermiglie.

Ella giunse sino alla piaga del Cuore, e lo vide tutto spalancato, mentre ne uscivano fiamme come quelle di un'ardente fornace.

Il Signore l'accolse con bontà: "Entra, le disse, percorri il mio divin Cuore in lungo e in largo: la sua lunghezza rappresenta l'eternità della mia bontà; la sua larghezza l'amore e il desiderio ch'ebbi sempre della tua salvezza. Percorri questa lunghezza e questa larghezza, e rivendica come tua proprietà, tutto il bene che troverai nel mio Cuore perché è veramente tuo". E il Signore soffiando le disse: "Ricevi il mio Spirito Santo". Allora quell'anima felice, ripiena dello Spirito Santo, vide da tutti i suoi membri uscire come dei raggi di fuoco di cui ciascuno andava a toccare qualcuna delle persone per le quali ella aveva pregato.

Dopo la comunione le sembro che il suo proprio cuore si fondesse con quello dél Signore come una massa d'oro liquefatto in un sol pezzo, e Gesù le disse: "Così il tuo cuore sarà sempre aderente al mio, a seconda del tuo desiderio e del tuo piacere".

 

 

CAPITOLO XXI

 

NELLA SOLENNITÀ DELL'ASCENSIONE.

 

Nel giorno della gloriosa Ascensione di Cristo, parve alla Santa di trovarsi sopra un monte dove le apparve l'Amore, sotto la forma di una bellissima Vergine rivestita di un manto verde. Questa Vergine disse all'anima: "Io sono quella che tu hai visto in quel grande splendore nella notte della Natività di Cristo. lo ho condotto il Figlio dal seno del Padre sino in questo mondo terrestre; io pure ora l'ho esaltato sopra tutti i cieli". All'udire queste parole l'anima per un istante restava come interdetta, ma l'Amore soggiunse: "Non temere, tu vedrai cose più grandi ancora".

D'un tratto le vesti dell'Amore cambiarono aspetto e presero un meraviglioso fulgore, coprendosi di un graticcio d'oro di cui ogni quadrato portava l'immagine del Re, con questa iscrizione: Colui che era sceso è risalito sopra i cieli. (Eph., IV, 10). Tutte le opere della nostra redenzione erano meravigliosamente ricamate in queste diverse immagini.

Il Signor Gesù parve ornato di vesti simili a quelle dell'Amore, eccettuato che nei suoi graticci non si scorgeva più l'immagine sua, ma l'Amore! la Carità vi sedeva come una Regina.

In tal modo Dio era rivestito di sé stesso, poiché Dio è Carità e la Carità è Dio. E l'Amore, prendendo Dio nelle sue braccia, lo innalzò dicendo: "Tu sei quello in cui unicamente potei pienamente dimostrare la virtù della mia potenza".

L'anima domandò a quella Vergine cosa fossero quelle braccia capaci di trasportare il Signore, e l'Amore rispose: "Le mie braccia sono la mia. onnipotenza e la mia volontà. Tutto io posso fare, ma tutto ciò che posso fare non è sempre espediente; perciò la mia inscrutabile sapienza ordina e dispone tutte le mie opere".

Una gran moltitudine di santi apparve pure in quel luogo. Giovanni Battista, Giuseppe, padre putativo del Signore, e Simeone che ricevette Cristo nel Tempio; vi occupavano i primi posti; tutti salivano col Re.

La Beata Vergine, Madre del Signore, comparve anch'essa sul monte, rivestita di un manto simile a quello dell' Amore, ma la sua tunica era di col or rosso. Ella disse all'anima: "Immensi dolori sopportai con mio Figlio e per causa di mio Figlio, e tutti li sopportai in silenzio e con pazienza. Offrivo pure al Signore preci continue a favore della Chiesa nascente, e spesse volte lo inclinai ad una speciale misericordia. Così ancora, Egli non può sottrarsi ai desiderii dell'anima che lo ama, e ne risulta che, su la terra, quest'anima esercita sul Signore maggiore influenza che se già fosse in cielo".

L'anima domandò alla Beata Vergine quale gaudio ella avesse provato nell'Ascensione del Figlio suo. "Conobbi allora, rispose Maria, l'allegrezza e la beatitudine che avrei ricevuta nella mia assunzione".

 

* * *

 

Il Signor Gesù, ascendendo con ineffabile giubilo, arrivò davanti al Padre e gli presentò racchiuse in sé stesso, le anime di tutti gli eletti, tanto di quelli che erano ascesi con Lui, come quelle degli eletti futuri, con tutte le loro opere, i loro patimenti ed i loro meriti.

Anche quelle che, per il momento, erano in istato di peccato, in Cristo comparivano nella forma in cui saranno più tardi in cielo. Tuttavia, le anime amanti e pazienti risplendevano nel Cuore del Signore con un decoro speciale, mentre le altre risplendevano, secondo il loro posto, nelle altre membra del suo corpo.

 

* * *

 

Il Padre celeste accolse il Figlio suo coi massimi onori e disse: "Ecco, io ti dono quelle sovrabbondanti delizie che tu avevi, per così dire, abbandonate nel discendere su la terra di esilio; vi aggiungo il pieno potere di comunicarle senza, riserva a tutte quelle anime che ora tu mi presenti con te".

Il Signor Gesù offrì a Dio padre la povertà, gli obbrobri, le umiliazioni, i dolori, tutti gli stenti e le opere della sua Umanità, come nuovo e gratissimo dono che in cielo non era ancora comparso, benché anticipatamente in Dio fosse già previsto. L'Eterno Padre attirò a sé questo dono e l'unì alla sua Divinità, così intimamente come se Egli stesso avesse tutto sopportato nella sua propria persona.

Il Signore Gesù offrì pure allo Spirito Santo tutto il profumo dell'amore di cui era stato consumato il suo Sacratissimo Cuore con ardori senza pari, e i sette doni del medesimo Spirito con il loro frutto plenario, perché solo in Cristo lo Spirito Santo Operò coi suoi doni in una maniera assolutamente perfetta, secondo questa parola di Isaia: "Lo Spirito del Signore riposerà sopra di Lui, spirito di sapienza, ecc. (Isa., XI, 3).

Agli spiriti angelici Egli fece dono del latte della sua Umanità, di cui gli Angeli non avevano ancora avuto l'esperienza; questo latte era una abbondantissima dolcezza nella sua deliziosa Umanità in aumento del loro gaudio e del1a loro gloria.

Ai Patriarchi ed ai Profeti, il Signore offrì un liquore delizioso che soddisfece tutti i loro desiderii, poi li fece riposare in sé medesimo.

Rispetto ai santi Innocenti ed a quelli che erano morti per la verità, Egli abbellì e nobilitò i loro patimenti, coprendoli, per così dire, dell'oro prezioso della sua gloriosa Passione e morte!

Alle umane creature, come agli Apostoli ed agli altri fedeli, Egli fece moltissimi doni, comunicando loro l'interna consolazione con la conoscenza delle cose spirituali e l'amore fervente.

In seguito, il Signore rivolto all'anima le disse: "Ascesi al cielo come un glorioso trionfatore e portai con me tutte le tue gravezze". Da tali parole Metilde intese che i bisogni e le pene di tutti gli uomini sono presenti al Signore, e che, combattendo Egli stesso, in noi e per noi gloriosamente trionfa.

Il Signore soggiunse: "Come dissi ai miei discepoli, Dio Padre diede alla mia Umanità il potere di fare ogni mia volontà in cielo e in terra; di rimettere agli uomini i loro peccati; di preservarli da ogni male, inchinando verso di loro la mia Divinità secondo la loro indigenza".

L'anima si prostrò ai piedi del Signore per adorarlo e rendergli grazie, ma Egli si degnò di rivolgerle ancora la parola e le disse: "Alzati, Regina mia, poiché tutte le anime unite al mio amore saranno Regine".

 

* * *

 

Continuando a conversare col Signore, l'anima gli disse: "Perché, o amabilissimo Iddio, il pensiero della morte non mi causa alcuna letizia mentre altri aspettano questa ora con trasporti di allegrezza?"

"Questo, rispose il Signore, è un effetto speciale del1a mia bontà; perché se tu desiderassi la morte, attireresti il mio divin Cuore con tanta dolcezza che non potrei rifiutartela".

Metilde ripigliò: "Perché, dunque molti, anche provetti nella perfezione, hanno un così gran timore della morte? Ed io pure che sono una miserabile, mi spavento al pensiero di morire?"

Il Signore disse: "Il timore della morte viene dalla natura, perché l'anima ama il corpo e freme d'orrore di fronte all'amarezza della separazione. Ma tu, di che mai avrai paura, poiché hai ricevuto il mio Cuore in pegno d'immortale alleanza, come casa di rifugio e di eterna dimora?

 

* * *

 

Nello stesso giorno, mentre si cantava il responsorio Omnis pulchritudo, quella divota vergine in un trasporto di amore esclamò: "Mio Signore, la Vostra Ascensione ci ha privati della vostra bellezza!".

"Mai più, replicò con bontà il Signore, perché io rimango e dimorerò sempre con voi, nella mia bellezza e nella mia forza, nella mia lode, nella mia gloria e nel mio amore".

Nella processione, mentre si cantava: Et benedixit eis, Egli li benedisse, la Santa vide in aria, sopra l'abbazia una mano mirabilmente bella che benediva la Comunità mentre il Signore diceva: "La benedizione che io diedi allora ai miei discepoli è eterna, né mai vi sarà tolta".

Sentendo una volta recitare nella Messa questa orazione: "Infirmitatem nostram respice, quaesumus, cmnipotens Deus, etc.", quella divota vergine desiderava sapere qual frutto si possa ricavare da quelle parole: L'Incarnazione ecc. il Signore le disse: "Questa orazione mi ricorda le opere che feci per la redenzione dell'uomo; la parola Incarnazione, mi ricorda la carità che mi indusse a diventare fratello dei leoni e compagno degli struzzi come sta scritto di me. I leoni indicano i cuori superbi; gli struzzi, i cuori induriti dei Giudei coi quali, per amore, ho pur vissuto come un amico ed un fratello.

"La parola Gloriosa Passione mi ricorda fa fedeltà che dimostrai ai miei nemici; mentre mi infliggevano una morte crudele, io con vivissima istanza pregavo per loro il mio celeste Padre.

"Quell'altra: Morte preziosa, mi ricorda a qual prezzo davo me stesso per l'uomo, quando su l'altare della Croce, mi offrivo al Padre mio come Ostia gratissima, pagando in tal modo tutto il debito dell'Umanità.

"La parola: Risurrezione, mi fa memoria del grande onore che feci agli uomini quando risuscitai il mio corpo dal sepolcro, in pegno della loro futura risurrezione; mi ricorda pure l'alta dignità che conferii agli uomini nell'unirli a me come membra al loro Capo in una eterna alleanza.

"La quinta parola: Ascensione, mi ricorda che sono divenuto l'Avvocato degli uomini e il loro Mediatore presso il Padre. Un avvocato o intendente fedele raccoglie con gran cura i redditi del suo padrone, e quando vi scorge qualche deficit, vi supplisce coi propri beni. Così pure, io presento al Padre, centuplicandole, le opere buone degli uomini e, se in qualcuna trovo qualche difetto, vi supplisco io medesimo onde possa presentare la loro anima al Padre mio, ma arricchita davanti ai Santi d'innumerevoli beni".

 

 

CAPITOLO XXII

 

LE LAGRIME DI AMORE DEL SIGNORE

 

Un giorno Metilde sentì leggere nel Vangelo che il Signore aveva pianto; ed era preoccupata di questo pensiero. Ma Egli le disse: "Ogni volta che, su la terra, pensavo a quella ineffabile unione per la quale sono uno con Dio Padre, la mia Umanità non poteva trattenere le lagrime. Al ricordo di quell'inestimabile amore che, traendomi dal seno del Padre, mi aveva fatto prendere in isposa la natura umana, la mia Umanità non poteva tralasciare di versare abbondanti lagrime".

"Dove sono dunque, ripigliò Metilde, quelle lagrime che solo l’amore fece scorrere dai vostri occhi?"

Il Signore rispose: "Esse occupano un posto speciale nel mio Cuore, come un tesoro preferito che si custodisce in luogo sicuro".

"Mi avete detto altre volte, continuò la Santa, che queste lagrime d'amore erano state assorbite nel vostro Cuore come in un focolare". - "Questo è vero, riprese il Signore, perché nella fornace del mio Cuore furono assorbite come gocce d'acqua gettate in un braciere; tuttavia non sono state consumate, ma le conservo nel più intimo del mio Cuore".

 

* * *

 

Ella, vide ancora il Signore che apriva la piaga del suo dolcissimo Cuore, mentre le diceva: "Considera quanto sia immenso il mio amore: se vorrai conoscerlo bene, in nessun luogo lo troverai espresso più chiaramente che nel Vangelo. Nessuno ha mai sentito esprimere sentimenti più forti e più teneri di questi: Come mi ha amato mio Padre, cosi io vi ho amati. (Joan. XV, 9). Vi sono pure altre parole ch'io dissi al Padre, ve ne sono altre simili ch'io dicevo ai miei discepoli mentre li colmavo di benefizi".

 

 

CAPITOLO XXIII

 

NELLA VIGILIA DELLA PENTECOSTE

 

Nella santa vigilia dell'amabile festa della Pentecoste, mentre quest'umile Serva del Signore aspirava a dedicarsi tutta allo Spirito Santo perché questa divina Persona abitasse in lei, il Signore le disse:. "Lo Spirito Santo operò tre cose negli Apostoli: per la prima operazione, li infiammò del divino amore e li trasformò in tal modo che, invece di essere timidi, deboli e pieni di amar proprio come erano prima, si dimostrarono forti a segno che non paventarono più nulla, neppure la morte; da quel giorno stimarono invece come una gloria ed una fortuna l'essere perseguitati per amore di Dio.

"In secondo luogo, in quella guisa che il fuoco purifica il ferro e se lo assimila, così lo Spirito Santo purificò gli Apostoli da ogni macchia e in sé medesimo pienamente li santificò.

"In terzo luogo, come all'oro puro nel crogiuolo la forma dà la sua figura precisa, così lo Spirito Santo, per così dire, fece scorrere in Dio gli Apostoli liquefatti dal fuoco del suo amore, onde dar loro la forma dell'immagine divina, acciocché in essi si vedesse in atto quel detto del salmo: Io l' ho detto, voi siete dei. (Ps., LXXXI, 6).

"Così pure, chi desidera ricevere lo Spirito Santo, con viva istanza gli domandi di compiere nell'anima sua queste tre operazioni: cioè che lo Spirito Santo lo renda forte contro ogni male e disposto ad ogni sorta di bene, liberandolo dal timore naturale di soffrire, sino a fargli accettare le avversità con gioia per amore di Dio; inoltre, domandi allo Spirito Santo la remissione dei suoi peccati affinché, interamente liquefatto dal fuoco del divino amore, meriti di immergersi in Dio ed in tale beata unione diventi simile a Lui.

"Lo Spirito Santo diede pure da bere agli Apostoli in tre coppe, dimodochè non senza ragione il popolo credette ch'erano ubriachi. Dapprima li riempì in tal modo del vino dell'amore che, simili ad uomini ubriachi, dimenticavano sé stessi, non cercando più né onori né vantaggi materiali, ma unicamente la gloria di Dio. Dopo, versò loro il vino della consolazione e della dolcezza divina, a tal segno che non provavano più gusto per nessuna gioia né consolazione terrena. In terzo luogo, li inebriò di un nettare divino, che è l'amore delle cose celesti, rendendoli come insensati, a segno che nel desiderio e nell'amore di cui erano infiammati verso Dio, avrebbero affrontato mille morti per unirsi al Signore.

"L'anima fedele deve pure domandare allo Spirito Santo che le dia questo vino del divino amore, il quale produrrà in lei l'oblio di sé e il disprezzo di ogni onore e di ogni vantaggio che non interessi la gloria di Dio. Domandi ancora la pienezza della soavità dello Spirito Santo, affinché non si compiaccia mai in nessuna terrena delizia; e preghi di essere infiammata di tale amore per le cose celesti e spirituali che aspirando a Dio con tutto il cuore consideri per nulla la morte ed ogni patimento".

 

* * *

 

Nel medesimo giorno, durante la celebrazione dell'Ufficio, Metilde vide il Re della gloria, il Signor Gesù, seduto in chiesa con una moltitudine di Angeli e di Santi. Dal suo Cuore partivano altrettanti raggi quanti vi erano Santi presenti, e verso ciascuno di loro si dirigeva la punta di uno di quei raggi. Mentre si cantava il Vinea facta est, quella divota vergine di Cristo disse al Signore in un trasporto di amore: "Oh! piacesse a Dio che il mio cuore fosse. sempre una vigna eletta secondo il vostro Cuore!"

- "Io posso fare, rispose il Signore, tutto quanto potresti desiderare".

E su l'istante la Santa vide dentro il suo proprio cuore il Signore che vi passeggiava come in una magnifica vigna, e una moltitudine di angeli a guisa di un muro la circondavano e la difendevano. Nella parte orientale quella vigna produceva un vino dolce e chiaro, il quale significava i frutti delle opere che l'uomo offre a Dio nella puerizia. Verso tramontana il vino era rosso e forte, e figurava la lotta che l'uomo nella sua adolescenza sostiene per resistere ai vizi, alle tentazioni ed alle potenze nemiche. Nella parte di mezzodì, il vino era caldo ed eccellente, in segno degli atti di virtù che l'uomo, nella forza dell'età, compie per amore. Infine ad occidente, si trovava un vino generoso come il nettare, per esprimere i desiderii con cui, nella vecchiaia, l'uomo aspira con tutte le sue forze verso Dio e verso il cielo, e pèr significare anche le pene e le tribolazioni che non mancano mai in quella età.

Le venne poi rivelato che l'uomo giusto è la vigna di Dio perché il Signore trova le sue delizie in colui che, dall'infanzia sino alla morte, santamente vive per lui. Ma essa aveva pure osservato in mezzo alla vigna una fontana presso la quale era seduto il Signore. Dal sacratissimo Cuore di Gesù, come da una sorgente, l'acqua scorreva rapida verso quella fontana, nella quale Egli sembrava attingerla per riversarla su quelli che desideravano di essere spiritualmente rigenerati. Sopra quella fontana erano scolpiti sette stemmi o scudi meravigliosamente cesellati che rappresentavano i setti doni dello Spirito Santo; questi, infatti, sono giustamente rappresentati sotto la forma di scudi, perché nessuno potrà pienamente possederli senz'aver valorosamente combattuto.

 

* * *

 

Mentre si cantava: Rex sanctorum angelorum: Re dei Santi Angeli, le parve che, il Signore andasse processionalmente al fonte battesimale, avendo alla sua destra Giovanni l'Evangelista ed alla sinistra Bartolomeo, favore concesso a questi due Apostoli per la loro singolare purezza d'anima e di corpo. Pietro e Giacomo il Minore camminavano in testa al corteo in ragione della dignità vescovile che li distinse tra gli altri Apostoli.

La gloriosa Vergine Maria comparve pure alla destra del Figlio suo; la sua veste era d'oro, ornata di piccole sfere le quali senza posa si muovevano ed erano il simbolo degli incessanti desiderii ch'ella ebbe per il maggior bene della Chiesa nascente.

Dal divin Cuore scaturiva una limpidissima fonte di acqua viva.

Frattanto l'anima, rivolgendosi alla Madre del Signore, la pregò di ottenerle di essere in questa fonte purificata da ogni peccato.

La Beata Vergine si degnò di prenderla subito fra le sue braccia e di accostarla al divin Cuore, dimodochè l'anima poté baciarlo persino cinque volte.

Al primo bacio, ella si sentì mondata da ogni macchia; al secondo, le venne concessa la pace del Signore; al terzo, come una amica carissima ricevette il dono di spirituali delizie; ma al quarto, essa fu rapita nel divi n Cuore dove riconobbe tutti gli eletti ed ogni creatura.

Il Signore allora le disse: "Che cosa desideri, o potresti ancora desiderare? Ecco: ti appartiene il bene assoluto, Omne bonum, il cui possesso forma la gioia del cielo e della terra; ora dividi coi Santi, a tuo piacimento, questo bene che è il tuo bene". (1)

E Metilde, avendo con indicibile gaudio abbracciato il Signore, s'affrettò a portare questo bene alla Santissima Vergine dapprima, poi ai Santi tutti.

Nel quinto bacio, le parve di sedere col Signore ad una mensa riccamente imbandita, partecipando con Lui al medesimo banchetto.

Infine il Signore le disse: "Tu devi ogni giorno baciare il mio Cuore in queste cinque maniere. Considera come fa una madre con la sua figlia dilètta: al mattino ne osserva il volto e se vi trova qualche macchia, subito la lava via; poi ne orna il capo con una corona; terzo: spinta dal suo affetto la bacia teneramente; quarto, la introduce nella sua camera e le mostra i suoi tesori; quinto, le offre una buona refezione. Nel medesimo modo, io ricevo nella mia grazia l'anima che viene da me spinta dalla penitenza; cancello tutte le sue macchie; dopo, le impongo sul capo una bella corona, quando l'adorno di varie virtù. A questo modo in lei mi compiaccio, e non potendo più trattenere il mio ardentissimo amore, glielo attesto coi miei abbracci. Quando sia in tal modo ammesso alla mia familiarità, le dimostro per esperienza le ricchezze delle mie delizie; infine le do per cibo l'alimento più squisito, cioè il Sacramento del mio corpo e del mio sangue.

 

 

CAPITOLO XXIV

 

NELLA SOLENNITÀ DELLA PENTECOSTE

 

Nel santo giorno della Pentecoste, mentre si intonava la messa Spiritus Domini, Metilde sentì una voce che le diceva: "Ascolta, anima mia, e sta nell'allegrezza, perché se Dio ha riempito l'universo della sua visita; tu non ne sarai esclusa". Tuttavia ella disse a sé stessa: "Queste parole non vengono da Dio, ma dall'anima mia che così consola sé stessa".

E il Signore subito replicò: "Queste parole vengono da me, poiché l'anima tua è mia e l'anima mia è tua. Si legge di Gionata e di Davide che le loro anime furono agglutinate l'una all'altra; così, e più fortemente ancora, l'amore ha congiunto l'anima tua alla. mia, come oggi stesso ti dimostrerò".

Incontanente due ali bianche vennero date all'anima, ed essa volò in alto verso una gran luce, dove fermò il suo volo e riposò. E un angelo del Signore avvicinandosi la salutò con riverenza, dicendo: "O nobile vergine, preparati, ché il tuo fidanzato sta per venire. ­ Non so come apparecchi armi, rispose l'anima, perché se dovrò comparire degnamente ornata, non altri che il Diletto dèll'anima mia potrà ornarmi per Lui a suo beneplacito".

In quell'istante il Re della gloria si presentò sotto forma di un brillante fidanzato, e la rivestì di un abito bianco, dicendo: "Ricevi la veste della mia innocenza, te la dono come eterno ornamento". Egli le mise inoltre una veste di color vermiglio dicendo: "Questa l'ho tessuta coi miei patimenti e insieme coi tuoi dolori".

L'Amore stava parimenti davanti al Signore, in forma di una Vergine, alla quale il Signore, guardandola dolcemente, disse: "Tu sei ciò che sono io".

Accorgendosi allora l'anima di essere priva di mantello, l'Amore subito stese il suo manto, e ne coprì insieme Dio e l'Anima, la quale in tal modo sembrava vestita dell' Amore medesimo. Il manto dell'Amore il quale, di sotto, era di vari colori, aveva tanta ampiezza che bastava a coprire tutti gli abitanti dell'universo; e l'Amore disse: "Quanti fili vi sono nel tessuto del mio mantello, altrettante consolazioni dono il quelli che vengono da me".

L'anima intanto si fondeva nel suo Diletto e le sembrava di essere divenuta un solo spirito con Lui. Ed Egli le disse: "Ora, comanda ciò che ti piace".

"O mio Signore, rispose quella, a me non si addice il tono del comando; ma se avessi qualche potere, vorrei eccitare tutte le creature a consacrare alla vostra gloria la loro forza, la loro scienza e la loro bellezza".

 

* * *

 

Mentre all'offertorio si cantava: Tibi offerent reges munera: I Re vi offriranno i loro doni, quella divota vergine disse al Signore: "Che cosa vi offrirò, o Diletto del mio cuore? Non ho nulla che possa piacervi! I secolari vi donano una parte dei loro beni terrestri; i religiosi offrono sé medesimi con la loro intera dedizione".

Il Signore si degnò rispondere: "Offrimi il tuo cuore in cinque maniere e mi avrai fatto il regalo più gradito. Dapprima presentamelo con un'intera fedeltà, come il pegno del nostro fidanzamento, pregando che l'amore del mio Cuore lo purifichi da ogni colpa commessa per infedeltà: Inoltre, l'unico tuo piacere sia di darmelo come un prezioso gioiello, disponendoti a rinunciare per me a tutti i piaceri che potresti gustare in questo mondo. In terzo luogo, me lo offrirai come una corona composta con tutti quegli onori che potresti ottenere quaggiù ed anche nell'altra vita, affinché io solo sia la tua gloria e la tua corona. Me lo offrirai ancora come una coppa d'oro in cui io beva la mia: propria dolcezza, e infine come un vaso prezioso in cui troverò un cibo squisito, cioè me stesso, da prendere come alimento".

 

* * *

 

Un'altra volta, in questo medesimo giorno, il Signore Gesù le apparve nel coro, rivestito di un mantello d'oro, ossia dell' Amore. Egli si accostò alle Suore e dal suo Cuore più dolce del miele, inviò a ciascuna lo Spirito Santo sotto la forma di un'aura profumata e soavissima.

 

 

CAPITOLO XXV

 

NELLA FESTA DELLA SS. TRINITÀ

 

Nel giorno della S. Trinità, Metilde, mentre si trovava in orazione, desiderava che i Santi tutti e tutte le creature offrissero alla somma ed adorabile Trinità benedizioni e lodi per tutti i suoi benefizi. D'un tratto venne rapita in ispirito e portata davanti al trono della gloria, dove vide la beata Trinità sotto il simbolo di una viva fonte esistente da sé stessa senza principio, e contenente in sé ogni cosa; questa fonte scorreva meravigliosamente senza mai diminuire, e così andava ad adacquare e fecondare l'intero universo.

Frattanto, liquefatta dall'Amore, l'anima fluiva per così dire nella Divinità, la quale a sua volta si effondeva in lei, ricolmandoli di ineffabili delizie.

Durante questo tempo di unione con Dio, quell'anima distintamente udì molte parole e fra altre queste: "Ecco: con la mia onnipotenza sei divenuta onnipotente, e se vorrai sempre ciò che voglio io, sarai sempre unita alla mia onnipotenza. La mia impenetrabile sapienza ti ha pure attirata; a questa divina sapienza tu sarai sempre unita, se ti compiacerai di tutte le mie opere e di tutti i miei giudizi. Il mio amore ti ha tutta investita e si è talmente diffuso in te che tu sembri amarmi non col tuo amore, ma col mio proprio amore; in tale unione tu sarai aderente a me per sempre";

 

* * *

 

Accostandosi alla santa Comunione, Metilde sentì una gioia spirituale così straboccante che ne rimase stupefatta; e il Signore le disse: "Va, comunica il tuo gaudio a tutti i Santi". Ella si avvicinò dapprima alla santissima Vergine Maria e le fece parte della sua allegrezza, dicendo: "O graziosa Vergine, onde accrescere la vostra gloria, vi comunico l'immenso gaudio del mio cuore. - Ed io, rispose la Santissima Vergine, ti dono tutta l'allegrezza che provai più di qualsiasi altra creatura, in cielo e su la terra".

Dopo, Metilde fece parte della sua gioia agli Apostoli che le risposero: "E noi, ti doniamo tutte le consolazioni che provammo presso il nostro dolce Signore e Maestro, e specialmente quella che Egli ci concesse col chiamarci dalla morte all'eterna vita". Poi ai santi Martiri, i quali l'accolsero dicendo: "Noi ti doniamo la gioia che il suo amore ci fece trovare nel fuoco, nel ferro e in mille morti, diverse".

Quando arrivò ai confessori, questi dissero: "E noi pure ti facciamo parte di tutto il godimento che sentimmo nell'amore di Cristo in mezzo alle fatiche ed alle austerità".

Da ultimo, Metilde comunicò il suo gaudio alle Vergini, le quali le risposero: "Noi ti facciamo parte di quell'allegrezza che, per una prerogativa speciale, possediamo in Dio nostro Sposo". Allora, le sembrò che il godimento di Dio procurasse alle Vergini delizie superiori a quelle degli altri Santi e che i flutti della Divinità sopra di esse scorressero con una singolare dolcezza; perciò comprese quanto siano vere queste parole:

 

"Lauda manna virginale,

Manna novum et regale,

Quod nulli sapit hominum

Nisi palato virginum".

 

Loda la manna verginale, manna nuova e regale, che a nessun uomo viene data, perché dalle Vergini solo è gustata.

 

Nel coro delle Vergini, ella scorse la sua dilettissima sorella, la badessa di venerata memoria, e la vide ornata di virtù come una regina. Vide pure un'altra delle sue sorelle, Luitgarda, morta nel fiore dell'età, vergine amabile davanti a Dio ed agli uomini. Luitgarda era rivestita di un'ampia tunica, bianca come la neve, ornata di lamine d'oro; ella prese sua sorella per mano e la condusse davanti al trono di Dio, cantando quel detto della Sapienza: "Questa è più bella del sole e dei cedri più sublime - Speciosior Sole, et Cedris sublimior".

 

CAPITOLO XXVI

 

NELLA VIGILIA DELLA FESTA DI S. PIETRO

 

Nella vigilia dei santi Apostoli Pietro e Paolo mentre nel Vangelo si leggévano queste parole: Simone, figlio di Giovanni, mi ami tu più di questi? Metilde venne presa da un rapimento e le parve di essere in presenza del Signore il quale le diceva: "Io interrogo pure anche te; rispondi nella sincerità della tua coscienza. C'è al mondo qualche cosa che ti sia talmente cara che tu non consentiresti, se fosse lecito, ad abbandonarla per amor mio?"

La Santa rispose: "Voi sapete, o mio Signore, che se tutto il mondo, con tutto ciò che contiene, fosse mio, subito per vostro amore tutto abbandonerei".

E il Signore accolse questa volontà come se, essendo padrona del mondo intero, realmente l'avesse lasciato.

Il Signore l'interrogò una seconda volta: "C'è forse fatica alcuna, giogo od obbedienza che tu non vorresti portare per mio amore?" Ella rispose: "Oh no! mio Signore, io sono pronta a tutto sopportare per vostro amore".

Il Signore continuò: "C'è pena tanto grave che tu rifiuteresti di soffrire per mio amore?" Ella rispose: "Mio Signore, in Voi e col Vostro aiuto io sono pronta a sopportare ogni patimento". E il Signore gradì queste tre risposte come se realmente essa con l'opera le avesse tutte compiute.

Infine il Signore ripigliò: "Io ti affido tre sorte di persone. Dapprima i fanciulli innocenti e semplici, i quali sono raffigurati nell'innocenza dell'agnello; tu li istruirai e li disporrai a conoscermi e ad amarmi. In secondo luogo, quelli che sono addolorati e disprezzati, essi pure sono figurati nella mansuetudine dell'Agnello; tu li consolerai e porgerai loro tutto quell'aiuto che sarà in tuo potere. Infine, ti affido tutta la Chiesa, raffigurata nella pecora la quale è così utile all'uomo; COn desiderii costanti e con assidue preghiere la presenterai senza posa agli occhi della mia misericordia".

 

 

CAPITOLO XXVII

 

DI SANTA MARIA MADDALENA

 

Nella festa di santa Maria Maddalena, le parve che il Signore attraversasse il coro tenendo santa Maddalena dolcemente abbracciata. A questa vista, non mancò di rimaner sorpresa a motivo di queste parole: "La purezza è quella che avvicina a Dio (Sap. VI, 20), ma il Signore le disse: "L'intensità dell'amore ch'ella ebbe per me su la terra è la misura della sua unione con me in cielo".

Metilde ripigliò: "O dolcissimo Signore, insegnatemi come io debba lodarvi in questa vostra amante".

"Lodami, rispose il Signore, per le cinque ferite che l'Amore le fece durante la mia Passione.

"Mentre ero sospeso su la Croce e vicino a spirare, questa mia amante, vedendo che la morte stava chiudendo quegli occhi che sì sovente si erano con misericordia abbassati sopra di lei, ebbe il cuore trafitto come da una freccia.

"E quando la morte si avvicinò alle mie orecchie, le quali tante volte avevano ascoltato le sue preghiere, il suo cuore, mosso da compassione, ricevette una nuova ferita tanto più profonda perché essa vedeva pure il dolore e le lagrime della Madre mia ch'ella teneramente amava per causa mia.

"Quando vide le mie labbra, le quali avevano pronunciato per lei tante dolci parole per sua istruzione e consolazione, specialmente queste: La tua fede ti ha salvata, va in pace (Luc., VII, 50); quando vide queste labbra pallide e chiuse nell'immobilità della morte, di nuovo fu trapassata dalla spada..

"Quando poi vide il mio Cuore, il quale sempre più infiammava il suo ogni volta che mi vedeva, quando lo vide aperto dalla lancia, l'amore le fece una ferita ancor più profonda.

"Infine, quando vide ch'ero morto, io che ero la sua vita, la sua gioia e tutto il suo bene, senza del quale le pareva di non poter vivere; quando mi vide morto e chiuso nel sepolcro, l'anima sua, per l'ardore del suo amore, sembrò annichilirsi in un ineffabile dolore".

 

* * *

 

Un'altra volta, nella festa della medesima Santa, Metilde la vide in piedi alla presenza del Signore, col cuore tutto infiammato e radioso come un sole la cui luce si spandeva in tutto il suo corpo. Ella conobbe che questo fuoco nel cuore di Maria Maddalena fu divinamente acceso quando il Signore le rivolse la sua prima parola: I tuoi peccati ti sono rimessi; e questo fuoco prese in lei tanta forza che da quel momento, tutte le sue azioni e tutti i suoi pensieri si cambiarono come in fuoco.

Da questo fatto, Metilde conchiuse che l'anima infiammata dall'amore accresce in sé stessa l'incendio dell'amore con tutti i suoi pensieri, con le sue parole, le sue azioni e le sue pene, le quali tutte si cambiano in fuoco come legna gettata sul braciere. E se getta nel fuoco altre materie combustibili, come per esempio i peccati veniali, il fuoco tutto consuma e tutto riduce a nulla. L'anima in tal modo diventa tutta di fuoco, a segno che quando lascerà il suo corpo, gli spiriti maligni, non potranno in nessun modo avvicinarla.

Quelli che non sono infiammati di questo fuoco del divino amore non sentono i loro atti consumarsi in quel modo; e di più, il male che commettono, nell'ora della morte sarà per loro un gravissimo peso,

 

* * *

 

Parve ancora a quella pia vergine che dai piedi del Signore sorgessero due alberi verdeggianti coperti di bellissimi frutti, simbolo dei frutti di penitenza che santa Maria Maddalena raccoglieva e graziosamente donava a tutti quelli che a lei si rivolgevano. Quest'immagine le fece conoscere come santa Maria Maddalena ai piedi del Signore ottenesse il privilegio di concedere a tutti quelli che l'avrebbero invocata il dono di una vera penitenza. E Maddalena le disse: "Chiunque renderà grazie a Dio per le lagrime che versai ai piedi di Cristo, per l'opera buona che feci lavando Con le mie mani quei piedi divini ed asciugandoli coi miei capelli; chiunque renderà grazie per l'amore di cui il Signore allora infiammò il mio cuore a segno che non potevo più amar nulla fuorché Lui; se chiederà in pari tempo le lagrime di una penitenza sincera e l'infusione del divino amore, stia certo che il Signore, nella sua bontà, per i miei meriti esaudirà la sua do:manda; voglio dire che Dio gli rimetterà, prima della sua morte, tutti i péccati che avrà commessi e di più lo farà progredire nel suo amore".

 

 

CAPITOLO XXVIII

 

NELLA FESTA DELL' ASSUNTA

 

Nella vigilia della gloriosa Assunzione della dolcissima Vergine Maria, quella Serva di Cristo, stando in orazione, si trovò come in una casa dove la Beata Vergine stava riposando sur un piccolo letto coperto di candidissima tela. Metilde le disse: "Come mai, o Madre Verginale, avete potuto soffrire una infermità, poiché, come crediamo, eravate esente dalle angosce della morte?"

"Mentre pregavo, rispose Maria, ripassando nella mia mente i grandi benefizi di cui Dio mi ha ricolmata, mi trovai tutta accesa di un ineffabile desiderio di vedere il mio Dio e di essere con Lui.

"Un tale ardore serafico tanto si accrebbe che le forze del mio corpo mi abbandonarono, a segno che dovetti mettermi su questo giaciglio.

"Vennero ad assistermi tutti i cori angelici. I Serafini mi apportavano l'amore, accendendo vieppiù in me questo divino fuoco. I Cherubini mi portavano la luce della scienza, dimodochè l'anima mia anticipatamente vedeva le grandi maraviglie che il mio Signore, mio Figlio e mio Sposo, stava per compiere in me. Che lo Spirito delle tenebre, esclamai, non venga al mio cospetto, acciocché non avvenga che per la sua presenza si offuschi in qualche parte questa celeste luce.

"I Troni can una calma perfetta, conservavano in me il riposo nel quale godevo di Dio. Le Dominazioni mi assistevano col rispetto che i principi osservano verso la Regina, madre del loro Re. Con la loro presenza, i Principati impedivano che nessuna di quelli che mi avvicinavano avesse a dire o fare cosa che potesse turbare la tranquillità dell'anima mia. Le Potestà tenevano le squadre dei demonii ad una rispettosa distanza e impedivano tutti i loro attacchi. Le Virtù, vestite e adornate delle mie virtù, mi formavano intorno una fedelissima guardia d'onore. Gli Angeli e gli Arcangeli, col loro contegno, a tutti i presenti insegnavano a servirmi con riverenza e devozione".

Metilde vide inoltre in ispirito gli Angeli che formavano come un muro di riparo attorno alla gloriosa Vergine e i Serafini che camminavano nell'ardente respiro della Vergine come sotto il soffio dello zeffiro. Ma avendo veduto, vicino alla Beata Vergine, san Giovanni l'Evangelista, ella gli disse: "Per quell'offerta che faceste a Cristo nell'acconsentire, per suo amore, a separarvi dalla sua Madre, ottenetemi, vi prego, di sapere rinunciare ad ogni cosa per amore di Lui, onde possa amarlo con tutto il cuore".

E Giovanni rispose: "Trovavo tante consolazioni nelle parole della Madre del mio Signore, che non udii mai da lei nessuna parola la quale non fosse causa per il mio cuore di qualche gaudio speciale".

 

* * *

 

Durante la notte santa, Metilde stava in coro e le parve di vedere di nuovo la Beata Vergine riposare sul suo giaciglio. Le venne dato di intendere che la suprema grandezza della Maestà infinita si chinava verso l'abisso profondo di umiltà del cuore della Madre di Dio e l'inondava dei torrenti delle sue divine delizie, a segno che l'anima sua santissima tutta si trasformava in Dio.

In tal modo l'anima della santissima Vergine senza nessun dolore e con ineffabile gioia si separò dal suo corpo e volò lietissima su le braccia di suo Figlio a riposare con tenero amore sul di Lui Cuore, in mezzo ai festanti applausi di tutti i Santi, i quali l'accompagnarono sino al trono dell'altissima Trinità.

Come Dio Padre la ricevesse in sé medesimo nel più tenero sentimento della sua paternità, nessuna creatura potrebbe mai esprimerlo. Nessuna mente creata potrà mai pensare con quale filiale riverenza la impenetrabile Sapienza la insediasse alla propria destra, sul sublime trono della sua gloria. Lo Spirito Santo la ricolmò del suo amore, della sua bontà, della sua soavità e di tutti i suoi doni con tale abbondanza che la pienezza di questi doni si rifletté sopra tutta la Corte celeste. I Serafini, i quali dall'istante della loro creazione già ardevano nel focolare medesimo della Divinità; agli ardori della verginale carità di Maria si accesero di un nuovo fuoco. I Cherubini, ripieni della divina scienza, furono come illuminati da una nuova luce. Tutti gli ordini degli Angeli e dei Santi, per la gloria di una sì gloriosa Regina, conseguirono un accrescimento di amore, di allegrezza e di ricompensa. La Santissima Trinità, diffondendosi in Lei con la pienezza della Divinità, talmente l'investì che, essendo ella ripiena della pienezza di Dio, ciò che sembrava facesse era l'opera di Dio piuttosto che là sua propria. Dio vedeva con gli occhi di Maria, sentiva con le sue orecchie, e per le sue labbra celebrava, onde glorificarsi. Lui medesimo, le lodi più dolci e più perfette: Il Signore, insomma, godeva e si compiaceva nel cuore della Vergine come nel suo proprio Cuore.

 

* * *

 

La Regina della gloria stava dunque alla destra del suo Divin Figlio, portando su le proprie vesti degli specchi scintillanti, dove in modo meraviglioso si riflettevano i meriti dei santi. Perciò tutti gli eletti, Con immensa gioia, venivano davanti al suo trono a contemplare ognuno i propri meriti, per cui facendo risonare nuovi concerti di lode, in Dio dolcissimamente giubilavano.

I Patriarchi ed i Profeti, considerando i loro desiderii, le loro nobili virtù, la familiarità con cui avevano conversato con Dio su la terra, riconoscevano la superiorità su tutti questi punti, della Beata Vergine Maria, perché era manifesto che aveva posseduto virtù più sublimi, desiderii più ardenti e quindi una più intima familiarità col suo Dio.

A questo modo tutti gli ordini dei santi, avvicinandosi alla loro volta e considerando i loro meriti nella Beata Vergine, con grande allegrezza ammiravano come in ogni modo fosse loro oltremodo superiore. Infatti, era chiaramente manifesto che, tra gli Apostoli nessuno era rimasto più fedele a Cristo, né meglio ne aveva conservato le parole.

Tra i Martiri Maria compariva pure la più forte e la più costante; tra i Confessori, la più illuminata, e la più capace di illuminare con la parola e con l'esempio; tra le Vergini, non solo era la più pura e la più santa, ma la prima delle Vergini e modello delle religiose perfette.

La più mansueta tra i mansueti, la più misericordiosa tra i misericordiosi, la più umile tra gli umili, la più perfetta tra i perfetti, Maria dall'eccellenza dei suoi meriti fu elevata, al di sopra di tutti i Santi.

La Beata Vergine esclamò: "Chiunque vuole essere esaltato ed onorato più degli altri, si stimi come l'ultimo di tutti! Chiunque vuole essere il più ricco, si spogli di ogni volontà propria. Chiunque vuole conseguire l'onore supremo, si studii di praticare tutte le virtù!".

Durante il canto del responsorio Salve, Maria, Metilde disse alla Beata Vergine: "Avessi in mio poterei cuori delle creature tutte! Vi saluterei, o dolcissima Vergine, con tutto il loro amore e con tutte le loro forze".

"Inchinati, rispose la Vergine, sopra il Cuore del mio dolcissimo Figlio, il quale contiene in sé medesimo ogni creatura nella sua perfetta integrità; e per mezzo di Lui degnamente mi saluterai".

Metilde pregò allora per una persona affinché la Beata Vergine le venisse in aiuto nell'ora della morte. Maria si degnò di rispondere; "Mi preghi per quel fervore col quale l'anima mia volò in Dio come la scintilla nel suo focolare e al divin Cuore aderì come leggiera piuma tratta da una forza invincibile. Mi chieda un desiderio così fervente che, nell'ora della morte, libera da ogni impedimento, festante se ne voli a Dio. L'assisterò io stessa col mio aiuto e Con la mia protezione, e lo stesso favore userò a tutti quelli che in questo luogo mi servono".

 

* * *

 

Un'altra volta, Metilde pregava ancora per una persona che aveva gran divozione ai gaudi della Madre di Dio. Ella vide allora quell'anima davanti alla Beata Vergine la quale le donava una magnifica collana, che aveva cinque fili pendenti come corni; la Beata Vergine disse: "Nel fare memoria dei miei gaudi, si fermi a cinque considerazioni.

"Dapprima, mi saluti nell'ineffabile gaudio che provai nel contemplare l'inaccessibile luce della santa Trinità, dove come in un tersissimo specchio vidi l'eterno amore col quale Dio mi amò e a preferenza di ogni creatura, mi scelse per Madre e Sposa sua; conobbi pure quel piacere con cui in me sommamente si compiacque ed in ogni servizio ch'io gli resi nel mondo.

"Nel secondo luogo mi saluti nella pienezza di quel gaudio di cui furono ripiene le mie orecchie per il tenero saluto che mi venne rivolto dal mio amabilissimo Figlio, Padre e Sposo, quando amorosamente mi accolse secondo la grandezza della sua onnipotenza, i disegni della sua sapienza e l'immensità del suo amore, cantandomi con la sua dolcissima voce il più sublime e più armonioso inno del suo amore.

"In terzo luogo, mi saluti nella pienezza di quel gaudio che l'anima mia provò quando ricevette il dolce bacio col quale la Divinità sparse in me le sue divine delizie con tale abbondanza che dalla ridondanza del mio gaudio i cieli vennero inondati di un torrente di nuova beatitudine; di più, non v'è su la terra né mai vi sarà nessun miserabile, nessun uomo perverso ch'io non possa rendere partecipe della mia pienezza, purché egli lo desideri.

"In quarto luogo, mi saluti nel gaudio che la mia anima provò quando fu infiammata del fuoco dell'amore divino, e liquefatta dalla dolcezza del divin Cuore. Allora Dio versò in me la pienezza del suo amore, perché io ne godessi quanto fu mai possibile a creatura; e nei miei ardori la moltitudine dei santi attinse una nuova maniera di fervore e di amore.

"Infine, mi saluti nell'ineffabile gaudio che risentii quando lo splendore della Divinità investì tutto il mio corpo del suo luminoso splendore, dimodochè per la mia presenza dalla mia gloria il cielo ricevette una nuova luce ed il gaudio dei Santi acquistò un nuovo accrescimento".

 

* * *

 

Metilde fece alla Beata Vergine questa domanda: "Mia Signora, cosa è la bocca dell'anima? - La bocca dell'anima, rispose Maria, è un desiderio simile ad un'apertura spalancata. Dio ispira senza posa un tal desiderio di sé stesso; é in pari tempo lo colma secondo l'intensità della sete e del diletto che l'anima ne prova".

 

* * *

 

In quel medesimo giorno, mentre la Comunità si accostava alla santa Comunione parve a quella pia vergine di vedere il Signore seduto ad una gran mensa assieme con la Vergine Madre. Le suore che avevano già fatto la comunione ad un'altra messa erano pure sedute a questa mensa, alla quale gli Angeli rispettosamente conducevano quelle che si comunicavano. Ora, il Signore dava a ciascuna un pezzetto di pane diviso in cinque bocconi, ciò che fece comprendere a Metilde che, nel giorno della comunione, ognuno deve offrire un banchetto al Signore applicandosi a queste cinque cose:

1. - lodare Dio per quanto è possibile, in unione con la gloria che Cristo rendette al Padre suo con le sue opere e con le sue lodi, e quindi compiere tutte le proprie azioni per amore e gloria di Dio;

2. - in unione col sentimento di gratitudine per il quale Cristo prese la natura umana e in unione con l'amore per cui rese grazie a Dio quando ci fece il gran benefizio della Eucaristia, passare la giornata della comunione in un sentimento di profonda riconoscenza;

3. - moltiplicare i santi desiderii, affinché l'anima non resti vuota, per così dire, in presenza di un tanto ospite;

4. - proporsi di fare tutte le proprie azioni, in quel giorno, a vantaggio del mondo intero;

5. - proporsi pure di aiutare, con le proprie azioni e le proprie pene, le. anime dei fedeli trapassati.

Dio le fece conoscere ancora che quattro cose gli piacciono molto nei religiosi: i pensieri casti, i santi desiderii, la dolcezza nel conversare e le opere di carità.

 

 

CAPITOLO XXIX

 

UNA MESSA E UNA PROCESSIONE CELEBRATA DAL SIGNORE

 

Nel tempo in cui, durante la vacanza della sede episcopale, i Canonici molestavano la Congregazione in occasione di interessi temporali e gettavano persino l'interdetto sul monastero, Metilde, nel giorno dell'Assunzione della Beata Vergine provò un gran dolore per essere priva del Corpo del Signore. Frattanto, mentre l'anima sua ardeva del più vivo desiderio, le parve che il Signore medesimo rasciugasse le sue lagrime e prendendole le mani, le dicesse: "Oggi vedrai cose meravigliose".

Quando dunque il sacerdote avrebbe dovuto, secondo l'uso, intonare per la processione il responsorio Vidi speciosam, le sembrò che tutta la Comunità si mettesse in fila per la processione al seguito del suo Signore e della di Lui Santissima Madre.

Il Signore portava un vessillo bianco e rosso; la parte bianca era ornata di rose d'oro, e la parte rossa di rose d'argento:

La processione fece il giro del chiostro sino al coro, e di là ritornò in chiesa dove il Signore si apparecchiò a celebrare Lui medesimo la messa, rivestendosi della pianeta rossa e dei paramenti pontificali.

San Giovanni Battista doveva leggere l'Epistola, perché per il primo si era rallegrato per il gaudio della Beata Vergine, esultando nel seno di sua madre. San Giovanni l'Evangelista doveva leggere il Vangelo, perché era stato il custode della gloriosa Vergine. San Giovanni Battista e san Luca come ministri servivano il Signore all'altare, mentre san Giovanni l'Evangelista assisteva la Beata Vergine.

Maria stava a destra dell'altare, ornata di una veste splendente come la luce del sole, e portava in capo una corona arricchita di gemme incomparabili.

Nel momento in cui tutti i Santi presenti incominciarono la messa solenne Gaudeamus, la Beata Vergine si avviò verso l'altare ed offrì a suo Figlio un gioiello d'oro, tagliato come un cristallo purissimo; questo gioiello portava incastrate molte gemme lucenti come specchi dove la Santissima Vergine contemplava il riflesso di tutte le sue virtù. Ora, questo meraviglioso gioiello, in forma di scudo, copriva tutto il petto del Signore; e in quello la Beata Vergine Maria contemplava sé stessa come in uno specchio. La messa proseguì sino all'ultimo Kyrie eleison, poi il Signore con voce alta intonò il Gloria in excelsis, dicendo: "Della gioia del mio Cuore a tutti vi offro di gustare la gloria".

All'offertorio, le suore le quali avevano reso speciale omaggio alla santissima Vergine, si avanzarono per offrire degli anelli d'oro che il Signore accettò e si mise alle dita.

Il Sommo Sacerdote e Pontefice Gesù, quando ebbe cantato il Prefazio sino alle. parole: Cum quibus et nostras voces, disse ai Santi: "Cantate tutti, cantate".

E tutti cantarono: Sanctus, Sanctus, Sanctus; ma la voce della Beata Vergine era; la più soave e chiaramente si distingueva, in mezzo a quelle dei Santi.

Giunto all'istante sacro dell'elevazione dell'Ostia, il Signore che in pari tempo è Sacerdote e Vittima, parve elevare l'Ostia rinchiusa in un ciborio d'oro coperto di un velo, e questo figurava che il santissimo sacramento è oscuro per ogni intelletto sia umano sia angelico.

Dopo il Pax Domini, una mensa venne eretta; il Signore vi sedette, e la sua Madre vicino a Lui. L'intera Comunità si accostò alla mensa e ciascuna delle suore inginocchiata, per così dire, sotto il braccio della Beata Vergine, ricevette il Santissimo Sacramento dalla mano del Signore. La Beata Vergine teneva una coppa d'oro sotto il costato semi­aperto del Figlio suo, e ciascuna delle suore con una cannuccia d'oro vi attingeva quel dolce liquore che emanava dal costato del Signore.

Finita la messa, il Signore con la sua mano diede la benedizione, e a ciascuna delle sue dita si vedevano gli anelli d'oro di cui sopra, simbolo del suo mistico sposalizio con le vergini sue spose. I rubini che brillavano in quegli anelli esprimevano che il suo sangue appartiene specialmente all'ornamento delle Vergini.

 

 

CAPITOLO XXX

 

DI SAN BERNARDO ABATE

 

Nella festa dell'insigne Dottore San Bernardo, mentre in suo onore. si cantava la messa In medio Ecclesiae, quella diletta di Gesù pensando a queste parole, cercava di penetrarne il significato.

Il Signore, il quale abbassa il suo sguardo sopra i suoi eletti, illuminò l'anima di lei con un raggio della sua divina scienza. "Il mezzo della Chiesa, le disse, è l'Ordine di San Benedetto; esso sorregge la Chiesa come una colonna sopra la quale poggia tutta la casa, perché è collegato non solo con la Chiesa universale, ma pure con tutti gli altri Ordini. È collegato coi suoi Superiori, vale a dire col Papa e coi Vescovi, per il rispetto e l'ubbidienza che presta loro; e con gli altri religiosi per il suo insegnamento il quale dà, la forma della vita perfetta, poiché tutti gli altri ordini in qualche punto imitano quello di S. Benedetto. I buoni ed i giusti in quello trovano consiglio ed aiuto; i peccatori vi trovano compassione insieme e copia di mezzi per emendarsi e per confessare i loro peccati; le anime del Purgatorio vi trovano l'assistenza di sante preghiere. Infine, quest'Ordine offre ai viandanti l'ospitalità, mantiene i poveri, solleva gl'infermi, nutre quelli che hanno fame e sete, consola gli afflitti e prega per la liberazione delle anime dei fedeli defunti".

In questo centro, In medio Ecclesiae, il Signore aperse la bocca di San Bernardo già singolarmente prevenuto dalle benedizioni della divina dolcezza. Lo Spirito Santo lo riempì con tale una sovrabbondanza che, a guisa di un vento impetuoso il quale nella violenza sfonda le porte, Bernardo, sotto l'impulso dello Spirito Santo e del fuoco della sua carità; diffuse in tutta la Chiesa la dottrina che gli era divinamente ispirata. Et implevit cum Dominus spiritu sapientiae et intellectus: E il Signore. lo riempi dello Spirito di sapienza e d'intelligenza: San Bernardo fece tesoro di tutte le ineffabili conoscenze che ricevette dallo Spirito Santo; ne diffuse in grande abbondanza, ma più ancora ne conservò per sé medesimo.

 

* * *

 

Metilde domandò al Signore: "O Diletto dei mio cuore, qual è dunque quella veste di gloria di cui la Scrittura spesse volte dice che avete rivestito i vostri Santi?" E subito ella vide San Bernardo con una veste meravigliosa, tessuta di bianco, di verde, di rosso e di oro; la luce dél sole risplendendo attra­verso questi colori dava loro una trasparenza e una morbidezza meravigliosa.

"Ecco, disse il Signore: ecco quella veste di gloria, tessuta con la mia bianca innocenza e col folto fogliame delle mie sovrane virtù, tinta con la porpora del mio sangue e indorata col ferventissimo mio amore; lo splendore del sole, il quale tanto vi risplende, è la Divinità, la quale, condusse a perfezione tutte le opere della mia Umanità. Con questa veste io orno tutti i miei Santi, perché con la mia innocenza, con lo splendore delle mie virtù e con l'amorosa mia Passione, ho compiuto la gloria di tutti".

 

* * *

 

L'Amore, sotto le forme di una bellissima Vergine stava in piedi alla destra di San Bernardo, e dovunque egli andava, lo accompagnava, in segno del merito per cui ebbe il privilegio di essere infiammato del divino amore e di accendere in tanti cuori questo amore con le parole e con gli scritti. Insomma il cielo intero dai suoi discorsi sembrava ornato di preziose gemme.

 

 

CAPITOLO XXXI

 

NELLA NATIVITÀ DELLA GLORIOSA VERGINE MARIA

 

Nell'avvicinarsi di quella festa in cui la gloriosa Vergine, a guisa di risplendente aurora, fece il suo ingresso in questo mondo, quella devota Serva di Cristo nella orazione domandò alla Regina della gloria che cosa dovesse recitare in onore di lei. La benigna Vergine subito le comparve dicendo:

"Reciterai tante Ave Maria quanti sono i giorni che passai nel seno di mia madre (cioè duecentosettantasette). Poi ti congratulerai con me per la felicità che provo nel vedere e conoscere il gaudio che la Santa Trinità riceve dalla compiacenza che da tutta l'eternità ebbe in me, e specialmente nel giorno della mia nascita. In quel giorno tanto si rallegrò che la sovrabbondanza del suo gaudio si riversò sul cielo, su la terra e su tutte le creature, le quali, senza saperne la causa, provarono tutte mia grande e insolita allegrezza.

"In quella guisa che un, artefice godendo di intraprendere un'opera magnifica, mette tutta la sua cura nel farne il disegno e anticipatamente, nella gioia del suo cuore, contempla l'opera sua: così l'adorabile Trinità si dilettava e si rallegrava, volendo ch'io fossi un'immagine perfetta in cui si manifestasse tutta l'arte meravigliosa della sua sapienza e della sua bontà, mentre sapeva che l'opera sua in me non sarebbe mai stata depravata.

"Infine, si degnò prevenire la mia nascita e la mia infanzia, con tanta allegrezza che ogni atto della mia puerizia pareva nel suo cospetto come un dilettevole gioco che rapiva i suoi sguardi, secondo queste parole: Ludens coram eo omni tempore: Con Lui mi deliziavo in tutti quei giorni trastullandomi dinanzi a Lui. (Prov., VIII, 30).

"In secondo luogo, mi ricorderai quel gaudio che risento nel vedere che Dio mi ama più di ogni creatura, a segno che per amor mio più volte perdonò al mondo, anche prima ch'io fossi nata. Nell'eccesso di questo amore. Egli anticipò la mia nascita e mi prevenne con la sua grazia nel seno di mia madre.

"In terzo luogo, mi ricorderai quel gaudio che provo per avermi Iddio degnissimamente amata sopra tutti gli uomini e tutti gli angeli. Nell'istante medesimo in cui l'anima mia venne unita al mio corpo, Dio mi riempì dello Spirito Santo, conservandomi completamente pura dal peccato originale, e con questo privilegio unico di santificazione, mi elesse per suo santuario, affinché, essendo io rosa senza spine, la mia aurora splendesse sul mondo come la Stella del mattino".

La capigliatura della Beata Vergine Maria sembrava di una meravigliosa bellezza. Mentre Metilde ardiva accarezzare, questa chioma morbida come delicatissima seta, la Vergine le disse: "Tu puoi toccare i miei capelli; quanto più li accarezzerai, tanto più diventerai bella. I miei capelli simboleggiano le mie innumerevoli virtù; toccarli vuol dire imitare queste virtù, e in tal modo crescere sempre più in bellezza e in gloria".

"Regina delle virtù, riprese Metilde. ditemi, ve ne prego, quale fu la prima virtù che praticaste nella vostra infanzia?"

"L'umiltà, l'obbedienza e l'amore, rispose la Vergine; fui così umile fin dall'infanzia, che non mi preferii mai a nessuna creatura, e così obbediente e sottomessa ai miei genitori che non mai in cosa alcuna li contristai.

Siccome fin dal seno di mia madre io ero ripiena dello Spirito Santo, ero talmente ben disposta che amavo tutto ciò che è bene e con inesprimibile piacere abbracciavo la pratica di ogni virtù".

In quella santa notte, durante il canto del responsorio; Stirps Jesse, Metilde vide la gloriosa Vergine sotto la forma di un albero magnifico, il quale si estendeva sopra l'intero universo. Quest'albero aveva lo splendore e la trasparenza di uno specchio; le sue foglie d'oro rendevano una soavissima armonia; nella sua sommità si vedeva un fiore delizioso che ombreggiava il mondo e lo riempiva di meravigliosi profumi.

La gloriosa Vergine disse: "Il mio Dio è in me; in me loda sé stesso ed in modo meraviglioso in me pasce sé stesso".

 

* * *

 

Alla messa, mentre, nella prosa Ave praeclara si cantava la strofa Hinc manna verum, le parve che la Beata Vergine fosse seduta in mezzo alla Comunità, portando un bellissimo fanciullo di cui le braccia erano ornate di braccialetti d'oro e di gemme preziosissime. Questo le fece intendere che il Signor Gesù soffrì nelle braccia dolori eccessivi quando, dopo che ebbe portato la Croce, vi fu inchiodato e vi rimase sospeso a lungo.

Mentre si cantava: Ora virgo; Pregate, o Vergine, rendeteci degni di questo pane celeste, la Vergine Madre elevò in alto l'Infante, dai cui piedi scorreva sopra tutta la Comunità come un liquore balsamico.

Durante la strofa: Fac dulcem fontem: Fateci gustare questa dolce sorgente, le parve che la Beata Vergine prendesse sotto il suo manto tutti gli astanti e li applicasse al Cuore del suo divin Figlio dicendo: "In questa fonte cambierete in dolcezza ogni vostra amarezza. e trionferete di tutte le vostre tentazioni".

In seguito, mentre Metilde pregava perché la Congregazione fosse confermata nei santi suoi propositi, il Signore le disse: "Se le suore vorranno rimanere a me fedeli, io non le abbandonerò giammai".

 

 

CAPITOLO XXXII

 

GLI UOMINI ASSOCIATI CON GLI ANGELI NELLA GLORIA

 

Prima della festa di San Michele, la Serva di Cristo, trovandosi in unione familiare con Dio e avendogli chiesto quali omaggi dovesse rendere agli Angeli, ricevette questa risposta: "Dirai in loro onore il Pater noster nove volte, secondo il numero dei cori angelici". Essa li recitò, e volle offrirli al suo Angelo custode nel giorno medesimo della sua festa, affinché li presentasse lui medesimo agli altri spiriti celesti.

Ma il Signor Gesù le disse con una specie di malcontento: "A me devi lasciare questo compito, perché adempierlo sarà per me cosa graditissima; sappi che ogni offerta che a me si affida arriva in cielo nobilitata dalla mia mediazione e trasformata con gran profitto, come un denaro che fosse gettato in una massa d'oro in fusione più non apparirebbe ciò che era, ma sarebbe divenuto come oro".

Metilde vide poi un vasto scalone d'oro composto di nove gradini; la moltitudine degli angeli vi aveva preso posto: gli angeli nel primo gradino, gli arcangeli nel secondo e così di seguito, ogni ordine angelico occupando il proprio gradino. Per divina ispirazione Metilde intese che questo scalone simboleggiava la vita degli uomini.

Così nella Chiesa di Dio, chiunque adempie il proprio ufficio con fedeltà, umiltà e divozione; chiunque per piacere a Dio presta assistenza ai pellegrini o ai poveri e compie verso il prossimo tutti i doveri della carità, sarà posto al primo gradino a livello degli Angeli.

Quelli che si applicano più intimamente a Dio con la preghiera e la divozione, dando inoltre al loro prossimo istruzione. consiglio ed aiuto saranno nel secondo gradino con gli Arcangeli.

Quelli che generosamente praticano la pazienza, l'obbedienza, la povertà volontaria, l'umiltà e tutte le altre virtù, saranno nel terzo gradino con le Virtù.

Coloro che resistono ai vizi ed alla concupiscenza e disprezzano il demonio e le sue suggestioni, riceveranno il loro premio nel quarto gradino assieme con le Potestà.

I Prelati della Chiesa che amministrano con sapienza il loro ufficio, notte e giorno attendono alla salvezza. delle anime, e con gran cura fanno fruttificare i talenti che Dio ha loro affidati, riceveranno per le loro fatiche il regno della gloria nel quinto gradino, assieme con i Principati.

Quelli che, con sommissione e rispetto si inchinano davanti alla divina Maestà, e rendono, per la gloria di Dio, onore al loro prossimo; così pure quelli che, ricordandosi di essere creati ad immagine di Dio, si sforzano di rendersi a lui conformi, tenendo la carne sottoposta allo spirito ed elevando la loro anima verso le cose celesti, esulteranno nel sesto gradino, con le Dominazioni.

Coloro i quali si dedicano ad un'assidua contemplazione e con la tranquillità dello spirito conservano la purezza del cuore, offrendo a Dio una dimora pacifica e si possono chiamare il Paradiso di Dio, secondo queste parole: Le mie delizie sono distare coi figli degli uomini, e queste altre: Io passeggerò dentro a loro e vi dimorerò (II Cor. VI, 16); costoro si troveranno nel settimo gradino insieme con i Troni.

Quelli che sono superiori agli altri nella scienza e nella conoscenza e di cui lo spirito illuminato ha la fortuna di contemplare Dio a faccia. a faccia, costoro fanno rifluire verso la fonte di ogni sapienza ciò che vi hanno attinto onde insegnare ed illuminare il loro prossimo, perciò staranno nell'ottavo gradino, in compagnia dei Cherubini.

Coloro che amano Dio con tutto il loro cuore e con tutta la loro mente, s'immergono perfettamente in quell'eterno fuoco che è Dio medesimo, e diventano infine così simili a Lui che lo amano, come ne sono amati, di un amore veramente divino; amano ogni cosa in Dio e per Dio, e considerano i loro nemici come amici; nulla può separarli da Dio, nulla può fermarli, perché quanto più accanita è la guerra che il nemico muove contro di loro, tanto più si fortificano nell'amore, di cui il loro cuore è tutto infiammato; abbracciano anche gli altri con tale carità che, se fosse possibile, li renderebbero tutti perfetti nell'amor di Dio; oltre le colpe proprie, piangono i vizi ed i pecca ti altrui, perché amano e ricercano unicamente la gloria di Dio e non la loro propria: costoro staranno nel nono gradino vicini a Dio con i Serafini; occuperanno, quindi il primo posto, perché fra i Serafini e Dio non vi sono altri spiriti.

 

* * *

 

Durante la messa, Metilde vide una moltitudine di Angeli; ognuno dei quali, in forma di bellissimo giovane, stava davanti a quella tra le vergini, che gli era affidata, Alcuni portavano scettri fioriti, altri fiori d'oro; quando la Comunità faceva un inchino, su quel fiore applicavano le loro labbra in segno di pace eterna. Così fecero gli Angeli durante tutto il tempo della messa. Ma quando le Vergini si accostarono al banchetto del Re dei cieli, ciascun Angelo vi conduceva quella di cui era protettore e il Re, nella sua gloria ineffabile, teneva il posto del sacerdote; sul suo petto splendeva un gioiello ornato di un bel albero il quale si divise, e da quel dolcissimo Cuore in cui sono rinchiusi tutti i tesori della sapienza e della scienza, scorreva un purissimo rivolo in cui tutte quelle che si accostavano al divin banchetto, si inebriavano del torrente. delle divine delizie.

 

 

CAPITOLO XXXIII

 

LA FESTA DI OGNISSANTI

 

Nella vigilia della festa di tutti i Santi, per causa di un lavoro che le era stato affidato dall'obbedienza, Metilde non poté arrivare alla messa se non al momento dell'Elevazione; nel suo cuore provava gran tristezza perché non aveva da offrire al Signore altro che il suo ritardo.

Il Signore le disse: "Non credi tu ch'io abbia il potere di pagare i tuoi debiti?"

"Oh sì! Signor mio, rispose Metilde, io ho piena fiducia nel vostro potere".

Il Signore riprese: "Non sono forse io di un valore così grande da supplire anche alle tue omissioni ?"

"Ma sì, o Signore, disse la Santa, so bene che a Voi nulla è impossibile".

"Dunque, disse il Signore, risponderò completamente di tutto davanti a mio Padre. Tuttavia prega pure i diversi cori dèi Santi che offrano per te i loro meriti: i Patriarchi ed i Profeti, il loro desiderio dell'Incarnazione; gli Apostoli, la loro fedeltà nel perseverare con me nelle mie tribolazioni ed i loro viaggi attraverso il mondo per predicare la fede e conquistarmi un popolo fedele; i Martiri, la pazienza con cui versarono il loro sangue per amor mio; i Confessori, la eroica santità per la quale, con le parole e con le opere, mostrarono la via della vita; le sante Vergini la castità e l'integrità per cui meritarono di stare più vicine a me".

 

* * *

 

Durante il Mattutino, quella divota vergine vide il Re della gloria seduto sur un trono di cristallo trasparente, ornato di coralli rossi. Alla sua destra stava la Regina del Cielo, seduta sur un trono di zaffiro ornato di perle bianche. Metilde in quel cristallo del trono regale riconobbe l'inestimabile purezza della Divinità, nei coralli il sangue vermiglio dell'Umanità del Verbo; nello zaffiro, quel cielo che è il Cuore della Madre di Dio ornata delle finissime perle della sua verginale purezza.

Mentre si cantava il versetto del secondo responsorio: Ora pro populo, la Madre della gloria, alzata si dal suo trono, piegò le ginocchia e parve pregare il Re suo Figlio per la Congregazione. Ogni coro dei Santi prendeva lo stesso atteggiamento quando l'uffizio faceva menzione di loro.

Durante l'ottava lezione, la gloriosa Vergine si alzò di nuovo con l'innumerabile schiera delle sante Vergini; ed ecco da quel divin Cuore dove sono, rinchiusi i tesori di ogni beatitudine, uscire una triplice funicella di color d'oro, la quale dopo attraversato l'amabilissimo cuore della Vergine Madre, si estendeva a ciascuno dei cuori delle Vergini e così trapassando di una in l'altra il cuore di tutte, dal cuore dell'ultima ritornava a penetrare nel Cuore medesimo del Signore. Quella triplice funicella nel suo percorso aveva tracciato un meraviglioso circolo dal quale si trovava esclusa la moltitudine dei due sessi che non era stata elevata al sublime dono della verginità. Questa moltitudine formava come un secondo coro attorno al, primo; i santi Angeli, separati dall'uno e dall'altro, formavano un terzo coro. Ma da tutte le anime di questa moltitudine, tanto come da quelle delle Vergini, s'innalzava un concerto melodioso come la gran voce degli organi.

Questa celeste melodia significava che non v'è azione per quanto piccola compiuta sulla terra, come lode, azione di grazie, preghiera, atto o parola e persino di semplice pensiero, che non abbia la sua risonanza eterna a lode di Dio ed aumento del gaudio dei Beati. Questo le ricordò quanto sta scritto: Là risuonano di continuo gli strumenti dei santi: e ancora: Lodatelo coi timpani e nei cori, ecc. Quella triplice funicella, uscita dal divin Cuore le parve significare l'amore dell'adorabile Trinità, ossia del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo che, per la mediazione della degnissima Madre di Dio, riempie di una speciale soavità gli innamorati cuori delle Vergini, affine di unirle a sé; e ciò viene pure al: testato dalla Scrittura. con queste parole: L'incorruzione avvicina a Dio. (Sap., VI, 20).

 

* * *

 

Nella messa solenne, durante il canto del Vangelo, la Serva di Cristo, secondo il suo costume di fare domande al Signore, gli disse: "Che volete voi ch'io faccia al presente, o dolce mio Diletto?"

"Quello che ti ho detto ieri", rispose il Signore.

Metilde si ricordò che il giorno prima il Signore le aveva detto di pregare l'assemblea dei Santi di offrire doni per lei, quindi si disponeva ad ottenere questa grazia, ma il Signore disse: "Io medesimo prevengo tutti i Santi, e presento per te la mia offerta a Dio Padre. Gli offrirò dapprima il tempo che passai nel seno della Vergine mia Madre; quei nove mesi in cui riposai come lo sposo nella camera nuziale, li offrirò per quel tempo in cui, tu pure, dimorasti nel seno di tua madre, ma ancora macchiata dal peccato originale e incapace di ricevere la grazia. Poi offrirò la mia santissima natività per la tua nascita, in cui tu eri per me una straniera, perché non ancora rigenerata nel fonte battesimale. Offrirò la mia innocentissima infanzia e la mia prima giovinezza, per le ignoranze dei tuoi primi anni; lo zelo ardente della mia adolescenza e della mia gioventù per riparare le tue negligenze in quell'età. Infine offrirò il complesso della mia santissima e perfettissima vita e della mia amorosa Passione, per tutte le tue colpe e debolezze, affinché tutti i tuoi difetti da me e in me siano suppliti".

Dette queste cose, il Signore delle virtù, accompagnato dalla celeste milizia, s'avanzò per disporre l'offerta sopra un altare magnificamente decorato di sculture che sembravano opere di un'arte sovrumana. Metilde intese che là stava nascosto l'infinito ed inestimabile tesoro della suprema ed incomprensibile Divinità, e che le sculture di questo altare simboleggiavano i benefizi di Dio nella loro ineffabile varietà la quale sorpassa l'intelligenza umana.

A quell'altare si saliva per tre gradini: il primo era d'oro, perché nessuno può venire a Dio senza la carità; il secondo, di colore azzurro, indicava la meditazione delle cose celesti; il terzo, di colore verde, esprimeva la verdeggiante intenzione della divina lode, perché le nostre azioni devono essere animate dall'intenzione di lodar Dio molto più che dal. desiderio del nostro vantaggio e della nostra salvezza.

Verso il momento della comunione Metilde, in mezzo ai cori sopraddetti vide mia mensa rotonda magnificamente imbandita. Sotto la specie sacramentale dell'Ostia, il Signore diede il suo corpo e il suo sangue prezioso a tutta la Comunità seduta con Lui a questa mensa. Poi, come un re magnifico, per il ministero dei Principi celesti Egli fece a tutte un dono regale.

Colei che vide queste cose attestò che un tal dono era proprio conforme a ciò che Dio, in questa medesima festa, aveva detto ad un'anima divota alla quale in pegno di amore speciale, aveva promesso di dare a ciascuna della Comunità mille anime, vale a dire che le pie preci delle suore dovevano liberare mille anime per ciascuna dai vincoli del peccato e farle entrare nel Regno dei cieli.

 

* * *

 

In questa medesima festa, Metilde pensava quale lode potesse offrire al Signore in onore dei Santi; il Signore le disse "Lodami perché io sono la corona di tutti i Santi". Subito ella si mise a benedire e a lodare con tutto il suo cuore la santissima. È sempre adorabile Trinità che si degna di essere la corona e la mirabile dignità dei Santi. Inoltre, le offrì le sue lodi per la singolare prerogativa dell'aureola che forma la corona dei Vergini nella beatitudine.

Ella vide sul capo della gloriosa Vergine Maria e di tutti i Santi una corona di un prezzo inestimabile, di cui lo splendore sorpassava ogni espressione; vide pure come Dio sia l'aureola speciale della beata Vergine Maria e di tutte le Vergini. Le parve che quest'aureola fosse come una ghirlanda piena di nodi a tre a tre uniti insieme, uno dei quali era rosso, l'altro bianco e il terzo di color d'oro.

Il rosso richiamava insieme. con la Passione di Cristo tutte le pene ed avversità sofferte dalle Vergini; chiunque vuole custodire senza macchia la sua verginità, non vi riesce se non con fatica e con, molte tribolazioni. L'oro indicava il mutuo amore di Cristo e delle Vergini, perché le anime veramente vergini naturalmente amano Colui al quale hanno votata la loro perfetta castità. Infine il nodo di perle bianche significava l’innocenza e la purissima verginità di Cristo. La disposizione dei nodi a tre a tre esprimeva perfettamente, che le Vergini, più quegli altri Santi, possiedono quei tre doni che sono la familiarità, l'amore e la soavità nascoste per loro nel Signore,

Quantunque tutta la gloria cui giungono i Santi provenga dal sangue di Cristo, dalla sua innocenza e dalle sue altre virtù; quantunque ogni anima beata sia onorata della dolce familiarità del Signore; tuttavia la prerogativa speciale delle Vergini è di godere di quei tre beni in quel Dio che realmente si è fatto il loro Sposo, con una intimità, una gioia ed una sazietà sconosciute agli altri,

Sotto i nodi arrotondati per intessere la corona, Metilde intese che si nascondeva un bene che non ha prezzo né nome, il quale neppure i Santi del Cielo possono intendere a sufficienza per esprimerlo. A dire il vero, questo bene, nessuno lo conosce se non chi l'ha ricevuto, come sta scritto: Nemo scit nisi qui accipit. (Apoc., II, 17).

 

* * *

 

Durante la santa notte, la Serva di Cristo, celebrando col massimo fervore le lodi della Santissima Trinità, in un'estasi vide un'acqua viva, più risplendente del sole, la quale aveva in sé la sua sorgente, si alimentava in sé medesima e diffondeva dappertutto una squisita e salutare freschezza. Il bacino di questa fontana era in pietre durissime e preziose; la, fontana, senza nessuna opera umana, da sé stessa muoveva le sue acque e con abbondanza le versava per tutti.

Quel bacino di granito significava l'Onnipotenza del Padre; il moto delle acque che scorrevano da sé, significava la Sapienza increata del Figlio, il quale, secondo il suo beneplacito, si diffonde su tutti e si comunica a ciascuno come vuole. La dolce freschezza delle acque indicava la bontà infallibile dello Spirito Santo. L'aria salubre mantenuta dalla fontana significava che Dio è la vita di ogni creatura. Senz'aria pura l'uomo non può vivere; parimenti nessuna creatura vive senza Dio.

Intorno alla fontana e poggiate sul bacino medesimo, s'innalzavano sette colonne ornate di capitelli di zaffiro. Da queste colonne, sette getti versavano acque tranquille su gli Angeli, sui Profeti, su gli Apostoli, sui Martiri, sui Confessori e su le Vergini; il settimo ed ultimo si spargeva su tutti gli altri Santi. Allora, saziati del ben,e supremo, i Beati spiravano assieme un delizioso profumo che tutti, l'uno dall'altro, aspiravano con una mistica e santa avidità; questo dava ad intendere che i Santi, per un movimento di inesauribile benevolenza, si comunicano a vicenda il loro gaudio e tutti i beni che possiedono in Dio.

 

 

CAPITOLO XXXIV

 

SANTA CATERINA VERGINE E MARTIRE

 

Nella festa di quella Vergine privilegiata fra tutte che è Santa Caterina, questa santa apparve a Metilde tutta avviluppata in un manto coperto di ruote d'oro, il quale nella sommità aveva due mani parimenti d'oro che ne contenevano insieme le due falde. Quelle mani significavano la felice ed indivisibile unione di Dio e dell'anima.

La Serva di Cristo salutò con riverenza Caterina con l'antifona Ave, Virgo speciosa poi le disse: "Vene prego, insegnatemi cosa significhino quelle parole che cantiamo: Cujus vultum et decorem concupivit Dominus ­ Il Signore ha desiderato il tuo volto e la tua bellezza. Che cos'è questo volto che il Signore in Voi ha desiderato?"

Santa Caterina rispose: "Il mio volto è l'immagine dell'adorabile Trinità che il Signore in me ha desiderata, perché non l'ho mai guastata con gravi peccati. La mia bellezza è quello splendore e quella dignità che Cristo diffonde sopra i suoi fedeli, ornando li della ricca porpora del suo sangue.

"Orbene, sappi che questo splendore si rinnova e si accresce ad ogni santa comunione; chi si comunica una volta raddoppia questo splendore; ma chi si comunica cento e mille volte, altrettanto aumenta questa bellezza dell'anima sua".

 

* * *

 

Avendo Metilde pregato santa Caterina per una persona a lei divota, quella Santa rispose: "Le dirai che reciti in mio onore il Laudate Dominum omnes gentes e l'antifona Vox de coelis . Una voce dal cielo si fece sentire: Vieni, mia diletta, vieni; entra nella camera nuziale del tuo Sposo; ciò che tu domandi, ti è concesso; quelli per cui tu preghi, saranno, salvati. Mi ricorderà così il gaudio che provai quando Cristo, mio Re e mio Sposo, in questo modo mi chiamò. Infatti, quando sentii questa voce, il mio cuore tanto si accese d'amore e mi liquefai in una tale allegrezza che tutto l'orrore della morte svanì per me".

 

CAPITOLO XXXV

 

L'ULTIMO DEI SANTI

 

Un sabato, durante il canto della sequenza Mane prima sabbati, alla strofa Ut fons: Egli è la fonte di ogni bontà, Lui che ti ha lavata da tutte le tue colpe; pregalo che ci purifichi noi pure e ci dia il perdono, a noi suoi servi e tuoi clienti, Metilde rifletteva su gli ammirabili ed innumerevoli doni già usciti da questa fonte di ogni bene, e che ne sgorgano ancora continuamente.

Il Signore le disse: "Vieni e considera il più piccolo di quelli che sono nel cielo, allora tu conoscerai la Fonte della Misericordia": Essa si domandò subito dove lo avrebbe trovato e come l'avrebbe. riconosciuto.

Ed ecco presentarsele davanti un uomo vestito di verde, con crespi capelli ed occhi cisposi, di piccola statura e tuttavia di un volto straordinariamente bello e regolare.

"Chi sei tu?" disse Metilde.

E lui: "Su la terra ero un ladro, un malfattore; non ho mai fatto nulla di bene".

"Allora, replicò la Santa, come sei tu entrato qui nel gaudio?"

Ma lui: "Il male che facevo, non lo facevo per cattiveria, ma come per abitudine e non conoscendo nulla di meglio, perché così ero stato educato dai miei parenti. Nell'ultimo momento il pentimento mi ottenne la divina misericordia. Ho passato cento anni nel luogo delle pene; vi ho sofferto molti tormenti, ed ora, unicamente per la gratuita bontà di Dio, sono stato introdotto qui, nell'eterno riposo".

Allora quell'uomo, per una specie di trasmissione, a quella che vedeva queste cose comunicò i beni che Dia nella sua misericordia aveva posti in lui; e ciò gli procurava gran letizia.

Metilde in tal modo, nel più piccolo dei Santi, conobbe cosa sia la Fonte della Bontà.

Se Dio tali cose ha operato in uno che non aveva fatto nulla di bene, cosa non compirà nei suoi Santi che sono ricchi di virtù?

 

 

CAPITOLO XXXVI

 

SAN BARTOLOMEO

 

Metilde, nella festa dell'apostolo San Bartolomeo, vide questo Santo in una gloria meravigliosa e, davanti a lui, una croce d'oro. Pensando ella ciò che potesse significare questa croce, il Signore le disse: "È questa la croce di cui ho parlato nel Vangelo: Chi vuol venire dietro a me, prenda la sua croce e mi segua (Matth. XVI, 24). La parte superiore della Croce indica la speranza e la confidenza con le quali vengono a me quelli che per mio amore rinunciano a sé stessi ed alle cose proprie; il braccio destro è l'amore del prossimo; il braccio sinistro la pazienza nelle avversità; la parte inferiore è la previdenza che fugge tutto quanto potrebbe allontanare l'anima da Dio. Orbene, questo mio diletto discepolo, avendo, al mio seguito ed a mia imitazione) portato con perfezione la sua croce, questa gloriosamente rialza ora la dignità che gli ho conferita in premio.

Essendole così manifestata la gloria sì grande di questo Apostolo, Metilde desiderava lodar Dio nei suoi Santi per la gloria che Egli dà a quelli che lo amano. Il Signore graziosamente si degnò di istruire in questo modo la sua divota discepola: "Loda la mia bontà verso i Santi, disse, perché ho dato loro una beatitudine così completa. che non solo sovrabbondano di beni, ma veggono ancora il loro gaudio accrescersi per la felicità dei loro fratelli. La beatitudine degli altri procura a ciascuno dei Santi maggior godimento che gli onori resi ad un figlio unico ne procurino alla madre sua, e che il trionfo e la gloria di un figlio ne procurino a suo padre. Per effetto di un'amabile carità, ogni Santo gode del merito di tutti gli altri come se fosse suo proprio.

"Nelle feste dei Santi, fu puoi dunque lodarmi per averli eletti da tutta l'eternità. Questa elezione in loro è talmente confermata che quando siano eletti per la eterna beatitudine, anche se su la terra cadano in gravi peccati, io in loro non veggo più che la gloria alla quale giungeranno.

"Puoi lodarmi inoltre per l'invito al Regno della gloria ch'io rivolgo loro da vero amico. Chi ardirà mai avvicinarsi alla mia divina Maestà senza che io lo inviti e lo attiri a me?

"Puoi lodarmi infine per la bontà con. cui lealmente divido cori loro il mio regno. Tutti li ho costituiti come sono io, Re e Regine; e procuro che regnino con tanto gaudio e tanta gloria che sembrano aver ricevuto non già la metà del mio regno, ma il regno tutto intero.

"Puoi altresì dar lode ai Santi per il gaudio con cui si rallegrano perché ora mi conoscono e veggono che li ho amati da tutta l'eternità e graziosamente li ho eletti per una tale felicità. Nessuno può scorgere i sentimenti che muovono il cuore del suo amico, come i miei eletti ricevono il potere di penetrare fino al fondo più intimo del mio Cuore é di risentire con indicibile gaudio l'affetto e l'amore che porto loro.

"Puoi ancora dar lode ai Santi per la deliziosa soavità che gustano nel lodarmi e benedirmi perché vedono la mia carità verso di loro. Infine, perché hanno tutti la piena libertà della loro volontà e possono operare con liberalità in tutto ciò che vogliono".

 

* * *

 

Si possano inoltre onorare i Santi:

1) per quella gloriosissima, splendidissima e deliziosissima dimora per loro preparata fin dall'eternità; ossia; perché dimorano dove sta il Signore, come eredi del suo Figlio Unigenito e con Lui hanno il loro posto nel più profondo del cuore del Padre;

2) per l'effusione così dolce per la quale Dio li ha inondati delle sue divine delizie e per quel trasporto di gratitudine col quale a Dio rinviano le delizie di cui sono ricolmati;

3) per l'insigne onore che Dio fa loro nell'invitarli alla sua mensa, onde nutrirli a sazietà, senza nessun possibile disgusto, dello splendore del suo amabile volto ed inebriarli nel torrente della divina voluttà oltre i loro desiderii;

4) per la fedelissima loro rimunerazione, perché non fecero cosa tanto piccola, né sacrificio, né rinuncia per amor di Dio, che non sia da Lui ricordata e gelosamente conservata per essere premiata oltre ogni loro merito;

5) per l'eterna gratitudine nella quale sono certi che la loro gloria mai non verrà meno, ma durerà in eterno con un perpetuo aumento di gaudio e di ricompensa.

 

 

CAPITOLO XXXVII

 

NELLA FESTA DELLA DEDICAZIONE DELLA CHIESA

 

Nella festa della Dedicazione, durante la Messa, al canto del versetto Deus cui adstant Angelorum chori - O Dio al cui cospetto stanno i cori degli Angeli, - Metilde vide in ispirito la Gerusalemme celeste e il trono di Dio in quella. Questo trono era di tali dimensioni che si estendeva dall'alto dei cieli sino al profondo dell'inferno: sotto si vedeva una leva potente che schiacciava tutti i dannati. La Serva di Cristo intese che questa leva significava la giustizia divina che con tanta equità da Dio ha separato gli empi.

La celeste Gerusalemme era fabbricata di pietre preziose e viventi che sono i Santi; ed ogni Santo nelle mura appariva con tutti i suoi meriti, come un'immagine in un lucido specchio.

Davanti. al trono stavano tutti gli Angeli secondo il loro ordine e la loro dignità.

Desiderando Metilde di giungere sino al suo Diletto, gli Angeli con ammirabile condiscendenza la presero in mezzo a loro, e la fecero salire fino agli Arcangeli, questi la condussero sino alle Virtù.

Passando in tal modo attraverso tutti i cori Angelici, Metilde pervenne sino al trono del suo Diletto e, cadendo ai suoi piedi, gli disse: "Saluto i vostri sacratissimi piedi coi quali, come un gigante, esuberante per amore ed inestimabile desiderio, percorreste la via della nostra redenzione e della nostra salvezza". Poi rese grazie per i benefizi che aveva ricevuti ai piedi del suo Salvatore.

Dopo, disse al Signore: "Che cosa debbo ora domandare, poiché in quest'oggi siamo invitati a pregare, con la sicurezza di essere esauditi?"

Il Signore rispose: "Domanderai dapprima per te la remissione di tutti i tuoi peccati, perché è questo ciò che vi è di più salutare per l'uomo ed il miglior mezzo per ottenere il vero gaudio. Infatti, chiunque veramente pentito confessa i suoi peccati, o almeno si getta ai miei piedi con la sincera volontà di confessarli per ottenerne il perdono, è certo di riceverne piena remissione, purché abbia nel suo cuore un sentimento talmente umile da essere disposto ad abbassarsi, per mio amore, sotto ogni creatura".

Alzandosi allora Metilde, vide il Signore seduto sul suo trono, con le braccia distese. Ed Egli diceva: "Su la Croce, sono rimasto con le braccia distese sino alla mia morte; ora sto ancora con le braccia aperte davanti al Padre mio, in segno che sono sempre pronto ad abbracciare chiunque venga a me. V'è qualcuno che desideri un tal favore? Se è disposto a soffrire ogni avversità per amor mio, questo è segno che è già pervenuto a questo abbraccio.

"V'è qualcuno che aspiri al mio bacio? Se può rendere a sé stesso la testimonianza che in tutto ama la mia volontà e che questa sommamente gli piace, è segno che è già pervenuto al mio bacio.

"Chiunque vuole che ascolti ed esaudisca le sue preghiere, deve essere pronto ad ogni obbedienza, perché è impossibile che le preghiere dell'uomo obbediente non siano accolte dal Padre mio".

Mentre si cantava il responsorio Benedir, Metilde vide tutte le virtù in quel responsorio nominate come personificate da Vergini in piedi davanti a Dio. Una di loro più bella delle sue sorelle, teneva in mano un coppa d'oro, dove le altre Vergini versavano un liquore profumato che quella offriva al Signore. Meravigliata di un tale spettacolo, la Serva di Cristo, desiderava di comprenderne il significato.

Il Signore le disse: "Questa Vergine è l'obbedienza: sola mi presenta da bere, perché l'obbedienza contiene in sé le ricchezze delle altre virtù e il vero obbediente necessariamente deve possederle tutte: dapprima la sanità dell'anima, vale a dire che non si grava da nessun peccato mortale; poi l'umiltà, poiché si sottomette in tutto, ai suoi superiori. Il vero obbediente possiede pure la santità e la castità, poiché conserva la purezza del corpo e del cuore; le virtù gli sono necessarie per essere forte nelle opere buone e vittorioso nelle lotte contro il male. Altre virtù ancora convengono all'obbediente: la fede, senza della quale nessuno può piacere a Dio; la speranza che ci fa tendere a Dio; la carità verso Dio come verso il prossimo; la bontà che si mostra mansueta ed affabile per tutti; la temperanza, che elimina tutto il superfluo; la pazienza, che trionfa delle avversità e le rende utili e fruttuose; infine la disciplina religiosa, per la quale ognuno osserva strettamente la propria regola".

 

* * *

 

Metilde pregò per una persona che trovava troppo penosa la sua carica, ed essa la vide presso Dio tra quelle Vergini, e udì che il Signore le diceva: "Perché mai canti per me così di mala voglia, poiché io canterò per te con tanta buona grazia nell'eternità? Il canto d'un sol giorno per obbedienza, mi diletta di più che tutti i possibili canti eseguiti per volontà propria".

 

* * *

 

Udendo un'altra volta cantare il responsorio Vidi la Gerusalemme celeste ornata e composta con le orazioni dei Santi, pénsava in che modo potesse la città essere ornata e composta di orazioni.

Il Signore le disse: "Questa Città è convenientissimamente ornata di quattro sorte di orazioni come di oro e di gemme preziose. La prima è quella degli eletti, i quali con un cuore umile e contrito domandano che sia loro perdonato ogni peccato; la seconda è quella dei tribolati che implorano aiuto e sollievo; la terza è quella della fraterna carità che prega per le necessità e le miserie del suo prossimo; questa terza sorta di orazione a Dio è molto accetta e grata, formando pure un prezioso ornamento per la celeste Gerusalemme. La quarta sorta di orazione è quella dell'anima che per puro amor di Dio intercede per tutta la Chiesa e per ciascuno in particolare come per sé stessa; e questa orazione risplende nella Gerusalemme celeste e l'abbellisce a guisa di un nuovo e splendentissimo sole".

 

 

CAPITOLO XXXVIII

 

NELLE ULTIME DOMENICHE DOPO LA PENTECOSTE

 

Nella domenica ventesima dopo la Pentecoste, sentendo nel Vangelo queste parole: Amico mio, perché siete entrato qui senza l'abito nuziale? (Matth. XXII, 12), quella divota vergine disse al Signore: "Mio Diletto, qual è quest'abito senza del quale nessuno potrà venire alle vostre nozze?"

Il Signore le mostrò subito un abito meravigliosamente tessuto di porpora, di bianco é di oro, dicendole: "Ecco l'abito nuziale, composto della candidezza di un cuore puro, della porpora dell'umiltà e dell'oro del divino amore. Chiunque vuole portare quest'abito, deve avere un cuor puro, ossia non permettere volontariamente che vi entri nessun pensiero cattivo; poi giudicare benevolmente di tutto quando vede e sente. Si sottometta con dolcezza ed umiltà ai suoi superiori ed anche ad ogni creatura onde piacere a Dio. Ami Dio con tutta l'anima sua, disprezzi ogni creatura a confronto col Creatore, e sia disposto a rinunciare a qualunque cosa che potesse allontanarlo da Dio".

 

* * *

 

Nella domenica ventesima seconda dopo la Pentecoste, mentre. si cantava la messa Dicit Dominus , il Signore le disse: "Se vuoi rassomigliare a me come una figlia benamata, imitami in queste parole: Io nutro pensieri di pace e non di afflizione; applicati ad avere un cuore tranquillo e pensieri pacifici; non contendere con nessuno, ma sii arrendevole sempre con pazienza ed umiltà. In quella guisa che io esaudisco quelli che m'invocano, così tu pure dimostrati benevola e favorevole a tutti. Lavora a liberare tutti gli schiavi, vale a dire porgi aiuto e consolazione agli afflitti e a quelli che sono tentati".

 

 

CAPITOLO XXXIX

 

LA B. V. MARIA E LE SUE SETTE ANCELLE

 

Un giorno, durante la messa Salve sancta Parens, Metilde, mentre salutava Maria Santissima pregandola che le ottenesse il perdono dei suoi peccati, vide la Beata Vergine al cospetto del Signore. Cadendo ai piedi di lei, ne toccò l'orlo delle lunghe vesti che scorrevano sino a terra e con quelle si asciugò il volto. Poi alzandosi, le parve di essere circondata da Parecchie vergini, e come desiderava conoscerle, la Beata Vergine le disse: "Queste vergini furono le mie Ancelle su la terra.

"La prima è la Santità, la quale mi servì fin dal seno di mia madre dove mi riempì dello Spirito Santo.

"La seconda è la Prudenza, la quale nell'infanzia mi preservò da qualsiasi atto puerile che non fosse conforme alla volontà di Dio.

"La terza è la Castità, la quale mi servì nell'ora in cui l'Angelo mi salutò ed è l'amore di questa che mi suggerì la risposta ch'io gli feci.

"La quarta e l'Umiltà per la quale divenni madre di Dio mentre mi protestavo sua serva.

"La quinta è la Carità, la quale dal seno del Padre trasse il Figlio di Dio nel mio seno. Il cuore delle altre madri, durante la loro grossezza talvolta soffre deliqui per causa del dolore; il mio cuore invece non isvenne mai se non per l'eccesso dell'amore. Come il cervo desidera le fontane, così io desideravo di contemplare l'Infante che portavo nelle mie viscere.

"La sesta Vergine è l'attenta Diligenza la quale mi servì in tutta là mia condotta nella nascita del Figlio mio, e mi fece compiere pienamente verso di Lui la volontà del Padre.

"La settima è la Pazienza: questa fu al mio servizio dalle prime ore dell'esistenza del Figlio mio sino alla ultima ora della sua Passione.

"Inoltre il santo e filiale Timor di Dio fu il mio fedele assistente, né mai lasciò che i miei piedi avessero a sdrucciolare".

Metilde allora disse: "Mia Signora, ottenete anche a me queste virtù. - Avvicinati a mio Figlio, rispose la Vergine, e chiedile a Lui medesimo". Il Signore era seduto su un trono sorretto da due colonne ornate di zaffiri incastrati nell'oro. L'anima si prostrò ai suoi piedi e lo supplicò che le volesse concedere quelle virtù e non solo a lei, ma pure a tutti quelli che ancora si trovassero nel tempo della prova. Il Signore parve acconsentire alla sua preghiera ed assegnò al suo servizio quelle Vergini che erano presenti. La Serva di Cristo si accorse che ciascuna teneva in mano una piccola lancia, la quale significava la costanza indispensabile per resistere ai vizi. Attorno a queste lance erano sospesi dei cembali in oro che appena si agitavano rendevano un suono dolcissimo per le orecchie del Signore. Questi cembali significavano le vittorie che l'anima riporta con la resistenza ai pensieri disordinati, vittorie che piacevolmente risuonano alle orecchie di Dio

Metilde vide poi tutto intorno moltitudini di Angeli e di Santi, e il Signore disse: "Tutti questi, tutte queste migliaia. che stanno qui presenti, saranno difensori di quelli che per me combatteranno contro le insidie del nemico".

 

CAPITOLO XL

 

LA VERA SANTITÀ

 

Un sabato, cantandosi la messa Salve sancta Parens, Metilde salutò la Beata Vergine pregandola di ottenerle una vera santità. La gloriosa Vergine rispose: "Se tu desideri la vera santità, sta vicina al Figlio mio; Egli è la Santità, medesima che santifica ogni cosa".

Pensando Metilde come potesse ciò fare, la benignissima Vergine le disse ancora: "Applicati alla sua santa Infanzia, pregando che, per la sua innocenza, siano riparate le colpe e le negligenze della tua infanzia. Applicati alla sua fervente adolescènza la quale fiorì in ardentissimo amore a segno che in Lui solo il divino Amore ebbe sufficiente materia, affinché la tiepidezza e l'accidia della tua gioventù per quella sia riparata. Unisciti a tutte le sue divine virtù, acciocché le tue ne siano nobilitate e sublimate.

"In secondo luogo, tieniti vicina al Figlio mio, col dirigere a Lui i tuoi pensieri, le tue parole e le tue azioni, affinché Egli che non è mai caduto in fallo, cancelli tutto quanto in te travasi d'imperfetto.

"In terzo luogo, tieniti vicina al Figlio mio come la sposa presso lo sposo, il quale, coi suoi beni, le dà il vitto ed il vestito, mentre essa per amar di lui ne ama ed onora la famiglia e gli amici. In tal modo, l'anima tua si nutrisca del Verbo di Dio come del migliore alimento, e si copra e si orni delle sue delizie, vale a dire degli esempi ch'Egli porge ad imitare. Unisciti pure alla sua famiglia, voglio dire ai Santi, amali, loda Dio per loro, e spesse volte inviali al Diletto perché lo lodino insieme con te. Così ti farai veramente santa, secondo quanto sta scritto: Col santo tu sarai santo (Ps. XVIII, 26), come una giovane diventa regina associandosi alle sorti del Re".

 

* * *

 

Nella sequenza Ave Maria, mentre si cantava: Salvatoris Christi Templum exstitisti ­ Voi siete stata il Tempio di Cristo Salvatore, la Serva di Cristo disse alla gloriosa Vergine: "Intercedete per me, Voi che foste in verità il Tempio di Dio più glorioso, più radioso e più gradito". Allora, la santissima Vergine, prendendola per mano, la condusse ad una casa magnifica, altissima, costruita in pietre tagliate, senza nessuna finestra eppure molto illuminata nell'interno, con una piccola porta di diaspro di notevole spessore chiusa con una catena d'oro.

Questa casa raffigurava la gloriosa Vergine medesima: le pietre quadrate indicavano che i quattro elementi di cui l'uomo è formato, in Maria erano in perfetto equilibrio: l'altezza e l'illuminazione indicavano la sua altissima contemplazione e la sua scienza perfettamente luminosa. La porta esprimeva la sua misericordia sempre aperta a chiunque si presenti: il di aspro rosso, la sua ammirabile pazienza; la catena d'oro, il suo amore. La Beata Vergine disse: "Se tu desideri diventare casa di Dio in questa maniera, praticherai le suddette virtù".

La gloriosa Vergine nella mano destra portava quattro anelli d'oro ornati di preziosissime gemme, e pose questa sua mano in quella di Metilde dicendole: "Per queste gemme tu trionferai di ogni genere di tentazioni: dell'orgoglio, della rabbia, della lussuria, della pigrizia. Se ti senti gonfia dalla superbia, opponile la mia santa umiltà; se l'ira ti molesta, ricordati della mia mansuetudine, perché fui la più mansueta delle creature; se l'impurità ti perseguita, abbi ricorso alla mia santissima castità; se sei tentata di pigrizia, rifugiati presso il mio ardentissimo amore. Così respingerai tutti gli assalti e le insidie del nemico".

 

 

CAPITOLO XLI

 

LE SETTE CORONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

 

Durante la messa Salve sancta Parens, Metilde vide la Beata Vergine Maria con il capo ornato di una corona i cui fiori erano inclinati verso la terra. Il suo manto di porpora era coperto di corone d'oro, le quali pendevano pure verso la terra e delle quali ciascuna aveva il suo significato. La corona del capo indicava l'unione con Dio, più perfetta in Maria che in nessun'altra creatura. Quella che ornava le sue spalle portava questa iscrizione: Madre di Dio e degli uomini. La terza corona, posta all'altezza del petto, portava queste parole: Regina degli Angeli. La quarta: Gioia di tutti i Santi. La quinta: Conforto dei miseri. La sesta: Rifugio dei peccatori, e la settima: Consolatrice dei vivi e dei morti. I fiori di tutte queste corone avevano la punta rivolta al basso, per esprimere che la Vergine Maria si degna di chinarsi verso i figli degli uomini, in virtù appunto dei doni e dei benefizi di cui Dio l'ha colmata.

Avendo la Santa pregato per varie persone affidate alle sue cure, la Beata Vergine le disse: "Se un uomo rallegrato dal vino si dimostra più liberale d'un uomo sobrio, quanto più sarò sovranamente liberale io che nella somma dolcezza del Divin Cuore ad ogni istante bevo in abbondanza il dolcissimo vino della suprema Divinità?"

 

* * *

 

Un sabato, durante il canto del responsorio Ave Virgo singularis, la Beata Vergine Maria le apparve davanti all'altare e in faccia di lei stava San Gabriele. Ad una tale visione, Metilde cadde ai piedi della Vergine, supplicandola di ottenerle il perdono d'un peccato di mormorazione che aveva commesso meno per malizia che per il desiderio di porgere sollievo ad una persona irritata. Ma la Beata Vergine Maria, prendendole la mano, disse: "Fa voto al Figlio mio di non mai più commettere una tal colpa" - "Voi medesima, o tenera Madre, rispose Metilde, ottenetemi questa grazia".

Mentre si cantava il versetto "Auro vestiris intus" due raggi uscirono dal Cuore semi­aperto della Beata Vergine, illuminando i due lati del coro. Venne quindi ispirata Metilde di salutare il Cuore della gloriosa Vergine Maria nelle sette circostanze in cui quel Cuore santissimo si mostrò per noi più amante e benefico di qualunque altro eccettuato il Cuor di Gesù. Dapprima la salutò nel suo desiderio della nascita di Cristo, desiderio che sorpassò quello dei Patriarchi e dei Profeti; poi, nell'amore ardentissimo ed umilissimo per cui venne scelta a Madre di Dio; terzo, in quella dolcezza con la quale con tanta tenerezza allevò il piccolo infante Gesù; quarto, nella sua attenzione a conservare le parole di Cristo; quinto, nella sua imitazione della pazienza di Gesù sofferente; sesto, nelle sue assidue preghiere per la Chiesa nascente; settimo nel compito che ogni giorno adempie in cielo, mentre appoggia le nostre suppliche presso il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo.

Mentre Metilde faceva l'inchino al Gloria Patri, la gloriosa Vergine che le stava di fronte, si inchinava pure nella medesima maniera sino alle ginocchia. E come la Santa se ne meravigliava, le fu rivelato che la Santissima Vergine, essendo elevata sopra ogni creatura, sopra tutte era pure maggiormente grata per tutti i doni di Dio.

Quando si cantò: Salve, Regina nobilis, la Beata Vergine Maria comparve di nuovo, tenendo su le braccia il piccolo Infante, avviluppato in fasce e attaccato alla verginale poppa: essa stette in tale atteggiamento davanti a quella che cantava il versetto: Omnia pascentem, Lui che nutre ogni creatura.

Nel responsorio seguente, a queste parole: Agnosce cui proebueris ulnas - Riconosci Colui che portasti su le tue braccia, la Vergine innalzò le braccia, elevando l'Infante al di sopra della sua testa, come per mostrare che a tutti ella manifesta il Dio-Uomo.

 

* * *

 

Un sabato ancora, desiderando Metilde godere della presenza della Beata Vergine, durante il responsorio Regali le parve di vedere tutti i cori degli Angeli avvicinarsi alla Vergine Maria, per esprimerle il desiderio di quest'anima amante e supplicarla umilmente di esaudirla. Perciò, al canto della parola Ostende, gli Angeli dissero: "Oh sì! venite, Signora!" Poi a ciascun gruppo delle note della melodia, gli Arcangeli, le Virtù, le Potestà, i Principati, le Dominazioni, i Troni, i Cherubini, per turno, ripetevano il medesimo invito. Quando fu compiuto il canto di queste parole: Ostende te, Maria: Mostratevi o Maria; i Serafini presero arditamente la Vergine e con tutti gli Angeli l'accompagnarono sino in mezzo al coro.

La Santa frequentemente ebbe il favore di una tale visione.

 

 

CAPITOLO XLII

 

DEI GAUDI DELLA BEATA VERGINE MARIA.

 

Una volta, durante un'apparizione della Beata Vergine, Metilde la pregò di insegnarle il modo di onorarla in quel giorno. La Beata V. Maria le diede questa risposta: "Onorami per quel gaudio che provai quando il Figlio mio, uscendo dal Cuore di suo Padre, venne come uno sposo nel mio seno, esultando come un gigante onde percorrere la sua via.

2) "Onorami per quel gaudio che provai quando, uscendo dal mio seno. verginale, Egli divenne per me un figlio di dolcezza e di allegrezza. Gli altri figli apportano alla loro madre dolore e tristezza; ma il Figlio di Dio, essendo la dolcezza medesima, a me sua Madre apportò solo gaudio e soavità.

3) "Onorami per quel gaudio che provai nell'offerta dei Magi, quando, in tal modo Egli divenne per me un Figlio di onore, perché, nel corso dei secoli, nessuna madre giammai fu onorata con simili doni nella natività di un suo figlio.

4) "Onorami per il gaudio che provai nell'offrire al Tempio il Figlio mio. Là, Egli fu per me un figlio di purezza e di santità. Le altre madri venivano al tempio onde essere purificate; io invece, non avendo bisogno di purificazione, vi ricevei un aumento di santità.

5) "Onorami perché nella sua Passione, mi fu fatto Figlio di tristezza, di dolore, di redenzione.

6) "Perché nella sua Risurrezione, mi divenne Figlio di gioia e di allegrezza.

7) "E infine perché, nella sua Ascensione, Egli fu per me un Figlio di maestà divina e di regale dignità.

 

 

CAPITOLO XLIII

 

L'AVE MARIA

 

Un sabato, durante la stessa messa Salve sancta Parens, la Serva di Cristo disse alla Beata Vergine Maria: "Se potessi salutarVi, o Regina del cielo, col più dolce saluto che il cuor dell'uomo abbia mai composto, lo farei volentieri".

La gloriosa Vergine subito le comparve, portando sul suo petto scritta in lettere d'oro la Salutazione angelica, e disse: "Nessun Uomo ha mai trovato un saluto più sublime.

"Nessuno può farmi un saluto più dolce che usando con riverenza della parola: Ave che Dio Padre mi rivolse, confermando così con la sua onnipotenza ch'io fossi libera da ogni macchia di peccato. Dal canto suo, il Figlio di Dio mi illuminò con la sua divina sapienza, facendo di me una stella brillante per rischiarare il cielo e la terra: questo è indicato dal mio nome di Maria, il quale significa Stella del mare. Lo Spirito Santo infine, mi investì della sua divina dolcezza e mi riempì di grazia in tal modo che tutti quelli che cercano la grazia per la mia mediazione, la trovano, ed è ciò che esprimono queste parole: Gratia plena: Piena di grazie.

"Le parole Dominus tecum: Il Signore è con te, mi ricordano l'ineffabile unione e l'operazione compiuta in me dalla Trinità intera, quando prese una parte della sostanza della mia carne onde unirla alla natura divina in unità di persona, dimodochè Dio si fece uomo e l'uomo fu fatto Dio. Quale soave gaudio io abbia provato in quell'ora, non vi è creatura che possa mai averne la piena esperienza.

"Con queste parole "Benedicta tu in mulieribus: Siete benedetta fra tutte le donne", tutto quanto vive, con ammirazione riconosce e pubblica che sono benedetta sopra ogni creatura tanto del cielo come della terra.

"Con queste altre: "Benedietus fructus ventris tui: Benedetto il frutto del vostro seno", viene benedetto ed esaltato il frutto eccellentissimo e preziosissimo del mio seno, il quale vivifica, santifica e benedice ogni creatura in eterno".

 

 

CAPITOLO XLIV

 

L'AVE MARIA PRIMA DELLA COMUNIONE

 

Un giorno, nella sua meditazione dopo il Mattutino, le venne il dubbio se il giorno prima avesse recitato la Compieta della B. Vergine. Tutta contristata, confessando al Signore la sua negligenza, si mise a compiere quell'ufficio; poi recitò cinque Ave Maria che era solita dire prima di accostarsi alla comunione.

Con la prima Ave Maria, ricordava alla Vergine Santissima quel solenne momento in cui nella sua verginale purezza, come le era stato annunciato dall'Angelo, concepì il Figlio suo, il quale dalle sue regali dimore venne attirato sin nell'abisso dell'umiltà di Maria; e dopo, chiedeva alla Vergine gloriosa che le ottenesse la purezza della coscienza e la vera umiltà.

Con la seconda Ave Maria, ricordava alla Vergine Santissima quel felice momento in cui, preso fra le sue braccia il Figlio suo, e vedendolo per la prima volta nella sua Umanità lo riconobbe per il suo Dio. Con questa Ave Maria chiedeva di ottenere la vera conoscenza di Dio.

Con la terza Ave Maria, le ricordava come fosse stata pronta in ogni tempo a ricevere la grazia, né mai vi avesse posto ostacolo, pregandola che le volesse ottenere un cuore sempre aperto alla divina grazia.

Con la quarta, le ricordava la divozione e le azioni di grazie, con cui su la terra ella riceveva il Corpo del suo diletto Figlio, riconoscendo meglio di ognuno la salvezza di cui Egli è la sorgente per gli uomini, e pregava la Beata Vergine che le ottenesse la vera gratitudine.

Con la quinta, le ricordava l'amorosa accoglienza che le fece il Figlio suo quando la richiamò a Lui, pregandola di ottenerle per quel momento in cui sarebbe lei pure ricevuta nell'eternità una grazia di gaudio; e inoltre la pregava di ottenerle la grazia di andare alla comunione con letizia spirituale, perché se l'uomo conoscesse la salvezza che gli proviene dal Corpo di Gesù Cristo, ne morrebbe di gioia.

Allora Metilde ebbe la visione della Beata Vergine Maria la quale la strinse nelle sue braccia; ma di nuovo si mise a rimproverarsi la sua negligenza e a pensare se nella sera precedente avesse recitato la Compieta. ­ "Poiché non sai d'averla omessa, le disse la Vergine, davanti a mio Figlio è come se non vi sia stato alcun difetto".

 

CAPITOLO XLV

 

VARII MODI DI SALUTARE LA BEATA VERGINE

 

Durante una messa Salve sancta Parens, in cui quella divota vergine desiderava ancora salutare la Beata Vergine, il Signore le disse: "Saluta mia Madre in unione con tutte le creature". Mentre pensava come potesse ciò fare, vide venire dal mezzodì, i Serafini che portavano delle candele accese. Per ispirazione divina; intese che quegli Spiriti venivano a servirla e ad aiutarla, perché potesse insieme con loro salutare la Beata Vergine. Infiammata di ardore serafico, salutò dunque la dolcissima Vergine in quell'amore con cui ella aveva amato Dio più ogni altra creatura. Questo amore incomparabile, durante la Passione del suo unigenito Figlio aveva preso tanta forza da vincere e superare ogni umano affetto. Infatti, mentre ogni creatura si doleva per la morte del Figlio di Dio, sola la Vergine, immobile e lieta, stando con la Divinità, volle che il Figlio suo fosse immolato per la salvezza del mondo.

Comparvero poi i Cherubini, portando degli specchi; e ciò le fece intendere in qual modo si debba, insieme con loro, salutare la Beata Vergine nella luminosissima innocenza di cui ella sola aveva goduto su la terra e che l'aveva disposta a contemplare in cielo, più chiaramente di ogni creatura, l'inaccessibile luce della Divinità.

I Troni portavano un trono d'avorio, ciò che le fece intendere quanto tranquillo e pacifico fosse il riposo di Dio nell'anima di sua Madre; perché da nessun evento umano, neppure dalla fuga in Egitto né dal ritorno, ella poté menomamente essere turbata.

Le Dominazioni apportavano una corona d'una meravigliosa bellezza, ornata di candidissime e graziosissime teste umane. Questo significava che alla Vergine soprattutto siamo debitori della nostra redenzione.

I Principati apportavano uno scettro con ghirlande di fiori. E questo le fece intendere che dove va insieme con questo coro angelico esaltare la gloriosa Vergine per avere conservata pura dalla più leggi era macchia, nell'anima sua, l'immagine di Dio che ella ci rappresenta più degnamente di qualsiasi creatura.

Le Potestà erano armate di spade, le quali significavano quel supremo potere che Dio ha dato alla Beata Vergine, in cielo e su la terra; potere che si esercita sopra ogni creatura e in particolare sopra i demonii, i quali tremano alla presenza di Maria, a segno che non ne possono neppure sopportare il nome.

Le Virtù portavano delle coppe d'oro dove il Signore giocondamente beveva sé stesso; Metilde da ciò intese che la pratica delle virtù prepara gli uomini alle effusioni della Divinità, la quale nelle anime virtuose si diffonde ed opera con le sue grazie. Con questi Spiriti essa doveva salutare la gloriosa Vergine, come più di ogni altra creatura piena di grazie e di virtù.

Gli Arcangeli portavano un magnifico velo di cui ricoprirono il Signore ed insieme la Madre sua. Questo raffigurava la stretta intimità che può esistere tra Dio e l'anima, intimità di cui la Santissima Vergine, su la terra, ebbe il favore più di ogni creatura.

Gli Angeli prestavano il loro servizio attorno al Re, e ciò le fece intendere che doveva, insieme con quegli Spiriti, benedire e lodare la Madre di Dio per avere quaggiù servito il suo divin Figlio come la più fedele e la più devota delle ancelle.

Dopo i cori angelici, vennero i Patriarchi ed i Profeti portando degli scrigni d'oro accuratamente chiusi; ciò indicava l'oscurità delle loro profezie che furono adempiute da Cristo e dalla Vergine, e di cui il senso nascosto ci venne svelato dallo Spirito Santo.

Gli Apostoli portavano libri magnificamente decorati, per simboleggiare l'insegnamento della fede che fecero risonare fino all'estremità della terra; ma la serenissima Vergine fu di gran lunga ad essi superiore sia nella dottrina, sia nell’esempio di tutte le virtù.

I Martiri tenevano con la mano destra uno scudo e con la sinistra una rosa; queste sono le insegne della vittoria e della pazienza: e sono proprie di quelli che versarono il sangue per il nome e l'amore di Cristo. Tuttavia la gloriosa Vergine fu superiore a tutti i martiri nella costanza e nella pazienza.

I Confessori offrirono turiboli e vasi pieni di un meraviglioso e delizioso profumo il quale significava la loro, divozione ed il loro amore per la preghiera; ma in questo pure la devotissima Vergine fu a tutti superiore.

Le Vergini portavano gigli d'oro in Onore della Vergine Madre, perché Maria fu quella che fece germogliare quaggiù il preziosissimo giglio della verginità.

Infine, tutti i Santi, il cielo, la terra e tutto il creato furono chiamati e si chinarono verso Metilde per venire in suo aiuto. e insieme con lei salutare la dolcissima Madre di Dio per sempre degna di ogni lode.

 

* * *

 

Venne in mente un giorno a questa Serva di Cristo di non aver mai, in tutti i giorni della sua vita, servito la Madre di Dio con sufficiente divozione. Tutta contristata, pregò il Signore che le concedesse di onorarla in avvenire con maggior fervore; in tal modo però che non ne risentisse alcun impedimento nella sua amorosa unione con Lui medesimo.

Metilde vide allora il Signor Gesù e la sua regale Madre seduti assieme su, di un altissimo trono. Egli diceva alla Madre sua: "Alzatevi, Madre mia, e lasciate il posto a quell'anima". Metilde, spaventata a queste parole, temette di essere vittima di qualche illusione; ma il Signore le disse: "È verità, è verità, non ti sei ingannata, tu non sei mai stata vittima di nessun'illusione in queste visioni".

E nelle braccia della Vergine Maria, la Santa venne elevata e portata agli abbracci del suo Diletto; il Signore la ricevette con una stupenda affabilità, e le fece accostare le labbra al suo divin Cuore, dicendo: "Ormai qui attingerai tutto quanto desideri di consacrare a mia Madre". E questa divota Vergine sentì che nell'anima sua cadevano a guisa di gocce di un'acqua celeste, questi saluti a Maria, i quali le erano sconosciuti:

"Vi saluto, o illustrissima Vergine, in quella dolcissima rugiada che, dal Cuore della Santissima Trinità,si diffuse in voi fin dall'eternità, a motivo della vostra beata predestinazione! Vi saluto, o santissima Vergine, in quella dolcissima rugiada che dal Cuore della santissima Trinità scese sopra di voi in virtù della vostra felicissima vita! Vi saluto, o Vergine nobilissima, in quella dolcissima rugiada che dal Cuore della santissima Trinità si diffuse ,in voi, in virtù della dottrina e della predicazione del Vostro dolcissimo Figlio! Vi saluto, o Vergine amantissima, in quella dolcissima rugiada che la Santissima Trinità diffuse in voi nell'amarissima Passione e nella morte del Figlio vostro! Vi saluto, o Vergine veneratissima, in quella dolcissima rugiada, che dal Cuore della santissima Trinità si diffuse in voi; vi saluto nella gloria e nel gaudio con cui ora vi rallegrate in eterno, voi che di preferenza a tutte le creature della terra e del cielo, foste eletta prima ancora della creazione del mondo! Amen".

 

* * *

 

Un'altra volta, scusandosi Metilde davanti a Dio di non aver mai amato la Vergine Santissima. quanto avrebbe dovuto e di non averla abbastanza onorata e servita, il Signore le disse: "Per riparare questa negligenza, loderai mia Madre per l'incomparabile fedeltà che conservò durante la sua vita, col preferire in tutte le sue azioni la mia volontà alla sua. Esalterai poi la fedeltà con cui si trovò sempre presente ogni volta che ebbi bisogno del suo aiuto, Osserva bene che arrivò fino a risentire nell'anima sua tutto quanto io soffrivo nel mio corpo. Magnificherai inoltre la grandezza di quella fedeltà con la quale ella ancora mi serve in cielo, lavorando per me alla conversione dei peccatori ed alla liberazione delle anime. Per la sua intercessione si sono convertiti innumerevoli peccatori; e molte anime, che la mia giustizia nella sua equità destinava alle pene eterne, ne furono salvate dalla sua misericordia; moltissime pure per lei vennero liberate dal fuoco del purgatorio".

 

* * *

 

Un'altra volta, mentre gemendo ella confessava ancora alla gloriosa Vergine Maria la medesima negligenza che era stata commessa da altra persona, la Madre di Dio le diede il Cuore di Gesù Cristo sotto la forma di una lampada ardente, dicendole: "Io ti dono il degnissimo e nobilissimo Cuore del Figlio mio dilettissimo, affinché quella persona me l'offra insieme con la perfetta fedeltà ed il sommo amore che Egli mi ha dimostrato e mi dimostrerà senza fine; mi faccia questa preziosa offerta per tutte le sue negligenze nel mio servizio, e la sua colpa sarà ampiamente riparata".

 

CAPITOLO XLVI

 

TRE "AVE MARIA" PER OTTENERE L'ASSISTENZA

DELLA GLORIOSA VERGINE MARIA NELL'ORA DELLA MORTE

 

Mentre Metilde pregava la gloriosa Vergine Maria di degnarsi assisterla con la sua presenza nell'ultima sua ora, la Santa Vergine le rispose: "Te lo prometto; ma tu a questo fine, reciterai ogni giorno tre Ave Maria. Con la prima, ti rivolgerai a Dio Padre, il quale, nella sua suprema potenza esaltò l'anima mia sino a costituirmi la prima dopo Dio in cielo e su la terra; e gli chiederai ch'io ti sia presente nell'ora della tua morte per confortarti e scacciare lontano da te ogni potenza nemica.

"Con la seconda Ave Maria ti rivolgerai al Figlio di Dio che, nella sua inscrutabile sapienza, mi dotò di una tale pienezza di scienza e di intelligenza che godo della santissima Trinità con una conoscenza superiore a quella di tutti i Santi. Tu gli domanderai pure che, per questo splendore per cui divenni un sole tanto radioso da illuminare il cielo intero, io riempia l'anima tua, nell'ora della tua morte, dei lumi della fede e della scienza,dimodochè tu sii libera da ogni ignoranza e da ogni errore.

Con la terza, ti rivolgerai allo Spirito Santo, il quale inondandomi del suo amore mi diede tale un'abbondanza di dolcezza, di bontà e di tenerezza che Dio solo ne possiede più di me, e gli domanderai ch'io ti sia presente nell'ora della tua morte, per diffondere nell'anima tua la soavità del divino amore. Così potrai trionfare dei dolori e dell’amarezza della morte, a segno che li vedrai cambiati in dolcezza e allegrezza".

 

* * *

 

Una volta dopo aver letto il Vangelo Stabat juxta crucem, quella divota Vergine in un trasporto di amore, disse al Signore: "Raccomandatemi, o Signore, alla Madre vostra come a lei raccomandaste Giovanni il vostro prediletto".

Tosto il Signore; assecondando un tal desiderio, la rimise nelle mani di sua Madre dicendo: "Vi affido quest'anima, o Madre mia, come vi affiderei le piaghe mie. Se mi vedeste davanti a voi giacente e ferito, vorreste certo curarmi e guarirmi: così, sollecitamente confortate e consolate quest'anima in tutte le sue pene. A voi l'affido come prezzo - di me stesso, affinché vi ricordiate quanto mi sia preziosa, poiché per suo amore non dubitai di sottopormi alla morte. Ve la raccomando come l'oggetto nel quale ho posto tutte le delizie del mio Cuore, poiché: Le mie delizie sono di stare coi figli degli uomini".

L'anima disse allora: "O Signore, non vorrete Voi usare lo stesso favore a tutti quelli che vi desiderano?" Egli rispose: "Sì, perché non fa distinzione di persone".

LIBRO SECONDO

 

 

 

CAPITOLO I

 

IN QUAL MODO DIO INVITA L'ANIMA

 

Un giorno di sabato, mentre si faceva memoria della Vergine Madre di Dio, la Serva di Cristo desiderava di celebrarne le lodi, ma non ne trovava nessuna che fosse degna della Regina del cielo. Prostrata allora, come era solita, ai piedi di Gesù, le venne dato di scorgere uno zaffiro sul piede destro del Signore e una granata sul piede sinistro di Lui e se ne meravigliava. Egli le disse: "Come lo zaffiro ha la virtù di scacciare gli umori maligni, così le mie piaghe scacciano dall'anima ogni veleno, purificandola dalle sue macchie. Come il granato rallegra il cuore dell'uomo, così le mie piaghe, dopo il perdono del peccato, danno la vera gioia".

Rapita sopra di sé, Metilde vide in alto il Re della gloria con alla destra di Lui la sua Imperial Madre e sé stessa alla sinistra: abbandonandosi nel seno del suo Diletto, ella ascoltava il vigoroso e regolare battito del divin Cuore.

Ma le pulsazioni del divin Cuore risonavano come un invito rivolto all'anima in questi termini: "Vieni a pentirti. Vieni a riconciliarti. Vieni perché tu sii consolata. Vieni perché tu sii benedetta. Vieni, amica mia, a ricevere tutti i favori che l'amico può dare all'amico. Vieni, sorella mia, a possedere la eterna eredità che ti ho conquistata col mio proprio sangue. Vieni, sposa mia, a fruire. della mia Divinità".

La Vergine Maria portava un manto color di zafferano, in cui erano tessute rose vermiglie e, in queste, altre rose d'oro meravigliosamente ricamate. Il color giallo significava l'umiltà per la quale la Beata Vergine si sottomise ad ogni creatura; le rose vermiglie, la costanza della pazienza con cui si conservò sempre mansueta e pacifica; le rose d'oro, l'amore per il quale l'unico movente di tutte le sue opere fu l'amor di Dio.

Sotto il manto, la Vergine portava una veste di color verde, ricamata pure di rose d'oro, la quale significava la perpetua fioritura delle sue sante virtù e delle sue opere buone. La tunica, d'oro puro e lucente, significava l'amore, perché come la tunica è più vicina al corpo, così l'amore sta nel cuore.

Metilde si mise a salutare l'illustre Vergine Maria per mezzo del Cuore del suo diletto Figlio, e in tal modo la lodava con più perfetta lode che lodare la potesse qualsiasi altra creatura vivente. Offriva inoltre le proprie lodi al Signore, volendo dedicare a Lui solo tutti i suoi canti, e non mai distogliere da Lui il suo pensiero nel tempo della divina lode.

Il Signore le disse: "Perché fate l'inchino dopo aver cantato un'antifona? Non è forse perché la grazia che Dio infonde nell'anima vostra sia ricevuta con lode e rendimento di grazie?"

E la Santa vide uscire dal divin Cuore una tromba che veniva verso il proprio cuore. Questa tromba, emblema della lode divina, era ornata di nodi d'oro i quali rappresentavano le anime beate che già in cielo lodano e glorificano Dio nei secoli senza fine.

 

 

CAPITOLO II

 

LA VIGNA DEL SIGNORE

 

Una domenica, durante il canto dell'Asperges, Metilde disse al Signore: "Mio Signore, che cosa adopererete per lavare. e purificare il mio cuore?" E il Signore chinandosi, l'andava accarezzando ed abbracciando con indicibile amore dicendo: ".Nell'amore del mio divin Cuore io ti laverò!".

Egli aprì la porta di questo Cuore che è il tesoro dove sono rinchiuse le infinite dolcezze della Divinità, e la Santa vi entrò come in una vigna, nella quale vide un fiume d'acqua viva che scorreva dall'oriente all'occidente: e su le rive di questo fiume dodici alberi che portavano dodici frutti, i quali sono le virtù enumerate da San Paolo nella sua Epistola, cioè la carità, la pace, la gioia, ecc. (Gal., V, 22).

Quel corso d'acqua si chiamava il Fiume dell'Amore; l'anima vi entrò e ne fu lavata da tutte le sue macchie. Vi era pure in quel fiume una moltitudine di pesci dalle squame d'oro, i quali significavano le anime che amano Dio, perché distaccate da ogni piacere terreno si sono immerse nella sorgente di ogni bene, cioè in Gesù Cristo.

In questa vigna, inoltre, vi era una piantagione di palme di cui le une erano perfettamente dritte, mentre le altre erano piegate verso terra. Le palme dritte raffiguravano le anime che hanno disprezzato il mondo e i suoi fiori, per innalzare i loro pensieri verso le cose celesti; le palme piegate significavano invece, quei disgraziati che giacciono prostrati nella polvere dei loro peccati.

Il Signore, sotto la forma di ortolano, vangava la terra, e l'anima gli disse: "O Signore qual è l'istrumento con cui muovete la terra?"

"Il mio timore", rispose il Signore. In certi posti la terra era dura, in altri era mobile: la terra dura significava i cuori induriti nel peccato, i quali non si ravvedono né per avvisi né per rimproveri; la terra mobile indicava i cuori ammolliti dalle lagrime e dalla sincera contrizione.

Il Signore disse: "La mia vigna, è la cattolica Chiesa. Durante trentatrè anni le dedicai le mie fatiche ed i miei sudori. Vieni a lavorare con me in questa vigna". Metilde rispose: "In qual modo farò io questo?" ­ "Adacquandola", riprese il Signore.

Prontamente l’anima corse verso il fiume, vi attinse un vaso d'acqua e se lo pose su la spalla; e siccome stentava a portarlo, il Signore le venne in aiuto, e subito il peso divenne leggiero. E il Signore disse: "Così, quando agli uomini do le mie grazie, quanto fanno o sopportano per me sembra loro dolce e leggiero; ma quando ritiro la mia grazia, tutto sembra loro pesante".

Intorno alle palme, la Santa vide pure una moltitudine di angeli che formavano come Un muro di riparo; e questo significava che gli angeli circolano tra gli uomini ed intorno ad essi, per difendere la Chiesa di Dio.

 

* * *

 

Dopo ciò, il Divin Maestro le insegnò un modo di recitare il Miserere. Essa doveva dividere in quattro parti i venti versetti che lo compongono e dopo ogni gruppo di cinque versetti recitare l'antifona: "O beata et benedicta et gloriosa Trinitas, Pater ci Filius et Spiritus Sanctus, tibi laus, tibi gloria, tibi gratiarum actio ab omni creatura; miserere, miserere, miserere nobis!

O beata, o benedetta, o gloriosa Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo, a Voi la lode, a Voi la gloria, a Voi l'azione di grazie da ogni creatura; Pietà, pietà, pietà di noi!

I primi cinque versetti dovevano essere recitati per i peccatori i quali, induriti nei loro delitti, non volevano convertirsi a Dio, affinché, in virtù della sua preziosissima morte, il Signore si degnasse di ricondurli ad una sincera penitenza. I cinque versetti seguenti, per i penitenti, onde ottenessero la remissione che desideravano e non ricadessero più nel peccato. I cinque versetti della terza serie, per i giusti che camminavano nella virtù e nelle opere buone, affine d'ottener loro lo. perseveranza. Gli ultimi cinque versetti, per le anime del purgatorio, acciocché giungessero presto al regno celeste, per godere la divinissima bevanda della Fonte eterna e regnare per sempre con Cristo e la sua dolcissima Madre.

 

 

CAPITOLO III

 

GLI ARDORI DELL'AMORE DEL SIGNORE

 

Durante la preghiera segreta, all'Elevazione dell'Ostia, il Signore le disse: "Eccomi: tutto mi abbandono in potere dell'anima tua con tutto il bene che si trova in me, affinché tu abbi il potere di fare di me tutto ciò che ti piacerà". Ella non volle accettare, ma protestò di voler fare in ogni cosa la divina volontà; e il Signore le disse: "Sia in tuo potere di fare non già ciò che voglio io, ma ciò che vuoi tu!". Ma l'anima, riconoscendo la volontà di Dio, gli rispose: "Io non desidero nulla per mio vantaggio, non cerco nulla, non voglio nulla se non che siate lodato da Voi stesso e in Voi stesso nel modo più perfetto che possiate essere lodato".

Allora ella vide uscire dal seno di Dio un'arpa che aveva molte corde, la quale era il Signor Gesù e le corde erano gli eletti tutti che per l'amore sono una cosa sola con Dio. E quel sommo cantore che è Gesù, toccò l'arpa, e gli angeli fecero sentire una melodiosa armonia dicendo: "Lodiamo il Re dei Re, Dio uno e trino, che ti ha eletta per sua sposa e sua figlia".

E tutti i Santi cantavano in Dio con un perfetto accordo: "Rendiamo tutti gloria a Dio Padre per quest'anima che Egli ha arricchita della Sua grazia! Dio sia benedetto!".

 

* * *

 

Svegliandosi una notte dal sonno, questa sposa di Cristo, e salutando con tutto il suo cuore il Signore, lo vide che dal palazzo del cielo a lei veniva. Egli applicò il suo divin Cuore sul cuore di lei, dicendole: "Nessuna ape nella primavera si getta tanto avidamente sui verdeggianti prati per succhiare i fiori dolci, come io sono pronto a scendere verso l'anima tua, quando mi chiami".

 

* * *

 

Sovente le accadeva, quando si trovava come incapace di divozione e di attenzione, di sentire il divin Cuore posarsi sul suo cuore come oro in fusione. L'approssimarsi di questo fuoco produceva in lei una tale dolcezza che presto ne restava tutta infiammata dell'amore che abitualmente la consumava.

 

* * *

 

Un sabato, Metilde vide Gesù che dal cielo a lei si abbassava e con le braccia aperte si gettava nei suoi abbracciamenti, attirandola a sé così affettuosamente che tutta assorta in Dio, essa cadde in deliquio. Le suore dovettero portarla via dal coro come morta, perché il suo spirito era passato tutto intero in Colui ch'ella amava sopra ogni cosa.

Per una intera settimana la Santa risentì gli effetti della grande soavità di cui era stata inondata in quell'istante.

 

* * *

 

Un giorno, mentre ella si chinava sul leggio, per il canto di una lezione, il più bello dei figli degli uomini; l'Infante Gesù, le comparve abbracciandola ed attirandola a sé, dimodochè essa non si rialzò senza grave difficoltà e a stento poté compiere il suo ufficio.

 

* * *

 

Più volte, durante il Mattutino, le accadde di trovarsi così ripiena di Dio e di goderlo con tanta dolcezza che sembrava aver perduto ogni forza, a segno che non poteva cantare la sua lezione. Ma il Signore le diceva: "Va e canta; io ti aiuterò". Essa allora cominciava con gran coraggio la lezione ed agevolmente la terminava.

 

* * *

 

Una volta, mentre al Mattutino si leggeva il Vangelo Exsurgens Maria, il Signore l'investì di tanta grazia e dolcezza che, presa da svenimento, fu portata via dal coro come morta. Quando fu posta sul letto, domandò al Signore di svegliarla a tempo opportuno. Ed ecco che all'ora di Prima, ella vide davanti a sé come un celeste adolescente la cui presenza le riempì il cuore di tale dolcezza, che ne fu incontanente svegliata.

 

* * *

 

Un'altra volta, mentre dopo il Mattutino per obbedienza era andata a riposare, quella divota Vergine vide il Signore seduto sopra un altissimo seggio con uno sgabello sotto i piedi. Egli le disse: "Riposati qui sui miei piedi, e dormi". Metilde obbedì subito e pose il suo capo sui piedi del Signore con l'orecchio applicato sopra la piaga di quei sacratissimi piedi, e sentì quella piaga che bolliva come una caldaia sul fuoco. Il Signore le domandò: "Qual suono esce da questa caldaia bollente?"

Mentre la Santa cercava ciò che dovesse rispondere, il Signore riprese: "La caldaia bollente suona come se dicesse: Corri, corri. In tal modo l'ardente amore, per il quale il mio Cuore era sempre come bollente, mi stimolava dicendo: Corri, corri, di fatica in fatica, di predicazione in predicazione, di città in città; né mai permise ch'io riposassi fino a tanto che non ebbi compiuto tutto quanto era necessario per la tua salvezza".

 

* * *

 

Essendo una volta contristata e mesta, si rifugiò nel Signore con la preghiera, secondo il suo solito, offrendo gli il suo cuore e la sua volontà di soffrire per amor di lui non solo la sua pena attuale, ma ancor tutte quelle che le potessero accadere. Il Signore, chinandosi con bontà verso di lei, le offrì a baciare la sua bocca vermiglia.

Ma l'anima essendosi accorta che il Signore non aveva la barba, cominciò a pensare se Dio Padre gli avesse dato una speciale ricompensa per aver sofferto che durante la sua Passione gli fosse strappata la barba. Il Signore le disse: "Io, Creatore di ogni cosa, non ho bisogno di nessun premio: il mio premio sei tu. Tu sei quella che il Padre Celeste mi ha data come sposa e figlia".

L'anima esclamò: "Ma come mai, o amantissimo mio Signore? In me non v'è nulla di buono!". Il Signore riprese: "È un puro effetto della mia bontà: ma in te ho posto le delizie del mio Cuore".

 

 

CAPITOLO IV

 

IL SIGNORE LE APPARVE

SOTTO LA FORMA DI BAMBINO E DI DIACONO

 

Un'altra volta, il Signore Gesù le comparve sotto la forma di un fanciulletto di cinque anni, cui ella disse: "Mio Signore, perché comparite in tale età?" Il divin Fanciullo rispose: "Tu hai adesso cinquant'anni, io ne ho cinque. Il mio primo anno vale per i tuoi primi dieci anni; il mio secondo anno vale per i tuoi, sino ai vent'anni; il mio terzo anno, per i tuoi sino al trentesimo; il mio quarto e il mio quinto anno, per i tuoi anni sino al quarantesimo ed al cinquantesimo. Così tutti i tuoi peccati saranno cancellati, i tuoi anni santificati, e tutta la tua vita dalla mia sarà perfezionata".

Il Fanciullo, in piedi, guardava le sue divine mani. Metilde se ne meravigliava, ma il Signore le disse: "L'uomo guarda spesso le sue mani, io pure dalla mia infanzia sino al tempo della mia Passione, ogni giorno pensavo alla mia morte, e anticipatamente vedevo tutto quanto doveva accadermi". Era questa una lezione per insegnarle che è buona cosa per l'uomo ricordarsi spesso della morte e dell'avvenire.

 

* * *

 

Metilde vide un giorno il Signore Gesù, in piedi presso l'altare, rivestito della dalmatica, con una croce brillante sul petto, e gli disse: "Amato mio Signore, perché vi mostrate in tal modo?" Egli rispose: "Il diacono serve all'altare; cosi io col sacerdote e nel sacerdote opero quanto egli fa ~.

La Santa continuò: "Che significa quella croce sul vostro petto?" La parte superiore di questa croce, rispose il Signore, indica il mio amore al quale tutto bisogna sacrificare; e la parte inferiore, l'umiltà per la quale l'uomo per amor mio si sottomette ad ogni creatura; il braccio destro significa il timor di Dio che bisogna conservare nella prosperità, e il braccio sinistro, la pazienza nel sopportare le avversità per mio amore. Se uno porta questa croce nel suo cuore con la memoria continua di queste virtù, in premio quando l'anima sua avrà lasciato il suo corpo, avrà per sempre nel mio Cuore la sua felicissima dimora".

 

CAPITOLO V

 

IL FLAGELLO DEL SIGNORE, CONSOLAZIONE NELLE TENTAZIONI

 

Quella pia Vergine vide un giorno il Signore in piedi che teneva nelle mani un flagello d'oro e la minacciava; subito si prostrò a terra per baciare il flagello del Signore. Questi le fece intendere che bisogna ricevere con riconoscenza tutto ciò che viene da Dio, l'avversità come la prosperità. Tuttavia il Signore la rialzò e la rivestì di una tunica rossa tutta piena di fori, poi le disse: "In tal modo, nella Passione il mio corpo venne tutto perforato dalle ferite e talmente straziato che dalla pianta dei piedi sino al vertice del capo non vi era in me nessuna parte che fosse sana". Questa visione le raffigurava che una dolorosa malattia stava per colpirla.

Vide ancora il Signore con un calice d'oro ch'Egli nascondeva dietro di sé. Questo le fece intendere ch'essa non vedeva né gustava ancora la dolcezza che Dio le avrebbe poi concessa, perché questa dolcezza restava nascosta in Dio, dal quale provengono tutti i beni.

 

* * *

 

Il demonio molestava sovente quella Serva di Dio con tentazioni violente, come per altro usa con tutti quelli che sono devoti al Signore. Un giorno dunque in cui Dio le aveva fatto una grazia speciale ed un segnalato benefizio il tentatore si presentò mentre ella si trovava alla presenza del Signore, e gettò nel suo cuore il timore e la tristezza col dubbio se il dono che aveva ricevuto venisse proprio da Dio. Stanca ed afflitta, Metilde si precipitò ai piedi del Signore Gesù, lamentandosi per l'infedeltà del proprio cuore, e gli disse: "Ecco quel dono, o mio Signore; io ve l'offro per vostra eterna gloria e lode, e vi domando che se non viene da Voi, non mi sia mai più offerto, perché per amor vostro volentieri mi rassegnerò a restar priva d'ogni dolcezza e consolazione".

Ma il Signore, chiamandola col suo nome, le rispose: "Non temere, mia diletta Metilde; per la virtù della mia Divinità ti giuro che questo timore e questa tristezza non ti nuoceranno; al contrario, ti santificheranno e ti disporranno alla mia grazia. Se queste afflizioni non venissero a temperare la letizia del tuo cuore, questo si scioglierebbe sotto il torrente delle delizie che l'inondano; non ti meravigliare dunque che sii molestata da tali pensieri quando ti trovi alla mia presenza, poiché il demonio ebbe l'ardimento di tentare anche me stesso quando per tuo amore ero sospeso su la Croce".

 

* * *

 

Un'altra volta, mentre era eccessivamente, turbata, quella Serva di Cristo si rifugiò presso il suo fedele difensore. Subito Cristo le apparve, sotto la figura d'un bellissimo giovane che la conduceva all'altare. Ella intese allora che il Signore voleva essere il suo difensore presso il Padre per tutte le sue colpe di opere e di omissioni. Egli le diede pure per sostegno una specie di bastone che significava la sua Umanità; ma la Serva di Cristo si meravigliò che quel bastone fosse dritto senza pomo per appoggiarvi la mano. Il Signore le disse: "Vi metterò la mia propria mano per sorreggerti. Ormai quando ti darò consolazioni nella tristezza tu saprai che riposi su la mia mano; ma quando nella tua. tristezza non sentirai alcuna consolazione, saprai che ho ritirato la mia mano, e allora ti accosterai a me stesso con cuore fedele".

 

 

CAPITOLO VI

 

IL DESIDERIO DELLA CONFESSIONE

 

La Santa, volendo un giorno confessarsi e non trovando confessore, ne rimaneva molto afflitta, perché non ardiva ricevere il Corpo del Signore senza aver ricevuto il sacramento della penitenza. Nell'orazione si dolse col Signore, sommo Sacerdote, per le proprie negligenze e le proprie colpe. Il Signore l'assicurò subito della remissione di tutti i suoi peccati. Rendendogli grazie, la Santa gli disse: "O dolcissimo mio Dio, e ora che ne è dei miei peccati?"

Il Signore rispose: "Quando un Re potente viene ad alloggiare in qualche luogo, prontamente si pulisce la casa perché nulla offenda i suoi sguardi: ma se il Re è già vicino, dimodochè non si abbia tempo di gettar lontano le immondezze, si procura di nasconderle in qualche cantuccio donde poi si porteranno fuori. Così, quando tu hai il desiderio e la volontà sincera di confessare i tuoi peccati e di non commetterli più, ai miei occhi sono cancellati a segno che non li ricordo più, benché tu debba poi ritrattarli col farne l'accusa nella confessione. La tua volontà e il tuo desiderio di evitare il peccato quanto è possibile, sono come un legame che rende più stretta la tua unione con me per il patto di una indissolubile alleanza".

Tuttavia, ella era ancora esitante per varii pensieri, perché si riteneva indegna di accostarsi all'imperial banchetto offerto dal Re dei Re; pensava da una parte come avrebbe ardito, senza la confessione, ricevere un dono sì magnifico; d'altra parte sperava di ricavarne conforto e consolazione. Il Signore infine le disse: "Pensa dunque che ogni desiderio di possedermi viene da me ispirato, in quella guisa che gli scritti e le parole dei Santi procedono e procederanno sempre dal mio Spirito".

Ella intese così che lo Spirito Santo le aveva ispirato quel suo desiderio di ricevere il Corpo di Gesù Cristo; perciò la sua fiducia si rianimò e il suo cuore riprese un coraggio tale che le pareva impossibile incontrare ancora qualche ostacolo al suo desiderio.

Non appena ebbe riacquistata la sua fiducia, Metilde udì i cori degli angeli che cantavano con gioia in cielo: Confirmatum est cor virginis: Il cuore della vergine è stato fortificato. Si accostò dunque al delizioso banchetto del corpo e del sangue di Cristo e il Signore le disse: "Vuoi sapere in qual modo io sia nell'anima tua?" Ella se ne reputava indegna, tuttavia non voleva null'altro che la volontà di Dio. Allora essa vide uscire da tutte le proprie membra un meraviglioso splendore a guisa dei raggi del sole. Questo le fece intendere l'azione della divina grazia nell'anima sua, e fu per lei un indizio sicuro della divina bontà a suo riguardo.

 

 

CAPITOLO VII

 

IL DIVINO AMORE

 

Un'altra volta, nell'amarezza del suo cuore Metilde ripensava al tempo che Dio le aveva concesso e che ella aveva inutilmente speso, come pure ai doni di Dio che nella sua ingratitudine aveva consumati senza profitto; ma l'Amore le disse: "Non turbarti, io soddisferò tutti i tuoi debiti e supplirò per tutte le tue negligenze". Benché ciò le sembrasse un gran favore, tuttavia ella non poteva consolarsi, tanto era afflitta per aver sciupato doni così preziosi, come di non aver amato con sufficiente ardore quel Dio che tanto la aveva amata e beneficata, quel Dio per tutti sempre fedelissimo.

Il Signore le disse: "Se turni sei perfettamente fedele, tu devi aver molto più caro che l'Amore ripari le tue negligenze piuttosto che ripararle da te medesima, perché così l'amor mio ne avrà la gloria e l'onore".

 

* * *

 

Un'altra volta, l'Amore la circondò di una veste risplendente come il sole. Si avanzarono allora tutti e due, vale a dire l'Amore e l'anima, sino alla presenza di Cristo, dove si fermarono come due bellissime vergini. L'anima vivamente. desiderava di avvicinarsi di più ancora, perché quantunque contemplasse la divina Faccia nella sua maestà, non era ancora soddisfatta. Questo sentimento eccitava la sua maraviglia, ma pure cresceva sempre.

Il Signore con la sua mano fece un segno e subito l'Amore prese l'anima e la condusse così vicino al suo unico Salvatore da potersi chinare presso la piaga del suo Cuore. L'anima in quel dolcissimo Cuore attinse a lunghi sorsi dolcezza e soavità, cosicché le sue amarezze si cambiarono in consolazioni e i suoi timori in sicurezza; inoltre ella pigliò in questo sacratissimo Cuore un frutto delizioso e lo portò alle sue labbra, e questo frutto significava la lode eterna che procede dal Divin Cuore, perché ogni lode di Dio fluisce da questo Cuore il quale è principio e fine di ogni bene.

Vi colse poi un secondo frutto, quello dell'azione di grazie, perché l'anima non può nulla se non è da Dio prevenuta.

Il Signore le disse: "Da te io desidero ancora un frutto migliore degli altri". L'anima rispose: "E qual è, o unico mio Diletto, quale è dunque questo frutto?" - "Che tu deponga in me ogni desiderio del tuo cuore". Ella riprese: "Come farò, o mio unico Diletto?" ­ L'Amore tutto compirà in te".

L'anima in un trasporto di riconoscenza esclamò: "Sì, sì, Amore, Amore, Amore! ".

"Il mio Amore sarà la madre tua, riprese il Signore; e come il bambino succhia il latte dal seno della madre sua, così tu, nel seno di questa Vergine succhierai la consolazione interiore e l'inenarrabile soavità. Questa Vergine ti nutrirà, ti disseterà e provvederà a tutte le tue necessità come fa una madre per la sua unica figliuola".

Un giorno, stando in orazione, quella divota vergine ardentemente desiderava il Diletto dell'anima sua; ad un tratto la virtù divina la trasse talmente a sé che pareva a lei di sedere a lato del Signore. E il Signore stringendo l'anima al suo Cuore in un dolcissimo abbraccio, la riempì della sua grazia con una straordinaria abbondanza. Sembrava a Metilde che dalle sue membra uscissero come rivoli che scorrevano in tutti i Santi. Questi, tutti ripieni di un nuovo e speciale gaudio tenevano in mano i loro cuori in forma di lampade ardenti. L'olio che bruciava in queste lampade era il dono che Dio aveva fatto a quell'anima, e i Santi con grande riconoscenza ed allegrezza ne offrivano per lei le loro azioni di grazie,

 

* * *

 

Ella vide ancora nel Cuore di Dio una bellissima vergine, che, portava alla mano un anello ornato di un magnifico diamante col quale premeva senza intermissione sul Cuore del Signore. L'anima domandò a questa vergine perché percuotesse in tal modo il divin Cuore; essa rispose:

"Io sono l'Amore; e questo diamante indica il peccato di Adamo. In quella guisa che il diamante non si può spezzare senza sangue, così la colpa di Adamo non ha potuto essere cancellata senza la santa Umanità e il Sangue di Gesù Cristo.

"Quando Adamo ebbe peccato, io intervenni e presi in me tutta la sua colpa; poi percuotendo senza posa il Cuore di Dio, onde inchinarlo alla misericordia, non gli lasciai più nessun riposo finché non trassi dal Cuore del Padre il Figlio di Dio per deporlo nel seno. della Vergine Madre.

"Quando poi la Vergine, attraverso i monti della Giudea si portò a salutare Elisabetta, il beato Giovanni, nel seno di sua Madre, fu riempito per la presenza di Cristo, di una gioia così grande che non poté mai più sentire nessun gaudio terreno.

"Io riposi nel presepio il Figlio di Dio avviluppato in fasce; poi lo condussi in Egitto. Dopo, lo inclinai verso tutto ciò che Egli fece e soffrì per l'uomo in un indissolubile patto di amore".

L'anima domandò: "Dimmi, te ne prego, in tutto ciò che Cristo sopportò per noi, quando soffrì di più?" L'Amore rispose: "Quanto inchiodato su la Croce fu talmente disteso che tutte le sue membra erano dislogate e si potevano contare. Chiunque gli renderà grazie per questo dolore, gli renderà un servizio così gradito come se sopra tutte le sue piaghe applicasse il più soave unguento. Egli accetterà come un grato refrigerio l'azione di grazie per la sete della salvezza dell'uomo che Egli provò su la Croce. Chi gli renderà grazie per essere stato inchiodato su la Croce, sarà come se lo liberasse dal patibolo e da tutti i suoi dolori".

 

* * *

 

L'Amore disse inoltre all' anima: "Entra nel gaudio del tuo Signore". A quèste parole ella fu letteralmente rapita in Dio; in quella guisa che una goccia d'acqua versata nel vino non può più esserne distinta, così quell'anima, felice, assorta in Dio, divenne un medesimo spirito con Lui. In questa unione, l'anima si annientava in sé medesima, ma Dio, confortandola, le disse: "Io diffonderò in te tutti i beni che l'uomo possa, contenere; in te moltiplicherò i miei doni".

L'Amore disse pure: "Riposati nel Cuore di Colui che ti ama, affinché tu non sii mai inquietata nella prosperità: qui riposati nella memoria dei benefizi del tuo Diletto, affinché non sii mai disturbata nell'avversità".

 

 

CAPITOLO VIII

 

IL SIGNORE L'ADORNA DELLE SUE VIRTÙ

 

Un giorno, mentre si cantava il salmo, Laudate Dominum de coelis, a queste parole: Et aquae omnes quae super coelos sunt laudent nomen Domini (Ps., CXL VIII, 4); Le acque che sono sopra i cieli lodino il nome del Signore", Metilde disse al Signore: "Quali sono, o Signore, le acque di cui si canta in questo salmo, poiché non vi è goccia d'acqua che non vi dia una lode speciale?"

"Quelle acque, rispose il Signore, sono le lacrime che da tutti i Santi furono versate, lagrime d'amore, di devozione, di compassione, di contrizione".

E Metilde d'un tratto vide un'acqua limpidissima, che figurava le lagrime dei beati e scorreva sopra un letto d'oro purissimo, cosparso a guisa di sabbia di perle e di preziose gemme; in queste erano raffigurate le virtù dai Santi praticate su la terra: preghiere, veglie, digiuni ed altre opere sante. Una moltitudine di pesci trastullandosi si agitavano in quelle acque e significavano i desiderii che innalzano l'anima a Dio ed insieme i gemiti ed i sospiri che attirano Dio verso l'anima. Infatti, tutti i Santi del cielo, contemplano in Dio le loro virtù e le loro opere buone per l'aumento del loro gaudio e delle delizie dei loro cuori, quantunque ciascuno di loro non sia personalmente ornato, che delle proprie virtù.

 

* * *

 

Metilde si dolse poi col Signore di non aver celebrato con sufficiente divozione il giorno del suo mistico sposalizio e di non aver pensato a Lui con tutta quella fedeltà che la sposa deve usare verso il suo unico Sposo; ma Egli la rivestì dell'abito delle sue virtù, più perfette, le mise in capo un diadema d'oro e col braccio scoperto la strinse: negli abbracci della più intima carità.

L'anima si meravigliava che il Signore si comportasse con lei con tale familiarità, e il Signore le disse: "Sappi, figliuola e sposa mia, che tra me e te non v'è nessun'ombra; né io mai ti celerò cosa alcuna di tutti i miei misteri".

Metilde vide pure milioni di Angeli che riverenti stavano davanti al loro Re, mentre il Signore diceva all'anima: "Io li metto tutti al tuo servizio". Ma ella desiderò che tutto il loro ministero intorno a sé medesima non avesse altro scopo che la lode e la gloria dell'unico suo Diletto. Incontanente gli Angeli misero il loro cuore in comunicazione col divin Cuore e fecero risuonare un canto così melodioso che nessuna lingua potrebbe esprimerlo.

Il divin Cuore si aprì; il Signore vi attirò Metilde e ve la rinchiuse, dicendo:

"La parte alta del mio Cuore sarà per te la soavità del divino Spirito che sempre farà stillare su l'anima tua la sua rugiada con avido desiderio, alza gli occhi verso di Lui, apri la bocca ed aspira la dolcezza della divina grazia, secondo la parola del salmo: Os meum aperui et attraxi spiritum: Ho aperto la bocca ed ho aspirato lo spirito.

"Nella parte inferiore troverai il tesoro di tutti i beni, e la copia abbondantissima di tutto quanto può desiderarsi.

"Nella parte orientale, tu scoprirai la luce della vera scienza, per conoscere tutta la mia volontà ed adempirla perfettamente.

"Nella parte occidentale, vedrai il Paradiso delle delizie eterne dove starai sempre con me alla mia mensa".

In quell'istante comparve una mensa apparecchiata, coperta di candidissima tela. A questa mensa sedeva il Signore e l'anima lo serviva con gran letizia, ponendogli davanti numerosi cibi che significavano i vari doni di Dio; perciò rendeva alla munificenza di Dio altrettante azioni di grazie, quanti erano i cibi che, apportava su la mensa di Lui.

Metilde disse al Signore: "Mio Diletto, qual vino vi offro io quando prego per i vostri amici?" - "Il vino più generoso, rispose il Signore, il vino che rallegra il mio Cuore, secondo quanto sta scritto: Il vino rallegra il cuore dell'uomo" (Ps. CIII, 15). - "E quando prego per i peccatori?" continuò Metilde. ­ "Allora rispose il Signore, tu mi offri un vino puro e più dolce del miele e del suo favo, perché tu preghi per i miei nemici già posti in istato di dannazione, affinché mi conoscano". - "E quando prego per le anime del Purgatorio?" - "Tu mi offri allora un vino che rallegra il mio Cuore, disse il Signore, poiché preghi per quelli che sono oggetto della mia benevolenza, affinché io possa liberarli al più presto dalle loro pene".

Metilde disse ancora al Signore: "Amabilissimo mio Signore, con quale ardente desiderio vorrei adesso offrir vi il mio cuore!" Il Signore, senza indugiare, prese quel cuore nelle sue mani e respirò il dolce profumo che ne esala va come da una rosa profumata. "Qual profumo potete mai trovare in questo cuore, disse l'anima, dove, nulla vi è di buono?"

"Poiché sono nell'anima tua, rispose il Signore, da te emana il mio buon odore".

Per concludere, il Signore le disse: "Nella parte occidentale (del mio divin Cuore) v'è la lunghezza dei giorni, l'eterna pace, e il gaudio senza fine. Nella parte di tramontana, tu troverai la perpetua sicurezza in faccia agli avversari tuoi, né di questi alcuno potrà prevalere contro di te".

 

 

CAPITOLO IX

 

IL SIGNORE LE DÀ IL SUO CUORE

IN PEGNO DELLA VITA ETERNA.

 

Nel mercoledì di Pasqua, mentre, essa intonava la messa Venite benedicti, si sentì inondata di un insolito ed ineffabile gaudio e disse al Signore: "Oh fossi almeno una di quelle anime che da Voi udranno questa dolcissima parola!"

Il Signore le rispose: "Siine proprio certa. In pegno ti do il mio cuore; lo terrai sempre con te, e nel giorno in cui adempirò il tuo desiderio, me lo riconsegnerai in testimonio.

"Ti dono pure il mio Cuore come casa di rifugio, affinché nell'ora della tua. morte non si apra davanti a te nessun'altra via fuorché quella del mio Cuore, dove verrai a riposarti per sempre".

Questo dono fu uno dei primi che la santa ricevette da Dio; perciò da quel momento essa concepì una somma divozione al Sacro Cuore di Gesù Cristo, e quasi ogni volta che il Signore le compariva, ella da quel divin Cuore riceveva qualche grazia speciale, come è manifesto in molti luoghi di questo libro. Perciò Metilde ripeteva spesso: "Se si dovessero scrivere tutti i beni che dal benignissimo Cuore di Dio mi furono donati, non basterebbe un volume grosso come quello del Mattutino".

 

 

CAPITOLO X

 

CRISTO COMPIE PER LEI LE LODI DOVUTE A DIO PADRE.

 

Un giorno, dopo aver ricevuto il santissimo Corpo di Gesù Cristo, Metilde cantava a Dio le sue azioni di grazie e pregava Gesù, Sposo dell'anima amante, che si degnasse di offrire, Lui medesimo, a Dio Padre lodi di amore per un. dono tanto inestimabile. Ella lo vide subito che riverentemente si presentò davanti al Celeste Padre e degnamente ne esaltò la Maestà con queste parole: Caetus in excelsis te laudat caelicus omnis, et mortalis homo; et cuncta creata simul: Tutta l'assemblea celeste ti loda negli alti cieli, e ad un tal concerto si uniscono l'uomo mortale e tutte le creature.

Per le parole: l'Assemblea celeste, ella conobbe che il Signore attirava in sé stesso, l'armonia della lode universale dei cieli.

Per le seguenti: l'uomo mortale, intese che vi univa l'intenzione di tutti i mortali; e per le ultime, tutte le creature, che condensava, per così dire, in sé stesso l'essenza di tutto ciò che è creato, onde celebrare le lodi di Dio Padre. In tal modo, davanti al Padre suo Egli faceva risonare per lei la lode da parte dei cieli, della terra e dell'inferno.

 

* * *

 

Chinata sul seno del suo Diletto, Metilde sentì tre pulsazioni risonanti nelle intime profondità del divin Cuore. Nella sua maraviglia, desiderava sapere cosa ciò significasse, e il Signore le disse: "Questi tre battiti indicano tre parole che dico all'anima che mi ama: la prima è questa: Vieni, cioè separati da ogni creatura; la seconda, Entra, con fiducia, come una sposa; la terza, Nel letto nuziale, vale a dire nel mio divin Cuore".

Da queste tre parole, ella intese come Dio mandi il suo invito a ciascun eletto, mentre questo si trova ancora in mezza alle creature, affinché rinunciando con libera e perfetta volontà alle delizie che nelle creature potrebbe trovare, al Signore unicamente si applichi con tutta divozione. Il Signore suggerisce la confidenza affinché, simile alla sposa che non teme di venire respinta, l'eletto si accosti sempre a Lui con ferma fiducia ed entri nel letto nuziale del suo divin Cuore, nel quale abbondano e sovrabbondano le delizie di quella beatitudine che il cuore dell'uomo è impotente persino a desiderare.

 

* * *

 

Provando Metilde un veemente desiderio di sentire il modo con cui la voce del Figlio di Dio intona le lodi di Dio Padre, il Signore le disse: "La mia voce adesso ancora dice questa sola parola: Fiat, Sia fatto! perché la:mia voce è la forza e la virtù della. mia divina volontà. Con questa sola parola furono creati il cielo, là terra e il mare e tutto quanto essi contengono; tale è la testimonianza della Scrittura, poiché è detto: Fiat lux, Che la luce sia! Fiat firmamentum, che il firmamento sia ! ecc! Sola la mia divina volontà regge tutto quanto esiste in cielo e su la terra. Da un cenno della mia volontà dipendono totalmente la lode, la gioia e la beatitudine dei Santi".

 

 

CAPITOLO XI

 

IL CUORE DEL SIGNORE LE APPARE SOTTO LA FORMA DI UNA LAMPADA

 

Durante una santa messa, mentre diversi pensieri le impedivano di fruire della divina consolazione, Metilde supplicò la Vergine Maria, mediatrice fra Dio e gli uomini, che volesse ottenerle la presenza del suo Figlio diletto. Certo per l'intervento della Beata Vergine, ella vide il Signore Gesù, Re della gloria, seduto sur un trono sublime, trasparente come un puro cristallo. Dalla parte anteriore di questo trono uscivano due limpidi rivoli, di cui uno significava la remissione dei peccati, e l'altro la consolazione spirituale; le quali grazie durante la messa, per la virtù della divina presenza, ad ogni uomo vengono concesse in una maniera più facile.

Verso l'oblazione dell'Ostia Santa, il Signore, lasciando quel trono, parve elevare con le sue proprie mani, il suo dolcissimo Cuore, simile ad una lampada lucentissima, piena e traboccante. La lampada, infatti, traboccava con tanta veemenza che larghe gocce ne cadevano da ogni parola; tuttavia, la sua pienezza non ne soffriva diminuzione alcuna. Questo faceva intendere che dalla pienezza del Cuore di Gesù gli uomini possono tutti o ricevere la grazia più che sufficiente ad ognuno secondo la propria capacità, senza che quel Cuore cessi dal sovrabbondare in sé stesso di beatitudine, perché quantunque la comunichi largamente non ne soffre alcun detrimento.

Ella vide inoltre che i cuori di tutti gli astanti sotto forma di lampade, erano con una specie di funicella attaccati al Cuore del Signore. Certune di queste lampade apparivano dritte, piene di olio ed ardenti; altre invece sembravano vuote e rovesciate. Le lampade che bruciavano dritte figuravano le anime che assistevano alla messa con desiderio e devozione; mentre le lampade rovesciate significavano quelle che nella messa trascuravano. di innalzarsi a Dio con divota attenzione. Metilde allora, compresa da un immenso desiderio di vedere il suo cuore totalmente immerso nel divin Cuore, se lo vide tosto portato su dal mezzo degli altri ed immerso in quel Cuore come un pesce nelle acque.

Le sue devote supplicazioni si volsero subito ad ottenere dal Signore che le insegnasse da quali disposizioni dovesse essere animato il suo cuore così immerso nel Cuore di Lui, onde perseverasse sempre in questa unione benedetta. In quel medesimo istante vide il divin Cuore come cangiato in una gran casa d'oro; ora il Signore passeggiava in mezzo al suo proprio Cuore come in uno splendido ed amenissimo palazzo. Nella sua ammirazione pensava come ciò potesse avvenire, quando sentì il Signore che le diceva: "Hai tu dunque dimenticato questa parola del Salmo: Perambulabam in innocentia cordis mei, in medio domus meae; Nell'innocenza del mio cuore, io passeggiavo in mezzo alla mia casa? E chi può mettere questo in atto se non io? Nessuno è innocente per sé medesimo, fuorché io solo".

Metilde vide pure in quella casa quattro bellissime Vergini, in cui riconobbe le quattro grandi virtù di Umiltà, Pazienza, Dolcezza e Carità. Quest'ultima rivestita di un abito verde, superava in grazia le altre sue sorelle. Vedendola in tale abito e ricordandosi che la Carità ad un altra persona di beata memoria si era già mostrata con un manto verde, la Santa domandò al Signore perché la Carità comparisse spesso con questo colore. - "La Carità, le rispose il Signore, con la sua virtù fa rinverdire molti tronchi disseccati, cioè i peccatori, e fa che portino pure frutti di opere buone; quindi a buon diritto porta il color verde". E soggiunse: "Sforzati di entrare nell'intimità di queste Vergini e di ottenerne l'amicizia, se vuoi restare con me in questa casa e godere della mia presenza.

"Quando la vanità tenterà di indebolire il tuo cuore, ricordati della forza della Carità la quale mi trasse fuori dal mio riposo nel seno del Padre, per abbassarmi nel seno della Vergine, mi avviluppò in povere fasce, mi adagiò nel presepio, mi costrinse a subire tante fatiche nelle mie predicazioni, e infine mi trasse a morire della più amara ed ignominiosa morte.

"Parimenti, quando l'orgoglio ti molesta, ricordati della mia umiltà, per la quale non mai mi insuperbii nei miei pensieri come nelle mie parole, nel mio contegno come nelle opere, ma in ogni circostanza diedi l'esempio della più perfetta. umiltà.

"Se ti assale l'impazienza, ricordati della pazienza che serbai nella povertà, nella fame, nella sete, nei miei viaggi, di fronte alle ingiurie ed agli obbrobri, soprattutto in faccia alla morte.

"Nelle tentazioni di ira, abbi memoria della mia mansuetudine con coloro che odiavano la pace; io fui pacifico e mansueto a tal segno che dal Padre mio anche per i miei crocefissori ottenni il perdono. Dopo aver esercitato sopra di me crudeltà sì inaudite che nulla sembrava potervisi aggiungere, nell'eccesso del loro furore ardirono ancora: digrignare i denti contro di me; e allora appunto mostrai loro tale bontà di cuore, come se non fossero stati miei nemici.

"In tal modo potrai con le mie virtù trionfare di tutti i vizi".

 

 

CAPITOLO XII

 

LA VISIONE DEL ROVO – I NOVE CORI DEGLI ANGELI E IL GIUSTO

 

Per la morte del giovine Signore Conte, B., la Comunità era andata in processione davanti al corteo funebre; e la Serva di Dio, aveva preso molto piacere nel contemplare la vasta pianura della campagna. Più tardi, siccome per la malattia non poteva né dormire né alzarsi per pregare, il Signore le apparve vestito di bianco, dolcemente consolandola delle sue pene e delle sue infermità. Ma ella disse al Signore: "Mio Signore, se mi fosse almeno permesso di andare a passeggiare in quella pianura che attraversai poco tempo fa!" Il Signore rispose: "Non sai tu il proverbio volgare: Orecchie ha il bosco e occhi la pianura?" E soggiunse: "Il bosco ha orecchie perché se due persone siedono presso un roveto per discorrere, quelli che passano potranno udirle".

D'un tratto apparve un rovo magnifico, largo e folto, formato di virgulti che salivano ben dritti. Il Signore sedeva con Metilde sotto questo rovo, di cui i giovani rami sembravano essere le virtù di Dio: sapienza, benignità, giustizia, misericordia, carità ed altre, tutte connaturali al Signore. Tutte infatti, simili all'ulivo, sono sempre in fiore, verdeggianti e fiorite in nuovi polloni.

L'anima abbracciò il ramo della giustizia, dicendo al Signore: "Mi conviene abbracciare adesso con riconoscenza questo ramo, poiché Voi mi mettete alla prova con la vostra giustizia, nel mandarmi pene e tribolazioni". Ma questo ramo le parve essere Dio medesimo; perciò se lo tenne strettamente abbracciato, e si mise a lodarlo con queste parole: "Io ti lodo, o sole di giustizia; ti lodo, o splendore di giustizia, ecc.". In quel mentre, dal Divin Cuore uscì un fiume, il quale si diffuse sopra di Lei e investendola tutt'intera, dissipò la sua tristezza a segno che non ne rimaneva traccia. Il Signore le. disse: "Ecco il rovo di cui, parla la Scrittura: "Emissiones tuae paradisus: Le tue espansioni sono un paradiso".

Attorno a questo rovo stavano gli Angeli, i loro cori l'avevano circondato come di nove circoli.

 

* * *

 

Il Signore disse all'anima: "Ecco ciò che si legge nella Scrittura: "Quae habitas in hortis, amici auscultant: O tu che abiti nei giardini, i tuoi amici ascoltano" (Cant. VIII, 13).

Per divina ispirazione l'anima conobbe il modo con cui gli Angeli assistono il giusto, in rutto il bene che compie.

"Quando uno legge i Salmi od altre parti della Scrittura, oppure si dedica a qualche opera buona, gli Angeli sono presenti per assisterlo.

"Quando nell'orazione conversa con Dio, oppure ascolta la parola di Dio, ovvèro parla dì Dio, è assistito dagli Arcangeli.

"Se medita su le virtù di Dio, su la sua potenza, la sua sapienza, la sua bontà, la sua giustizia, la sua misericordia, la sua longanimità, la sua carità, e quando si sforza per quanto è possibile d'imitare queste virtù, le Virtù, sono al suo servizio.

"Quando l'uomo, pensando all'ineffabile e sublime divinità, trema davanti a Dio e a Lui umilmente si sottomette, è assistito dalle Potestà.

"Ma quando nel suo cuore esalta la nobiltà e la grandezza della Divinità, quando pensa a quella Maestà infinita che si è degnata di creare l'uomo a sua immagine e somiglianza, operando per lui cose sì grandi; quando, a motivo della riverenza e dell'amore che Dio dimostra per l'uomo, egli pure rispetta ed ama tutti gli uomini, è servito dai Principati.

"Che se, con inchini, genuflessioni e prostrazioni, adora Dio, è assistito dalle Dominazioni.

"Quando poi l'uomo, nella tranquillità del suo cuore, medita su le grandezze e perfezioni di Dio, è servito dai Troni.

"Se è illuminato dalla conoscenza di Dio, se si eleva nella contemplazione sino a considerare i divini misteri, i Cherubini sono i suoi ministri.

"Ma quando l'anima, attingendo nel Cuore di Dio un ardente amore, ama Dio col proprio amore di Dio, e in Dio e per Dio ama tutti gli uomini, i Serafini esercitano il loro ministero presso di lei".

 

* * *

 

Il Signore le disse ancora: "Vuoi tu ora sapere cosa significhino queste parole: La pianura ha occhi? - Quando due persone camminano in una gran pianura, possono vedersi da lontano. Se queste due persone si amano a vicenda, senza dubbio cercheranno di raggiungersi al più presto, Quando il cervo e la cerva si sono riconosciuti anche à gran distanza nella campagna, con quale rapidità non si corrono incontro? Così l'anima che mi ama e mi desidera, mi attira a sé, anche con un sospiro solo, più presto che non la parola venga alle labbra.

"Nella pianura ancora, i viandanti e gli stranieri riparano le loro forze. Così pure quando l'anima vive da straniera in questo mondo e custodisce il suo cuore libero da ogni attacco alle cose terrene, io l'invito spesso al mio banchetto.

"Nella pianura si raccolgono pure dei fiori. Così nell'anima santa ornata di desiderii tanto variati come l'aspetto dei campi fioriti, io colgo questi desiderii, ne intrecciò una corona che pongo sul mio capo, sino al giorno in cui l'anima si presenterà lei medesima a me e le riconsegnerò quella corona".

 

* * *

 

Metilde disse allora al Signore: "Mio Signore, quale colpa ho io. commesso per essermi compiaciuta nel mirare intorno a me la bellezza di quella vasta campagna?" Egli rispose: "Tu hai fatto cosa contro l'obbedienza e hai distratto da me il tuo pensiero; inoltre hai tralasciato di pregare per l'anima di quel defunto". Ella riprese: "Insegnatemi, o amatissimo Signore, come dobbiamo comportarci in simile circostanza".

Nell'uscire dal coro, rispose il Signore, ripeterete il versetto: Deduc me, Domine, in via tua et ingredere in veritate tua, Laetetur cor meum et timeat nomen tuum;. Conducetemi, o Signore, nella vostra via ed entrerò nella vostra verità. Che il mio cuore si rallegri nel timore del vostro nome. (Ps. LXXXV, 11). Uscendo così con un sentimento di timor di Dio, mi prenderete per compagno del vostro cammino a guisa di un robusto bastone per vostro aiuto.

"Quando sarete fuori, con la mia destra benedirete le case, le strade e tutto ciò che incontrerete, e tutto sarà benedetto. Quando uno ha concepito qualche vana letizia, il suo cuore ne resta aggravato; mentre chi concepisce il mio timore non avrà tristezza, ma possederà il vero gaudio.

"Avvicinandovi al corteo funebre, potrete pensare a quella processione del giudizio finale, quando tutti, dopo aver ripigliato il proprio corpo, mi verranno incontro, mentre io pure circondato dagli Angeli e dai Santi, con ineffabile gloria e maestà, mi porterò ad incontrarli.

"Inoltre pregherete per l'anima del defunto, affinché se si trova nelle pene, venga al più tosto sciolta da ogni impedimento e, riunita a me ed ai miei Santi, diventi degna della futura glorificazione, onde possa in quel tremendo giorno présentarsi a me con gioia ed onore".

 

 

CAPITOLO XIII

 

LA CUCINA DEL SIGNORE.

 

La liberalità del Signore aveva fatto a Metilde un dono magnifico. Riconoscendo la propria indegnità, ella disse con un umile disprezzo di sé stessa: "O Re generosissimo, a me non si addice un dono di tal valore. Io sono indegna perfino di lavare le stoviglie nella vostra cucina!

Il Signore con bontà replicò: "E che cosa sarebbero la mia cucina e le mie stoviglie che vorresti lavare?"

Non sapendo che rispondere, Metilde tacque. Ma il Signore che talvolta solleva una difficoltà, non già per ottenerne una soluzione, ma per dare qualche insegnamento, risolvette la questione per mezzo di una visione ch'Egli spiegò in questo modo: "La mia cucina è il mio divin Cuore; la cucina, infatti, è un luogo comune aperto a tutti, agli schiavi come alle persone libere; così pure, il mio Cuore è continuamente aperto a tutti e disposto a dare a ciascuno ciò che può essergli grato: Il capo di questa cucina è lo Spirito Santo, di cui la inestimabile soavità riempie senza posa il mio Cuore con una riboccante liberalità. Le mie stoviglie sono i cuori dei Santi e dei miei eletti, i quali continuamente ricevono di questa inebriante sovrabbondanza del mio divin Cuore".

Metilde scorse d'un tratto la Beata Vergine Maria in piedi presso il Signore, con la moltitudine degli Angeli e dei Santi. Gli Angeli, sembravano trarre dal loro petto i loro cuori sotto la forma di scodelle d'oro e presentarli alla liberalità del Re. E ognuno sembrava tosto riempirsi di divina voluttà nel torrente che in grande abbondanza sgorgava dal sacratissimo Cuore; poi, traboccanti a loro volta, i cuori dei Santi facevano rifluire questo torrente verso la sorgente, ossia verso il Cuore del Signore.

"Ricorri al purissimo Cuore della verginale Madre mia, le disse il Signore; là potrai lavarti, dedicandoti all'azione di grazie ed esaltando quella nobile fedeltà con la quale, più di ogni altra creatura, in tutte le sue azioni ella mi restava fermamente o piuttosto inseparabilmente unita. Quell'acqua in cui ti sarai lavata, la berrai per il desiderio e lo zelo nell'imitare mia Madre; similmente ti comporterai rispetto ai cuori di tutti gli altri Santi, esaltando sempre con divozione le loro virtù e imitandole con umiltà, secondo il tuo potere. In tal modo potrai felicemente giungere a godere della loro società nella gloria".

 

 

CAPITOLO XIV

 

L'ANIMA SI ANNIDA NEL CUORE DEL SIGNORE

 

Un'altra volta, dopo la Santa Comunione, il Signore le disse: "Ecco, io sono in te, e tu in me, immersa nella mia onnipotenza come il pesce nell'acqua". - "O mio Signore, rispose Metilde, i pesci sono sovente presi nella rete o tratti fuori dell'acqua, e se ciò accadesse anche a me?"

Il Signore riprese: "Tu non potrai, figliuola, essere tratta fuori di me. Ti farai un nido nel mio divin Cuore. - Quale sarà questo nido?" disse l'anima. - L'umiltà, rispose il Signore, l'umiltà ben custodita nei doni e nei favori che ricevi da me; tieniti sempre inabissata in una sincera umiltà".

L'anima continuò: "I pesci si moltiplicano nelle acque: quale sarà il mio frutto?"

Il Signore si degnò rispondere: "Quando tu mi offri al Padre celeste per il gaudio e la gloria dei Santi, il loro gaudio ed i loro meriti si moltiplicano, come se mi ricevessero corporalmente su la terra. Ecco quale sarà il tuo frutto".

L'anima si pose a riflettere come ciò potesse applicarsi ai Patriarchi ed ai Profeti che su la terra non avevano,mai ricevuto il Corpo di Cristo; ma il Signore le disse: "Ciò che gli Apostoli possedettero nella realtà, i Patriarchi ed i Profeti lo possedettero per la fede e la speranza: perciò questo frutto a loro appartiene cosi veramente come agli Apostoli".

 

 

CAPITOLO XV

 

L'ANIMA DI METILDE

TRAPASSATA DA UN DARDO D'AMORE - LA CROCE

 

Essendo una volta Metilde rapita in estasi, le parve di trovarsi in una casa di meravigliosa bellezza, in cui riconobbe subito il Cuore di Cristo, perché più di una volta, come già si è visto, vi era entrata allo stesso modo.

Prostratasi a terra, trovò sul pavimento una gran Croce e su quella si distese. Ed ecco che dal mezzo di quella croce usci un dardo in oro molto affilato, il quale trapassò l'anima di Metilde da una parte all'altra, poi essa udì dal Signore queste parole: "Tutto quanto vi è sopra la terra non potrebbe formare il gaudio dell'anima: la salvezza e la gloria suprema consistono nelle pene e nelle tribolazioni".

Tuttavia l'anima risentiva tristezza ed ansietà, perché udiva la voce del suo unico Diletto, ma non poteva vederlo. Mentre ella lo cercava con ardente desiderio, Egli le comparve davanti vestito di un abito di seta rossa, e prendendole la mano, le parlò con gran dolcezza. Ma l'anima, accorgendosi dell'estrema morbidezza della veste del Signore, domandò. ciò che potesse significare; il Signore le disse: "In quella guisa che una stoffa di seta è molle e delicata, così ogni pena e tribolazione è soave per l'anima che ama veramente il suo Dio".

"Così sarà, riprese Metilde, nel principio della sofferenza, giacché l'anima è allora nel primo vigore del suo amore: ma quando la pena aumenterà, allora diventerà grave ed insopportabile".

Il Signore rispose: "Senza dubbio! ma quando uno possiede una veste di seta ornata di oro e di pietre preziose, non la getta via perché è pesante, né per questo la aborrisce: la considera invece come più distinta e più preziosa. Così, l'anima fedele. non rifiuterà punto la pena per il motivo che diventa troppo acerba, perché nel patire tutte le sue virtù vengono ad essere nobilitate ed il suo merito si accresce all'infinito".

Era questa visione il presagio di una malattia che doveva capitarle poco tempo dopo, cioè nell'Avvento, tempo questo ch'ella sempre celebrava con gran divozione ed ardenti desiderii. In quel tempo venne colpita da dolori acutissimi; ma ciò che le dava maggiore pena, era di non poter portarsi al coro né compiere le sue ordinarie devozioni.

 

 

CAPITOLO XVI

 

INFERMITÀ DI METILDE

 

Secondo le consolazioni e le dolcezze che il Signore diffonde nell'anima che lo ama, Egli moltiplica pure per lei i dolori e le infermità, come spesso si vede in quest'anima fedele. Una volta, infatti, per più di un mese ella soffrì d'un male di capo così forte che non poteva né pigliar sonno né aver alcun riposo. In pari tempo si trovò priva di ogni grazia, di ogni dolcezza e di ogni visita divina, dimodochè con calde lagrime sovente si lagnava di non aver più nessun pensiero di Dio che la consolasse. Giunse infine ad una tale tristezza che talvolta con accorati gridi chiamava il suo Dio, il suo Diletto; e la sua voce addolorata si udiva in tutta la casa.

Dopo sette giorni passati in un tale eccesso di desolazione, il Signore di bontà, il quale è sempre vicino a quelli che hanno il cuore trafitto, l'inondò di consolazioni così abbondanti che sovente, dal Mattutino all'ora di Prima e da Prima all'ora di Nona, rimaneva con gli occhi chiusi e come morta, tutta assorta nel godimento del suo Dio.

Durante questo tempo, il misericordioso suo Signore le rivelava le meraviglie dei suoi divini segreti e la rallegrava con la sua dolce presenza a tal segno che, non potendo tener nascosta la sua santa ebbrezza, persino agli ospiti ed ai forestieri Metilde manifestava quella grazia interna che per sì lungo tempo aveva tenuta nascosta. Ne avvenne che molti le diedero l'incarico di raccomandare a Dio le loro intenzioni; e a tutte queste persone, secondo ciò che Dio si degnava di manifestarle, ella rivelava i desiderii dei loro cuori. Varie persone con grande letizia ne rendettero grazie al Signore.

Fu durante questa malattia che Dio le tolse con la morte la sua dolcissima sorella, madre badessa di venerata memoria. Ma essa riconosceva che Dio l'aveva compensata oltre ogni misura di questa pena e delle sue altre tribolazioni, col concederle il favore di vedere quest'anima ogni volta che voleva e di contemplarne l'abbondante ricompensa.

Tuttavia, siccome si lagnava ancora d'aver perduto il sonno a causa di questo dolore di capo, chi l'assisteva pensò ch'essa vaneggiasse per la malattia, perché non sembrava far altro che sonnecchiare. La sua intima confidente le domandò dunque ciò che facesse con gli occhi chiusi durante le lunghe ore in cui restava immobile, e la Santa rispose: "L'anima mia si compiace con delizia nel godimento di Dio, nuotando nella Divinità come il pesce nell'acqua o l'uccello nell'aria. Tra l'unione dei Santi con Dio e quella dell'anima mia, non v'è differenza se non che loro godono nell'allegrezza ed io nella sofferenza".

 

* * *

 

Durante questa malattia, sopravvenne la Quaresima ed ella risolvette di ritirarsi in ispirito nel deserto col Signore. In quella notte le parve di esservi in realtà, e domandò al suo Signore dove desiderasse, passare quella prima notte. Egli le indicò un albero magnifico ma tutto incavato, chiamato l'Albero dell'umiltà e le disse: "Qui passerò la notte"; e subito entrò nella cavità dell'albero.

"Ed io dove andrò, esclamò Metilde".

"Non puoi tu, rispose il Signore, volare sul mio seno e riposarti come fanno gli uccelli?"

Incontanente parve a quell'anima di essere un uccellino che volava verso il seno del Signore, dove tranquillamente prese il suo riposo. - "Misericordioso Signore, disse, mettetemi sul capo il vostro dito, perché io possa addormentarmi".

"Ma quando gli uccelli vogliono dormire, riprese il Signore, si mettono la testa sotto le ali".

- "Signore, quali sono le mie ali?"

- "Il tuo desiderio sempre ardente è una ala rossa; il tuo amore sempre vigoroso e crescente è un'ala verde; e la tua speranza, per cui senza posa sospiri verso di me, è un'ala gialla come l'oro".

Quella pia Vergine vide che dal divin Cuore stillavano piccole gocciole, le quali essa avidamente raccoglieva e ne sentiva un'ineffabile consolazione quale sino a quell'ora non aveva mai prova fa.

In quel momènto le parve che arrivasse san Pietro medesimo grandemente sorpreso che il Signore di, Maestà si degnasse abbassarsi a tal punto verso quell'anima. E il Signore disse: "Perché meravigliarti, Pietro? Non sai tu che i primi figliuoli e gli ultimi sono i più cari ? Voi, che foste i miei apostoli, foste i miei primogeniti ai quali dimostrai tutta la mia tenerezza, e in me trovaste il perfetto compimento di tutti i vostri desiderii".

Ma qui lo spirito di Metilde fu rapito in cielo dove vide il Signore seduto all'Oriente e, col Signore, sua sorella di felice memoria la madre badessa, circondata da tutti i membri della Congregazione, defunti e vivi. Ai più leggieri movimenti della defunta, tutte le anime che da lei erano state governate su la terra, facevano udire una melodia così deliziosa che la Corte celeste ne risentiva un nuovo gaudio: queste anime sembravano volare attorno alla badessa come uno sciame di bianche colombe.

I santi angeli presentarono a Dio le opere meritorie di tutte queste anime onde accrescere la felicità della detta badessa, la quale pregava per la sua Congregazione, dicendo: "Padre santo, conservate nel vostro nome quelle che mi avete date". Il Signore rispose: "La tua volontà è la mia, nell'innocenza le custodirò da ogni male".

Al Figlio quell'anima beata diceva:. "Vi domando che siano una sola cosa in Voi come siamo noi", cioè con un'intera e piena volontà siano in tutto unite a Dio, come a Lui sono uniti i Santi in cielo. Il Figlio disse: "Il tuo desiderio e il mio desiderio: io sono in esse, ed esse sono in me; perfezionerò e confermerò in me tutte le loro opere".

Ella pregò inoltre lo Spirito Santo, dicendo: "Santificatele nella verità, degnatevi di essere il loro Consolatore". E lo Spirito Santo si degnò rispondere: "Il tuo gaudio è il, mio gaudio; le consolerò e le custodirò".

Dopo le predette cose, Metilde, pregando anch'essa per la Congregazione, sentì nel firmamento del cielo un suono dolcissimo; era lo strepito delle discipline che in quel momento le suore prendevano per la salvezza degli uomini: A questo rimbombante suono, i santi angeli danzavano applaudendo, mentre i demonii che cruciano le anime, fuggivano lontano e le anime erano liberate dalle loro pene e le catene dei loro peccati si spezzavano.

 

 

CAPITOLO XVII

 

IL SIGNORE LE PROMETTE DI RIVESTIRLA DI SÈ MEDESIMO

 

Un'altra volta, mentre per il mal di capo non poteva pigliar sonno, quella divota vergine, pregò il Signore di mostrarle almeno un luogo dove potesse trovare un po' di riposo. Egli le presentò i quattro fori delle sue piaghe, ordinandole di scegliere la dimora che le sarebbe più gradita. Ella non volle fare nessuna scelta, ma se ne rimise alla divina bontà perché si degnasse fissarle una dimora secondo il suo beneplacito. Il Signore le indicò la piaga del suo Cuore dicendo: "Ecco, entra e riposati qui".

La santa con molto gaudio subito penetrò nel Cuore di Dio, e le parve di avere tanti guanciali di seta quante punture di dolore risentiva nel capo.

"Diletta mia, le disse il Signore, in questa festa di Pasqua, voglio rivestir ti io stesso e di me stesso". Ella non intendeva il senso di queste parole, perciò il Signore riprese: "Non sai tu che la seta è filata dai vermi? Orbene, di me sta scritto: Sono un verme e non un uomo (Ps., XXI, 6); io dunque dalle viscere della mia misericordia trarrò per te delle vesti; e le porteremo assieme se non potrai portarle di per te sola. Sinora, infatti, mi hai fedelmente servito nei travagli; ora ti sforzerai di servirmi nell'esercizio delle virtù di cui ti ho dato l'esempio, e ciò che per te sarà troppo grave, lo porterò con te, né ti mancherà il mio aiuto".

 

 

CAPITOLO XVIII

 

LA FONTE DELLA MISERICORDIA

 

Un'altra volta, quella divota vergine, s'informò del luogo ove avesse da passar la notte in orazione col Signore. - "Ai piedi di questa montagna deserta", rispose il Signore, e ve la condusse. Le mostrò la Fontana della Misericordia, presso la quale vi era una coppa d'argento.

Il Signore le disse: "Fa bere l'acqua di questa sorgente a chi tu desideri".

Metilde replicò: "Mio Signore, fatelo Voi per me, perché io non ne sono quasi capace, tanto mi sento debole ed inferma". I santi Angeli, accostandosi in sua vece a quella fonte, offrirono da bere dapprima alla gloriosa Vergine Maria per l'accrescimento della sua beatitudine. E mentre essa beveva, ogni goccia nella sua bocca risonava in una maniera così armoniosa che i cittadini della celeste Gerusalemme ne trasalivano con uno speciale giubilo. Diedero da bere anche ai Patriarchi, ai Profeti, agli Apostoli, ai Martiri, ai Confessori, alle Vergini, alle Vedove, a quelli che si erano santificati nello stato del matrimonio e a tutti i cittadini del Cielo. E sempre ogni goccia che veniva assorbita, dava un soavissimo suono in lode a Dio, come abbiamo detto rispetto alla Vergine Maria.

Dopo, gli Angeli diedero da bere di quella sorgente della Misericordia alla Chiesa militante. Dapprima al Signore Apostolico (il Papa), ai Cardinali, agli Arcivescovi, ai Vescovi ed a tutti i Religiosi, poi all'Imperatore, ai Re, ai Principi, ai Giudici ed ai Pastori delle anime, in una parola, a tutti quelli che vivevano su la terra; e infine alle anime del Purgatorio. Tutti veramente bevevano di quella fonte, ma non tutti nel bere di quell'acqua facevano sentire quel dolce e soave suono come gli eletti della Chiesa trionfante.

A compimento, il Signore, Egli medesimo, ai membri della Chiesa trionfante, e a quelli della Chiesa militante, presentò da bere un nettare che dal suo Cuore scorreva in una piccola coppa formata con le preghiere della sua Serva.

 

* * *

 

La notte seguente, condotta di nuovo in ispirito a quella fonte della Misericordia, Metilde vide che ne usciva la vena abbondantissima dell'acqua dell'umile riconoscenza, la quale bolliva e dopo attraversato il Cuore di Gesù Cristo ritornava ancora purissima verso la sua sorgente. E questo deve intendersi nel seguente modo: poiché i doni di Dio sono variati e non tutti gli uomini hanno la medesima grazia, perciò v'è hi divisione dei doni; ognuno deve dunque con gran cura attendere a quel dono che Dio gli ha conferito, e a Dio farlo risalire con la riconoscenza, stimandosi indegno di ogni grazia e persino della vita. Ognuno se ne dimori nella propria abiezione e sempre dica come Giacobbe: Minor sum, Domine, cunctis miserationibus tuis: Non merito, o Signore, la vostra pietà. Nessuno deve desiderare per sé medesimo maggiori doni, se non per la gloria di Dio: ma ritenga per certo che tutto quanto avviene di lieto o di triste, tutto sempre viene dall'estrema carità di Dio per la sua creatura. Perciò, tutti i doni che si ricevono da Dio, bisogna con riconoscenza, in unione di azioni di grazie con Gesù Cristo e attraverso il suo sacratissimo Cuore, farli risalire sino a Dio da cui proviene ogni bene.

 

* * *

 

Un'altra volta, essa vide il Signore Gesù seduto in alto alla destra della divina Maestà e occupato a rimettere i peccati. Le suore con cuore contrito ed umiliato, venivano a confessarsi; il Signore Gesù abbracciava ciascuna col suo braccio destro e annientava in sé medesimo tutti i peccati confessati, dimodochè sembrava che quelle colpe non ci fossero mai state. Quando ciascuna era così purificata, Egli la presentava al Padre celeste che l'avvolgeva in uno sguardo benevolo, dicendole: "La destra del mio Giusto ti ha ricevuta in perfetta riconciliazione".

 

 

CAPITOLO XIX

 

BONTÀ DEL SIGNORE

NELLA MALATTIA DELLA SUA SERVA

 

Durante la sua malattia, mentre si doleva con Dio perché non poteva recarsi al coro né compiere nessun'opera buona, le parve che il Signore col suo braccio sinistro la tenesse abbracciata in tal modo che la piaga del suo. dolcissimo Cuore si applicasse sul cuore della sua diletta. E il Signore le disse: "Quando sei ammalata ti abbraccio col mio braccio sinistro, ma quando sei sana ti abbracciò invece col destro. Sappi perciò che quando tu sei abbracciata col braccio sinistro, sei più vicina al mio Cuore".

 

* * *

 

Dopo quaranta giorni di malattia e di dolori di capo, le sembrò infine di trovarsi di nuovo col Signore nella campagna fiorita ed ella gli disse: "O dolcissimo mio sposo, datémi la vostra benedizione, come faceste col vostro servo Giacobbe". Il Signore con bontà la benedì con la mano, dicendole: "Sii sana di corpo e di anima"; e d'un tratto ella sentì calmarsi i suoi dolori.

Nella sua gioia pregò la Santa Vergine e tutti i Santi di lodare insieme con lei il Diletto dell'anima sua per questo benefizio.

E tutti, dopo che la Beata Vergine ebbe incominciato, fecero risuonare nuovi canti di lode per i benefizi che quell'anima da Dio aveva ricevuti.

Da quel momento la Serva di Cristo si trovò meglio; ma non si ristabilì completamente; nondimeno vacava agli esercizi spirituali con tanto ardore che le sue forze non vi potevano bastare.

 

* * *

Un'altra volta, Metilde con azioni di grazie pensava alla potenza del divino Amore che dal seno del Padre fece scendere Cristo nel seno della Madre Vergine. Il Signore le disse: "Eccomi, io mi abbandono in potere dell'anima tua come tuo schiavo, affinché tu faccia di me quanto vorrai. In quella guisa che un prigioniero non può far nulla senza l'ordine del suo padrone, così io sarò ai tuoi comandi".

Metilde con una profonda gratitudine ascoltò tali parole di una sì grande accondiscendenza, poi pensò che cosa dovesse domandare alla bontà del Signore. Era vicina la solennità di Pasqua; dal principio dell'Avvento, fuorché nella vigilia e nella Natività di Cristo, per i suoi incessanti dolori, non le era stato possibile recarsi al coro; non aveva dunque nessun desiderio più veemente che quello della sanità.

Tuttavia, nella sua perfettissima fedeltà verso Dio, rispose al Signore: "O il più dolce, il più caro Diletto dell'anima mia, quando pure io potessi ricuperare adesso tutto il vigore e tutta la sanità che mai abbia avuta, non lo vorrei punto. Ciò che voglio unicamente, è di non essere mai in disaccordo con la vostra volontà, ma di voler. sempre con Voi tutto quanto vorrete e farete per me, sia penoso, sia piacevole".

Incontanente le parve che il Signore l'abbracciasse col suo braccio sinistro e le piegasse il capo sul proprio petto, dicendo: "Poiché tu vuoi tutto ciò che voglio io, terrò sempre l'anima tua abbracciata, attirerò in me tutti i dolori del tuo capo e li santificherò con le mie sofferenze".

Si potrebbero scrivere molte cose sopra ciò che avvenne durante quella malattia; ma le omettiamo, perché nelle sue relazioni spesso interrotte o scritte a brani, la Santa, come ebbe a dichiarare, spesso sopprimeva ciò che vi era di migliore. "Tutto ciò che vi riferisco, diceva, non è che un soffio di vento in confronto di ciò che non posso esprimere con le parole". Talvolta parlava con voce così bassa che non potevamo intenderla bene. Ma, non abbiamo aggiunto nulla a ciò che abbiamo veramente udito ed accuratamente conservato, a lode di Dio e per utilità del prossimo.

 

 

CAPITOLO XX

 

COME L'ANIMA PREPARI NEL SUO CUORE

UNA CASA PER IL SIGNORE

 

Un sabato, durante la messa Salve sancta Parens, ella disse - al Signore: "Oh, se potessi per vostro amore, o Dio amabilissimo, esaltare la vostra gloriosa Madre con le mie lodi e offrirle per onorarla i doni più splendidi che mai nessuna regina abbia ricevuti!".

Il Signore tosto fece segno a due Angeli, come per farsi portare qualche oggetto. Essi se n'andarono e riportarono una specie di sacchetto bianco che deposero davanti al Signore. Questo sacchetto conteneva le buone opere di Metilde. Tra altri gioielli, il Signore prese una croce d’oro che figurava le sofferenze; scelse inoltre un magnifico giglio che attaccò sul proprio petto a guisa di ornamento.

Ma l'anima, rapita dalla dolcezza di questa scena, disse al suo Signore: "O Diletto del mio Cuore, come vorrei di questo mio cuore formare il dono più ricco e più degno di Voi".

Il Signore rispose: "Non potrai mai trovare un dono che mi sia più gradito di una piccola casa formata nel tuo cuore, affinché io vi abiti continuamente e vi trovi le mie delizie. Questa casa non avrà che una sola finestra da cui parlerò e distribuirò agli uomini i miei doni".

Ella intese che questa finestra figurava le sue proprie labbra di cui doveva usare per distribuire la parola di Dio e per istruire o consolare quelli che si fossero rivolti a lei.

 

 

CAPITOLO XXI

 

ANCORA IL DIVINO AMORE

 

Metilde una volta pregava il Signore che le volesse dare qualche cosa che l'eccitasse ad una continua memoria di Lui. Il Signore le disse:

"Ecco, io ti dono gli occhi miei, affinché con quelli tu veda ogni cosa; ti dono le mie orecchie perché con quelle tu intenda tutto ciò che senti; ti dono la mia bocca perché per suo mezzo tu proferisca tutto ciò che dici nel parlare, pregare o cantare; ti dono il mio Cuore, perché per lui tu pensi tutte le cose, per lui tu ami ed ami pure tutte le cose per mio amore".

A queste ultime parole, la Serva di Cristo si sentì tutta attirata al Signore e a Lui intimamente unita, a segno che le sembrava di vedere con gli occhi di Dio, udire con le orecchie di Dio, parlare Con la bocca di Dio e infine non aver più altro cuore che il Cuore di Dio.

 

* * *

 

Il Signore le disse ancora: "Quanto più ti allontanerai dalle creature rinunciando alle consolazioni che ne potresti ricevere, tanto più sarai sollevata all'altezza inaccessibile della mia maestà. Quanto più la tua carità si estenderà su le creature con la compassione e la misericordia verso tutti, tanto più sarai strettamente e con tenerezza circondata dalla mia incomprensibile larghezza. Quanto più col disprezzo di te medesima ti umilierai sotto ogni creatura, tanto più ti sprofonderai in me e con maggior dolcezza ti inebrierai al torrente della mia Divinità".

 

* * *

 

Una volta, mentre cercava con, ardore il Diletto dell'anima sua, il quale non solamente esaudisce ma si degna prevenire il desiderio del povero, lo udì cantare con voce dolce e forte questo invito: "Veni, dilecta mea ad me; Vieni da me, o mia diletta!". La voce del Signore era così forte che tutto il cielo ne risonò sin nelle sue profondità. Metilde intese che le estremità dei cieli figuravano le anime che lietamente applaudivano alla voce del Signore.

L'anima così invitata si presentò tosto e si tenne in piedi alla presenza del Diletto seduto sur un trono meraviglioso ed elevatissimo. Le colonne di questo trono erano di ambra, i capitelli di smeraldo e le basi di zaffiro. Lo smeraldo significava la giovinezza dell'eternità e lo zaffiro la nobiltà ed il pregio della Divinità.

L'Amore, sotto la figura di una bellissima vergine, passeggiava intorno al trono dove sedeva Cristo e cantava: Gyrum coeli circuivi sola: Feci sola il giro del cielo (Eccl. XXIV, 8).

Da queste parole Metilde conobbe come solo l'Amore avesse potuto rendere schiava l'onnipotenza della divina Maestà rendere pazza, per così dire secondo il giudizio umano, l'inscrutabile Sapienza e spargere in effusioni tutta la sua soave bontà. Solo l'Amore poté vincere i rigori della divina Giustizia e cambiarli in mansuetudine, onde abbassare il Signor della gloria sino nell'esilio della nostra miseria.

Nelle parole seguenti: Et in fluctibus maris ambulavi: E camminai nelle onde del mare; ella intese che tanto prima della Legge come sotto la Legge e sotto la grazia, tutti quelli che per amore si conservarono fedeli a Dio nelle loro tribolazioni, per la forza dell'amore trionfarono di tutte le avversità e di tutti i vizi.

E l'Amore continuava a cantare: Audit eum in gyro sedis etc.: Essa sente intorno al trono. Metilde intese come i Santi ora cantino le opere grandi dal Signore compiute in loro, cioè la loro elezione per la sua inscrutabile sapienza, la loro gratuita giustificazione accompagnata dal dono della grazia, la loro liberazione da ogni miseria per quell'amore potente e forte che convertì in vantaggio della loro salvezza non solo tutti i beni, ma anche tutti i mali. Dio accetta questa lode dai Santi tanto volentieri come se non avessero ricevuto da Lui tutti questi beni, ma li avessero da sé medesimi, e nondimeno a Lui solo ne dessero la gloria.

 

* * *

 

Sembrò ancora a quella divota vergine che l'Amore stesse alla destra di Dio, e dal Divin Cuore uscisse un istrumento melodioso rivolto verso il cuore di questa vergine: era un salterio con dieci corde, il quale ricordava h parole del salmo: Vi loderò sul salterio di dieci corde (Ps. XXXII, 2). Nove di queste corde rappresentavano i nove cori angelici nei quali è ordinato il popolò dei Santi. La decima corda rappresentava il Signore medesimo Gesù Cristo, Re degli Angeli e santificatore di tutti i santi. L'anima allora prostrata davanti al Signore, leggermente toccò la prima corda e lo lodò con queste parole: Te Deum Patrem ingenitum: Voi, o Dio Padre, non generato; alla seconda corda continuò: Te Filium unigenitum: Voi, o Figlio, unico generato; alla terza: Te Spiritum Paraclitum: Voi, Spirito Santo Paracleto; alla quarta corda disse: Sanctam et individuam Trinitatem: Santa ed indivisibile Trinità; alla quinta: Toto corde et ore confitemur: Noi vi esaltiamo col cuore e con la bocca; alla sesta: Laudamus: Vi lodiamo; alla settima: Atque benedicimus: Vi benediciamo; all'ottava: Tibi gloria: A voi gloria; alla nona: In saecula: Per i secoli dei secoli.

Ma su la decima corda ella non poté nulla cantare, perché non poteva raggiungere la suprema altezza di Dio.

 

* * *

 

Dopo, ella vide sul petto del Signore uno specchio trasparente nel quale appariva una faccia d'uomo rassomigliante al disco della luna. Nella sua sorpresa, pensava cosa ciò potesse significare, ma il Signore le disse: "Ciò ti serva di istruzione". Metilde capì che Lui solo è l'eterna Sapienza indicata dagli occhi, sapienza che sa tutto, che sola conosce e vede perfettamente Sé medesima, sapienza che da nessuna creatura può essere compresa. "Chi t'insegna così?" riprese il Signore. "Voi stesso, o Distributore di tutti i beni, rispose la Santa, Voi che all'uomo insegnate la scienza e ispirate ogni sapienza".

Nel considerare la bocca di quella faccia meravigliosa, Metilde capì che Dio è incomprensibile nella sua onnipotenza e che il cielo e la terra riuniti non bastano a lodarlo pienamente; Lui solo può essere una lode adeguata a sé medesimo, Lui che conosce l'estensione dell'amore con cui dona sé stesso all'anima amante, e ogni giorno su l'altare offre sé stesso a Dio Padre come vittima per la salvezza dei fedeli, in un mistero nascosto persino alle profonde investigazioni dei Serafini, dei Cherubini e di tutte le Virtù dei cieli.

Il Signore parlò di nuovo, dicendo: "E questo, chi te lo ha insegnato?" Ella rispose: "Voi, o Maestro migliore di tutti i maestri, Autore di ogni bontà, vera luce che illuminate ogni uomo che viene al mondo".

Così dicendo quell'anima si chinò sul petto del suo carissimo Signore, lodandolo con trasporto ed affetto, con tutte le sue forze, in Lui e per mezzo di Lui medesimo. Quanto più lo lodava unendosi a Lui, tanto più svaniva in sé medesima sino a trovarsi annientata. Come la cera si fonde alla presenza del fuoco, così Metilde si liquefaceva, per così dire, e veniva assorta in Dio, felicemente unita con Lui e a Lui attaccata, diremo, col vincolo di una unione indissolubile. Questo stato le faceva desiderare che tutti, in cielo e in terra, fossero partecipi della grazia divina, perciò prese la mano del Signore e con quella tracciò un segno di croce grande abbastanza per abbracciare il cielo e la terra. Questo atto, che accrebbe il gaudio degli abitanti del cielo, procurò pure perdonò ai colpevoli, consolazione agli afflitti, forza e perseveranza ai giusti, ed alle anime del Purgatorio sollievo e liberazione.

 

 

CAPITOLO XXII

 

COME SI DEBBONO CONFIDARE A DIO LE PROPRIE PENE - GLORIA DEI SANTI E DELLE VERGINI

 

Un'altra volta, mentre quella divota vergine pensava che la sua malattia la rendeva inutile e che le sue pene restavano senza frutto, il Signore le disse:

"Deponi nel mio Cuore tutte le tue pene, ed io darò loro la perfezione più assoluta che la sofferenza possa possedere. In quella guisa che la mia Divinità attirò a sé i patimenti della mia Umanità e li fece suoi, così io trasferirò le tue pene nella mia Divinità, le unirò alla mia Passione, e ti renderò partecipe di quella gloria da Dio Padre conferita alla mia santa Umanità in compenso di tutte le sue sofferenze. Consegna dunque all'Amore ogni tua pena, dicendo: "O Amore, a te commetto tutte queste mie pene con quella intenzione con cui me le hai apportate dal Cuore di Dio, e ti prego che tu le riporti nel divin Cuore perfezionate da una somma riconoscenza.

"Quando desidererai lodarmi e che la malattia te lo impedirà, pregherai perché io esalti e benedica Dio Padre per le tue pene, come feci su la Croce, in mezzo ai miei propri patimenti. Ringrazierai con la gratitudine con cui lo ringraziai di aver decretato la mia Passione per la salvezza del mondo; amerai con l'amore col quale tutto soffrii volentieri e con animo libero e pronto.

"La mia Passione ebbe frutti infiniti in cielo e su la terra; così le tue pene e le tue tribolazioni, se me le offrirai e le unirai alla mia Passione, saranno grandemente fruttuose per te e per tutti; a segno che agli eletti procureranno maggior gloria, ai giusti nuovi meriti, ai peccatori il perdono, ed alle anime del purgatorio l'alleggerimento delle loro pene. Che cosa, infatti, può mai esservi, che il mio divin Cuore non possa commutare in meglio, poiché ogni bene in cielo e in terra proviene dalla bontà del mio Cuore?"

Il Signore le mostrò tutti gli ordini dei Santi con la loro gloria e le loro inestimabili dignità, dicendo: "Ecco quanto la bontà del mio Cuore ha operato nei Profeti, negli Apostoli e in tutti i Santi. Quanto degnamente ho compiuto le loro opere, e con quanta bontà le ho premiate oltre il loro merito!"

Mentre in tal modo con grande letizia considerava la gloria dei Santi, la Serva di Cristo vide con ammirazione il Coro delle Vergini, e rapita dalla loro bellezza e dalla loro beatitudine più che da quella degli altri Santi, disse al Signore: "Ah ! mio Signore, poiché per un amore gratuito date tanti onori alle Vergini, di temi, vi prego, qual è la maggiore delizia che trova te in esse?"

Il Signore rispose: "Ah!, tu vuoi comprendere le cose più grandi, e non sei neppure capace di comprendere in questa vita le più piccole! Tuttavia te ne dirò qualche cosa: Dio mio Padre ama ciascuna vergine in tal modo che ne aspetta la venuta con gaudio maggiore che mai Re aspetti la fidanzata del suo unico Figlio, dalla quale spera qualche legittimo erede.

"Appena risuona nel cielo questa nuova: Ecco una Vergine! tutte le dignità del cielo si muovono coli giubilo; e appena ella entra in cielo, i suoi passi negli atri celesti risuonano con dolcissima armonia per tutto il cielo. Perciò tutti i Santi con indicibile trasporto ed allegrezza le vanno incontro cantando in sua lode: Quam pulchre graditur! Quanto sono belli i tuoi passi, o nobile principessa!(Cant. VII, 1). Io pure mi affretto ad andarle incontro, invitandola con queste parole: Vieni, amica mia! Vieni mia sposa! Vieni a ricevere la corona. (Cant., IV, 3). E la mia voce allora talmente si estende che risuona nel cielo intero, e penetra gli Angeli ed i Santi i quali diventano come organi che rispondono agli accenti della medesima.

"Arrivata alla mia presenza, la vergine guarda sé stessa nei miei occhi come in uno specchio. Noi ci contempliamo così l'un l'altro in un dolce rapimento. Poi, in un amoroso abbraccio, io imprimo me stesso in lei, la riempio e la penetrò di tutt'intera la mia Divinità. Qualunque sia il suo stato, io sembro essere tutt'intero in tutte le sue membra, e reciprocamente l'attiro in me, cosicché la si vede dappertutto gloriosa in me stesso. Di più, io stesso. divento la sua corona, degno ornamento della sposa legittima ch'io voglio esaltare.

"Lo Spirito Santo pure la penetra della sovrabbondanza della sua dolcezza e della sua bontà, di cui ella resta impregnata a guisa di mollica di pane immersa nel vino puro, e così diviene amabile a segno che rapisce tutti gli abitanti del cielo".

 

* * *

 

Un giorno che Metilde rendeva grazie a Dio per i grandi benefici che ne aveva ricevuti, il Signore le disse: "Rendi grazie anzitutto per tutto ciò che ho dato a mia Madre ed agli Angeli".

Metilde obbedì subito rendendo grazie perché Dio, fin dall'eternità, aveva eletto Maria, santificandola nella sua origine medesima; poi ancora perché nell'infanzia e nella giovinezza l'aveva talmente custodita che non conobbe mai peccato e per ispirazione dello Spirito Santo l'aveva condotta ad emettere per la prima il voto di perfetta castità. Dopo che ella ebbe fatta questa lode, il Signore riprese: "Di tutto quanto è creato in cielo e su la terra, non amo nulla come la purezza verginale".

Metilde disse: "O Signore, se è così, ditemi quali sono le Vergini così pure da meritare le vostre preferenze".

Il Signore disse: "Quelle che non furono mai macchiate né dalla volontà né dal desiderio di perdere la loro verginità". Allora, disse Metilde, che faranno quelle che sono colpevoli di negligenza?"

"Si purifichino, rispose il Signore, con la penitenza e la confessione; così entreranno con gaudio nella compagnia delle vergini perfettamente pure. Ma non potranno risentire quelle delizie più intime che traboccano dai torrenti della mia Divinità".

 

* * *

 

La Regina delle Vergini le comparve una volta rivestita di un mantellò d'oro, in cui erano ricamate delle colombe rosse, due a due, rivolte l'una verso l'altra, le quali tenevano nel becco un verdeggiante giglio. Metilde intese che quel mantello d'oro significava l'ardentissimo. amore di cui la Vergine Maria fu sempre accesa per il Signore, mentre le colombe rosse raffiguravano molto bene la sua pazienza invariabile in tutte le avversità, come quella d'una dolce colomba. Il giglio rappresentava il nobile e magnifico frutto delle sue virtù e delle sue opere. Per stringere il suo mantello, la Vergine portava un cingolo d'oro da cui pendevano anelli, essi pure d'oro, attaccati l'uno all'altro con catenelle, e ornati di rubini. Questi anelli significavano la caparra dello sposalizio di tutte le Vergini che sono unite a Dio col voto di castità. Essi erano in quel modo sospesi al cingolo della Madre del Signore, perché la benigna Vergine, per amore conserva con cura materna i pegni che appartengono a quelle sue divo te serventi che sono le vergini: a ciascuna nel giorno della loro morte ella rimette le arre immacolate che le furono affidate in presenza del Signore. Il colore dei rubini significava che il Re della gloria, Gesù Cristo Sposo delle Vergini, adorna del suo proprio sangue le arre delle vergini sacre.

 

 

CAPITOLO XXIII

 

CRISTO SI RIVESTE DELLE PENE DA NOI SOPPORTATE

E LE OFFRE AL PADRE SUO

 

Nel tempo che la malattia di Metilde era più penosa, il Signor Gesù Cristo venne a rivestirla di un abito bianco, stretto da un cingolo tessuto di seta verde con ornati d'oro, del quale le estremità pendevano sino alle ginocchia.

Tutta meravigliata, la santa desiderava sapere ciò che questo significasse, e il Signore glielo spiegò dicendo: "Ecco, io mi rivesto delle tue sofferenze. Il cingolo indica che tu sei circondata di dolori che ti arrivano sino alle ginocchia. lo stesso assorbirò in me tutti questi patimenti; io stesso in te li S'offrirò. In tal modo ne farò un'offerta graditissima a mio Padre, perché sono uniti alla mia Passione. Sino all'ultimo sospiro sarò con te e non lo renderai se non nel mio Cuore dove riposerai per sempre. Riceverò allora l'anima tua nella mia casa con tale amore che tutte la corte celeste ne sarà rapita di ammirazione".

 

* * *

 

Durante quella malattia, una volta dopo essersi comunicata, quella pia vergine disse al Signore: "Ahimé! o dolcissimo mio Dio, come mai ho potuto invitarVi nell'anima mia, non avendo fatto prima né orazione né bene alcuno?"

Il Signore si degnò rispondere: "Mio Padre opera sempre sino a quest’ora, e opero io pure (Ioan., V, 12); il Padre mio con la sua potenza compie in te un'opera alla quale non basterebbero le tue forze; io, con la mia sapienza, compio in te un'opera che supera la tua intelligenza; e lo Spirito Santo, per la sua immensa bontà, compie in te un'opera che non puoi ancora né sentire né gustare".

 

 

CAPITOLO XXIV

 

CRISTO CONSIDERA COME FATTI A SÈ MEDESIMO I SERVIZI RESI ALLA SUA SERVA.

 

Metilde accoglieva di mala voglia i servizi che altre le rendevano, perché temeva di ricevere troppo sollievo; se ne lagnò dunque col Signore, dal quale ricevette questa risposta:

"Non temere, né turbarti, perché io veramente sopportò ciò che tu soffri; quindi considero come rese a me stesso quelle cure che si prestano a te e le premierò come se le avessi ricevute io medesimo. Tutti quelli che con tenera compassione ti assisteranno nella tua morte, commuoveranno il mio Cuore tanto come se mi avessero seguito nella mia Passione prendendo parte ai miei dolori. Quelli poi che con pietà assisteranno al tuo funerale, faranno un'azione del medesimo valore che se mi avessero onorato nella mia sepoltura".

Mentre quella pia vergine pregava per la consorella che la serviva, il Signore le apparve con una cintura tutta guarnita di anelli d'oro che Egli le mostrò dicendo: "Ecco i passi che quella suora ha fatti per il tuo servizio; davanti a me avranno tutti un premio eterno insieme con tutte le altre gentilezze che ti avrà usate".

Il Signore la raccomandò all' Amore perché ne prendesse cura e la servisse nella sua malattia. Ella allora intese che l'Amore serve utilmente all'anima in tre modi. Dapprima presenta fèdelmente a Dio tutti gli interessi affidati all'anima. Inoltre conserva preziosamente nello scrigno del divin Cuore tutto quanto quest'anima gli rimette, ed alla sua uscita da questo mondo, glielo renderà accresciuto e nobilitato. Da ultimo, le porge aiuto nelle fatiche e nelle tribolazioni; la sorregge nel bene e la difende contro il male. Perciò, quando uno si sente meno devoto, freddo nell'amore, lontano da Dio, invochi l'Amore, lo prenda come messaggero incaricandolo di ottenergli la grazia o lo zelo della divozione; così pure, incarichi l'Amore di custodire tutto il bene che potrà fare, onde ritrovarlo poi grandemente migliorato. In ogni stento ed in ogni tribolazione, ognuno chiami l'Amore in suo aiuto, perché con l'Amore l'uomo non prova né fatica nel lavoro né avvilimento nell'avversità.

 

 

CAPITOLO XXV

 

IL TRONO DI DIO E I NOVE CORI ANGELICI

 

Mentre si scriveva questo libro all'insaputa della Santa, questa sentì. un giorno, durante la Messa, una voce che chiamò col suo nome la persona cui ella ordinariamente rivelava i suoi segreti. La voce soggiunse: "Quale sarà, pensi tu, la sua ricompensa per ciò che ha scritto?" Meravigliata e stupita, Metilde interrogò la sua intima amica onde sapere se scrivesse quanto le confidava. L'amica si scusò del suo meglio non volendo nulla confessare, e le disse che interrogasse piuttosto il Signore.

L'indomani, mentre Metilde salutava la Beata Vergine Maria dopo l'Ufficio Salve sancta Parens, il Signore le disse: "Sta in silenzio; prendi tutto ciò che ti do e sta contenta di goderne". Malgrado queste parole, ella restava sospesa e ripeteva le sue domande; ma se ne rimproverò pensando che l'obbedienza vale meglio del sacrificio (I Reg. XV, 22), e non ardi andare più avanti.

Ed ecco d'un tratto apparire due angeli che la portavano in alto. Mentre si reputava indegna di un tale divino favore, gli angeli dicevano: Dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre (Ps. XLIV, 11). A queste parole la Santa intese che quando Dio si degna di elevare un'anima ad una contemplazione profonda, quella deve porre nell'oblio la propria persona e persino i suoi peccati, onde più speditamente attendere a Dio e puramente dedicarsi a quelle cose che le vèngono rivelate.

Gli angeli la condussero sino ad una casa splendida e spaziosa, dove vide i nove cori angelici ordinati gli uni sopra gli altri in una maniera tanto ammirabile quanto inesplicabile, perché formavano, per così dire; una figura come di tartaruga. In cima, sopra il coro dei Serafini, stava il trono di I)io, e vicino v'era quello della Beata Vergine Maria. Metilde vide allora come le gerarchie celesti a vicenda si rimandassero il proprio raggio le une alle altre. In tal modo, il raggio di amore infiammato, uscendo da Dio, si portava direttamente sui Serafini, donde passava in tutti gli altri cori. I Serafini comunicavano dunque agli altri Cori la luce direttamente infusa che avevano ricevuta.

L'anima, portandosi ai piedi del Signore, lo salutò dal più profondo del cuore e il Signore le disse: "Ecco ch'io ti do la mia pace, affinché nessuna inquietudine t'impedisca di venire a me". Ella, infatti, era stata talmente rattristata, che per una intera settimana le era stato impossibile di unirsi al Signore nell'intima pace del cuore.

Ricordando le parole che aveva udite il giorno prima, domandò al Signore se veramente la sua confidente avesse scritto qualche cosa, e se quella tal voce meritasse attenzione. Il Signore rispose: "Non avere né timore né fastidio; lascia che faccia ciò che fa; io stesso sarò il suo cooperatore ed il suo aiuto".

 

* * *

 

Senza più oltre inquietarsi, Metilde pregò: il Signore che le volesse insègnare come dovesse salutare la Beata Vergine. Egli, mostrandole il suo Cuore; le rispose: "Qui tu riceverai quanto ti occorre per salutare la Madre mia".

E tosto l'anima volò come un uccellino verso il costato del Signore e nel divin Cuore prese parecchi granelli bianchi come la neve e simili alla manna, per andare a depositarli nel Cuore della Beata Vergine Maria. Ogni granello esprimeva una gioia speciale della Beata Vergine.

Durante le preghiere segrete; mentre ricordava alla Madre di Dio il gaudio che quella Vergine Santissima risentiva per la sua unione con Dio più intima di quella d'ogni creatura, vide il Signore e la Madre sua chinarsi l'uno verso l'altro in un lungo bacio. E il Signore disse all'anima: "Questo bacio apparterrà per sempre a te e a tutti quelli che saluteranno mia Madre o me stesso nell'unione che abbiamo assieme; essi avranno la fortuna di essere con me indissolubilmente uniti".

 

* * *

 

Desiderando Metilde sapere dove si trovasse allora l'anima della Suor M... la vide nel coro dei Serafini, sotto la forma di un uccello che volgeva il suo volo direttamente verso la faccia del Signore, ciò che ricordava la conoscenza di cui su la terra quella suora più delle altre era stata illuminata.

In fine della Messa, il Signore, diede all'anima. a guisa di benedizione quattro baci, e l'assicurò, con ineffabili parole, che non sarebbe mai da Lui separata.

LIBRO TERZO

 

 

 

CAPITOLO I

 

L'ANELLO ORNATO DI SETTE PREZIOSE GEMME

 

Un giorno, quella Vergine di Cristo, non sentendo in sé la presenza del suo Diletto, si abbandonava ai più vivi desiderii di ritrovarlo; ed Egli ad un tratto le apparve col suo divi n Cuore aperto come la porta di una casa grande, la quale aveva il pavimento di oro ed era. di forma rotonda onde significare l'eternità di Dio. Il Signore stava nel mezzo. e l'anima vicina a Lui e sembravano discorrere di molte cose.

Mentre si cantava nella messa: "Et tibi reddetur votum in Ierusalem: E visi renderà il voto in Gerusalemme", ella pensava quanti voti i Santi avessero offerto al Signore in questo mondo. La Beata Vergine Maria e tutte le Vergini avevano offerto la castità; i Martiri, il loro sangue prezioso; gli altri Santi, molte fatiche e devozioni; laonde Metilde si rattristava di non aver nulla da offrire al Signore; ma la Beata Vergine comparve alla sua destra e le donò un anello d'oro che la Santa diede subito al Signore, il quale graziosamente lo accettò e se lo pose al dito. Tuttavia nell'intimo del suo cuore, l'anima sospirava dicendo: "Ah! se Egli volesse darmi il suo anello in segno di fidanzamento!". Le pareva che sarebbe bastato che il Signore si fosse degnato di darle al dito anulare qualche dolore che volentieri avrebbe sopportato per tutti t giorni della sua vita in memoria del suo mistico sposalizio con Cristo,

Il Signore le disse: "Ti dono un anello ornate di sette pietre, ne attaccherai la memoria a sette falangi delle tue dita.

1° - "Ti ricorderai di quel divino Amore che abbassandomi dal seno di mio Padre, mi indusse a cercarti, faticando come uno schiavo per trentatrè anni. Quando fu vicina l'ora delle nozze, dall'amore del mio Cuore fui venduto come prezzo di un banchetto dove donai me stesso come pane, carne e bevanda. Durante un tal convito, io fui pure l'organo e la chitarra con le dolci parole cadute dalle mie labbra, mentre mi resi simile ai giullari per rallegrare i commensali, vale a dire, mi abbassai sino ai piedi dei miei discepoli.

2° - "Ti ricorderai che al modo dei giovani eleganti, dopo questo banchetto, incominciai una meravigliosa danza, quando, cadendo tre volte per terra, feci quasi tre salti tanto violenti che, bagnato di sudore, versai gocce di sangue. Con questa danza rivestii tutti i miei compagni d'arme d'un triplice abito, ottenendo loro la remissione dei peccati, la soddisfazione per le loro anime e la partecipazione alla mia divina. glorificazione.

3° - "Ti ricorderai di quell'umile amore che mi piegò verso il bacio della mia sposa, quando Giuda ardì darmi quel bacio. Il mio Cuore in quel momento risentì tale un amore che se il traditore si fosse pentito, della anima sua, per questo bacio, avrei fatto la mia sposa. Allora a me univo tutte le anime predestinate fin dall'eternità alle nozze divine.

4° - "Ti ricorderai quali canzoni ferirono le mie orecchie per amore della sposa, quando comparsi davanti al giudice e sentii tante false accuse contro di me.

5° - "Ti ricorderai di quali ornamenti fui rivestito per tuo amore: prima presi là veste bianca, poi fui vestito di porpora e di scarlatto e fui coronato d'una ghirlanda vermiglia, cioè della corona di spine.

6° - "Ti ricorderai come ti abbracciai quando fui legato alla colonna, dove dai tuoi nemici ricevetti per te tante diverse percosse.

7° - "Ti ricorderai in qual modo io mi accostai alletto nuziale della Croce. Come un fidanzato lascia i suoi abiti ai ballerini, così abbandonai le mie vesti ai soldati e il mio corpo ai carnefici. Poi, per darti dolci abbracci stesi le braccia sino ai crudeli chiodi, cantando nella camera dell'Amore sette canzoni di meravigliosa soavità. Infine, aprii il mio Cuore, perché tu vi entrassi, quando, pigliando il sonno dell'Amore, per te spirai su la Croce".

Dopo ricevuto questo insegnamento, le parve che parecchie persone della Congregazione si avvicinassero al Signore e gli offrissero dei danari d'oro che significavano la loro buona volontà. Ma dal petto del Signore, uscì una fiamma che mise tosto in fusione il danaro di ciascuna, onde formarne un fiore che da sé si poneva sul petto di quella che ne aveva fatto l'offerta.

 

 

CAPITOLO II

 

LA ROSA SBOCCIATA SUL CUORE DEL SIGNORE,

SIMBOLO DELLA LODE DIVINA.

 

Celebrando si la santa messa, Metilde vide il Signore il quale le diceva: "Andiamo in fondo al deserto". Subito le parve di fare un lungo cammino in compagnia del Signore: ella lo teneva, per così dire, tra le braccia e gli rivolgeva queste parole: "Io vi lodo e vi esalto nella vostra eternità, immensità, bellezza, giustizia, verità, ecc.".

Arrivarono così in una vasta e deliziosa solitudine; alberi regolarmente piantati, con i loro rami più alti formavano come un tetto sopra le loro teste, mentre il verdeggiante suolo offriva foro un tappeto di fiori sul quale il Signore si degnò di sedersi. L'anima allora, sotto la figura di una cerva, passeggiò nel prato portando al collo una catenella composta di anelli d'oro e d'argento; questa catenella, era saldata al Cuore del Signore, per significare l'amore di Dio e l'amore del prossimo senza del quale nessuno può unirsi a Dio.

L'anima volendo glorificare Dio, gli disse: "Signore infinitamente amabile, insegnatemi dunque a lodarvi". Il Signore rispose: "Mira il mio Cuore". Una magnifica rosa di cinque foglie, la quale sembrava sbocciata sul Cuore del Signore, ne coperse tutto il petto. "Loderai i miei cinque sensi figurati da questa rosa" disse il Signore.

Metilde intese che doveva lodare Iddio, in primo luogo, per quello sguardo d'amore che sempre Egli tiene fisso su l'uomo a guisa d'un Padre rispetto ad un suo unico Figlio. Dio non ha lo sguardo severo ma sempre benevolo, perché vivamente desidera che l'uomo continuamente abbia ricorso a Lui.

In secondo luogo, per quell'attenzione così minuta e così delicata con cui inclina il suo orecchio verso l'uomo, dilettandosi del minimo sospiro e gemito dell'uomo più che di tutti i concerti angelici.

In terzo luogo, per quello squisito profumo che il Signore ha nascosto nel suo amore per eccitare l'uomo a cercare in Lui le sue delizie. Chi potrebbe infatti, dilettarsi nel Bene Vero, se Dio non lo prevenisse? Pérciò si dice nella Scrittura: Le mie delizie sono di stare coi figli degli uomini (Prov., VIII, 31).

In quarto luogo, per il gusto soavissimo che Egli annette alla santa messa, dove Lui medesimo si fa per l'anima soavissimo cibo. Non è forse in questo banchetto che incorpora a sé l'anima in una intimità così profonda che, tutta assorbita da Dio, ella diventa in verità cibo di Dio?

Da ultimo, per il senso del tatto nel quale Egli risentì dolori così crudeli, quando l'Amore su la Croce conficcò i chiodi nelle sue mani e nei suoi piedi, e la lancia nel suo costato. L'anima della Santa si trovò allora come trapassata su la Croce, nella persona di Cristo, da un incomparabile dolore; e da quel momento dimorò sempre stretta contro i piedi, le mani e il dolcissimo Cuore del suo Signore, nel gaudio di tanto amore che neppure per mi momento avrebbe potuto scordarsi di Lui.

 

 

CAPITOLO III

 

DEL MODO DI LODARE IL SIGNORE

 

Un'altra volta, mentre soffriva per una grave malattia, Metilde disse al Signore: "Come è povero il mio spirito in questo momento! lo non sono capace né di lodarvi, né di pregarvi".

Il Signore si degnò di risponderle: "Tu puoi lodarmi in questi termini: Gloria a Voi, dolcissima, nobilissima, luminosissima, sempre tranquilla ed ineffabile Trinità. Io unirò la parola Dolcissima, alla mia divina dolcezza; Nobilissima alla mia sovreminente nobiltà; Luminosissima alla mia inaccessibile luce; Tranquilla al mio riposo eternamente libero da qualsiasi turbamento; Ineffabile alla mia inesprimibile bontà. Io medesimo presenterò nel modo più gradito questa lode all'adorabile Trinità".

 

* * *

 

Metilde vide di nuovo il Signore circondato di inenarrabile splendore e sul suo petto scintillava una lastra d'argento, brillante adornata di cesellature, le quali rappresentavano le sofferenze sopportate dai Santi per suo amore. I loro mèriti, le loro dignità, e persino i loro pensieri, parole, ed atti anche minimi, compiuti o sofferti; tutto questo complesso distintamente si scorgeva, perché non fecero mai per suo amore cosa tanto piccola che non abbia un premio eterno, e per sempre glorificano Dio per tutti i suoi doni. Contemplando questa meraviglia, l'anima disse: "O dolcissimo ed amabilissimo mio Signore, in quale occupazione debbo esercitarmi onde meglio piacervi?" - "Nella lode" rispose il Signore. Essa ripigliò: "Allora, insegnatemi come possa lodarvi degnamente".

Il Signore le insegnò tre modi di lodarlo, i quali sono come tre forti squilli di tromba: "Tu mi loderai, disse, nella Onnipotenza del Padre, per la quale nel Figlio e nello Spirito Santo Egli opera secondo il suo volere: nessun essere creato, per quanto sia grande la sua capacità, può comprendere un tal mistero.

"Loderai la inscrutabile Sapienza del Figlio, Sapienza ch'Egli comunica pienamente e con una inalterabile libertà, al Padre ed allo Spirito Santo, mistero così profondo che da nessuna creatura, né in cielo né in terra, può essere compreso.

"Loderai la benignità dello Spirito Santo ch'Egli abbondantemente comunica al Padre e al Figlio secondo ogni suo volere; ed alla quale nulla di quanto esiste può pienamente partecipare".

L'anima, mentre si esercitava a colpire in questo modo il Cuore del suo Diletto e a lodarlo, sentì questo primo squillo risuonare nel cielo intero.

Il Signore continuò: "Il secondo squillo o la seconda maniera, sarà di lodarmi per tutte le grazie ed i doni che dalla mia infinita bontà fluirono e fluiscono su la Madre mia piena di grazie e ricolmata di beni più di ogni creatura. Inoltre mi loderai per tutti i favori concessi ai Santi che già godono della presenza della mia Divinità e mi contemplano con giubilo, riconoscendomi come la fonte di ogni bene.

"Il terzo squillo sarà di lodarmi per i doni e le grazie che diffondo sopra tutti gli uomini, sopra i buoni che in tal modo vengono santificati e fortificati; sopra i peccatori ch'io invito alla penitenza perché con infinita misericordia aspetto che facciano il bene; e,d anche su le anime che la mia grazia libera ogni giorno dal purgatorio per introdurle nei gaudi del Paradiso".

Per la prima lode, Metilde credette bene recitare l'Antifona: Tibi decus ecc.: A Voi l'onore e l'impeto, a Voi gloria e potenza, a Voi lode e giubilo nei secoli eterni, o Dio, beata Trinità!

Per la seconda: Te jure laudant etc.: Giustamente, o beata Trinità, tutte le vostre creature Vi lodano, Vi adorano e Vi glorificano.

A Voi lode, a Voi gloria, a Voi - azione di grazie.

Per la terza: Ex quo omnia, ecc.: Da Lui ogni cosa, per Lui ogni cosa, in Lui ogni cosa, a Lui gloria nei secoli, a Voi lode!

Dopo questo, il gioiello che adornava e copriva il petto del suo Diletto si divise nel mezzo e l'anima, secondo il suo desiderio, penetrò nel dolce Cuore di Cristo, nel quale divenne un solo Spirito col suo Diletto, e poté vedere e gustare ciò che all'uomo non è possibile esprimere.

 

 

CAPITOLO IV

 

TRE COSE CHE L'UOMO DEVE AVERE NELLA MENTE

 

Il suo Maestro che è l'ottimo sopra tutti i maestri, le diede ancora questa lezione: "Ti insegnerò tre cose che ogni giorno mediterai nell'anima tua e ne conseguirai grandi beni.

"Dapprima, ricordati con azione di grazie quali benefizi siano stati per te la creazione e la redenzione. Ti creai a mia immagine e somiglianza; per te mi feci uomo e dopo aver sofferto innumerevoli tormenti, per tuo amore mi sottoposi alla morte più amara.

2. - "Ricordati con pari gratitudine dei benefizi che ti ho fatti dalla tua nascita fino a quest'ora. Infatti, per una speciale predilezione; ti chiamai fuori del mondo; molte volte mi abbassai verso l'anima tua, la riempii, l'inebriai della dolcezza della mia divina grazia; l'illuminai con la scienza e l'infiammai di amore. Inoltre, ogni giorno nella santa messa vengo da te, pronto a compiere tutti i tuoi desiderii e le tue volontà.

3. - "In una lode piena di azioni di grazie penserai ai beni che eternamente ti darò in cielo, dove ti colmerò di doni oltremodo superiori a tutto quanto puoi sperare ed anche immaginare.

"Ti dico, in verità, che provo immensa compiacenza quando gli uomini con fiducia aspettano da me cose veramente grandi.

"Chiunque crederà che dopo questa vita lo ricompenserò oltre i suoi meriti, e anticipatamente me ne offrirà le sue azioni di grazie, costui mi sarà tanto gradito che tutto quanto avrà sperato gli sarà dato in una misura infinitamente superiore al suo merito.

"È impossibile che l'uomo non consegua ciò che crede e spera; è dunque vantaggioso aspettare da me cose grandi e fidarsi di me".

L'anima replicò: "O dolcissimo Signore, se vi piace così tanto che gli uomini confidino in Voi, che cosa dovrò dunque credere della vostra ineffabile bontà?"

Il Signore rispose: "Tu devi credere con certa speranza, che dopo la tua morte, ti riceverò come un Padre accoglierebbe un suo carissimo figlio, e che mai nessun Padre dividerà un'eredità col suo figlio con tale equità come io ti farò partecipe di tutti i miei beni e ti darò anche me stesso.

"Ti riceverò come un amico riceve l'amico suo più tenero, ed avrò con te un'intimità che sorpasserà tutto quanto i migliori amici hanno mai potuto sperimentare. Non fu mai visto amico così fedele che qualche volta non abbia dato o non possa dare all'amico qualche dispiacere; io invece sono fedele, sono la Fedeltà essenziale, né mai potrò fare agli amici miei nessun inganno e nessun torto.

"Ti riceverò ancora come lo sposo riceve la sposa unicamente amata; nella mia accoglienza, vi saranno tali dolcezze e delizie, che mai nessuno sposo tanto dolcemente accarezzò la sua diletta sposa. Al torrente medesimo della mia Divinità io ti inebrierò".

E l'anima disse: "Che cosa darete Voi a quelli che avranno fede in queste promesse?"

"Darò loro un cuore riconoscente, disse il Signore, affinché ricevano tutti i miei doni con gratitudine. Darò loro un cuor tenero perché mi amino fedelmente. Darò loro un cuore che sappia lodarmi alla maniera dei cittadini del cielo, i quali, lodandomi nell'amore, sempre mi benedicono".

 

 

CAPITOLO V

 

LODE ALLE SINGOLE MEMBRA DI CRISTO - LA CONFESSIONE

 

Una notte, mentre quella divota vergine con preghiere e meditazioni si preparava alla santa Comunione. le parve di trovarsi in piedi alla presenza del Signore. Il sentimento del suo cuore la inclinava alla lode e il Signore le disse: "Rimirami, e loda i lineamenti perfetti delle membra del mio corpo.

"Loda il mio capo, cioè la mia Divinità, perché sta scritto: il capo di Cristo è Dio. (I Cor., XI, 3). "Loda la mia fronte, cioè la mia pace e la mia imperturbabile tranquillità, perché nella fronte dell'uomo appare il suo turbamento.

"Loda i miei occhi, ossia lo splendore della mia. Divinità e la mia Provvidenza che a tutto pensa.

"Loda le mie orecchie inclinate con tanta misericordia verso le suppliche e le miserie umane, che neppure un solo gemito, né il più leggiero sospiro può passare senza essere da me. udito.

"Vedendo la linea retta del mio naso, loda l'inflessibile rigore della mia giustizia, la quale sempre manterrà le sue giuste sentenze.

"Per le mie nari, loda l'amenità delle mie delizie, perché per l'anima amante nessun profumo uguaglierà mai quello del mio amore.

"Per la mia bocca, comprendi la mia sapienza che tutto ordinò con perfezione e soavità.

"Per il mio mento, considera quella umiltà per la quale dal più alto dei cieli mi abbassai nel seno della Vergine.

"Per il mio collo, considera la generosità della pazienza con cui portai il peso non solo dei peccati di quel tempo, ma di tutti i delitti che si commetteranno sino alla fine dei secoli.

"Lodami per aver portato la Croce su le mie spalle.

"Per il mio dorso lodami perché sopportai i crudeli dolori della flagellazione.

"Per il mio Cuore, esalta l'amore e la suprema fedeltà che dimostrai agli uomini.

"Per le mie mani e le mie braccia, lodami per le opere e le fatiche della mia. Umanità a pro della salvezza del mondo.

"Per i miei fianchi, lodami per l'incredibile dolore che in quelli risentii e che fu uno dei miei più gravi dolori quando per te fui steso su la Croce.

"Per i miei ginocchi, lodami per la mia divozione nella preghiera.

"Per i miei piedi, loda gli ardenti desiderii nei quali tutti i giorni della mia vita mi affaticai per la salvezza degli uomini.

"Pensa pure alla sete delle anime vostre che mi divorò quaggiù, durante tutta la mia vita".

 

* * *

 

Se uno confessa volentieri i suoi peccati, e teme di non essersi confessato bene, senza però trovare nella sua coscienza nulla che non abbia confessato, faccia a Dio la predetta confessione di lode. E se conoscerà di aver mancato in qualche punto, lo confessi a Dio. In tal modo, quando con le sue lodi esalta la Divinità, riconosca la propria colpa di non aver avuto per Dio tutta la riverenza conveniente; di aver tante volte macchiato in sé medesimo l'immagine di Dio, occupando la sua memoria in oggetti terreni ed inutili, o applicando con vana curiosità la sua ragione alla sapienza umana e dilettandosi nelle cose caduche e vili.

Quando esalta gli occhi della chiaroveggenza divina, deplori di aver rivolto verso le cose di quaggiù i suoi sensi e le sue facoltà di cui doveva usare per crescere nella scienza di Dio. Quando loda le orecchie della divina Misericordia si scusi di non aver prestato tutta la debita attenzione alla parola di Dio, e di non aver dato ascolto alle preghiere del suo prossimo. E quanti peccati commessi con la bocca! Mormorazioni, parole vane ed inutili, inopportuno silenzio rispetto alla parola di Dio ed alla dottrina, o talvolta nella preghiera e nel canto. Quel giogo di Cristo che accettò nel santo Battesimo, quante volte ha voluto scuoterlo rifiutandosi di. sopportare le contrarietà e le pene?

E quel giogo della santa Religione, accettato per Dio ed alla presenza dei Santi, non l'ha forse sprezzato, sottraendosi all'obbedienza, o tralasciando nella sua negligenza di fare quanto doveva secondo la sua professione?

Quando si ricorderà la crudeltà con cui Gesù Cristo fu flagellato, si riconoscerà colpevole di non aver castigato la sua carne, di aver ceduto per pigrizia alle voglie del suo corpo e di averlo troppo delicatamente nutrito.

Il suo cuore ha peccato quando non ha amato Dio con tutte le sue forze, quando invece di meditare la legge divina, si. è lasciato trascinare dai pensieri inutili; le sue mani hanno peccato nel commettere il male ed astenersi dal bene, specialmente col trascurare le opere di misericordia é di carità. I suoi piedi spirituali, i quali figurano gli affetti, li ha più volte macchiati rimovendoli da Dio, quando non ha aspirato a Lui ed alle cose celesti con tutte le sue forze.

 

 

CAPITOLO VI

 

METILDE RESPIRA NEL DIVIN CUORE – LE CREATURE LODANO DIO

 

Un giorno, essendosi soverchiamente stancata nel canto, come spesso la accadeva; Metilde si sentì quasi svenire. Le parve allora che traesse tutto il suo respiro dal Divin Cuore e quindi potesse continuare a cantare, non già per le sue proprie forze, ma quasi per divina virtù. Per altro era solita lodare il Signore con tutte le sue forze e con amore tanto fervente che le sembrava non si sarebbe mai fermata quando pure nel cantare avesse dovuto esalare l'ultimo respiro. Per una tale unione col divin Cuore sembrava che cantasse con Dio e in Dio.

Il Signore le disse: "Tu sembri in questo momento prendere nel mio Cuore il tuo respiro; così pure chiunque sospirerà per me d'amore o di desiderio, prenderà il suo respiro non in sé medesimo, ma nel mio divin Cuore, a guisa di un mantice che in sé non contiene soffio alcuno se non in quanto lo attira dall'aria".

 

* * *

 

Durante il canto del Benedicite omnia opera Domini Domino, quella pia Vergine desiderava sapere quale gloria Dio ricevesse da questo invito alla lode rivolto a tutte le creature. Il Signore rispose: "Quando si innalza questo cantico o qualche altro simile per convocare le creature alla divina lode, esse arrivano tutte spiritualmente alla mia presenza, come persone viventi, le quali mi glorifichino per tutti i miei benefizi fatti a chi canta o a tutti gli uomini in generale".

Non vi è motivo per rifiutarsi a credere che le cose possano presentarsi davanti a Dio come persone viventi, poiché nulla è impossibile a Colui che chiama ciò che non è come ciò che è, (I Cor., I, 28), ed al cospetto del quale nessuna creatura è invisibile (Hebr., IV, 13). Conviene piuttosto ammirare come il nostro misericordioso Signore esaudisca i nostri voti e si degni di mettere la sua onnipotenza al servizio dei minimi desiderii dell'anima che lo ama, persino in ciò che sorpassa le forze naturali dell'uomo.

 

 

CAPITOLO VII

 

BONTÀ DEL SIGNORE.

 

L'angelo del Signore apparve un giorno a quella Sérva di Cristo, e offrì al Signore un oggetto che sembrava aver preso nel cuore di lei. Metilde provò un vivo desiderio di sapere ciò che l'angelo avesse potuto trovare in lei, perché in quel giorno per verità non si sentiva né divozione né fervore speciale. Le venne allora mostrato che quell'oggetto era una carta su la quale erano scritte col suo sangue queste parole: Dio è fedele e senza nessun'ingiustizia, e più sotto: Preferirei morire piuttosto che separami da Voi col peccato. Orbene, in quella medesima mattina, con questi due pensieri ella aveva respinto le tentazioni del nemico. L'angelo le disse; "Ecco ciò che hai pensato oggi. Orbene, sappi che ogni qual volta, nel combattere pensieri o desiderii cattivi, l'uomo si propone di preferire la morte al peccato, questa volontà subito è gradita a Dio come se l'intenzione fosse seguita dall'atto medesimo".

Prostrandosi allora ai piedi del Signore, Metilde si dolse quasicchè avesse passato tutto il tempo della sua vita vivendo inutilmente, e si offrì al suo Diletto disposta a stare su la terra per soffrire, fosse pure sino al dì del giudizio, tutti i dolori e tutti i patimenti possibili.

Il Signore le disse: "Onde riparare le tue negligenze e il tempo perduto, saluta il mio Cuore nella sua divina bontà, perché Egli è la sorgente è la fonte di ogni bene. Saluta il mio Cuore nella sovrabbondanza della grazia che Egli sparse, sparge e spargerà per sempre sopra i Santi e sopra le anime di tutti gli eletti. Saluta quell'acqua piena di dolcezza che tante volte dal mio Cuore infinitamente buono sgorgò nell'anima tua e la inebriò nel torrente delle mie divine delizie".

 

* * *

 

Avendo Metilde salutato dal più intimo del suo cuore il Diletto dell'anima sua, le venne risposto: "Quando tu mi saluti, io ti rendo il saluto; quando mi lodi, io lodo me stesso in te; quando tu mi rendi grazie, io stesso rendo grazie a Dio Padre in te e per mezzo di te".

"Mio Diletto, disse la Santa, qual è dunque quel saluto che Voi rivolgete all'anima mia? Io non lo sento".

"Il mio saluto, rispose il Signore, non è altro che il mio tenero affetto. Ecco una madre che tiene il suo bambino su le ginocchia, e gli insegna le parole che deve dirle; il bambino ripete ciò che ha sentito, ma benché sia guidato non tanto dai suoi propri sentimenti quanto dalla lezione ricevuta dalla mamma, questa prova tanto piacere nel sentire dalla bocca di lui quelle parole infantili che volentieri lo premia con un bacio. Così io pure, insegno ad un'anima per divina ispirazione e per un movimento d'amore, come debba offrirmi i suoi omaggi; e quando lo fa, io accetto questi omaggi con. tutta la mia paterna tenerezza, e in compenso la saluto con la mia grazia, benché non si accorga di questo favore.

"Le opere, prive di gusto per l'uomo, possono tuttavia piacere a Dio.

"Sappi che se uno loda o prega Dio, o fa qualche altra azione senza sentire in sé nessun gusto, Dio, nel quale nulla cresce né decresce perché è per sempre immutabile, tuttavia gusta quell'opera e l'accetta pure volentieri.

"Il Signore Iddio non è mai commosso verso la sua creatura. se non per un movimento di cui la causa sta in Lui medesimo e nel suo amore.

"Ciò che inclina Dio ad accarezzare l'anima con dolcezza, facendola liquefare col suo amore, non è altro che il proprio beneplacito e il vantaggio dell'anima medesima; ma quando essa non prova più nessun gusto, Egli le fa, per così dire, un'accoglienza migliore, perché desidera talvolta mettere alla prova la fedeltà di quelli che lo amano".

 

 

CAPITOLO VIII

 

IL SACRO CUORE, FIAMMA ARDENTE - UNIONE CON CRISTO

 

Una notte, non potendo pigliar sonno, quella pia vergine disse al Signore: "Oh! quanto sarebbe buono e adatto per conversare con Voi, questo tempo di silenzio!"

Il Signore rispose: "Non ti troverai giammai in mezzo a tanta moltitudine, che tu non possa essere sola con me se con tutto il cuore a me ti rivolgerai". Ed ella vide come una corona in forma di ciborio che dal cielo scendeva sul suo giaciglio e sembrava composta di perle rosse e bianche. Quelle rosse significavano il sangue di Gesù Cristo, il quale fu sparso con tanta profusione come se fosse stato di nessun valore; le bianche rappresentavano la sua vita santa ed innocente: Il Signore si mostrò pure nel mezzo della corona; e concesse all'anima i suoi dolci abbracci rivolgendole ineffabili parole. Il volto del Signore risplendeva come lampo di una luce di fuoco e Metilde intese subito che dall'irradiamento medesimo di questa divina faccia le anime ricevono come in prestito la loro bellezza e il loro splendore.

Ella vide pure il Cuore del Signore aperto e largo circa due palmi; il suo aspetto era quello di una fiamma ardente piuttosto che di un braciere; il suo colore era meraviglioso mentre la sua forma sfidava ogni descrizione. Il Signore le disse: "È mia volontà che i cuori di tutti gli uomini siano accesi del fuoco dell'amore".

 

* * *

 

Quando una persona è sola, elevi senza posa il suo Cuore verso Dio, conversi con Lui e lo desideri dal più intimo dell'anima sua, mandando verso di Lui profondi sospiri. Questo conversare continuo con Dio accenderà nel suo cuore il divino amore.

Quando si trova in compagnia di altri, conservi la sua mente, per quanto è possibile, diretta verso Dio e volentieri parli di Lui. In questo modo accrescerà sempre più il fuoco dell'amore tanto in sé stesso quanto negli altri. Inoltre, faccia tutte le sue azioni per Dio e per la sua lode; per amore di Dio fugga prontamente ogni cosa che a Lui possa dispiacere, riceva volentieri ogni cosa avversa e tutto sopporti con pazienza.

 

* * *

 

Il Signore le diede pure questa istruzione: "Quando ti darò qualche grazia, lascerai da parte tutte le altre cose, disimpegnandoti di tutto, onde di tale grazia tu possa godere e fruire più liberamente e più speditamente; perché in quell'ora non potrai fare cosa migliore.

"Quando reciti un salmo o qualche preghiera che i Santi cantarono su la terra, essi pregano tutti con te e per te; quando mediti o conversi con me, tutti i Santi rallegrandosi mi benedicono".

 

* * *

 

Durante la sua preghiera, quella Serva di Cristo disse al Signore: "Ho mille volte desiderato di scendere nella profondità della terra, e di là farvi sentire i miei gemiti".

Il Signore rispose: "A che ti servirebbe? Dovunque tu sii con i tuoi sospiri, tu mi attiri in te. Il cuore umano non può vivere senz'aria; così l'anima che non vive del mio spirito, è morta.

"Nel cuore dell'uomo vi sono tre aperture: una per respirare, un'altra per ricevere il cibo, una terza per somministrare le forze a tutto il corpo. Così pure il cuore dell'anima ha tre porte. Per la prima attira a sé il mio divino Spirito che mantiene la sua vita. Per la seconda rinnova le sue forze per mezzo della parola di Dio, la quale gli viene data, come il più solido degli alimenti, con la predicazione e le Sacre Scritture. Per la terza, dà vigore alle sue membra per mezzo delle opere di carità; ora, siccome l'anima non ha membra; la sua carità deve esercitarsi sui membri della Chiesa ch'essa considererà come sue proprie membra. In tal modo ella presenterà a Dio lodi ed azioni di grazie per i buoni; preghiere per il progresso degli imperfetti e la conversione dei peccatori, per gli afflitti onde siano consolati, e per le anime del purgatorio onde siano purificate - e meritino di essere invitate ai gaudi del Cielo".

 

 

CAPITOLO IX

 

"CRISTO VIVE IN ME" - UNIONE COL SIGNORE

 

Un giorno, quella divota ancella di Cristo rendeva grazie al Signore per l’opera della nostra Redenzione e, mentre era arrivata a quell'articolo in cui lo ringraziava di essersi degnato per noi di ricevere il battesimo di Giovanni, il Signore le disse: "Io ti voglio battezzare". Nel medesimo istante, un'acqua abbondantissima con impetuosità zampillò dal divi n Cuore e inondò l'anima di Metilde. Il Signore soggiunse: "Voglio essere la tua madrina. Le madrine istruiscono le loro figlie spirituali, ti insegnerò adunque tre cose.

"La prima, che devi sopportare ogni pena spirituale e corporale, non per te, ma per me, - come s'io la soffrissi in te".

"La seconda, che riceverai con gaudio e riconoscenza tutti i servizi e benefizi altrui, come se il prossimo li facesse a me e non a te.

"La terza che devi vivere per me così completamente che tu possa attribuire a me stesso, e non a te, tutto il complesso dei tuoi atti, dimodochè, in una. parola, ormai tu non sii che una veste di cui mi copra io medesimo e sotto la quale io possa ordinare è compiere tutte le tue azioni".

 

* * *

 

Durante una messa solenne, la Santa si era sentita indolente e sonnolenta e con tristezza si dolse col Signore della propria negligenza. Egli le disse: "Se tu non trovassi in te nulla che ti dispiacesse, come riconosceresti la mia bontà?"

Metilde si ricordò allora di una persona di cui conosceva le pene e si mise a pregare per lei; il Signore le diede una risposta adatta allo stato di quella. Tra altre cose le disse: "E perché dunque non vorrebbe ricevere ciò che sono disposto a darle? Io le offro volentieri tutta la vita innocente e santissima che passai su la terra; la prenda e con quella supplisca a ciò che le manca".

Metilde ripigliò: "Se voi ci amate al punto che possiamo appropriarci tutto quanto è vostro, o dolcissimo Signore e mio Dio, ditemi che dobbiamo fare".

Il Signore rispose: "Offrite a Dio Padre tutti i vostri desiderii, le vostre intenzioni e le vostre preghiere unendo tutto ai miei desiderii ed alle mie preghiere. Quest'offerta ascenderà verso Dio e a Lui sarà accetta come una sola offerta con la mia, in quella guisa che vari aromi gettati assieme sul fuoco producono un solo fumo il quale dritto sale al cielo,

"La preghiera offerta in unione con la mia preghiera è veramente accetta a Dio come il profumo di un incenso prezioso. Benché ogni preghiera penetri nel cielo, non ha il medesimo valore se non è unita con la mia, né sarà da Dio accettata con tanta gratitudine.

2. - "Adempite tutti i vostri lavori e le vostre azioni in unione con le mie fatiche e con le mie opere. Per questo mezzo le opere dell'uomo sono sommamente nobilitate, come il rame fuso con l'oro perde, per così dire, la sua natura propria per assumere il valore di quel prezioso metallo. Un pugno di frumento gettato sur un mucchio di frumento sembra moltiplicarsi; così le opere dell'uomo, le quali per sé stesse sono un nulla, si accrescono quando vengono congiunte con le mie, ed il loro valore ne viene moltiplicato.

3. - "L'uomo su la mia vita regoli i suoi movimenti, le sue forze, i suoi sentimenti, i suoi pensieri, le sue parole, tutta la sua vita insomma; questa ne resterà ringiovanita e nobilitata come un bel uccello che rinnovasse le sua giovinezza volando da un clima umido o da un'aria pestifera, ad un'atmosfera sana e vivificante. In tal modo l'uomo terreno, passando dalla sua prima vita ad una vita tutta nuova, diventerà tutto celeste e si eleverà all'unione con me".

Dunque, fratelli miei cari, riceviamo con profonda riconoscenza questa preziosissima degnazione della divina pietà, questo sublime favore della divina nobiltà, ed appropriamoci la santissima vita di Cristo per supplire a tutto ciò che manca ai nostri meriti. Sforziamoci, secondo il nostro potere, di renderei simili a Lui con le nostre virtù; questa sarà la nostra suprema gloria nell'eterna beatitudine. Qual maggior gloria, infatti, che di avvicinarci, per una certa somiglianza, a Colui che è il Candore dell'eterna luce!

 

 

CAPITOLO X

 

LE MEMBRA DI CRISTO SONO SCINTILLANTI SPECCHI

 

Metilde un giorno vivamente si doleva con la Beata Vergine Maria per un impedimento che pensava di aver incontrato nel servizio del Signore. "Fatti avanti, le rispose la Santissima Vergine,.,e tieniti riverente davanti a mio Figlio". Queste parole le fecero subito intendere che, quando nel servizio di Dio sorge qualche impedimento per causa del contegno altrui verso di noi, ovvero per causa di nostre personali disposizioni provenienti da fatti esterni, da desideri o da reminiscenze, impedimento insomma di qualunque natura, dobbiamo accoglierlo come un messaggero del Signore. Dobbiamo dunque, in tal caso, portarci con riverenza davanti a Lui, e rinviare, per così dire, verso il Signore un tale impedimento con la lode e l'azione di grazie.

La Serva di Dio vide allora due specchi posti su le ginocchia del Signore; altri specchi erano pure su le vesti di Lui; sul suo petto poi vi era uno specchio così lucente che sembrava comunicare a tutti gli altri il suo splendore. Quest'immagine significava che le membra di Gesù Cristo, nelle loro azioni, risplendono per noi come specchi, perché le opere di Cristo procedono dal suo Cuore per l'amore.

I suoi piedi cioè i suoi desiderii, sono oltremodo rilucenti agli occhi nostri e ci fanno conoscere quanto i nostri passi siano lenti nelle cose divine e spesso inutili nelle cose umane. ­

Le ginocchia di Cristo sono specchi di umiltà; moltissime volte si piegarono per noi nella preghiera e si abbassarono sino a terra, come quando lavò i piedi agli Apostoli. Là possiamo riconoscere la nostra superbia, la quale ci impedisce di umiliarci, mentre non siamo che cenere e polvere.

Il Cuore di Cristo è per noi lo specchio di ardentissimo amore, in cui possiamo conoscere come il nostro cuore sia tiepido per Dio e per il prossimo.

Le mani di Cristo sono per noi specchi di opere buone e sante, e in quelle possiamo conoscere quanto siamo negligenti nell'operare il bene e pronti invece nel trasgredire i comandamenti di Dio e i doveri del nostro Stato.

La bocca di Cristo è per noi lo specchio, di soavi discorsi di lode e di azione di grazie, e vi possiamo conoscere la vanità delle nostre parole e le nostre negligenze nella preghiera e nella divina lode.

Gli occhi del Signore sono per noi specchi della verità divina; da quelli possiamo conoscere le tenebre della nostra infedeltà, le quali si oppongono in noi alla conoscenza della Verità.

Le orecchie del Signore sono specchi di obbedienza; infatti, quanto Cristo fu pronto sempre all'obbedienza verso il Padre suo, 'altrettanto adesso è sempre attento alle nostre - preghiere e sempre inclinato ad esaudirle, perciò possiamo riconoscere la nostra disobbedienza e la durezza del nostro cuore rispetto alle necessità dei poveri.

 

 

CAPITOLO XI

 

PER VIVERE SECONDO IL BENEPLACITO DEL SIGNORE

E RIPARARE LE PROPRIE NEGLIGENZE.

 

Un giorno, dopo la comunione, Metilde desiderava sapere ciò che il Signore volesse da lei; subito le parve di trovarsi in un campo tutto sparso di. rose e di gigli, di viole e di mille altri graziosi fiori. Le rose rappresentavano i Martiri; i gigli le Vergini; le viole e gli altri fiori simboleggiavano le Vedove e tutti i Santi.

Vi era pure un magnifico campo di frumento, dove il Signore stava seduto, come rinchiuso dai quattro lati. nel frumento. La Serva di Cristo intese che il campo significava tutto il frutto che l'Umanità di Gesù Cristo aveva procurato alla Chiesa. Usignoli e allodole, emettendo dolcissimi canti, svolazzavano attorno al Signore: gli usignoli significavano le anime accese di amore, e le allodole quelle che compiono le loro buone opere con gioia e mansuetudine.

Le parve pure che una colomba prendesse il suo riposo in seno al Signore, simbolo delle anime rette le quali con un cuore semplice accolgono i doni del cielo, né discutono le opere di Dio, né giudicano quelle degli uomini; in tali anime soprattutto, il Signore grandemente si diletta.

Desiderando sapere dome dovesse condurre la propria vita. Metilde vide che la vita di Gesù Cristo su la terra ebbe quattro caratteri che poteva considerare per imparare a regolarsi nella propria condotta.

Cristo dapprima fu fervente di cuore; così ella a suo esempio, doveva quando si trovasse sola, tener sempre la sua mente rivolta a Dio, considerando, sia la Sua Divinità, sia le opere della Sua santa Umanità, oppure le operazioni di Dio nei suoi Santi, o le grazie che la divina Misericordia le aveva già concesse.

Cristo inoltre fu mansueto ed affabile con tutti; così ella doveva mostrarsi sempre amabile ed affabile; né offendere mai nessuno con parole mordenti, occupandosi unicamente delle azioni di Nostro Signore e dei Santi e di ciò che può essere vantaggioso al prossimo.

Cristo, in terzo luogo, fece sempre opere utili, nel risanare tanto i corpi quanto le anime; così ella doveva applicarsi con gran cura ad operare in ogni cosa con un cuore allegro e prudente, per la gloria di Dio e la salvezza del prossimo.

Cristo infine fu supremamente paziente nelle persecuzioni e nei dolori; così doveva essa pure tenersi libera da ogni asprezza nelle pene e di fronte alle ingiurie. Nel pascolo la pecora sovente fa sentire il suo belato; ma quando viene condotta alla morte, davanti al carnefice tace. Così l'anima fedele deve essere timorosa quando non risente nessuna pena, ma nel tempo della tribolazione tenersi pienamente sicura.

 

* * *

 

Dopo questo, Metilde pregava ancora il Signore che le volesse insegnare come potesse vivere ad ogni istante secondo il suo beneplacito.

Il Signore disse: "Ogni mattina, nell'alzarti mi offrirai il tuo cuore, affinché io lo riempia del liquore del mio amore. Nella messa, starai con me come in un convito dove tutti si riuniscono niuno eccettuato, ma nel quale tutti partecipano alla spesa, cioè apportano il contributo delle loro preghiere. lo che sono il Signore, nella messa guarisco le piaghe di tutti con la liberalità della mia divina Maestà; rimetto i peccati; arricchisco di virtù quelli che ne sono privi é consolo tutti gli afflitti.

L'anima disse inoltre: - "Signore, che fate Voi quando io prego e recito i Salmi?"

"Ascolto, rispose il Signore; quando tu canti, io accordo la mia voce con la tua; quando tu lavori io riposo e quando più con attenzione e fede tu attendi al tuo lavoro, tanto più è dolce il mio riposo in te. Quando tu prendi il tuo cibo, io lavoro, perché mi nutro di te e tu ti nutri di me; infine quando tu dormi, io veglio e ti custodisco":

 

OFFRIRE A DIO IL PROPRIO CUORE

 

Il Signore le disse ancora: "Al mattino nell'alzarti, saluterai il Cuore tenero e forte del tuo dolcissimo Amante, perché da Lui senza fine, in cielo e in terra, sempre proviene e proverrà ogni bene, ogni gaudio, ogni felicità. Ti sforzerai con tutte le tue forze di unire ed infondere il tuo cuore in quel Cuore divino, dicendogli: "Lode, benedizione, gloria e salute al vostro dolcissimo e benevolissimo Cuore, o Gesù mio fedelissimo amante! Vi ringrazio per la custodia fedele di cui mi avete circondata in questa notte, in cui non avete cessato di offrire per me a Dio Padre le azioni di grazie e gli omaggi di cui gli sono debitrice.

"E ora, o mio unico Amore, vi offro il mio cuore come una rosa di fresco sbocciata, la cui bellezza possa in tutta la giornata attirare i vostri sguardi e con la sua fragranza allietare il vostro Cuore.

"Ve lo offro altresì come una coppa nella. quale possiate bere le vostre proprie dolcezze con le azioni che vi degnerete di compiere in me in questa giornata.

"Ve lo offro come una melagrana che sia degna col suo squisito sapore di comparire nel vostro regale festino, affinché possiate assorbirlo e transustanziarlo in Voi medesimo, così bene che per l'avvenire si senta felice dentro il vostro divin Cuore. Vi prego di dirigere in quest'oggi tutti i miei pensieri, le mie azioni e la mia volontà secondo il beneplacito della vostra benignissima volontà.

"Farai poi il segno della croce, dicendo; Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo; Padre Santo in unione con l'amore del vostro amabilissimo Figlio, vi raccomando il mio spirito; le quali parole tu ripeterai pure al principio di ogni tua azione, nell'entrare nel coro, nell'intonare le Ore e quando vorrai pregare. Fatto questo, abbi fede e confidenza in Dio che non lascerà senza frutto nessuna delle tue azioni.

"Alla divina Sapienza affiderai la tua vita interna ed esterna, pregandola che ti illumini onde tu intenda oltrechè la mia volontà, anche tutto ciò che può esserle accetto.

"Alla divina Misericordia affiderai le tue orecchie, affinché ti conceda di intendere tutto quanto sentirai in quella giornata, né permetta che tu veda o senta nulla di male.

"Alla divina Fedeltà raccomanderai le tue labbra, pregandola di diffondere in te il gusto del suo spirito che riempia tutto quanto dirai in quel giorno, affinché la tua bocca non si apra che per la lode e l'azione di grazie, é la divina Fedeltà ti custodisca da ogni colpa.

"Affiderai le tue mani alla divina Clemenza, affinché unisca le sue opere alle tue, onde le santifichi e le renda perfette, tenendole custodite da ogni male.

"Raccomanderai il tuo cuore al divino Amore affinché lo nasconda nel suo divin Cuore e l'infiammi, a segno che non possa più gustare né gaudio né diletto terreno.

"Nella messa, offrirai di nuovo il tuo cuore a Dio, affinché prima delle preghiere segrete sia purificato, distaccato da ogni umana preoccupazione, e così sia preparato per ricevere le effusioni del divino Amore, le quali presto traboccheranno su tutti gli astanti".

 

* * *

 

Durante la messa, la Serva di Cristo vide il Cuore di Gesù Cristo sotto il simbolo di una lampada trasparente come il cristallo più puro e ardente come la fiamma. Questa lampada da ogni parte lasciava traboccare la sua incomparabile dolcezza la quale, più soave del miele, penetrava i cuori di tutti i divo ti astanti. Il fuoco significava l'ardore di quel divino amore che portò Cristo ad offrire sé stesso per noi a Dio Padre su l'altare della Croce. La dolcezza diffusa negli astanti significava la sovrabbondanza dei beni e della felicità che Egli ci ha data nel suo divin Cuore.

Sì, in Cristo veramente possediamo tutto quanto può esserci salutare ed utile, vale a dire, la lode e l'azione di grazie, la preghiera, l'amore, il desiderio, la soddisfazione, infine tutto quanto può compensare le nostre negligenze.

Un'altra volta, quella divota vergine pregava per una persona, la quale domandava qual cosa il Signore potesse accettare in riparazione delle sue negligenze, e dallo Spirito Santo ricevette questa risposta: "Reciti tre volte ogni giorno il Laudate Dominum omnes gentes.

"Nel primo, all'alba, essa prenderà il fanciullo Gesù per mano e lo presenterà a Dio Padre con le opere della sua infanzia, onde supplire a tutto il bene che ha omesso quando era bambina.

"Il secondo Laudate, lo dirà alla messa, e pigliando il Signore Gesù come Sposo dell'anima sua, si scuserà davanti a Dio Padre, di non aver reso a questo divino Sposo quella corrispondenza di fedeltà e di tenerezza e tutta quella riverenza che gli sono dovute. Ricorderà i benefizi che da Lui ha gratuita­mente ricevuto, pe1rchè, mentre era vile e povera, Egli si degnò di arricchirla dei suoi beni. Infine, offrirà a Dio Padre l'ardentissimo amore e le virtù che contrassegnarono la giovinezza di Cristo.

"Alla sera, dirà il terzo Laudate Dominum; pigliando il Signor Gesù con tutta la sua vita perfettissima, lo presenterà a Dio Padre per riparare le sue negligenze, e chiederà che per mezzo di Lui, le siano supplite tutte le proprie imperfezioni.

"Inoltre, se vuole ricuperare completamente tutto quanto ha perduto e tutto quanto ha fatto di male o con negligenza, si accosti sovente al nobilissimo e degnissimo sacramento del Corpo di Cristo, il quale contiene in sé tutti i beni ed ogni grazia".

 

 

CAPITOLO XII

 

LA SANTA MESSA

 

Metilde, al pensiero della sua personale miseria, disse al Signore "Ahimé, quale trista e miserabile Sposa non avete mai in me, o mio Signore! Non ardirei certo portare quell'anello che è segno di fedeltà, se non l'avessi ricevuto da Voi stesso!"

Il Signore le mostrò un anello grande abbastanza per contenere assieme il Signore e l'anima; e in quello brillavano sette gemme preziosissime. L'anima intese che queste gemme significavano sette maniere speciali con cui il Signore viene a noi nella Santa Messa.

Egli scende dapprima con tale una umiltà che non v'è creatura tanto vile verso cui non si inchini, purché essa lo desideri.

Viene con la pazienza perché non v'è peccatore, non v'è nemico ch'Egli non sopporti e non assolva, purché lo trovi pentito.

Viene con tanto Amore che alla sua presenza il cuore, più freddo e più ostinato può infiammarsi e, fondersi di amore, purché consenta a non opporvi resistenza.

Viene con una liberalità tanto generosa che non v'è povero il quale non possa esservi, magnificamente arricchito.

Viene per donare sé stesso a tutti sotto la forma di un alimento così dolce, delizioso e forte, che ogni malato ed ogni affamato possono trovarvi la sanità e la piena sazietà.

Viene con tale uno splendore che non v'è cuore cieco e tenebroso, il quale dalla sua presenza non possa essere purificato ed illuminato.

Viene, infine, così pieno di santità e di grazia, che l'uomo più vile d'animo e meno devoto può scuotere allora il suo torpore e infiammarsi di divozione.

 

* * *

 

Un giorno, non consentendole la sua debolezza l'andare più oltre, Metilde dovette fermarsi nel chiostro per ascoltare la messa; ma. ne gemeva e si doleva con Dio quasi fosse abbandonata.

Il Signore subito le disse "Dove sei tu, là sono anch'io".

La Santa domandò. se vi fosse difetto alcuno che offendesse la coscienza nell'udire la messa soltanto da lontano.

"Conviene essere presente, rispose il Signore; ma, se non è possibile, bisogna cercare di essere vicino almeno in modo da udire le parole; l'Apostolo, infatti dice: La parola di Dio è viva, efficace e penetrante. La parola di Dio vivifica l'anima, diffonde in lei il gaudio spirituale, come si vede nei fedeli e nelle persone semplici che, senza intendere ciò che leggono, ne risentono un gaudio spirituale dal quale vengono eccitate alla penitenza. La parola di Dio fa che l'anima produca virtù reali ed opere buone; perché la penetra per illuminarla.

"Quando l'infermità, o l'obbedienza, o qualche causa ragionevole impedisca ad una persona di assistere alla messa, non importa dove stia, io sono con lei".

Metilde ripigliò: "O Signore, ditemi ora qualche cosa della messa che viene ora celebrata, perché l'anima mia ne venga spiritualmente consolata". Il Signore le rispose: "Ecco, si cantano i tre Agnus Dei. Nel primo, mi offro per voi a Dio Padre con la mia umiltà e la mia pazienza. Nel secondo, mi offro con tutta l'amarezza dei miei patimenti onde essere là vostra riconciliazione. Nel terzo, mi offerisco con tutto l'amore del mio divin Cuore, per supplire a tutti i beni che, mancano agli uomini.

"E sappi quanto farò per chi sente la messa con zelo e divozione: nell'ultima sua ora, per consolarlo, difenderlo, e formare per la sua anima un corteo d'onore, gli invierò tanti nobili Spiriti della mia celeste corte, quante saranno le messe che avrà sentite su la terra".

 

* * *

 

Un'altra volta, nell'andare alla messa, Metilde vide il Signore scendere dal cielo, tutto vestito di bianco, dicendo: "Quando gli uomini vanno in chiesa, si preparino con la penitenza, percuotendosi il petto e confessando i loro peccati; in questo modo potranno portarsi incontro alla mia divina luce e riceverla in sé medesimi. Questa luce viene appunto rappresentata dalla fulgente bianchezza delle mie vesti".

 

 

CAPITOLO XIII

 

COME SI DEBBA SCUOTERE IL TORPORE E IL SONNO

 

Un giorno d'estate, quella pia e divota Vergine che sempre con ardore aspirava verso le cose celesti, vide parecchie suore indolenti e sonnacchiose durante la messa. Animata dallo zelo della giustizia e insieme da un sentimento di pietà, disse al Signore: "Ah! Signore Iddio, che cosa è dunque l'uomo? 'Quanto è debole e miserabile, poiché persino durante i santi Misteri non può trattenersi dal sonnecchiare!".

Il Signore disse: "Se si pensasse alle gioie del paradiso o almeno alle pene dell'inferno, ben si scaccerebbe il sonno".

"Ma quelli che non hanno forza sufficiente, ripigliò la Santa, come Se la caveranno?"

"Se uno avesse un amico carissimo, disse il Signore, sarebbe dolentissimo di essere privato dalla sua familiarità. Così chi riflettesse ch'io sono l'amico infinitamente tenero e fedele, il quale a chiunque si avvicina a me scopro segreti così degni che pienamente accontentano ogni desiderio ed ogni volontà di sapere, sarebbe giustamente eccitato a cercare in me le sue delizie.

"Se si pensasse alla soavità con la quale posso saziare i cuori; se si sapesse quanto sia potente chi mi possiede e quanto perciò sia libero, col partecipare alla mia libertà, per adempiere senza ostacolo ciò che vuole, ti assicuro che si scaccerebbe il sonno".

 

* * *

 

Dopo dolci colloqui con Dio, Metilde udì dal Signore queste parole: "Io sono tuo, sono in tuo potere, conducimi dove vorrai". Ella lo condusse in coro verso le suore alle quali Egli attestò il suo tenero affetto, come se a ciascuna facesse un regalo. Domandò al Signore cosa avesse dato loro. - "Il soffio del mio Spirito", disse il Signore.

"Qual profitto ne ricaveranno?" ripigliò Metilde.

"Il soffio del mio Spirito, continuò il Signore, fa risentire all'anima una certa dolcezza dalla quale nasce il gusto di Dio. Se l'anima vuole prestarsi e disporsi a ricevere di più, verrà anche la riconoscenza. Se praticherà la riconoscenza, così che non riceva dono alcuno da Dio senza risentirne una speciale gratitudine, con vigoroso ardore si porterà al bene e così avverrà che, camminando ogni giorno sempre più nella virtù, si troverà infine nell'abbondanza di ogni bene".

 

 

CAPITOLO XIV

 

LA SANTA COMUNIONE

 

Un giorno, Metilde doveva accostarsi alla Comunione e non si riteneva degna, né preparata a dovere. Il Signore le disse: "Eccomi, io mi dono tutt'intero a te per essere la tua preparazione"; così dicendo pose il suo Cuore nel cuore della Santa, appoggiando il suo capo sul capo di quella. Metilde disse allora:

"Mio Signore, per lo splendore del vostro volto, illuminate la faccia dell'anima mia".

Il Signore rispose: "Che cosa è la faccia dell'anima tua?" La Santa non rispondendo nulla, il Signore continuò: "La faccia dell'anima tua è l'immagine della Santa Trinità; quest'immagine, l'anima tua deve senza posa contemplarla sul mio volto come in uno specchio, onde vedere se non vi si trovi alcuna traccia di peccato".

Da queste parole Metilde intese che sé qualcuno occupa la sua memoria in pensieri terreni e inutili, macchia nell'anima sua l'immagine divina.- Così pure chi applica il suo intelletto alla sapienza ed alle curiosità mondane, imbratta pure la faccia dell'anima propria. Chi si mette in disaccordo con la volontà divina, chi ama altra cosa fuorché Dio e si diletta nelle cose terrene, guasta in sé stesso l'immagine di Dio. Poiché l'anima schiava del corpo, contrae numerose macchie al contatto con le cose terrene, è necessario che sovente e specialmente quando sta per ricevere il Sacramento del Signore, l'uomo contempli il suo volto in quello specchio luminoso ed inalterabile che è la faccia del Signore.

Se la sposa è bella, il suo colorito è bianco e roseo: con la frequente confessione l'anima conserva la sua bianchezza; il costante ricordo della Passione v'i aggiungerà la freschezza della rosa.

 

* * *

 

Un'altra volta, prima di comunicarsi, quel. la divota vergine disse al Signore: "Ah! dolcissimo mio Dio, insegnatemi a prepararmi al regale banchetto del vostro Corpo e del vostro Sangue adorabile". Il Signore replicò: "Che cosa fecero i miei discepoli quando li mandai a preparare la Pasqua che, nella sera prima della mia Passione, dovevo mangiare con loro?" D'un tratto, le parve di trovarsi in una casa meravigliosa e grande, dove vide una mensa d'oro coperta d'una tovaglia e di ricche stoviglie d'oro.

E il Signore disse: "Questa casa significa l'immensità della mia liberalità, la quale accoglie trionfalmente chiunque a quella si raccomandi. Chi vuole comunicarsi può rifugiarsi presso la mia clemente generosità, la quale lo accoglierà con materna bontà e lo proteggerà contro tutti i pericoli. La mensa è l'amore; chi deve comunicarsi si accosti all'Amore, e l'Amore sicuramente, con la partecipazione di tutti i suoi beni, arricchirà ogni povertà dell'anima indigente. La tovaglia è la mia tenerezza, la quale a guisa di stoffa è soffice, ossia affabile, soave ed oltremodo inclinata verso l'uomo. Nella mia tenerezza la creatura troverà un rifugio sicuro, perché il pensiero della mia mansuetudine e della mia misericordia la renderà audace per ottenere tutto quanto è necessario alla sua salvezza".

Su la mensa comparve un agnello più bianco della neve, il quale col piede toccava, l'un dopo l'altro, ciascuno dei vasi e delle coppe di quella mensa; e subito si riempivano di cibi e di bevande divine.

L' Agnello era Cristo, unico cibo e vera refezione delle anime.

In quella casa, il servizio era fatto da due bellissime Vergini, le quali si chiamavano Misericordia e Carità. La Misericordia faceva da portinaia, e dopo introdotti quelli che arrivavano, li metteva a posto alla mensa; la Carità serviva i commensali e con grande liberalità versava da bere a tutti gli 'invitati.

 

* * *

 

Un giorno, nel mettere il segnale per avvertire la suora sacrestana che intendeva comunicarsi, Metilde disse al Signore: "Scrivete il mio nome nel vostro Cuore, o amabilissimo Signore, ed iscrivete pure nel mio cuore a ricordo perpetuo il vostro dolcissimo nome".

Il Signore disse: "Quando ti accosti alla Comunione, ricevimi come se tu possedessi tutti i desiderii e tutto l'amore di cui un cuore umano possa essere acceso; in tal modo ti accosterai col più grande amore possibile. Ed io, da te accetterò questo amore, non come si trova in realtà nel tuo cuore, ma come se fosse tanto ardente come sarebbe il tuo desiderio".

 

* * *

 

Un'altra volta, mettendo ancora il medesimo segnale, ella disse di nuovo: "Signore, scrivete il mio nome nel vostro Cuore". E tosto le sembrò che il Signore portasse sul petto parecchie lettere d'oro ornate con sette gemme preziose; vide la prima lettera del proprio nome e ne intese il significato. La prima di queste gemme, indicava la purezza del cuore; la seconda, l'assiduo ricordo della vita e delle parole di Cristo; la terza, l'umiltà; la quarta, l'adempimento delle buone opere; la quinta indicava la pazienza nelle avversità; la sesta, la speranza; la settima infine, l'amore delle cose celesti. Con queste virtù, come di tante preziose gemme deve essere ornato chi si accosta alla santa comunione.

 

* * *

 

La Santa, prima della comunione, era solita meditare con maggior cura la Passione di Gesù Cristo. Se talvolta avesse trascurato questa pia pratica, temeva di aver mancato gravemente, perché il Signore aveva detto: Fate questo in mia memoria (Luc. XI, 19). Perciò, dopo aver pregato il Signore di spiegarle il senso di quelle parole, per ispirazione dello Spirito Santo le intese in questo modo: Vi sono tre cose da commemorare al momento della comunione. La prima è quell'eterno amore con cui Dio ci amò prima ancora che avessimo ricevuto l'esistenza. Egli prevedeva i nostri difetti e la nostra perfidia, tuttavia si degnò di crearci a sua immagine e somiglianza; e noi dobbiamo rendergliene grazie.

La seconda è quell'immenso amore che trasse il Figlio di Dio dal seno delle ineffabili delizie, che. godeva nella gloria del Padre, per abbassare la sua infinita maestà sino al fondo della miseria che ereditiamo dal nostro primo padre Adamo. La fame, il freddo, il caldo, la stanchezza, la tristezza, i disprezzi, i patimenti t la più ignominiosa delle morti, tutto Egli sopportò con una pazienza ineffabile onde liberarci da tutte le nostre miserie.

La terza è quell'inscrutabile amore con il quale il Signore, ad ogni momento, con paterna bontà ci mira e ci guarda, si prende cura di noi e ci protegge, cosicché Colui che è il nostro. Creatore, Signore e Redentore, sta sempre dinanzi all'Eterno Padre come nostro dolcissimo fratello, intercedendo per noi e trattando i nostri interessi come avvocato e fedelissimo ministro.

Queste tre cose dobbiamo ricordar sempre, ma specialmente quando ci accostiamo al celeste banchetto che il nostro dolcissimo Amore ci ha lasciato come il testamento perenne delle sue indicibili tenerezze.

 

* * *

 

Avendo pregato per una persona che si doleva con lei di risentire poca divozione quando si comunicava, Metilde da parte del Signore le diede questa istruzione: "Quando vorrai comunicarti, se ti sentirai il cuore tiepido nella preghiera, e privo di amore e di desiderio, griderai con tutto il tuo cuore verso Dio e gli dirai: Traetemi dietro a voi; cammineremo all'odore dei vostri profumi (Cant. I, 3).

"A questa parola Traetemi, penserai quanto sia vigoroso ed immenso quell'amore che trascinò il Dio Onnipotente all'ignominioso supplizio della Croce; quindi ecciterai in te il desiderio che Colui il quale disse: Quando sarò elevato da terra, attirerò tutto a me, attiri a sé. il tuo cuore e ti faccia correre nell'amore e nel desiderio, all'odore dei tre aromi usciti dal nobilissimo abisso del suo Cuore onde profumare il cielo e la terra.

"Il primo di questi aromi è un'acqua di rosa, che l'amore sul fornello della carità ha distillato da quella nobilissima rosa che sta sul petto del Signore. Userai di questo profumo per lavare la faccia dell'anima tua; e se, dopo un serio esame, troverai in te qualche macchia di peccato, pregherai perché sia lavata in quella fonte di Misericordia in cui fu purificato il ladrone su la croce.

"Il secondo aroma è quel vino rosso del nobile sangue che il torchio del divino Amore fece zampillare su la Croce e che dalla vermiglia piaga del divin Cuore uscì insieme con l'acqua; pregherai perché la faccia dell'anima tua da questo vino sia colorita e fatta bella, affinché tu possa degnamente accostarti a questo gran banchetto.

"Il terzo aroma è l'eminentissima e copiosissima dolcezza del divin Cuore, la quale neppure nell'amarezza della morte poté subire diminuzione alcuna. Lo chiamano balsamo; è superiore ad ogni altro profumo aromatico e può guarire tutti i languori dell'anima. Prega perché questo profumo, sia diffuso nel tuo cuore, affinché l'anima tua gusti e senta quanto sia dolce il Signore; e così s'impingui, si dilati e si incorpori. in Colui che con tanto amore si è dato a te.

"Che se non risentirai ancora soavità alcuna, tu pregherai perché il tuo fedele e tenero Amante si degni di non prendersi nausea della tua accidia, ma voglia riscaldare in sé medesimo la tua freddezza, ed Egli solo sia glorificato in tutte le tue opere, quaggiù e per l'eternità".

 

* * *

 

Pregando Metilde per una persona che aveva paura di accostarsi troppo frequentemente alla santa Comunione, il Signore le rispose:

"Quanto più è frequente la comunione, tanto più l'anima si purifica, in quella guisa che il corpo tanto più si fa mondo quanto più frequentemente viene lavato. Quanto più una persona si comunica, tanto più io opero in lei, ed ella opera in me, dimodochè, le sue opere diventano più sante. Quanto più affettuosamente una persona si comunica, e tanto più profondamente si immerge in me; quanto più penetra nell'abisso della mia Divinità, tanto maggiormente l'anima sua si dilata e si fa capace della Divinità, in quella guisa che l'acqua quando sovente scorre sur un terreno, vi scava un letto più profondo in cui l'acqua può scorrere sempre più abbondante".

 

* * *

 

Mentre una suora inferma stava per comunicarsi, Metilde vide Gesù, il Dio di Maestà, come uno sposo pieno di giovinezza, seduto sur un alto trono davanti al letto dell'ammalata. Quando il sacerdote depose la santa Ostia su le labbra di quella, Gesù Cristo medesimo: pane di vita ed inesauribile alimento degli Angeli, si donò tutt'intero a quell'anima, offrendole da baciare la sua bocca vermiglia ed aprendo le braccia per accoglierla. Così quell'anima beata, come una bianca colomba, divenne talmente una cosa sola col Diletto, che non si scorgeva più in lei che Dio solo.

 

* * *

 

Mentre pregava per una persona che, per tiepidezza e leggerezza, tralasciava sovente di ricevere il corpo di Gesù Cristo, la vide in presenza del Signore e udì queste parole: "Carissima mia, Egli le diceva, perché mi fuggi tu?"

Metilde si meravigliò che una parola così amabile fosse rivolta a quella persona; ma il Signore ripigliò: "In tutti i giorni della sua vita, la chiamerò con questo nome".

Metilde concepì il timore che dopo la morte essa perdesse un tale nome, ma il Signore ripigliò di nuovo: "Questo nome le resterà in eterno".

E l'anima di quella persona le apparve, davanti a Dio sotto la forma di una bellissima vergine verso la quale il Signore si volgeva dicendo: "Approssimati con la fiducia nella Onnipotenza del Padre che ti riconforti; nella Sapienza del Figlio che ti illumini; nella benignità dello Spirito Santo che ti riempia di soavità".

 

* * *

 

Un'altra persona era tentata allo stesso modo, perché nell'accostarsi a quel Sacramento di vita, di cui tuttavia nessuno può giudicarsi degno, ella sempre temeva di esserne indegna in un modo tutto speciale; Metilde pregò per lei con fiducia ed ebbe questa risposta: "Si accosti sovente a me, ed ogni volta la riceverò come una vera regina". Da queste parole, quella persona tentata, restò molto consolata e ne ringraziò il Dio di bontà.

 

CAPITOLO XV

 

IN QUAL MODO IL CUORE DELL'UOMO

SI UNISCA AL CUORE DEL SIGNORE

 

Avendo Metilde ricevuto il Sacramento del santissimo Corpo di Gesù Cristo, dopo dolci colloqui le parve che il Signore le pigliasse il cuore e lo stringesse al suo divi n Cuore talmente che non facessero più che un sol cuore. Ed Egli le disse: "È mia volontà che i cuori degli uomini mi siano uniti coi loro desiderii in modo che la creatura non desideri più nulla, ma disponga tutte le sue aspirazioni secondo il mio Cuore. Così, quando due venti soffiano insieme non si distinguono più, ma spirano un'aria sola.

"La creatura deve parimenti, essermi unita nelle sue azioni. Quando, per esempio, vuole procurarsi le cose necessarie al corpo, come il cibo, il sonno, le vesti ed altre cose simili, dica nel suo cuore: "Signore, in unione con l'amore per cui avete creato per me queste cose o questa comodità, e ne avete usato Voi medesimo per l'onore del Padre vostro e per la salvezza degli uomini, io benché peccatore indegno d'ogni vostro bene, l'accetto per vostra eterna lode e per la necessità del mio corpo.

"Riceva ancora le cure ed i servizi che gli altri le prestano in unione con l'amore dal quale sono animati a gloria di Dio, e al fine di ottenere ché si santifichino e ricevano il premio della loro carità.

"Nel fare una cosa per ubbidienza, dica: "Signore, in unione con quell'amore per cui vi degnaste di lavorare con le vostre proprie mani e ancora, lavorate senza posa nell'anima mia, adempirò questo compito che mi imponete, per la vostra gloria e per l'utilità del mio prossimo. E perché Voi avete detto: Senza di me non potete far nulla, vi prego che questo atto sia unito e compiuto insieme con la vostra perfettissima azione e così sia perfetto, a guisa di una goccia d'acqua, la quale essendo caduta in un gran fiume naturalmente ne segue tutta la corrente".

"Infine, l'unione deve compiersi per l'accordo della volontà, vale a dire che l'anima voglia tutto ciò che voglio io, nell'avversità come nella prosperità.. Due metalli preziosi fusi assieme nel crogiuolo non possono più separarsi; così, per l'amore l'uomo diventa uno spirito solo con me, ciò che è in questa vita il punto più alto della perfezione e della virtù".

 

 

CAPITOLO XVI

 

COFANO A TRE SCOMPARTIMENTI,

SIMBOLO DEL CUORE UMANO

 

Un'altra volta, dopo aver ricevuto il Corpo del Signore, Metilde vide davanti a sé un cofano meravigliosamente decorato di oro e di preziose gemme; nell'interno era bianco. e diviso in tre parti. In alto conteneva vasi d'oro; nel mezzo ricche vesti; in basso una sorta di. cibo delicatissimo. Tale cofano era simbolo del cuore umano ripieno di virtù e di opere buone.

I vasi d'oro posti nel compartimento più in alto rappresentavano i cuori dei Santi, sempre disposti a ricevere la grazia dello Spirito Santo. Dobbiamo imitarli nel preparare i nostri cuori a ricevere noi pure la divina grazia. Il colore bianco. dell'armadio significava che l'anima, se vuole piacere a Dio, deve custodirsi pura e libera da tutto ciò che è terreno, e da ogni preoccupazione rispetto alle azioni altrui.

Le azioni di Gesù Cristo nella sua Umanità erano rappresentate dalle ricche vesti poste nella seconda parte del cofano. Ve n'erano di quattro sorte: vesti di porpora, ornate di trifogli d'oro; abiti verdi, con ricami di rose d'oro; vesti azzurre, cosparse di stelle d'oro; infine vesti rosse, decorate con gigli pure d'oro.

E come nella sua ammirazione la Santa pensava quale fosse il significato di queste vesti, ricevette dal Signore questa risposta: "Tu sceglierai per me una veste secondo il desiderio del mio Cuore. Quando loderai la mia infanzia, la quale in sé conteneva tutta la maestà della Trinità, mi darai la veste di porpora ornata di trifogli d'oro; quando farai memoria della mia adolescenza, mi coprirai con la tunica viola ricamata di rose d'oro, la quale rappresenta le delizie della mia Divinità ch'io sono venuto a comunicare agli uomini secondo queste parole: Le mie delizie sono di stare coi figli degli uomini. - Io che sono Figlio di Dio con tutta la pienezza della Divinità, mi feci figlio della Vergine, figlio dell'uomo, ed alla Vergine Madre mia, ed a lei sola, pienamente comunicai le delizie della mia Divinità".

Metilde disse: "Perché, amabilissimo Signore, durante la vostra vita sì pochi uomini hanno goduto queste vostre delizie?" ­ "Non le potevano gustare prima ch'io le avessi acquistate, per così dire, con la mia Passione e Morte", rispose il Signore. - "Che significano, Signore, continuò Metilde, le vesti rosse?" - "La mia Passione, disse il Signore, tutta rosseggiante di sangue; i gigli d'oro esprimono la mia innnocentissima morte; quando ne farai memoria, tu mi coprirai con tali vesti".

La santa disse ancora: "Che cosa significano quei cibi posti nella parte inferiore del cofano?" Il Signore rispose: "Il sapore delle grazie e le delizie che l'anima in questo mando può gustare nel sacramento dell'Eucaristia, dove veramente si contiene ogni grazia ed ogni dolcezza. L'uomo che riceve questo sacramento mi nutre ed io, lo nutro".

L'anima ripigliò: "Ma, perché mai, o Signore, questo cibo viene posto nella parte più inferiore del cofano? - Perché io, sono a te più intimo di tutto quanto può esservi di più intimo", concluse il Signore.

 

 

CAPITOLO XVII

 

LE ORE CANONICHE

 

Quella pia Serva di Cristo; dopo aver sentito un giorno predicare su le nozze, disse al Signore: "Ahimé! O mio tenero Sposo, quale sposa infedele non sono mai io per Voi ogni giorno! Non vi ho mai dimostrato il mio amore di sposa, come ne ero in dovere verso di Voi, mio vero Sposo!". Il Signore subito le comparve in una gloria ineffabile e deliziosa, dicendo: "L'uso talvolta porta che dopo un viaggio dello sposo in un lontano paese, al ritorno gli sposi rinnovino le loro nozze. Bisogna che faccia così anch'io. Per l'anima che ama, un giorno solo lontano da me è più penoso di mille anni di separazione per una sposa della terra". Egli pose dunque il suo divin Cuore sul cuore della sua diletta, dicendole: "Oramai il mio Cuore è tuo e il tuo è mio", e con un dolce abbraccio in cui mise tutta la sua forza divina, attrasse talmente quest'anima che non sembrava più che uno Spirito solo con Lui.

La Santa disse ancora al Signore: "La sposa abitualmente produce dei frutti per il suo sposo; qual frutto, o valoroso mio Sposo, potrò io presentarvi?" - "Ogni giorno, rispose il Signore, mi darai sette frutti: dapprima, durante la notte quando ti alzerai, per riverenza verso l'amore che mi spinse carico di catene nelle mani degli empi e mi rese obbediente fino alla morte; disporrai il tuo cuore ad obbedire in quella giornata a tutto quanto

 

324

 

ti sarà ingiunto, anche a costo di qualche atto eroico come ne fanno i Santi.

"Verso Prima, per riverenza verso quella umiltà con la quale, come agnello dolcissimo, mi lasciai trascinare davanti ad un giudice iniquo, ti sottometterai, per causa mia, ad ogni creatura, pronta ad eseguire i lavori più umili e vili.

"All'ora di Terza, per causa di quell'amore per il quale volli essere disprezzato, sputacchiato e saziato di obbrobri, ti stimerai degna di essere da tutti umiliata e vilipesa.

"All'ora di Sesta, crocifiggerai il mondo a te stessa e te al mondo, pensando ch'io, tuo Amante, per amor tuo fui inchiodato su la Croce; perciò le delizie e le dolcezze del mondo siano per te amare come una croce.

"All'ora di Nona, morrai al mondo e ad ogni creatura, dimodochè l'amarezza della mia morte divenga per il tuo cuore talmente dolce che ogni creatura ai tuoi occhi sia vile e disgustosa.

"Verso l'ora dei Vespri, in cui fui deposto dalla Croce, penserai con. gioia, che dopo morte, per tutti i tuoi travagli troverai nel mio seno un felice riposo.

"All'ora di Compieta, parimenti, penserai a quella beatissima unione in cui, divenuta con me uno spirito solo, con somma intimità godrai perfettamente di me medesimo. Questa unione quaggiù incomincerà con la concordia tra la mia volontà e la tua nella gioia come nelle contrarietà, e giungerà al suo perfetto compimento, in quella gloria che non avrà mai fine".

 

* * *

 

Chi vuol devotamente cantare le Ore, stia attento a tre cose. Dal principio sino ai salmi, lodi ed esalti l'abisso di umiltà in cui dall'alto dei cieli la suprema Maestà si abbassò scendendo in questa valle di miserie. Con tale umiltà il Dio degli Angeli si fece fratello e compagno degli uomini; più ancora, si fece il loro umile servitore, secondo quanto ha detto Lui medesimo: Non sono venuto per essere servito, ma per servire (Matth. XX, 28). Per onorare questa umiltà, si inchini con divozione.

Durante i salmi, esalti l'inscrutabile Sapienza di Dio, la quale si degnò di conversare con gli uomini e di istruirli Egli medesimo, con discorsi ed avvertimenti. Con gli inchini gli renda grazie per la dottrina e le dolci parole emanate dal suo Cuore, attraverso le sue divine labbra. Renda grazie ancora per tutti gli oracoli dei Profeti, per le predicazioni ed i discorsi dei Santi, avendo essi. parlato sotto l'ispirazione dello Spirito Santo. Ringrazi inoltre per ogni divina influenza esercitata su l'uomo dalla grazia spirituale secondo il beneplacito della divina volontà.

Dopo i salmi sino alla fine delle Ore, esalti la dolce benignità che si manifestò in tutto ciò che il Signore fece e soffrì, e renda grazie per tutti i desiderii, preghiere ed altre opere buone che Egli. compì per gli uomini. Offra poi azioni di grazie in modo speciale per tutto ciò che fece e soffrì in ciascuna delle ore.

Il Signore comparve una volta alla sua Serva durante le ore del sonno. Ella gli domandò, tra altre cose, se ciò che si dice dei vizi che non v'è peccato così leggiero il quale non sia aggravato dall'abitudine, sia vero anche delle virtù, dimodochè queste acquistino davanti a Dio maggior merito con la pratica abituale.

Il Signore rispose: "Non v'è atto buono, per quanto piccolo, che davanti a Dio non compaia grande, quando venga praticato con costanza".

L'anima ripigliò: "Quale sarebbe il minimo bene, nel quale l'uomo possa più frequentemente esercitarsi con profitto?"

Il Signore disse: "Quello di recitare le Ore con attenzione e divozione; non già che questo sia un atto di poco valore, ma perché il minor bene che si possa fare è di adempiere il proprio dovere.

"Nel dar principio alle Ore, si dica dunque col cuore ed anche con le labbra: "Signore in unione con quella divina intenzione con cui su la terra Voi in onore del Padre Vostro osservaste le Ore canoniche, io adempio questa Ora in vostro onore". Poi, per quanto si può, non si presti più attenzione a nulla fuorché a Dio. E quando una tal pratica frequentemente ripetuta sarà diventata un'abitudine, questo esercizio sarà sì sublime e sì nobile davanti al Padre mio, che sembrerà uno stesso esercizio insieme col mio".

In seguito, il Signore essendole ancora comparso nella orazione, ella gli domandò se davvero Egli avesse celebrato le Ore su la terra. Il Signore si degnò di rispondere: "Non le recitai al vostro modo; tuttavia in quelle ore, io rendevo omaggio a Dio Padre. Tutto quanto si osserva dai Cristiani, lo inaugurai io medesimo, come, per esempio, il Battesimo. Osservai e compii queste cose per i cristiani, santificando così e rendendo perfette le opere dI quelli che credono in me. Perciò dissi a mio Padre: Mi santifico per loro, affinché essi pure siano santi in me (Joan., XVIII, 19).

"Nelle sette Ore canoniche, voi fate memoria di ciò che. soffrii in quelle Ore medesime: io pure, nella mia sapienza, prevedevo tutto ciò che dovevo soffrire, come attesta l'Evangelista dicendo: Perciò Gesù sapendo tutto ciò che doveva accadergli (J. XVIII, 4)".

 

* * *

 

Pregando per una persona che si doleva con lei di dire sovente le Ore senza divozione e con distrazioni, Metilde ricevette da Dio questa risposta: "Aggiunga sempre in fine delle Ore queste parole: Signore, siate propizio a me peccatore, oppure queste: Agnello dolcissimo, abbiate pietà di me: con l'intenzione di riparare in questo modo la sua negligenza".

Metilde ripigliò: "Ma se dimenticasse di osservare questa pratica in fine di ciascuna Ora?" Il Signore rispose: "Se non si ricorda di dire questa preghiera dopo tutte le Ore, la dica almeno sette volte al giorno, non importa in qual momento, onde supplire alle sue negligenze.

"Se queste parole: Signore, siate propizio a me peccatore ebbero tanta efficacia da meritare al pubblicano la remissione di tutti i suoi peccati, perché non otterrebbero a chiunque il perdono delle sue negligenze? La mia Misericordia non è forse oggidì tanto clemente come in quel tempo?"

 

 

CAPITOLO XVIII

 

DOMANDARE AL SIGNORE CHE CI CONSERVI LA FEDE

 

Se uno raccomanderà a Dio la sua fede nel modo seguente, otterrà la grazia di essere preservato negli ultimi suoi momenti da ogni tentazione contro la vera fede.

In primo luogo, il cristiano raccomandi la sua fede alla Onnipotenza del Padre, pregandolo che per la virtù della sua Divinità voglia fortificarlo per modo che non possa mai allontanarsi dalla vera fede. Poi la affidi all'inscrutabile Sapienza del Figlio di Dio, pregandolo che lo illumini con gli splendori della sua divina scienza dimodochè non sia mai sedotto dallo spirito di errore. Infine, si raccomandi alla benevolenza dello Spirito Santo, supplicandolo perché la propria fede non operi mai che per amore alla presenza di questo divino Spirito, affinché all'ora della morte l'anima sua sia consumata nella perfezione.

 

 

CAPITOLO XIX

 

SUL MODO DI ADDORMENTARSI

 

Metilde, un giorno, vide l'anima sua nel seno del Signore sotto la forma d'una piccola lepre addormentata con gli occhi aperti e disse: "Signore mio Dio, datemi l'istinto di questo animale, affinché quando il mio corpo si addormenta, il mio spirito vegli per Voi".

"Si dice, rispose il Signore, che la lepre rumini e dorma con gli occhi aperti: così nell'andare a prendere il tuo riposo, ruminerai questa strofa:

 

Oculi somnum capiant,

Cor ad te semper vigilet,

Dextera tua protegat

Famulos qui te diligunt.

 

Gli occhi piglino sonno; il cuore a te sempre vegli; e la tua destra difenda i tuoi servi che ti amano.

"Oppure penserai a Dio e con Lui parlerai; se uno si addormenterà. in questo modo, il suo cuore veglierà sempre per me. Che se nel sonno gli capitasse qualche male, tuttavia non sarà separato da me.

"All'ora del sonno, l'uomo mandi un sospiro, come dal fondo del mio Cuore, in unione con quella lode che da me derivò in tutti i Santi, onde supplire a quella lode che ogni creatura è in dovere di offrirmi.

"Sospiri ancora in unione con quella gratitudine che i Santi, attingendo nel mio Cuore, mi dimostrano per i doni a loro concessi.

"Sospiri inoltre per i suoi propri peccati e per quelli del mondo intero, in unione con quella compassione che mi indusse a portare sopra di me i delitti di tutti.

"Sospiri desiderando affettuosamente tutto il bene che è necessario agli uomini per la gloria di Dio e per la loro utilità personale, in unione col divino desiderio che ebbi su la terra per la salvezza del genere umano.

"Da ultimo, sospiri in unione con tutte le preghiere che dal mio divin Cuore fluiscono in quello di tutti i Santi, per la salvezza degli uomini, dei, vivi e dei morti. Se uno desidererà che ogni suo respiro nel sonno mi sia gradito come un incessante sospiro, meriterà ch'io lo riceva come tale, perché non posso rifiutar nulla ai desiderii dell'anima che mi ama".

 

 

CAPITOLO XX

 

CRISTO ACCORRE AL GEMITO DEL MISERO

 

Un giorno di festa, mentre la Comunità si accostava alla comunione, quella Serva di Cristo, giacendo a letto inferma e in una grande aridità di spirito, gemeva con Dio nell'intimo del suo cuore; vide allora il Signore alzarsi con fretta dal suo trono dicendole: Per causa della miseria degli indigenti e dei sospiri del povero, ora mi alzerò (Ps., XI, 6).

A suo esempio, tutti i Santi si alzarono ed offrirono a Dio, per la consolazione di quest'anima, tutti i servizi che gli avevano resi quaggiù e tutto quanto ad eterna lode vi avevano sofferto.

Di più, il Signore. Gesù offrì pure a Dio Padre tutto ciò che gli appartiene, dicendo: "Io porrò l'oppresso nel Salutare, vale a dire, in me stesso e per me stesso adempirò i suoi desiderii"; e in tal modo rese a Dio Padre per lei degne lodi.

La luce divina le fece intendere che ogni qual volta l'anima afflitta manda i suoi sospiri verso Dio, sia per lodarlo, sia per ottenere qualche grazia, subito i Santi si alzano, lodano Dio tutti assieme per quell'anima, e le ottengono la sospirata grazia. Se geme per i propri peccati, essi le implorano perdono. Né ciò basta per Gesù Cristo; Egli si alza pure e dice: "Io la porrò in salvo; vale a dire soddisferò io medesimo e da me stesso il suo desiderio; a Dio Padre offrirò le mie lodi per lei, e in tal modo largamente supplirò a tutto quanto ella può desiderare".

Dopo averla così illuminata, il Signore le disse: "Poiché anche un solo sospiro viene da me così favorevolmente accolto, come mai nell'anima del povero potrà rimanere ancora qualsiasi tristezza?"

 

* * *

 

Un'altra volta, come essa nel suo desiderio gemeva di nuovo presso il Signore, Egli le disse: "Che cosa hai tu ancora? Ogni volta che tu gemi, mi attiri in te, perché mi sono fatto tutto a tutti e in tutte le cose. Per acquistare l'oggetto più piccolo ed insignificante, non fosse che un filo o un fuscellino di paglia, non basta la sola volontà; ma per possedermi, basta una sola intenzione, ed anche un solo gemito".

 

 

CAPITOLO XXI

 

CRISTO NELL'ANIMA RINFRESCA

GLI ARDORI DEL SUO DIVIN CUORE

 

Una volta Metilde, piena di tristezza, si doleva di vedersi inutile perché, a motivo dell'infermità, non poteva osservare i regolamenti dell'Ordine; ma il Signore le disse: "Ah! vieni al mio soccorso! Lasciami rinfrescare in te l'ardore del mio divin Cuore!"

Da tali parole la Santa comprese che l'anima la quale liberamente e volentieri sopporta le pene del cuore, la tristezza, l'abbattimento ed ogni genere di tribolazioni, in unione con l'amore per cui Gesù Cristo su la terra sopportò le afflizioni, le pene, e infine una morte ignominiosa; intese, diciamo, come quest'anima offra al Signore in sé medesima un rinfresco per l'ardore del divin Cuore.

Infatti, non è forse Cristo sempre alla ricerca della salvezza dell'uomo? Non potendo più soffrire in sé stesso, si degna di supplire coi diletti amici che a Lui con fedele amore aderiscono. La sua Passione giovò al mondo intero, non solo agli uomini del suo tempo ma a tutti quelli che crederanno in Lui sino alla. fine dei secoli; in tal modo le sofferenze e le tribolazioni di quelli che lo amano, contribuiranno al merito dei giusti, al perdono. dei peccatori ed alla felicità eterna dei defunti.

E quando entrerà in cielo quell'anima che su la terra sarà stata il rinfresco del divin Cuore, volerà dritto verso il Cuore di Dio; penetrata dalla Divinità come da un'unzione preziosa, ella andrà ad ardere con ciò che avrà sopportato per amore di Cristo, nella fiamma di questo Cuore tutto infiammato. Come un profumo fragrantissimo e un balsamo preziosissimo, ella in tutto il cielo diffonderà la soavità del suo odore, dal quale i Santi riceveranno accrescimento di gaudio e di delizie. È questo ciò che viene espresso nel salmo: Ti unse Iddio, Iddio tuo, con olio di letizia a preferenza dei tuoi compagni (Ps. XLIV, 8).

 

 

CAPITOLO XXII

 

QUANTO È PREZIOSA PER IL SIGNORE

L'ANIMA DELL'UOMO

 

Una volta, mentre si cantava questo versetto: "Dulcem vocem audient justi: I giusti sentiranno una dolce voce, quella Serva di Cristo si ricordò di un pegno che Dio altre volte le aveva dato, e gliene rese grazie con dolcissima effusione.

Il Signore le disse: "Io sonò il tuo pegno, e tu sei il mio".

Ma la Santa pensava come mai essendo sprovvista di ogni merito, potesse essere il pegno di Dio; e il Signore continuò: "Tutti gli uomini sono come un pegno depositato nelle mie mani, perché tutti sono obbligati a rifondermi il prezzo della mia morte, secondo queste parole dell'Apostolo: Mortificate le vostre membra che sono su la terra (Col., III, 5). Ogni uomo, infatti, deve mortificare ciò che in lui vi è di vizioso, affinché prima della morte o almeno al momento della morte, libero da ogni peccato, possa restituirmi con gaudio il mio pegno il quale non è altro che l'anima sua.

"Ma gli uomini spirituali sono, in un modo più speciale, i miei ostaggi, avendoli io chiamati a una gloria singolare e sovreminente. Ogni volta che mi offrono la loro volontà in qualche opera difficile ed ardua, si presentano a me come un pegno decorato di un nuovo ornamento. lo mi comporto come un uomo il quale, conservando presso di sé qualche cauzione di un suo amico, ogni volta che la guarda l'arricchisce di oro e di preziose gemme".

 

* * *

 

Durante la messa, quella divota vergine vide una volta il Signore su l'altare sotto la figura di un'aquila d'oro, e pensò subito che in quella guisa che il volo dell'aquila è il più elevato e il suo sguardo è il più penetrante; così l'aquila divina penetra sino alla profondità del cuore umile.

Le parve pure che quell'aquila avesse il becco ricurvo e una lingua dolcissima. Il becco significava i discorsi del Signore che trapassano il cuore con la divozione, mentre la lingua figurava la loro dolcezza. L'aquila nella sua preda cerca sempre n boccone migliore, ossia il cuore, così Dio desidera sempre il nostro cuore e la dolce offerta che possiamo fargliene.

 

* * *

 

Un'altra volta Dio le disse: "Nulla mi procura delizie come il cuore degli uomini, eppure raramente ne posso godere! Ho tutti i beni in abbondanza, non mi manca che il cuore degli uomini, e sovente me lo rifiutano".

 

 

CAPITOLO XXIII

 

COME ESERCITARE LA PROPRIA MEMORIA

INTENZIONI

 

* * *

 

Quella pia vergine pregava un giorno il Signore che si degnasse farle il dono di averlo sempre presente alla memoria del proprio cuore. Il Signore le mostrò il suo divin Cuore come una casa. L’anima, svolazzando come una colomba, entrò in quel Cuore amantissimo e vi trovò un mucchio di frumento. Il Signore le disse: "Quando la colomba trova del frumento in grande quantità, non porta via tutto, ma sceglie quei pochi granelli che le piacciono. Così devi fare anche tu; quando sentirai o leggerai la parola di Dio, la tua mente non potrà ritener tutto; raccoglierai tuttavia alcune parole onde ripassarle nella memoria e penserai: "Vediamo, in questa lettura che cosa ti insegna o ti prescrive il tuo Diletto?"

 

* * *

 

Nel medesimo giorno udì alla messa il Vangelo: Simile est regnum coelorum thesauro: Il regno del cielo è simile ad un tesoro; e disse al Signore: "Mio dolcissimo Maestro, che cosa debbo notare in questo Vangelo, secondo quanto mi avete suggerito?"

Il Signore rispose: "Che cosa è un tesoro? Un tesoro è composto di oro, di argento e di pietre preziose. L'oro indica l'amore, l'argento significa le opere buone, le gemme significano le virtù. L'argento è un metallo sonoro: così le buone opere rendono un suono dolcissimo alle mie orecchie. Se uno compierà opere buone dicendo a sé medesimo: Il tuo Dio si fece umile e si degnò di abbassarsi nelle opere basse e servili, tanto più tu che sei un vile omuncolo, devi essere umile e sottomesso; io ne scriverò il ricordo nel mio Cuore e nulla potrà mai cancellarlo. Analoghi pensieri si possono pure avere nella pratica delle altre virtù e così fare tutte le proprie azioni in mia memoria".

 

* * *

 

Scorgendo un giorno una colomba nel suo nido, Metilde disse al Signore: "Ah, mio Diletto! in qual nido potrei riposarmi nel meditare?" Il Signore rispose: "Riunisci queste due estremità: l'altezza della mia suprema Divinità e la profondità della tua bassezza, e riposati in questi pensieri come l'uccello nel suo nido, riflettendo soprattutto alla grandezza della divina Maestà. Non discende forse la mia Maestà sino alla bassezza quando per l'effusione della grazia penetra sino al midollo dell'anima tua e ti unisce a me con una felice unione?"

Metilde usava in questo modo consultare il Signore a proposito di, tutte le sue azioni anche minime e volgari, cercando in ogni cosa il beneplacito della divina volontà.

Ella, un giorno, vide un'altra persona fare un atto di cui rimase scandalizzata, ma subito riconobbe la sua colpa e la confessò al Signore il quale le disse: "Quando ti capiterà di vedere qualche atto disordinato o scandaloso, mi loderai per la nobiltà di tutti gli atti miei. Quando vedrai qualcuno darsi alla superbia, mi loderai nella profondità della mia umiltà per cui mi sottoposi a tutti, benché fossi il Signore di tutti. Quando vedrai qualcuno trasportato dalla collera, mi loderai per la mansuetudine per cui davanti ai miei giudici comparii come un agnello; quando vedrai qualcuno darsi all'impazienza, mi loderai per la mia pazienza nel sopportare tutti. In tal modo, tutto quanto potrà dispiacerti, tutto supererai per mezzo mio, perché tutto quanto vedrai in me, sommamente ti piacerà".

 

* * *

 

Un'altra volta il Signore le disse: "Cercami nei tuoi cinque sensi, a guisa di un ospite che, aspettando l'arrivo di un amico carissimo, guarda per le porte e per le finestre onde vedere se l'amico aspettato infine non arrivi; così l'anima fedele deve cercarmi senza posa per mezzo dei suoi sensi che sono le finestre dell'anima.

"Se vede cose belle ed amabili, pensi quanto sia bello, amabile e buono Colui che le ha fatte, e subito si elevi verso il Creatore dell'universo.

"Quando sente qualche melodia soave o qualche discorso piacevole, dica a sé stesso: Oh! quanto sarà dolce quella voce che un giorno mi chiamerà; quella voce che a tutte le voci comunica armonia e soavità ! E quando udrà conversazioni o letture, stia attenta se oda qualche cosa in cui possa ritrovare il suo Diletto.

"Parimenti se parlerà, questo sia per la gloria di Dio e la salvezza dei suoi fratelli. Nel cantare o nel leggere avrà. questo pensiero: "Vediamo, con questo versetto o con questa lettura cosa mi dice o mi préscrive il mio Diletto?

"In tutto adunque, l'anima fedele cerchi il suo Diletto affinché gusti la soavità delle divine dolcezze. Usando dell'odorato o del tatto, si comporti allo stesso modo, ricordandosi quanto sia soave lo Spirito di Dio e quanto saranno dolci i suoi baci ed i suoi divini abbracci.

"Ogni cosa piacevole deve dunque richiamarle la memoria delle delizie nascoste in Dio, il quale creò ogni bellezza ed ogni diletto affinché conoscessimo la sua bontà e ci portassimo al suo amore.

"L'anima deve comportarsi come lilla buona madre di famiglia che aiuta nel lavoro il suo caro fanciullo e non gli lascia sopportare da solo nessuna fatica. Così, la mia sposa fedele deve avere l'intenzione di soccorrere la S. Chiesa, nella quale Dio sempre agisce; di offrire al Signore, per quanto è in suo potere, le lodi, le azioni di grazie e le preghiere che gli verrebbero offerte da tutte le creature insieme, se queste fossero fedeli; e infine tutto il servizio che da, ognuna in particolare dovrebbe essergli reso. Inoltre, sia disposta a sopportare tutte le pene, tutte le tribolazioni e tutte le fatiche che mai siano state sofferte per amore di Dio".

 

 

CAPITOLO XXIV

 

DELL' OBBEDIENZA E DEL TIMORE.

IL CORPO E L'ANIMA

 

Metilde, vedendo un giorno la portinaia scomodata durante la messa per l'arrivo di ospiti, ne ebbe compassione e pregò per lei. Il Signore le disse: "Ogni passo che uno fa per obbedienza, è come un danaro che deposita nelle mie mani per accrescere la somma dei suoi meriti.

Metilde ripigliò: "Dolcissimo mio Dio, ben doloroso per me non poter seguire la comunità per causa della mia malattia; tuttavia ve ne rendo grazie, perché così almeno sono libera da tante occupazioni".

Il Signore le disse: "Quando eri occupata negli uffici comuni, tu temevi sempre di essere disturbata nella tua, vita spirituale e nell'uso del dono che hai ricevuto; adesso temi di ricevere da chi ti assiste cure maggiori di quanto sia richiesto dalle tue infermità; in tal modo l'uomo giusto conserva il timore in tutto quello che fa, come si dice di Giobbe al quale resi questa testimonianza che su la terra non v'era uomo simile nel timor di Dio e nella fuga del male: "Verebar omnia opera mea: Temevo per tutte le mie azioni (Iob., IX, 28)".

 

* * *

 

Un'altra volta, il Signore le disse: "L'opera migliore e più utile in cui l'uomo possa far uso della sua bocca è la lode di Dio e la frequente conversazione con Lui, ossia l'orazione. Gli occhi non possono far nulla di più lodevole che di versare lagrime d'amore o di leggere la Sacra Scrittura, e le orecchie, nulla di migliore che di ascoltare volentieri la parola di Dio e di tenersi pronte ad udire gli ordini dei Superiori. L'opera migliore delle mani è di innalzarle al cielo in una preghiera pura, oppure di tenerle occupate a scrivere o a lavorare. Ciò che vi è di migliore per il cuore è di amare e desiderar Dio con fervore e di pensare dolcemente a Lui nella meditazione. Per l'esercizio di. tutto il corpo, le genuflessioni, le prostrazioni e le opere di carità saranno di grande utilità".

 

* * *

 

Il Re della gloria, Cristo le apparve un giorno in alto, circondato di uno splendore indicibile, nella pienezza del suo gaudio, vestito di un abito d'oro con colombe ricamate, e ricoperto d'un manto rosso. Questo abito era aperto dai due lati, per indicare che l'anima dappertutto ha libero accesso presso Dio.

Il mantello rosso significava la Passione di Cristo che gli è sempre presente, e che Egli offre: Il Padre suo, intercedendo senza posa per l'uomo. Le colombe esprimevano la semplicità del divin Cuore, di cui i sentimenti sono sempre immutabili, benché la creatura così frequentemente manchi di fedeltà verso di Lui.

Tuttavia l'anima che si sentiva a grande distanza dal Signore pensava a queste. parole del Profeta: Da lungi soltanto il Signore mi è apparso? (Jer., XXX, 3). Il Signore le rispose: "Che cos'importa? Dovunque tu sei, là è il mio cielo. Che tu dormi, che tu mangi o che tu faccia qualsiasi altra azione, io sempre dimoro in te".

 

* * *

 

Come Ella pensava cosa fosse il suo corpo, il Signore le disse: "Il tuo corpo non è che un sacco di nessun pregio, il quale avvolge un cristallo contenente un liquore prezioso. In quella guisa che un tale sacco si custodirebbe con precauzione, senza gettarlo di qua o di là, così l'uomo, a motivo dell'anima contenente il liquore della divina grazia e l'unzione dello Spirito Santo, deve rispettare il proprio corpo e vigilare sui propri sensi, affine di non vedere, né sentire, né udir nulla che possa far sì che l'unzione spirituale della grazia divina si spanda al di fuori, e così il mio Spirito che regna nell'anima sua, ne venga scacciato".

 

 

CAPITOLO XXV

 

IL GIARDINO E GLI ALBERI DELLE VIRTÙ

 

Una volta, dopo di essersi confessata ed aver adempita la penitenza, Metilde pregò la gloriosa Vergine Maria che volesse intercedere per lei presso il Signore. E le parve che la Beata Vergine la conducesse in un giardino delizioso piantato di bellissimi alberi trasparenti e brillanti come cristalli illuminati dal sole. Metilde domandò di essere condotta verso l'albero della Misericordia di cui Adamo era stato privo così a lungo.

Orbene, questo albero immenso, dai rami elevati, aveva le radici in un terreno d'oro; i suoi fiori ed i suoi frutti erano pure d'oro e dal medesimo sgorgavano tre fiumi, dei quali il primo era destinato a purificare, il secondo a pulire, il terzo a dissetare. Sotto quell'albero stava prostrata in, adorazione la beata. Maria Maddalena; presso di lei, in ginocchio, Zaccheo adorava pure il Signore. Metilde si portò in mezzo a questi due santi, onde adorare lei pure e domandar perdono.

 

* * *

 

Ella vide un altro bell'albero di cui l’altezza significava la lunga pazienza di Dio; le sue foglie erano d'argento, ed i suoi frutti, rossi e rinchiusi in una scorza dura ed amara, rassomigliavano a dolCissime mandorle. Vi era pure un. albero così basso che la mano agevolmente poteva toccarne i rami; sotto il soffio del vento si chinava verso tutti e così significava la Mansuetudine del Signore; non portava frutti perché le sue foglie. di un verde più vivo che quello degli altri alberi, possedevano la medesima virtù dei frutti.

 

* * *

 

La Santa vide ancora un albero d'un aspetto delizioso simile al puro cristallo. Le sue foglie d'oro portavano tutte un anello scolpito e i suoi frutti, bianchi come la neve, erano tanto piacevoli al tatto come al gusto; questo significava la fulgidissima purezza della natura divina che il Signore desidera comunicare a tutti. Quest'albero s'aprì e il Signore vi entrò unendosi all'anima in una intimità che le sembrò una vera effettuazione di queste parole del salmo: L' ho detto, siete dei. Sotto quest'albero germinavano la rosa, la viola, lo zafferano, l'erba chiamata benedetta. Il Signore con infinita delizia si compiaceva tra questi fiori, cioè, nella carità, nell'umiltà, nell'azione di grazie per cui la creatura si conserva disposta a dire in ogni cosa sia lieta sia disgustosa: Benedetto sia il nome del Signore! ringraziando e benedicendo Dio in ogni tempo e in ogni circostanza.

 

 

CAPITOLO XXVI

 

L'ESAME PRIMA DELLA CONFESSIONE

 

Prima della confessione dobbiamo, con l'esame dello stato della nostra coscienza, spogliarci spiritualmente, come Cristo si spogliò prima di essere flagellato e crocifisso. Poiché Cristo venne spogliato per essere colpito dai flagelli, l'uomo può bene spogliarsi per ricevere la correzione.

Bisogna inoltre considerare il proprio volto nello specchio delle virtù di Gesù Cristo. La creatura guarderà la propria umiltà nello specchio dell'umiltà divina, onde vedere se non ha macchiato la sua faccia con la superbia. In quello della pazienza di Cristo, vedrà se non trovi in sé qualche macchia di impazienza. Nello specchio dell'obbedienza di Cristo, esaminerà se la propria faccia non porti tracce di disobbedienza. In quello della carità di Cristo, vedrà se ha adempito il dovere dell'amore verso i maggiori, cioè verso i Superiori; se è stata affabile con gli uguali, mansueta con gli inferiori.

Che se l'anima sopra questi punti o sopra altri ancora, trova su la propria faccia qualche cosa di riprensibile, si sforzi di lavarlo con la dolcissima pezzuola dell'Umanità di Gesù Cristo, nostro fratello, il quale è tanto misericordioso che a tutti perdona i peccati quando siano confessati bene. Abbia cura di non asciugare le macchie in una maniera troppo ruvida, ossia senza considerare. la bontà divina, perché se il viso venisse sfregato con troppa violenza, invece di essere pulito, ne rimarrebbe sfigurato.

 

 

CAPITOLO XXVII

 

LA CASTITÀ DELLA GLORIOSA VERGINE

 

Avendo sentito in una predica esaltare la castità della Beata Vergine, Metilde si mise a pregare questa Madre verginale che le ottenesse la perfetta castità dell'anima e del corpo.

Le parve che la Beata Vergine si tenesse davanti al Signore e prendesse nel divin Cuore un abito bianco per donarglielo. Ma quando la Santa volle rivestirsene, da destra e da' sinistra sbucarono truppe di demonii che volevano impedirle di mettersi quell'abito. Ella invocò la Vergine Maria pregandola che venisse in suo aiuto; d'un tratto vide la soccorrevole Vergine che la copriva dalla sua ombra, mettendosi davanti ai demonii, e questi sparirono. Quando fu rivestita di quell'abito; pregò la gloriosa Maria che le volesse insegnare come potesse conservarlo senza macchie e ne ricevette questa risposta: "Sta attenta, perché né dai tuoi occhi, né dagli altri sensi qualche cosa cada sul tuo abito, e che le tue mani non tocchino nulla che possa lordarlo". Da queste parole intese che bisogna levar gli occhi da ogni vanità né mai fermarli con troppa attenzione su le persone; e che non bisogna concedere all'odorato nessun piacere che possa distogliere da Dio.

Quanto alla bocca, lorda singolarmente l'anima se pronuncia parole vane e soprattutto parole leggiere, oppure di mormorazione o di menzogna.

Le mani la macchieranno pure se saranno impiegate in lavori che non abbiano per iscopo la gloria di Dio e l'utilità del prossimo.

LIBRO QUARTO

 

In cui si tratta dapprima degli uomini in genere, poi dell'uomo in particolare.

 

 

 

CAPITOLO I

 

LA MENSA DEL SIGNORE:

TRE DISPOSIZIONI DEL DIVIN CUORE

 

Un giorno, dopo la comunione, quella pia e divota Serva di Dio sentì la voce del Signore che le diceva: "Sediamo a mensa insieme!" E subito Egli le parve seduto sur un trono davanti all'altare. Le anime di tutte le suore della Congregazione uscirono dai loro corpi, sotto la figura di vergini rivestite di una tunica candida come là neve, e vennero ad assidersi ai piedi del Signore. I prelati occuparono dei seggi posti in faccia del Signore, ed Egli disse loro: "Io sono in mezzo a voi come chi serve; ma voi perseveraste meco nelle mie tentazioni, ed io vi preparo il regno come mio Padre. a me l'ha preparato, affinché possiate mangiare e bere alla mia mensa nel mio regno" (Luc., XXII, 28-30).

Dalle parole, Io sono in mezzo a voi come chi serve, Metilde intese che il Signore abitava nelle persone della Congregazione in tre maniere. In parecchie per il gusto della divina grazia; in altre, per l'intelligenza della Sacra Scrittura; in altre infine, per la fedeltà nell'imparare la dottrina.

Metilde domandò cosa significassero le parole: Sicut qui ministrat, e il Signore rispose: "Ciò ch'io vi servo, è il mio Cuore" e manifestò il suo Cuore in mezzo al proprio petto, sotto la forma d'un calice dove si vedevano tre cannelli, i quali significavano tre sentimenti che il Signore ebbe nella sua vita mortale. Orbene, Egli vuole che ogni uomo ordini le proprie disposizioni secondo questi tre sentimenti; il primo, di amore e riverenza verso Dio Padre; il secondo, di misericordia e carità verso n prossimo; n terzo, di umiltà e abiezione rispetto a sé medesimo.

Nelle parole Vos estis qui permansistis mecum in tentationibus meis, Voi perseveraste meco nelle mie prove, sembrò a Metilde di udire un lamento del Signore per i maltrattamenti che Egli riceveva nella Chiesa, specialmente in tre maniere: il Clero non aveva n dovuto amore per la Sacra Scrittura, ma ne usava per vanità; gli uomini spirituali trascuravano le cose dello spirito per dedicarsi alle cose materiali; n popolo non si curava né della parola di Dio, né dei sacramenti della Chiesa.

Dalle parole: Ego dispono vobis regnum, Vi preparo il Regno, la Santa intese che il Signore si sarebbe compiaciuto con delizia che la Congregazione si fosse accostata con maggior frequenza alla mensa del suo Corpo e del suo Sangue.

Le parve inoltre che il Signore desse da bere a tutti quelli che si erano avvicinati ai cannelli infissi nel suo Cuore dicendo loro: "Bibite et inebriamini: Bevete ed inebriatevi, miei diletti". Ella desiderò che tutte le anime in cielo, su la terra e nel purgatorio avessero parte a tale grazia. Vide allora la Beata Vergine Maria seduta alla destra del suo divin Figlio, inchinarsi con rispetto verso quei cannelli e trarne un meraviglioso liquore, il quale dalle sue labbra si sprigionava in un delizioso profumo, che imbalsamava tutti gli astanti. Poi, i Cori dei Santi, avvicinandosi con riverenza, bevettero alla loro volta.

Infine, il Signore disse: "Assorbirò in me i cuori di tutti quelli che in tal modo avranno bevuto nel mio Cuore".

 

 

CAPITOLO II

 

L'ABITO BIANCO E LA CORONA DEL REGNO

 

Un'altra volta, mentre la Comunità faceva la santa comunione, quella vergine vide il Signore in piedi che dava una veste bianca a tutti quelli che si accostavano a riceverlo. Quest'abito bianco significava l'innocenza di Cristo; comunicata a tutti quelli che veramente contriti ricevono il sacramento del suo Corpo. Poi Egli li avvolse in un manto variopinto, sul quale splendevano tutte le opere della sua Umanità, la qual cosa significava che il Signore all'anima che lo riceve nel suo sacramento comunica le opere della sua vita mortale e la sua Passione. Egli pose inoltre sul loro capo una magnifica corona chiamata, la corona del Regno. (1)

Fra altri ornati, quella corona aveva quattro gemme lucenti come specchi. La gemma che ornava il davanti della corona, significava l'amore indicibile ed eternò con cui il Cuore di Dio ama tutte le sue creature, amore che ogni anima non conoscerà bene se non in cielo, dove ne sarà penetrata sino alle più intime profondità del suo essere. La gemma di destra significava il pieno possesso dell'amore che, senza interruzione né ostacolo, gode di Dio e di tutti i suoi Servi. La gemma di sinistra indicava l'unione indissolubile che ci renderà simili a Dio. Infine l'ultima gemma, di dietro, esprimeva quella perenne. ed in deficiente conoscenza per la quale eternamente contempleremo senza nube la luce infinita e il purissimo specchio della Divinità. Con tali ornamenti il Signore abbellisce l'anima contrita ed umiliata che a Lui si accosta sotto l'impulso del desiderio.

 

CAPITOLO III

 

LE VIRTÙ SU LA CORONA DEL SIGNORE

 

Durante una messa in cui, si cantava l'Offertorio Domine Jesu Christe Rex gloriae, il Signore le apparve ancora in piedi presso l'altare; portava sul capo una splendida corona ed era circondato di tutto l'apparato regale. Metilde fu rapita di ammirazione, vedendo su la corona del Signore delle colombe e delle aquile, insieme con preziosissime gemme, e desiderava saperne il significato simbolico. Il Signore le disse: "L'umiltà, la fede, la pazienza, la speranza di tutti gli. uomini, risplendono su la mia corona ti guisa di perle preziose. Le colombe e le aquile rappresentano le anime semplici e le anime accese di amore".

Durante le preghiere segrete, ella vide una specie di gradino annesso all'altare. Quando il Signore vi fu salito, sembrò che fosse in piedi al disopra dell'altare medesimo; il suo manto era ornato sul davanti di una specie di grembiale che scendeva sino alle ginocchia.

Metilde guardava con sorpresa, e le venne indicato che quell'ornamento simboleggiava i capelli degli uomini, i fili d'erba e i peli degli animali, perché i minimi particolari della creazione, per mezzo dell'Umanità di Gesù Cristo, si riflettono sin nella Trinità, stantechè, dalla medesima terra che produce quelle cose il Figlio di Dio trasse la sua Umanità.

Ma ella vide pure le anime degli uomini risplendere sul manto regale come un ornamento meraviglioso. Il Signore, sempre su l'altare coprì il sacerdote col suo manto, poi assorbì nel suo Cuore e cambiò in sé medesimo l'Ostia consacrata. Metilde, prostrata ai piedi del Signore. ne baciò le piaghe, mentre Egli chinandosi amorosamente diceva: "I miei desiderii si portano sopra di voi con tutti i beni che sono in me".

Un giorno, mentre la Comunità si accostava al banchetto dell'Agnello, quella pia vergine vide il Signor Gesù Re della gloria, sul trono della sua magnificenza, circondato dalle schiere dei suoi angeli e da tutto l'esercito dei Santi. Anche la Regina Madre del Re degli Angeli era presente, e la sua veste portava magnifici ricami, i quali rappresentavano la vita del suo diletto Figlio. Le suore erano tutte somiglianti a vergini. mirabilmente ornate. La Vergine Madre dal trono si avanzò e presentò al loro bacio un agnello più bianco della neve, mentre i Santi facevano risuonare questa lieta acclamazione: Onore e gioia della Madre! ecc.

 

 

CAPITOLO IV

 

IL MODO MIGLIORE DI PROGREDIRE NELLA PERFEZIONE

 

Un venerdì, Metilde vide il Signore Gesù che stava su l'altare in piedi e le mani distese; dalle sue sacratissime piaghe il sangue scorreva in Abbondanza. Egli le disse: "Ecco tutte le mie piaghe aperte onde placare per voi Dio Padre".

La gloriosa Vergine stava pure alla destra del suo divin Figlio, ed aveva in capo una corona meravigliosa in cui apparivano le sue virtù ed i suoi meriti, come tutte le grandi cose che Dio si degna di compiere per la sua mediazione.

La Santa, accostandosi alla Beata Vergine la pregò che volesse intercedere pér lei e per la Congregazione. Incontanente, la Vergine Maria con grande riverenza piegò il ginocchio davanti al Figlio suo e con devotissimo amore ne salutò le piaghe, invitando Metilde ad imitarla. "Avvicinati tu pure, disse; saluta la piaga dell'amatissimo Cuore di mio Figlio, perché questo Cuore ha risentito tutte le ferite del suo corpo".

 

* * *

 

Metilde pregò il Signore che si degnasse indicarle quale fosse il punto- principale da osservarsi nella Comunità per l'accrescimento della perfezione, Egli rispose: "Chi desidera essere un vero religioso custodisca gli occhi da ogni sguardo illecito o inutile; le orecchie da qualsiasi parola che possa macchiare il suo cuore; la bocca, perché non proferisca nessuna parola vana o che riguardi cose che non gli appartengono; soprattutto custodisca il suo cuore affinché non si compiaccia in pensieri cattivi né in questi si fermi volontariamente.

"Non sempre si può impedire che i pensieri si presentino alla mente, ma si può sempre astenersi dall'accettarli volentieri e si possono scacciare, con facilità. Sorvegli pure con grande attenzione tutti i suoi atti, ed ogni qual volta si trovi in fallo, non si prenda nessun riposo finché non abbia domandato perdono a Dio e fatto il proponimento di confessarsi più presto che sarà possibile".

 

* * *

 

Un'altra volta, avendo essa pregato per la Congregazione, affinché Dio si degnasse conservarla in ogni tempo al suo servizio, e concederle sempre maggiori grazie, facendola fiorire nelle virtù e prosperare in ogni bene, Dio le fece questa risposta: "Fintanto che troverò in essa un'umile sommissione, l'amore della castità verginale, una tenera riconoscenza ed un'amabile carità, non rimuoverò mai da essa gli occhi della mia paterna protezione, né l'abbandonerò nelle sue necessità.

"L'umile sommissione consiste nell'obbedire ai superiori non solo, ma ancora reciprocamente gli uni agli altri con umiltà e semplicità.

"L'amore della verginità va più in là della custodia della verginità e fa sì che l'anima ami amorosamente la castità e protegga tanto. il cuore come i sensi contro tutto ciò che potrebbe macchiarli. Chi possiede un gioiello. preziosissimo o di gran valore sta attento perché non soffra né perdita né danno: così si comporta l'amore alla verginità.

"La tenera riconoscenza consiste nel ricevere da Dio non solo i doni spirituali, ma pure tutto quanto è necessario per il corpo, come il cibo e il vestito, con un cuore commosso e lietamente soddisfatto, con vera azione di grazie, riconoscendo di non meritar nulla.

"La carità amabile consiste non solo nell'amare Dio con un cuore sincero, ma ancora nell'amarsi a vicenda in Dio e nella cura reciproca di rendere a tutti gli uffici della carità".

 

CAPITOLO V

 

TRE COSE A DIO GRATISSIME.

 

"Chi vuole farmi una offerta graditissima, si applichi alla pratica di queste tre cose: dapprima sia fedele nell'aiutare il suo prossimo, in ogni necessità ed in ogni indigenza; si studi di attenuare e scusare per quanto può, i peccati ed i difetti dei propri fratelli. Se uno praticherà questa carità, gli prometto che provvederò a tutte le sue necessità, coprirò i suoi peccati e lo scuserò davanti al Padre mio.

"La seconda pratica è questa: in ogni tribolazione l'anima unicamente in me cerchi il suo rifugio; non si lamenti con altri delle sue pene, ma a me solo confidi con pieno abbandono tutte le inquietudini che opprimono il suo cuore, ed io non lo abbandonerò mai.

"La terza pratica è di camminare con me nella verità.

"Se uno si dedicherà a tali pratiche, nell'ora della morte lo accoglierò in quella guisa che una madre amantissima accoglie il figlio suo; e gli darò nei miei paterni abbracci quel riposo che non avrà mai fine.

"La prima di queste pratiche mi è tanto gradita che mi obbliga a pagare ogni debito che l'anima possa aver incontrato verso il suo prossimo: la seconda libera dai debiti che essa possa avere verso di sé medesima; quanto alla terza, può ottenere la remissione di qualsiasi debito verso Dio".

 

 

CAPITOLO VI

 

I SANTI PREGANO PER LA CONGREGAZIONE

 

Un giorno in cui era molto afflitta perché si trovava colpita da grande aridità e priva della presenza di Dio, Metilde scorse uno splendido portico d'argento e in quello il Signore che le diceva: Intra in gaudium Domini tui: Entra nel gaudio del tuo Signore. Ed Egli entrò in un luogo amenissimo dove stava apparecchiata una mensa e il pane era già servito. Il Signore sedette a quella mensa; presso di Lui vi era la Madre sua, poi i Profeti, gli Apostoli, i Martiri, i Confessori e le Vergini. Tutti tenevano in mano calici d'oro; ma quello della beata Vergine Maria era il più bello, perché ornato di preziose gemme.

La Comunità delle suore sedette a terra presso il Signore, ed Egli prese del pane, lo spezzò e lo distribuì. Alcune mangiavano questo pane con delizie, mentre le altre non vi trovavano nessun gusto: le prime erano quelle che servivano il Signore con desiderii ferventi; le altre, quelle che non avevano divozione.

Il Signore disse a Metilde: "Perché non preghi questi Santi, come lo desideravi, in favore della vostra congregazione?" - "O Signore, ripigliò l'anima, insegnatemi come io debba. pregare la vostra Beatissima Madre?"

Il Signore rispose: "La pregherai per quella luce infusa ch'essa ricevette in abbondanza più di ogni creatura, affinché ti ottenga un'anima luminosa, dove in nessun modo si annidi il peccato; la pregherai pure per la sua unione con la Divinità, più stretta di quella di ogni essere creato, affinché ti ottenga la vera unione con la mia volontà. Infine la pregherai per la conoscenza e il godimento della mia Divinità. ch'ella possiede in grado supremo, affinché ti ottenga di godere dei doni e delle grazie che ricevi, secondo i disegni della mia volontà".

L'anima pregò in questo modo la beata Vergine; poi si rivolse ai Patriarchi ed ai Profeti, i quali, con le mani distese, dissero: Sancte Deus, Dio santo; Sancte Fortis, Santo forte! Abbiate pietà di loro. Si avanzò verso gli Apostoli, meravigliandosi che avessero il loro posto al disotto dei Patriarchi i quali erano stati ammogliati ed avevano posseduto beni di questo mondo; avendone espresso la sua sorpresa a S. Giovanni Evang., ne ebbe questa risposta: "Non siamo punto per questo più lontani da Dio, perché Egli abita in noi come ho scritto: Verbum caro factum est et habitavit in nobis: Il Verbo s'e fatto carne ed abito in noi". E soggiunse: "Tu pure, sei forse più lontana da Dio a motivo del posto che occupi?" E gli Apostoli, alzando anche loro le mani, pregarono il Signore dicendo: "Padre e Fratello, Maestro e Signore, abbiate pietà di loro".

Poi la Santa si rivolse ai Martiri, tra i quali in modo particolare notò San Stefano, ornato di un'aureola scintillante di pietre preziose a motivo dell'amore con cui si era rallegrato perché per il nome di Cristo era oppresso dalle pietre del torrente. I Martiri fecero questa preghiera; "O Signore, per il vostro purissimo sangue dal quale venne pur santificato il nostro, soccorretele".

Metilde si avvicinò anche ai Confessori tra i quali distinse san Benedetto col suo bastone pastorale; quel santo Patriarca offriva da bere nella sua coppa a tutti i membri del suo Ordine che si trovavano presenti. La preghiera dei Confessori era questa; "Signore, noi vi offriamo le nostre fatiche, onde supplire per queste vostre spose".

Infine Metilde pregò le Vergini, meravigliandosi che si trovassero all'ultimo posto: "Tu puoi notare che non siamo per ciò più lontane da Dio", le dissero le Vergini, e pregarono così: "A Voi, Sposo e Agnello pieno di dolcezza, presentiamo le nostre suppliche per questa Comunità di vergini".

La mensa disparve e le Vergini si posero tutte attorno al Signore, il quale, alzandosi, incominciò con quell'anima una lietissima danza al suono melodioso di canti nuovi dove con onore si sentiva il nome della Congregazione. La Suor M. apparve pure illuminata da un raggio che il Cuore del Signore lanciava verso il cuore di lei, per significare il dono speciale di amore ch'ella aveva ricevuto.

 

 

CAPITOLO VII

 

PREZIOSITÀ DELLA VITA PRESENTE – UNIONE MISTICA COL SIGNORE

 

Un'altra volta, Metilde mentre per malattia non poteva ricevere la comunione, pregò il Signore di darle almeno qualche briciola della sua mensa. Il Signore le apparve seduto ad una gran mensa con tutti i suoi Santi e le offrì delle briciole in forma di perle e di globuli d'oro, vale a dire che le comunicava il suo gaudio e la sua beatitudine. Poi la Regina, Madre del Signore, riempì di briciole le sue due mani e gliele donò; così pure lietamente fecero tutti i Santi.

Orbene, le Vergini, per causa della loro speciale prerogativa, stavano sèdute a quella mensa in faccia. al Signore; vale a dire che meglio contemplavano il volto e la bellezza del loro Sposo e con maggior familiarità godevano delle sue delizie.

L'anima si avvicinò in atto di supplicazione, e le Vergini le dissero: "Ah! beati voi che vivete ancora su la terra e potete acquistare tanti meriti! Se l'uomo sapesse quanto possa meritare in un sol giorno, al suo primo svegliarsi il suo cuore tutto si dilaterebbe per la gioia, vedendo sorgere ancora una giornata in cui potrebbe vivere per Dio e accumular meriti per glorificarlo! Una tale gioia io renderebbe certamente più lieto e più forte in tutto ciò che deve fare o soffrire!".

 

* * *

 

Una domenica, trovandosi in una gran tristezza perché la malattia le impediva ancora di fare la Santa Comunione, Metilde disse al Signore. "E ora, o mio Signore, che volete ch'io faccia?" - "Veni, veni, veni, rispose il Signore, Vieni, vieni, vieni". Ma la Santa non intendeva cosa significasse questo triplice invito, perciò il Signore ripigliò: "Vieni ad applicare il tuo cuore al mio Cuore con l'amore; vieni ad applicare le tue labbra alle mie labbra, per il mistico bacio; vieni ad applicare il tuo spirito al mio spirito con l'unione". E siccome queste ultime parole le rimanevano ancora oscure, il Signore si degnò spiegarle, dicendo: "Chiunque rinuncerà alla propria volontà, chiunque preferirà sempre la mia volontà alla sua, costui giungerà all'unione di spirito a spirito e in lui si verificherà ciò che sta scritto: Chi si unisce al Signore, forma un unico spirito con Lui. (1 Cor. VI, 17).

 

 

CAPITOLO VIII

 

GRAZIE CONCESSE ALLE PREGHIERE DELLA SANTA

 

Essendochè la guerra si era accesa tra i nostri baroni, molto ne soffriva il nostro monastero; Metilde supplicò il Signore di calmare questi litigi e di ristabilire la pace. Il Signore le rispose: "Io cambierò tutto in bene". E così fu: la pace fu tosto ristabilita e in tutto ritornò una perfetta tranquillità.

In un'altra occasione, avevamo gran paure per la presenza, nelle vicinanze del monastero, del Re col suo esercito, Metilde pregò il Signore perché si degnasse, Egli Re di tutti i re, di proteggerei contro i danni che avrebbero potuto venirci dall'esercito del Principe. Il Signore le rispose: "Non vedrai neppure un soldato di questo esercito". Essa pensò: "Questa promessa di non vederli, impedirà forse che portino danno al monastero?" Ma il Signore soggiunse: "N eppur uno si avvicinerà alle vostre mura, ed io con tenerezza vi difenderò contro tutti".

E così accadde davvero, perché il Signore ci custodì con tanta misericordia che non patimmo nessun danno, benché altri monasteri venissero assaliti.

Metilde pregò il Signore affinché la sua clemenza benignamente volesse allontanare dal monastero un malfattore di cui si aveva gran paura. "Tu sei la mia gioia, le rispose il Signore, ed io sono la tua; finché vivrai, sarai la delizia del mio Cuore! Nulla di male accadrà al Monastero". L'anima ripigliò: "Ah! mio Diletto, perché mi parlate così, ché ben sapete come in me non vi sia nulla di buono!".

- "Il miele mischiato con l'aceto, rispose il Signore, perde la sua dolcezza, ma nessun miscuglio può cambiare la mia dolcezza in amarezza".

 

* * *

 

Mentre tutta la regione era colpita da grande siccità, perché da molto tempo non si aveva la pioggia, Metilde pregò il Signore che volesse benignamente rianimare la terra con acqua abbondante" - Oggi stesso, rispose il Signore, vi manderò la pioggia". Tuttavia il cielo era di una inesorabile serenità; ma prima di sera si verificò la divina promessa e cadde abbondante pioggia.

Qui vediamo quale forza abbia la preghiera assidua del giusto - (Jac., V, 16) e quali grazie Dio conceda agli uomini per causa dei suoi amici. È dunque giusto, o mio Dio, che li onoriamo, né mai potremo abbastanza pregarli, amarli e venerarli, poiché così sovente calmano l'ira della vostra giustizia; e inoltre ci ricolmano di benefizi.

 

CAPITOLO IX

 

LA RINNOVAZIONE DEL MISTICO SPOSALIZIO

 

Metilde, una volta, con amarezza ripassava gli anni della sua vita riflettendo quanto fosse stata negligente e quanto avesse macchiato coi suoi peccati quella grazia singolare di essere stata consacrata a Dio come sposa.

Il Signore le disse: "Se tu avessi la scelta, che preferiresti: acquistare tutti i beni che ti ho dati, in premio della fatica delle tue opere e delle tue virtù, ovvero riceverli gratuitamente da me?" - "O mio Signore, rispose la Santa, stimo di più il minimo dono da Voi gratuitamente concesso, che non l'acquisto fatto dai Santi dei loro meriti con le più gravi fatiche e le virtù più sublimi".

Il Signore ripigliò: "Per questo sii per sempre benedetta!" Poi soggiunse: "Se vuoi rinnovare il tuo sposalizio con me, accostati ai miei piedi, rendendo grazie per la veste dell'innocenza che gratuitamente ti donai per mia mera bontà, e prega perché la mia perfetta innocenza purifichi tutto ciò che in te stessa hai contaminato. Accostati alle mie mani e rendi grazie per le mie azioni che ti hanno ottenuto copiosi meriti ed anche per le tue proprie azioni, le quali io stesso ho operate in te e per mezzo di te. Infine, nella fornace del mio divin Cuore farai rifondere l'anello della tua fede e del tuo amore, come l'oro si prova nel fuoco; e ne laverai le gemme nell'acqua e nel sangue del mio costato acciocché riprenda il suo valore ed il suo splendore".

Desiderando l'anima di lodar Dio in modo ineffabile, pregò l'Eterno Padre di degnarsi essere Lui stesso per sé medesimo quella suprema lode che la Santissima Trinità dà a sé stessa e riceve nel proprio seno.

Per soddisfare questo desiderio, il Signore prese il cuore di Metilde sotto il simbolo di una coppa di cristallo tagliata in triangolo, tutta ornata di oro e di. gemme. Questa coppa figurava la lode ineffabile dell'adorabile Trinità la quale in essa con delizia beveva per così dire la sua propria lode. Infine Dio offrì la coppa alla moltitudine dei Santi.

Metilde pregò perché le anime dei defunti, esse. pure, avessero parte ad un tal favore e subito ne vide una folla venire ad attingere con letizia, in quella coppa. Alcune vi si dissetarono benché la loro purificazione non fosse ancora terminata, ed ella ne fu sorpresa. Il Signore le disse: "Ciò che tu vedi, non avviene nel cielo vero; ma perché vedendo me, che contengo ogni creatura, tu vedi pure tutte le creature come se ti fossero presenti".

Tra quelle anime ancora nelle pene, la Santa vide quella di un certo religioso, ed avendo domandato come mai non fosse ancora giunto in paradiso, il Signore le disse: "Costui credeva di essere più saggio del suo Superiore e tutto quello che questi faceva, a lui dispiaceva, perché presuntuosamente si riteneva capace di far meglio. Questo dopo la morte gli è stato di grave impedimento, perché il Religioso non può. mai stimarsi tanto sapiente che non riconosca la necessità di sottoporsi con ogni umiltà al suo Superiore".

In seguito, avendo Metilde pregato per un religioso converso, ne vide l'anima in una gran luce che sorpassava la gloria degli altri religiosi conversi, in quella guisa che i Sacerdoti per la loro dignità si distinguono sopra il volgo. Ella seppe che quel frate aveva meritato una tal gloria per: lo zelo e la divozione nel servire, per quanto poteva, i Sacerdoti all'altare nella divina celebrazione.

 

 

CAPITOLO X

 

LE GIOVANI NOVIZIE – LA PROFESSIONE RELIGIOSA

 

Nella sua benevola carità che non dimenticava nessuno, Metilde pregava pure per le novizie affinché il Signore si. degnasse di confermarle nella professione. della religione e della vera santità. Dio le fece questa risposta: "Camminerò in mezzo a loro, abiterò in loro e saranno il mio popolo (II Cor. VI, 16). Camminerò in mezzo a loro per l'unione dell'amore; saranno il mio popolo, con una vita buona e degna di lode, per l'aumento e la prosperità che procureranno alla santa Chiesa. Tutti quelli che esse avranno attirato a me coi buoni esempi, con le virtù e le intenzioni, o che avranno guadagnato pregando per il progresso dei giusti, per la conversione dei peccatori e la liberazione delle anime del purgatorio, tutti costoro saranno computati nel numero del loro popolo.

"Siano soprattutto fedeli in queste pratiche: pregare frequentemente e con divozione, leggere ed ascoltare volentieri la Sacra Scrittura, applicarsi allo studio, osservare con gran cura l'obbedienza e la regola in tutto ciò che le concerne, conservare dappertutto l'umiltà senza mettersi mai a confronto con altri né disprezzar nessuno. Mentre pregheranno così, manifesterò loro la mia divina volontà e tutto quanto devono sapere; durante la lettura, farò che gustino la mia dolcezza; nelle fatiche, le santificherò; nell'obbedienza e la regolare osservanza, presterò loro la mia compassione, la mia forza e il mio aiuto; e nella loro umiltà. troverò il mio riposo".

Avendo quella pia vergine pregato ancora per le medesime novizie nel giorno della loro professione, il Signore le disse: "Devono pregare ch'io dia loro gli occhi dell'intelligenza per cui possano vedermi e riconoscere tutto ciò ch'è salutare; le orecchie dell'obbedienza, pronte ai comandi ed alla volontà dei Superiori; la bocca della sapienza per cantare le mie lodi, insegnare e dire ciò che sia di vantaggio al prossimo. Mi domandino pure un cuore amante, col quale possano amarmi ed amare ogni cosa in me e per me; infine mi domandino le mani delle buone opere, onde compiere tutte le loro azioni con una perfetta attenzione".

Mentre si recitavano per esse le litanie dei Santi, Metilde vide la Beata Vergine Maria e in seguito ciascuno dei Santi che erano invocati, piegare lei ginocchia, con riverenza, pregando il Signore per loro. Mentre poi facevano la Professione, il Signor Gesù con amore le riceveva nelle sue braccia, e a ciascuna tendeva la sua mano destra onde sorreggerla nell'osservanza dei voti e preservarla da ogni male. Quando si accostarono alla santa Comunione, il Signore diede a ciascuna un dolcissimo bacio, in cui divennero una cosa sola con Lui medesimo.

 

* * *

 

Metilde nella sua compassione per una religiosa la quale in una circostanza non poteva mettersi d'accordo con la volontà del suo Superiore, pregava il Signore di illuminarla con la sua grazia e di disporla a sottomettersi. Ad un tratto vide il Signor Gesù abbracciare col suo braccio destro quella religiosa. dicendo: "Da quel momento in cui mi impegnò la sua volontà propria col rimetterla nelle mani dei suoi Superiori, l'accolsi nelle mie braccia, né la mia destra mai l'abbandonerà, a meno che non ritorni volontariamente indietro per sottrarsi a me. Che se ciò facesse, non potrebbe più ritrovare il suo posto senza essersi umiliata".

Da queste parole la Santa intese che Dio, nel giorno della professione, prende ogni religioso nel suo seno paterno e più non lo rigetta, a meno che di proposito deliberato, (Dio ne preservi!) esso manchi all'obbedienza; in tal caso il religioso si sottrae, per così dire, alla destra di Dio e diventa incapace di riafferrarla di nuovo, prima di essersi umilmente prostrato davanti a Lui con una vera penitenza, una conveniente soddisfazione ed una sincera promessa di obbedire volentieri per l'avvenire.

 

 

CAPITOLO X

 

LA RINUNCIA ALLA PROPRIA VOLONTÀ

 

Una persona la pregò di offrire al Signore un grave sacrificio che aveva fatto per amor di Lui; era un atto di rinuncia alla volontà propria. Metilde adempì questo messaggio durante la messa e dal ciborio, dove era contenuto il Corpo del Signore, vide uscire la figura di un infante che ad un tratto si fece grande a segno da diventare una bellissima vergine, la quale simboleggiava la volontà. divina. Alcune persone, essendosi approssimate a questa vergine, la guardavano con infinita tenerezza, l'abbracciavano e si mettevano a conversare con lei. Queste significavano le anime che si applicano a conformare la loro volontà il quella di Dio nelle loro pene come nelle loro gioie, e si sottomettono sempre agli ordini dei maggiori.

Ella vide pure dall'altra parte uno sguattero con gli abiti anneriti dal fumo, il quale era il simbolo della volontà propria e del sentimento proprio. Questo spregevole servo si sforzava di distogliere da quella vergine le suddette persone e di attirare a sé i loro sguardi. Parecchie non prestarono attenzione ad una tale insidia e si misero subito a contemplare la vergine; ma altre, essendosi rivolte verso quell'omiciattolo nero, gli sorridevano confabulando e bisbigliando con lui.

Queste ultime significavano le anime che si distolgono talvolta dalla volontà divina per seguire la propria volontà e preferiscono abbondare nel proprio senso piuttosto che accomodarsi agli avvisi dei loro Superiori. Se non ritornano con la penitenza verso quella Vergine, cioè verso la volontà di Dio, dovranno soffrire con quell'omiciattolo una perpetua povertà, perché la volontà propria non genera nulla nella vita spirituale se non l'eterna indigenza.

 

 

CAPITOLO XII

 

IL LIBERO ARBITRIO DELL'UOMO

 

Quella pia vergine vide un giorno il Signor Gesù e in faccia a Lui un uomo in piedi. Nel divin Cuore scorse pure una ruota che girava senza posa e una corda lunga che si dirigeva verso il cuore di quell'uomo nel quale era pure una ruota in movimento.

Questo uomo raffigurava tutti i mortali e la ruota significava che Dio agli uomini ha fatto parte del suo libero arbitrio, dando loro la libera volontà di volgersi al bene o al male.

La corda è la volontà di Dio che attira sempre al bene; essa dal Cuore di Dio va al cuore dell'uomo, e quanto più la ruota gira rapidamente, tanto più l'uomo si avvicina a Dio. Ma se la creatura sceglie il male, la ruota tosto si mette a girare in senso contrario e l'uomo si allontana da Dio. Se poi persevera nel male sino alla morte, la corda si spezza e l'uomo cade nell'eterna dannazione. Se si rialza con la penitenza, Dio, sempre pronto a perdonare, di nuovo lo accoglie nella sua grazia; la ruota allora gira nel medesimo senso di prima e l'uomo ritorna ad avvicinarsi a Dio.

 

 

CAPITOLO XIII

 

MORTIFICARE I SENSI

 

Metilde, in un trasporto d'amore, aveva detto al Signore: "Come vorrei essere vostra prigioniera" ! Il Signore si degnò rispondere: "Chi desidera essere mio prigioniero su la terra, deve distogliere i suoi occhi dà ogni sguardo illecito o inutile, ed incatenarli; ed io gli aprirò gli occhi nella gloria del mio cielo, gli svelerò la luce del mio volto e gli manifesterò la mia gloria; a lui mi rivelerò in una maniera così deliziosa che la milizia celeste ne rimarrà esultante ed ammirata.

"Deve pure chiudere le orecchie alle inutilità ed alle cose pericolose; ed io nell'eternità userò della più soave melodia della mia voce nel cantargli la dolce armonia di una gloria tutta particolare.

"Se terrà la sua bocca chiusa ad ogni parola oziosa o nociva, io gliela aprirò per lodarmi così perfettamente che celebrerà la mia gloria con una dignità speciale.

"Se uno tiene lontano dal suo cuore ogni pensiero vano o, perverso ed ogni desiderio nocivo, lo arricchirò con tale una liberalità che avrà in suo potere me stesso e tutto ciò che vorrà; inoltre il suo cuore eternamente trasalirà nel mio divin Cuore e vi godrà una deliziosa libertà.

"Se uno si lega le mani per non fare nessun'opera di peccato, io lo Onorerò, liberandolo da ogni fatica; gli darò il riposo eterno, esalterò le sue buone opere unite con le mie. con tale magnificenza che l'intera corte celeste ne riceverà un grande aumento di gaudio".

 

 

CAPITOLO XIV

 

LA PREGHIERA IN COMUNE

 

In una pressante necessità, la Comunità delle Suore aveva recitato un intero salterio e l'aveva affidato alla Serva di Cristo perché lo presentasse a Dio. Ella disse al suo Angelo custode: "Angelo mio diletto, voi conoscete come siete conosciuto, mentre io non conosco che in parte (I Cor., XIII, 12); vogliate dunque presentare le nostre preghiere al Re che voi servite nella gloria e nelle delizie".

L'Angelo rispose: "No, io non conosco come sono conosciuto, perché Colui che mi ha fatto mi conosce nella sua somma potenza, nella sua somma sapienza, nel suo sommo amore, mentre io lo conosco soltanto giusta la misura del mio spirito creato. Tuttavia, nel presentare al mio Dio il tuo messaggio, sono più felice di una madre che vedesse il suo unico figlio colmato di onori e di ricchezze".

L'Angelo pigliò quelle preghiere e le offri al suo Signore, il quale disse: "Quante sono le persone che hanno recitato queste preghiere, altrettante volte voglio rimirarle con gli occhi della mia misericordia ed inclinare verso di loro le orecchie della mia clemenza".

 

 

CAPITOLO XV

 

GESÙ CRISTO SUPPLISCE A CIÒ CHE CI MANCA.

 

Quella Serva di Dio pregava un giorno per una persona che le aveva confidato quanto fosse triste l'anima sua perché non amava Dio, né lo serviva con divozione.

Metilde si trovava ella pure oppressa da grande tristezza, credendosi affatto inutile, perché dopo aver ricevuto grazie così grandi non amava Dio come avrebbe dovuto. Il Signore le disse: "Orsù, diletta mia, non darti alla tristezza; tutto quanto è mio è tuo".

Ella ripigliò: "Se davvero tutto quanto è vostro è mio, anche il vostro amore è dunque mio, e il vostro amore siete Voi medesimo, come dice San Giovanni: Dio è amore (Joann. IV, 16); ve l'offro dunque questo amore, perché supplisca a tutto ciò che mi manca".

Il Signore graziosamente accettò tale offerta: "Va bene, rispose, quando vorrai lodarmi od amarmi e non potrai soddisfare il tuo desiderio, tu dirai: lo vi lodo, o buon Gesù; a tutto ciò che mi manca, ve ne supplico, supplite Voi stesso. - E quando desidererai amarmi, dirai: Vi amo, o buon Gesù; a ciò che mi manca, degnatevi di supplire Voi medesimo con l'offrire al Padre vostro per me l'amore del vostro Cuore.

"A quella persona per la quale tu preghi, dirai che offra me stesso al Padre per lei; se lo farà anche migliaia di volte al giorno, altrettante volte mi offrirò per lei al Padre, perché io non provo mai né tedio né stanchezza".

 

 

CAPITOLO XVI

 

NELLA TRISTEZZA

 

Avendo rivolto a Dio una preghiera per un'altra persona, che era, molto rattristata, Metilde ricevette questa risposta: "Reciti sovente questo versetto: Siete benedetto, o Adonai, nel firmamento del cielo, degno di lode e glorioso ed esaltato nei secoli, Voi che avete fatto il cielo, la terra, il mare e tutto quanto essi contengono! Siate lodato, glorificato ed esaltato nei secoli. Alleluia.

"Se mai le viene alla mente il pensiero che non si trovi nel numero degli eletti, si comporti come uno che cammina in una valle tenebrosa, il quale se d'un tratto vedesse il sole, volentieri dalla vane oscura salirebbe sul colle e a questo modo sfuggirebbe alle tenebre. Così deve fare lei pure; se si trova avvolta nelle nubi della tristezza, salga sul monte della speranza e mi contempli con gli occhi della fede, perché io sono il celeste firmamento in cui sono fisse, a guisa di astri, le anime di tutti gli eletti. Tali astri benché talvolta siano velati dalle nuvole dei peccati e dalla nebbia dell'ignoranza, tuttavia non possono oscurarsi nel loro firmamento, cioè nel mio divino splendore; perché gli eletti, quantunque talvolta siano involti in gravi peccati, io nondimeno li miro sempre in quella carità nella quale li elessi, e in quella eterna luce alla quale devono pervenire.

"Laonde è cosa buona all'uomo che sovente pensi e ripensi alla mia gratuita bontà la quale, dopo averlo eletto, può nei suoi meravigliosi e segreti giudizi, rimirarlo come giusto, anche se attualmente si trovi nel peccato; perché con infinito amore penso a lui onde sostituire al male quel bene che voglio vedere in lui. Perciò mi benedica perché sono l'eterno firmamento degli eletti, con queste parole: Che tutti gli Angeli ed i Santi vi benedicano!, desiderando di lodarmi con loro".

 

* * *

 

Pregando ancora per un'altra persona, Metilde ebbe dal Signore questa risposta: "Quando uno si trova nella pena, si prostri ai miei piedi e vi deponga il suo peso, confidandolo tutto a me con questa preghiera: Guardate, ve ne preghiamo, o Signore, questo vostro servo per il quale Nostro Signore non ha dubitato di abbandonarsi nelle mani dei suoi nemici e di soffrire il supplizio della Croce. Per il medesimo Gesù Cristo nostro Signore. Così sia.

"Così mi preghi ch'io lo rimiri con occhio di misericordia e illumini l'anima sua, facendogli conoscere per qual motivo e con quale amore ho permesso ciò che l'affligge; quindi sopporti per la mia. gloria la sua pena e tutte le sue avversità.

"Si rivolga inoltre alle mie mani, dicendo il responsorio: "Emitte Domine sapientiam etc.: Inviate o Signore la divina sapienza dal trono d'ella vostra Maestà, affinché dimori con me, e si degni di prendere parte ai miei travagli, perché in ogni tempo io conosca il mezzo di piacervi. Datemi, o Signore, questa sapienza che assiste ai vostri consigli eterni.

"Così domandi che la mia sapienza sia la sua cooperatrice e l'aiuti a sopportare quelle pene per la gloria mia, per la sua utilità propria e a beneficio di tutti.

"Infine, si accosti al mio Cuore, dicendo: "O mira circa nos tuae pietatis dignatio, etc., poi O admirabile pretium, etc., O meravigliosa condiscendenza della vostra bontà per noi; eccesso incomparabile della vostra carità! Per riscattare lo schiavo, avete dato il Figlio vostro! O prezzo ammirabile con cui avete abolito la schiavitù del mondo, spezzato le barriere infernali e aperto per noi la porta della vita! - Preghi in questo modo affinché l'amore del mio divin Cuore il quale mi indusse a portare il carico delle pene di tutti gli uomini, l'aiuti a sopportare con amore riconoscente il peso della sua tristezza".

 

* * *

 

Mentre Metilde ringraziava il Signore per il desiderio da Lui espresso con queste parole: Ho grandemente desiderato di mangiare questa Pasqua con voi (Luc. XXII, 15), il Signore si degnò di dirle: "Io vorrei che tutti si ricordassero della lunga attesa che venne imposta a questo mio desiderio; così porterebbero pazienza quando i loro desiderii non vengono subito esauditi".

 

 

NELLA TRIBOLAZIONE

OFFRIRE A DIO IL PROPRIO CUORE.

 

Metilde, mentre pregava per una persona che desiderava essere sicura della sua perseveranza nel bene, vide l'anima della medesima in ginocchio davanti a Dio cui porgeva il proprio cuore sotto il simbolo di una coppa con due anse, le quali significavano la volontà e il desiderio con cui offriva il suo cuore al Signore. Dio accettò volentieri questa coppa e se la nascose in seno. Presso di Lui vi erano due anfore, una d'oro alla sua destra, l'altra d'argento alla sua sinistra, e ciò che Egli alternativamente versava ,dall'una e dall'altra si mescolava in quella coppa. Dalla prima anfora scorrevano le dolcezze della sua Divinità, dall'altra gli stenti della sua Umanità. Non è forse ciò che Egli ad un tempo versa nel cuore dell'uomo, quando nella pena gli fa sentire le dolcezze della divina consolazione e in pari tempo gli dona in premio i meriti della sua santa Umanità?

Il Signore disse: "Quando un'anima viene afflitta da qualche pena, se avesse subito l'intenzione di darmi da bere, le mie labbra nel portarsi al calice, vi infonderebbero tale una dolcezza che la tristezza diventerebbe per lui nobile e fruttuosa. Ma se l'uomo per il primo beve nel calice, corrompe la bevanda; e quanto più beve, tanto più la coppa diventa amara, dimodochè non è più conveniente ch'io vi accosti le labbra, a meno che venga purificata dalla penitenza e dalla confessione".

Questo deve intendersi in questo modo: Quando ci assale la tristezza, dobbiamo subito offrirne il peso a Dio; e Dio ci manderà la dolcezza della sua consolazione, ci animerà a portar pazienza, e non permetterà che l'afflizione resti per noi senza frutto. Che se l'uomo per debolezza nella sua pena cadrà in fallo nei pensieri o nelle parole, la sua colpa sarà subito cancellata con la penitenza. Ma quando uno vuole portare da sé medesimo il peso dei suoi affanni, cade nell'impazienza e quanto più se ne occupa, ora per raccontarli, ora per pensarci nella sua mente, tanto più con maggior gravezza e amarezza ne resta afflitto; quando poi ritorna in sé stesso, non ardisce più offrirli al Signore, perché ciò gli sembra sconveniente. Tuttavia, neppure allora deve perdere la fiducia, perché se con la confessione e la penitenza purificherà quella sua pena, potrà ancora offrirla a Dio con un cuore contrito ed umiliato.

Dopo queste parole, il Signore con bontà abbracciò quella persona dicendo: "L'anima tua non mi sarà mai rapita". Poi la bene dì tracciando sopra di lei il segno della croce accompagnata da Queste parole: "La mia Divinità ti benedica, la mia Umanità ti conforti, la mia Pietà ti nutrisca, l'Amor mio ti conservi.".

 

 

CAPITOLO XVII

 

NEL CUORE DI DIO L'ANIMA

DEVE CERCARE TUTTO CIÒ CHE DESIDERA

 

Metilde, pregando per una persona che a lei si era raccomandata, domandava a1 Signore che desse a quella un cuore puro, umile, animato da buoni desiderii, ardente e tutto spirituale. Sentì questa risposta: "Ciò che vuole, ciò di cui ha bisogno, lo cerchi nel mio Cuore; mi preghi alla maniera di un figlio che al padre suo esprime tutti i suoi desiderii. Vuole la purità? ricorra alla mia innocenza; vuole l'umiltà? la pigli dalla mia umiltà; Nel medesimo tesoro prenda pure lo spirito di desiderio; con tutta fiducia si approprii il mio amore e tutta la mia santa e divina vita".

Metilde soggiunse: "Mio Signore, vi prego che abbiate a trattare quella persona con misericordia nei suoi estremi momenti, dandole in quell'ora la sicurezza che non verrà mai separata da Voi".

Il Signore rispose: "Qual è l'uomo saggio che getterebbe via o distruggerebbe un tesoro carissimo acquistato a forza di gravi stenti? Nella mia santa Umanità santificai tutto il suo essere umano; col battesimo vivificai nel mio spirito tutto il suo essere spirituale. Aderisca dunque a me per mezzo delle mie due nature. A me affidi le sue tentazioni, le sue avversità e tutto ciò che è dell'uomo esteriore, unendo tutto alla mia Umanità; e per tutto ciò che riguarda l'uomo spirituale, tutto indirizzi a me solo, con la speranza, la gioia e l'amore: ed io non l'abbandonerò mai".

 

 

CAPITOLO XVIII

 

RIPARARE CON LA LODE LE PROPRIE NEGLIGENZE

 

Pregando un giorno per una persona afflitta, Metilde la vide davanti al Signore, il quale diceva: "Ecco, io le 'rimetto tutti i suoi peccati; ma dovrà con la lode riparare; le sue colpe e le sue negligenze. Quando nel Prefazio della messa sentirà queste parole: Per quem majestatem tuam laudant Angeli: Cristo per il quale gli Angeli lodano la vostra Maestà mi loderà in unione con quella celeste e suprema lode con la quale le persone dell'adorabile Trinità lodano se stesse e reciprocamente si lodano a vicenda. È questa suprema lode che si sparge dapprima nella Beata Vergine Maria e in seguito negli Angeli e nei Santi. Reciti un Pater e lo offra in unione con questa lode che il cielo, la terra, ed ogni creatura fanno risonare per lodarmi e benedirmi. Chieda che per me, ossia per Gesù Cristo Figlio di Dio, la sua preghiera sia accetta, poiché ciò che viene offerto al Padre per mezzo mio, sommamente gli piace. In tal modo, io supplirò ai suoi peccati ed alle sue negligenze".

Chiunque si dedica alla medesima pratica, deve credere con piena fiducia che riceverà la medesima grazia, poiché, come sopra ha detto il Signore, è impossibile che l'uomo non consegua tutto quanto crede e spera.

 

 

CAPITOLO XIX

 

IL SIGNORE SI RIVESTE DELL'ANIMA

 

Una suora essendosi trovata sofferente in un giorno di festa, quella vergine di Cristo, compresa da un sentimento di tenerezza, rivolgeva al Signore per lei preghiere e dolci lamenti, dolendosi perché Egli avesse in tal modo resa inferma una suora a Lui diletta, in un giorno in cui essa in coro l'avrebbe servito con tanto fervore e con tanta divozione. ­ "E da quando, rispose:il Signore, mi sarebbe proibito di giocondamente trastullarmi a mio talento e far festa con la mia diletta? Quando una persona è ammalata, io mi rivesto dell'anima sua come di un manto di gloria, e nella letizia del mio Cuore, mi presento a mio Padre rendendogli grazie e lodi per tutte le sofferenze di quella". E soggiunse: "Se qualcuno desidera ch'io mi rivesta pure dell'anima sua fin dal mattino sospiri con ardore verso di me, desiderando ch'io compia in lui in quella giornata tutte le sue opere. Aspirandomi, per così dire, in lui coi suoi sospiri, diventerà il mio vestito; e in quella guisa che l'anima vivifica e regge il corpo, così l'anima che vive di me, per me opera tutto".

 

***

 

Il Signore disse ancora: "Grandi sono gli effetti del gemito. Mai nessuno gemé davanti a Dio, senza ch'io mi avvicini a lui. I sospiri che provengono dall'amore e dal desiderio di me stesso o della mia grazia, operano nell'anima, tre buoni effetti: dapprima la fortificano, come un profumo soave e forte riconforta l'uomo; poi, la illuminano come il sole rischiara una casa oscura; da ultimo, diffondono dolcezza nelle sue azioni e nelle sue sofferenze, comunicando loro un sapore più delizioso. Ma il gemito che nasce dalla contrizione dei peccati, come un buon messaggero riconcilia l'anima con Dio, ottiene grazia al colpevole e rasserena la coscienza turbata".

A Metilde venne allora in mente questo pensiero: "Come può verificarsi la parola di Ezechiele. (XVIII, 22): In qualunque ora il peccatore sospirerà, oblierò tutte le sue iniquità, poiché a meno d'impossibilità rimane l'obbligo di confessare tutti i propri peccati?"; Il Signore si degnò rispondere: "Quando si abbia domandato grazia per un servitore colpevole, questi non ha tuttavia la presunzione di presentarsi subito alla presenza del Suo padrone, ma incomincia col lavarsi e vestirsi convenientemente. In tal modo è giusto che il peccatore già rientrato in grazia si purifichi dalle sue macchie e si rivesta dell'ornamento e delle bellezze delle virtù".

 

 

CAPITOLO XX

 

COME L'UOMO DEBBA RICORRERE A DIO

 

Avevano supplicato quella pia Serva di Cristo di pregare per una persona che desiderava conoscere in qual modo potesse vivere in conformità col beneplacito di Dio. Il Signore le diede questa risposta: "Si comporti come una giovane sposa che adorna il suo capo, le sue mani, le sue braccia, e si copre di un manto.

"Il suo capo rappresenta la mia Divinità, ch'essa con la lode e la riverenza può coronare come di un diadema.

"Le sue mani e le sue braccia saranno ornate di anelli, di braccialetti e di gioielli, se nelle sue azioni e nel suo lavoro si unirà all'intenzione che animava le mie opere e le mie fatiche.

"Porti l'anello della sapienza, ossia si dedichi all'assidua lettura dei libri sacri, perché la sposa della Sapienza ha il dovere di essere dotta nelle cose divine.

"Porti l'anello dell'amore, ossia ami Dio solo con tutto il cuore e con tutte le forze; poi l'anello della fede, conservando gelosamente la fedeltà che mi ha giurata; l'anello della nobiltà, imitando le mie virtù: l'umiltà, l'obbedienza, la pazienza, la povertà volontaria e le altre mie virtù che la nobiliteranno e la renderanno degna dei miei abbracci.

"Adorni pure il suo petto; ossia si trattenga in pensieri di amore. Delle mie parole, delle mie azioni e delle mie sofferenze si faccia un mazzolino che porterà sempre sul suo cuore per un mio intimo ricordo. Si avvolga infine nel manto del buon esempio, mostrandosi agli occhi altrui come un modello di ogni virtù".

 

* * *

 

Un'altra volta, pregando ancora con la medesima intenzione, le parve che il Signore stendesse la mano verso quèlla persona e che, la medesima badasse ciascuna delle dita di questa divina mano. Metilde intese il senso di questo atto nel modo seguente: Il mignolo significava che doveva amare e venerare tutte le opere e le sofferenze dell'Umanità di Gesù Cristo; l'anulare indicava l'intimo amore e la fedeltà dovuta a Cristo suo Sposo; il medio, l'elevazione della conoscenza e della contemplazione; l'indice, la sapienza e l'istruzione ch'essa doveva porgere a chi ne aveva bisogno; il pollice infine, la forza e la perseveranza nel divino amore e nelle opere buone. Quel bacio alle dita del Signore dava ad intendere che non basta possedere queste virtù, ma che bisogna inoltre amarle, poiché l'anima giunge a trovarvi le proprie delizie nella proporzione. in cui realmente le acquista.

 

 

CAPITOLO XXI

 

COME COMPORTARSI COL SIGNORE

 

Metilde pregò per una persona che desiderava sapere quale fosse principalmente la volontà di Dio a suo riguardo. Ella udì la seguente risposta: "Si comporti con me come un figlio che ama teneramente suo padre, perciò a lui unicamente si rivolge per ottenere ogni cosa che possa desiderare e a motivo della sua filiale affezione trova sempre bello e prezioso ciò che ne riceve. Così, quella persona desideri ardentemente la mia grazia, e qualunque cosa ch'io le dia, non la ritenga mai né piccola né di poco valore; bensì, mossa dall'amore, tutto riceva con profonda riconoscenza e di tutto mi renda grazie.

"Si comporti ancora come una giova ne sposa che, non essendo distinta né per bellezza, né per ricchezza, né per nobiltà, soltanto per amore venne scelta, amata ed innalzata agli onori del regno. Questa sposa naturalmente sarà. più riconoscente e più fedele ed amerà di più; che se dovrà. soffrire qualche cosa da parte del Re suo sposo o per lui, dimostrerà maggior pazienza. In tal modo quella persona si ricordi continuamente ch'io la elessi gratuitamente prima ancora della crèazione del mondo; e la riscattai col prezzo del mio sangue; più ancora, la destinai ad un amore speciale ed alla familiarità con me.

"Poi, prenda verso di me l'atteggiamento di un amico il quale ritiene come suo tutto quanto concerne l'amico; cerchi dunque, lei pure, in ogni cosa la gloria di Dio e per quanto può la promuova sempre, né mai guardi con indifferenza ciò che può oltraggiare il Signore.

"Se tuttavia non giunge in questo modo al compimento dei suoi desiderii, ovvero le viene sottratta la sua grazia solita o la consolazione, non si affligga, né pensi che ciò sia indizio che Dio sia malcontento di lei e l'abbandoni. Quando un buon padre rifiuta ad un figlio suo una cosa che questo figlio vuole, ma non è conveniente; quando uno sposo prende verso la sposa un contegno severo, non è la collera che li ispira, ma il desiderio di dare al figlio ed alla sposa qualche ammaestramento.

"Così, Dio vuole mettere alla prova la fedeltà delle anime; non già che la ignori, Lui che conosce tutte le cose prima che esistano (Sap. VIII, 8), ma vuole che sia esaltata davanti ai Santi tutti".

 

* * *

 

Per un'altra persona, il Signore le disse: "Si diporti meco in tre modi: dapprima allorquando si trova in società, si comporti con me come un cagnolino il quale, benché sia scacciato, ritorna senza posa dietro al suo padrone; cosi, se nel conversare con gli uomini viene offesa da qualche parola, non si perda nell'impazienza; se si sente turbata, il pentimento la riconduca a me e confidi nella mia misericordia la quale anche per un sol gemito tutto perdona.

"In coro o nella preghiera, si comporti con me come la sposa col suo sposo, dimostrandomi il suo amore e la sua tenera familiarità.

"Nella santa comunione, venga da me come una regina dal suo Re. Una regina ammessa alla mensa del Re si mostra liberale, e fa con prodigalità doni ed elemosine; essa dunque a tutti generosamente distribuisca i beni che dal suo Re celeste le vengono donati, e a tutti caritatevolmente sovvenga con le sue preghiere".

 

* * *

 

Una volta, mentre la Serva di Cristo si raccomandava alla gloriosa Vergine Maria, le parve che Maria la coprisse del suo manto come di una valida protezione, dicendo: "L'anima che vuol entrare in società con mio Figlio, deve comportarsi come una nobile figliuola la quale, unita con uno sposo di condizione molto superiore, per l'onore di lui con grande attenzione osserva tutte le regole dell'etichetta, per paura di dargli dispiacere con la minima scorrettezza. Così l'anima deve guardarsi bene da qualsiasi peccato volontario per quanto sia piccolo.

"Inoltre, in tutte le sue necessità e in tutti i suoi desiderii, cerchi in Dio un sicuro - rifugio, e a Lui solo chieda soccorso e consolazione. Se Dio non le concede subito il desiderato sollievo, sopporti con pazienza, a guisa di una sposa fedele la quale unicamente allo sposo confida i suoi segreti ed i suoi bisogni, perché ritiene cosa sconveniente essere consolata da altri fuorché da lui.

"Infine imiti per quanto è possibile le virtù del Figlio mio. Perché Gesù Cristo fu umile ed obbediente, si sforzi di sottomettersi ad ogni creatura ed anche, se le circostanze lo esigessero, di obbedire sino alla morte. Un atto di virtù unito in tal modo alle virtù di Cristo è più nobile di mille altri che siano fatti senza questa intenzione".

 

 

CAPITOLO XXII

 

CRISTO COMUNICA ALL'UOMO LE SUE OPERE ­

COME SI TENGA PREZIOSA L'ANIMA NOSTRA

 

Pregando un giorno per una religiosa impegnata in ogni sorta di faccende, soprattutto nelle più vili, Metilde la vide come in orazione davanti al Signore, in ginocchio, le mani levate al cielo. Il Signore su le mani di questa persona applicò le sue divine mani dalle quali scorreva un liquore profumato. Egli faceva stillare questo balsamo a goccia a goccia, dicendo: "Ecco, io ti dono tutte le mie opere per santificare le tue e supplire a ciò che ti manca". Metilde intese così che le fatiche di quella religiosa erano molto gradite a Dio. Il Signore soggiunse: "Quando la sua occupazione le impedirà di pensare a me, reciti l'antifona: Gratias tibi, Deus etc.: Vi rendo grazie, o Trinità veramente una e Verità trina: o quest'altra: Ex quo omnia, dal quale ogni cosa, per il quale ogni cosa nel quale ogni cosa. A Lui la gloria nei secoli. Si sforzi inoltre di dimostrarsi affabile e mansueta con tutti".

 

* * *

 

Pregando ancora per un'altra religiosa, Metilde vide il Signore prendere quella suora per mano e condurla in un prato delizioso e tutto fiorito. Questo le fece intendere che quella suora prima di morire sarebbe provata da varie malattie.

Il Signore sul petto portava delle rose, dei gigli e dei piccoli scudi d'oro che quella suora da lui ricevette con gaudio e fiducia, poi li aggiustò sopra di sé stessa come trastullandosi. Metilde intese che i piccoli scudi d'oro indicavano la costanza e la vittoria; le rose, la pazienza per cui quell'anima avrebbe trionfato delle malattie; i gigli, la purezza del cuore per cui sarebbe stata somigliante a Cristo.

Metilde disse al Signore: "Io vi prego; o dolcissimo mio Dio, che nell'ora della sua morte le facciate gustare un saggio della vita eterna, ossia la sicurezza di non essere mai da Voi separata".

Il Signore rispose: "Quale navigante, dopo aver felicemente trasportato al porto le sue ricchezze, le getterebbe allora volontariamente in mare? Quest'anima, ch'io ho eletta fin dall'infanzia per la vita religiosa, che ho tenuta con la mano destra e condotta nella mia volontà (Ps. LXXXII, 24), quando l'avrò resa perfetta secondo il mio beneplacito, la assumerò con me nella gloria".

 

 

CAPITOLO XXIII

 

ISTRUZIONI E CONSOLAZIONI

PER LE ANIME AFFLITTE

 

Quella divota Vergine, mentre pregava per un'anima afflitta, da Dio ricevette questa risposta: "In questo mondo io camminai per tre vie, nelle quali dovrà pure seguirmi chi vorrà imitarmi perfettamente. La prima fu arida e stretta, la seconda cosparsa di fiori e piantata ad alberi fertili; la terza, piena di spine e di triboli.

"La prima è quella della povertà volontaria che mi tenni strettamente abbracciata in tutti i giorni della mia vita; la seconda è la mia vita medesima, piena di virtù e degna di ogni lode: la terza è la mia amara ed acerba Passione. Perciò chi vuole seguirmi, per amore della povertà non desideri nessun possesso in questo mondo; poi imiti la mia vita lodevolissima; e infine, per amor mio sopporti volentieri le pene e le tribolazioni".

 

* * *

 

Pregando per un'altra anima che molto soffriva, Metilde dal Signore ebbe questa risposta: "Se qualcuno è talmente rattristato che gli sembri di voler piuttosto morire che sopportare la sua tristezza, offra a me la sua pena, proponendosi di voler per l'avvenire sopportarla sino a tanto, che mi piacerà. Quante volte mi farà quest'offerta, tante volte la riceverò come se avesse sofferto la Passione per me".

Come una persona risentiva un'estrema tristezza, Metilde nella sua compassione, devotamente pregò onde ottenerle la consolazione dello Spirito Santo. Il Signore disse: "Perché si turba? L'ho creata per me, a lei mi sono dato per tutto quanto può desiderare da me. Le sono stato padre nella creazione, madre nella redenzione, fratello nella divisione del regno e sorella per la nostra dolce compagna".

Una persona che aveva da lagnarsi di un'altra, venne a confidarle le sue pene. Essa si rivolse al Signore, il quale rispose: "Le dirai di consegnare a me i suoi nemici, ed io, in eterna ricompensa, darò me stesso a lei con tutti i miei Santi".

 

* * *

 

Una volta Metilde vide sé stessa in piedi in presenza del Signore, in atto di salutare le di Lui sacratissime piaghe le quali erano ornate di gemme preziose. Restandone ella meravigliata, il Signore le disse:

"In quella guisa che le perle hanno un valore speciale e possono anche scacciare certe malattie, così le mie piaghe hanno un'efficacia tale che guariscono tutte le. infermità dell'anima.

"Vi sono dei cuori timidi che non ardiscono mai affidarsi alla mia tenerezza e nel loro timore cercano di fuggire la mia faccia; si può dire che sono colpiti da paralisi tremolante; se volessero rifugiarsi nella mia Passione e sovente salutare le mie piaghe con amore, tosto si troverebbero liberati da ogni timore.

"Altri sono instabili e vagabondi e corrono da un pensiero all'altro; basta una parola per farli cadere nell'impazienza e nella collera. Se volessero ricordarsi della mia Passione ed imprimere nei loro cuori le mie piaghe, acquisterebbero la stabilità dell'animo e ritroverebbero la pazienza.

"Ve ne sono altri che sono affetti da paralisi dormiente, vale a dire che in tutto operano con pigrizia e tiepidezza. Quanto sarebbe efficace per liberarli dall'accidia il ricordo della mia Passione con l'attenta considerazione delle mie piaghe così profonde e dolorose!"

 

* * *

 

La Santa si mise a pregare per una persona, e le sembrò di vederla davanti a Dio coperta di una veste bianca. Le mani del Signore erano posate su le mani di essa, ciò che faceva intendere che la destra del Signore avrebbe dato a quest'anima aiuto e forza per ogni opera buona, mentre la sinistra l'avrebbe protetta contro ogni avversità.

Il Signore disse: "A quella persona dirai che trattenga le sue lagrime. Quando non lo può, le unisca almeno alle mie, dolendosi che non siano versate per i peccatori o per mio amore. Allora, secondo il suo desiderio, presenterò al Padre mio, come lode, le sue lagrime unite con le mie".

Pregando un'altra volta per la medesima, ne vide l'anima sotto la forma ai un bambino che pareva in piedi nel Cuore di Dio, e in pari tempo teneva tra le mani questo divin Cuore. Il Signore disse: "Venga da me con tale confidenza in tutte le sue tribolazioni, si tenga nel mio Cuore, vi cerchi la consolazione e io non l'abbandonerò mai".

 

LE LAGRIME TRASFORMATE

 

Una persona provava una gran pena perché, per una sua infermità, non poteva trattenere le lagrime. Durante quasi cinque anni, aveva tanto pianto, che senza un soccorso speciale della divina misericordia, ne avrebbe perduta o la vista o il sentimento. Supplicò dunque la Santa di pregare il Signore affinché, nella sua clemenza, la volesse liberare da tale penosa prova. Mossa da profonda compassione, la Santa sovente la consolava e raddoppiava le sue preghiere per lei. Quella persona allora fu d'un tratto liberata, a segno che Metilde domandò al Signore come mai una tristezza simile avesse potuto così d'un tratto scomparire.

Il Signore rispose: "La sua liberazione, è effetto della mia bontà"; e soggiunse: "Le dirai che mi preghi di trasformare tutte quelle lagrime come se le avesse sparse per amore, per divozione o per contrizione dei suoi peccati".

Da tali parole Metilde restò vivamente sorpresa; come mai lagrime versate così inutilmente potrebbero venire trasformate in lagrime sante? - "Essa confidi unicamente nella mia bontà, disse il Signore, e nella misura della sua fede: compirò in lei l'opera mia".

O stupenda ed ammirabile condiscendenza della misericordia divina, che nella sua liberalità, si degna venire in aiuto d'egli infelici con tali consolazioni! Lettore, tu che senti come Dio per mezzo della santa sua Amante, abbia dato agli uomini le sue consolazioni, ti consiglio di appropriartele e farle tue, perché Dio, come ancora le rivelò, si compiace che tu pure richieda per te medesimo quel beneficio spirituale che ha concesso ad altri.

Gran numero di persone per mezzo di Metilde ricevettero spirituali consolazioni; ma il più delle volte la Santa le porgeva sotto forma di istruzioni, come se le avesse imparate da qualche intermediario. Dio sia dunque benedetto per averci concesso una tale mediatrice che si è dimostrata tenera madre degli infelici con le continue preghiere, le zelanti istruzioni e dolcissime consolazioni!

 

 

CAPITOLO XXIV

 

DIVINA CONDISCENDENZA

 

Mentre quella pia vergine pregava per un religioso disturbato da tentazioni, il Signore le apparve in piedi presso una montagna fiorita, la mano destra innalzata verso quella montagna che le parve coperta da una nube di piccoli insetti simili a moscerini.

Il Signore disse: "La mano di un uomo facilmente distruggerebbe tutti questi moscerini; così, se volessi, ben più facilmente potrei liberare da ogni disturbo quell'anima per la quale tu mi preghi; ma non voglio. Essendo tentato in piccole cose, per la mia grazia ch'egli implora imparerà in qual modo debba prestare consiglio e soccorso a quelli che sono afflitti da grandi tentazioni". E soggiunse: "Sappi con certezza che i fastidi in cui si trova non gli nuoceranno, come questi piccoli moscerini non potranno devastare la montagna".

Un'altra volta essa pregava ancora per il medesimo religioso, e il Signore le disse:

"L'ho eletto per me, e lo custodirò sempre dovunque sarà; lo dirigerò e coopererò a tutte le sue opere. lo sarò il protettore, il consolatore, e il provveditore della casa ove abiterà.

"Quando predica, prenda il mio cuore come portavoce; quando insegna, il mio Cuore sia il suo libro.

"Ai suoi religiosi dia tre avvisi: il primo d'evitare ogni diletto sensibile: il secondo di fuggire gli onori e gli applausi; il terzo di non pretendere nelle cose temporali se non lo stretto necessario. Se non obbediranno, tuttavia dovrà insistere nell’avvertirli onde possa dire col Profeta: Io non ho nascosto la vostra giustizia, o Signore (Ps., XXXIX, 11).

"Non attribuisca a sé medesimo gli onori che gli vengono resi, ma li riferisca a me; e quando gli vengono offerti sollievi corporali, li accetti come dati al mio proprio corpo".

 

* * *

 

Essa ricevette nella preghiera questa risposta rispetto ad un altro religioso: "Io mi sono dato in suo potere, in tal modo che non voglio contro la sua volontà colpire nessun peccatore. Più ancora, a tutti quelli per i quali pregherà, voglio concedere quella parte della mia grazia ch'egli si compiacerà di determinare".

Un'altra volta, essa pregava ancora per un altro religioso, e il Signore le disse: "Come una leggiera piuma in balìa del vento viene presa nel liquore di balsamo, così l’anima sua aderirà al mio divin Cuore".

 

IL SIGNORE PARAGONA SÈ STESSO ALL' APE

 

Metilde vide una volta un uomo che si era completamente esaurito nel servizio di Dio. "Ahimé! disse al Signore, come avete assorbito tutta la forza di quest'uomo! Voi avete proprio imitato l'ape che succhia tutto l'umore del fiore!".

Il Signore rispose: "Io sono l'ape che non attingo che in me stesso la mia dolcezza".

Ed ella vide. come un'ape uscire dalla bocca del Signore e rientrarvi. Mentre pensava ciò che significasse questo simbolo, il Signore le disse: "Quest'ape figura il mio spirito. Quando diffondo la mia grazia su gli uomini e la fa ritornare in me, distillo nel mio divin Cuore il miele dell'eterna dolcezza".

 

* * *

 

Mentre una suora in coro recitava le collette, Metilde vide il Signor Gesù sotto la forma di un bel giovane, che in piedi davanti a quella suora teneva il libro e lo piegava verso di lei, dicendole: "Io ti seguirò dappertutto; tu non puoi essermi rapita".

Metilde fu sorpresa di vedere il Signore dimostrare tanto affetto per quella Suora: ma Egli disse: "Io so ciò che posso fare in lei, e moltiplicherò le sue forze perché ella possa fare ogni cosa":

 

 

LE OPERE DI CARITÀ

 

Un giorno, Metilde si era molto stancata nel servizio di un'altra persona e temeva di avere oltrepassato la giusta misura: Il Signore le apparve tenendo su le ginocchia le vesti di quella persona come per raccomodarle, e le disse: "Non temere, tutto quanto hai fatto per lei, a me l'hai fatto".

"Tuttavia ella non sapeva resistere al timore che l'aveva invasa, e si trovò costretta a pregare il Signore di allontanare la tentazione. Fu così bene esaudita che in seguito ebbe sovente da soffrire da parte di quella persona, ma tutto accettava con gioia per amore di Dio, pregando sempre perché non avesse a sentire in sé stessa nessun'asprezza, né commettesse a questo proposito nessuna colpa.

Il Signore le mostrò il suo mignolo, ma la Santa non capiva cosa ciò potesse significare: Egli le disse: "Non ti ho forse detto più volte che questo dito figura la mia Umanità? Che vedi tu in questo dito? - Tre articolazioni, rispose Metilde. Il Signore ripigliò: la prima indica l'umiltà, sappi che l'umiltà soprattutto, attira all'uomo la mia grazia; quella di mezzo indica la pazienza per cui si sopporta per me ogni contrarietà; l'articolazione superiore, la quale è più sottile ed affilata e così può penetrare dappertutto, significa la carità. Se praticherai queste tre virtù di umiltà, pazienza e carità, nel mio amore trionferai di ogni contraddizione".

 

 

CAPITOLO XXV

 

GIOIA DEL SIGNORE

NELLA CONVERSIONE DEL PECCATORE

 

Pregando per una persona, Metilde ricevette questa risposta: "Io la seguo senza posa, e quando ritorna a me con la penitenza, il desiderio o l'amore, ne provo un indicibile gaudio. Per un debitore non v'è maggior piacere che ricevere un dono abbastanza ricco onde soddisfare tutti i suoi debiti. Orbene, io mi sono costituito, per così dire, debitore verso il Padre mio, impegnandomi a soddisfare per le colpe del genere umano; perciò nulla per me è più gradevole e desiderabile come di vedere l'uomo ritornare a me per mezzo della penitenza e dell'amore".

 

* * *

 

Pregando per una persona afflitta ma mal disposta, Metilde sentì in pari tempo in sé medesima un movimento di indignazione, perché spesso a quella aveva fatto salutari rimostranze senza ottenere nessun ravvedimento. Ma il Signore, le disse: "Orsù, partecipa al mio dolore e prega per i miserabili peccatori. lo li camperai con un gran prezzo, perciò con immenso ardore desidero la loro conversione".

Una volta, stando in preghiera, Metilde vide il Signore coperto d'una veste tutta insanguinata, ed Egli le disse: "In quella guisa che la mia Umanità coperta di sanguinose piaghe, amorosamente si presentò a Dio Padre come una vittima su l'altare della Croce; così nel medesimo sentimento di amore offro me stesso al Padre celeste per i peccatori, e gli rappresento tutti i supplizi della mia Passione: Ciò che desidero di più, è che il peccatore con una sincera penitenza si converta e viva".

 

DELLA RECITA DI QUATTROCENTOSESSANTA PATER.

 

Una volta, mentre Metilde offriva a Dio quattrocentosessanta Pater recitate dalla Comunità in onore delle Santissime Piaghe di Gesù Cristo, il Signore le comparve con le mani distese e tutte le piaghe aperte, e disse: "Quando ero sospeso su la Croce, ciascuna delle mie piaghe era una voce che presso Dio Padre intercedeva per la salvezza degli uomini. Adesso ancora il grido delle mie piaghe sale verso di Lui onde placare la sua collera contro il peccatore.

"Io te l'assicuro, mai nessun mendicante ricevette l'elemosina con gioia simile a quella che provo io, quando ricevo una preghiera in onore delle mie piaghe. Ti assicuro inoltre che nessuno dirà con attenzione e devozione quella preghiera che mi hai offerta, senza mettersi in istato di salvezza".

Metilde riprese: "Mio Signore, quale intenzione bisogna avere nel recitare quella preghiera?" Egli rispose: "Bisogna pronunciare le parole non solamente con le labbra, ma con l'attenzione del cuore; e almeno dopo ogni cinque Pater, offrirmela dicendo: Signor Gesù Cristo, Figlio del Dio vivente, accogliete questa preghiera con quell'estremo amore per cui avete sopportato tutte le piaghe del vostro sacratissimo corpo: abbiate pietà di me, dei peccatori e di tutti i fedeli vivi e defunti! Amen. - Domine Jesu Christe, Fili Dei vivi, suscipe hanc orationem in amore illa superexcellenti, in quo omnia vulnera tui nobilissimi corporis sustinuisti, et miserere mei et omnium peccatorum, cunctorumque fidelium tam vivorum quam defunctorum".

Il Signore disse ancora: "Il peccatore, finché rimane nel suo peccato, mi tiene inchiodato su la Croce; ma quando fa penitenza, subito mi dà la libertà. Ed io, così staccato dalla Croce, mi getto sopra di lui con la mia grazia e la mia misericordia, come caddi nelle braccia di Giuseppe quando mi tolse dal patibolo, dimodochè potrà fare di me tutto ciò che vorrà. Ma se il peccatore persevererà sino alla morte nel suo peccato, cadrà in potere della mia giustizia, e da questa sarà giudicato secondo il suo merito".

 

LIBERAZIONE DEI PRIGIONIERI E DEI PECCATORI

 

Il Signore le disse ancora: "Chi vorrà pregarmi con profitto per gli infelici che sono prigionieri nel loro corpo o schiavi dei loro peccati, potrà farlo in questo modo:

 

1 ° - per l'amore, il quale per nove mesi mi ritenne prigioniero nel seno della Vergine;

2° - per l'amore il quale m'indusse a coprirmi di fasce e di bende;

3° - per l'amore che mi consegnò legato nelle mani degli empi;

4° - per le catene di cui mi caricarono i Giudei per consegnarmi al giudice;

5° - per i vincoli che mi attaccarono alla colonna della flagellazione;

6° - per i chiodi che mi fissarono su la Croce;

7° - per il sudario che mi avvolse dopo la morte perché fossi messo nel sepolcro.

"Per l'amore che in tutte quel,le diverse circostanze mi incatenò, si può domandarmi ch'io liberi tale o tale uomo dalle catene o dai peccati".

 

IL SIGNORE CONCEDE A METILDE CENTO PECCATORI

 

Sentendo leggere nel Vangelo: Il Figlio dell'uomo verrà con grande potenza e maestà (Luc. XXI, 12), Metilde tutta inondata di gioia spirituale, disse al Signore: "Oh si!, Bene venias! Siate il benvenuto! - Il Signore ripigliò: "Sillaba le parole che hai dette: la parola Bene, ti ricorderà ch'io sono il Bene dal quale procede e sempre procederà ogni bene. La parola Venias, che tu venga, ti farà pensare a quella divina carità con cui vengo nell'anima, tutto inebriato dal puro vino dell'amore".

La Santa pregò allora il Signore di convertire tutti quelli che erano in istato di peccato, ed Egli replicò: "Ebbene, in risposta alla tua domanda, convertirò cento peccatori".

 

* * *

 

Un giorno, Metilde, mentre soffriva violenti dolori di capo, al momento dell'oblazione dell'Ostia nella messa solenne, insieme con l'Ostia santa offrì al Signore i suoi dolori in lode eterna.

Le apparve subito il Signore, tenendo nelle sue mani un cerchio di legno arido, intorno al quale sembrava disponesse bellissime rose a forma di ghirlanda.

Mentre nella sua ammirazione la santa pensava, cosa ciò potesse significare, il Signore le disse: "Da questo simbolo devi intendere che non v'è peccatore che abbia il cuore tanto arido per la ruggine del vizio, che non possa d'un tratto rinverdire se viene colpito da qualche malattia; purché la sopporti con intenzione di soffrire anche di più per amor mio e per la mia gloria, diventerà capace di ricevere grazia e misericordia.

"Ti dico pure che non v'è peccatore cosi colpevole ch'io non gli rimetta tutti i peccati, quando sinceramente se ne penta, e verso il quale io non sia disposto ad inclinare il mio divin Cuore con tanta clemenza e dolcezza come se non avesse mai peccato".

L'anima replicò: "Se è così, o dolcissimo mio Dio, perché l'uomo miserabile non lo sente?" - "Perché, rispose il Signore, non ha ancora superato la sua inclinazione al male. Se il peccatore dopo che si è pentito resistesse vigorosamente ai suoi vizi in modo da estirpare incontanente dall'anima sua il gusto. e la dilettazione del peccato; senza alcun dubbio sentirebbe la soavità del divino Spirito".

O abisso veramente inscrutabile di sapienza e di misericordia! Dolcissimo mio Dio, quanti sforzi voi fate per attirare a Voi il, cuore del peccatore per vie tutte ammirabili! Non volete che si disperi, poiché la vostra clemenza lo insegue con inviti così paterni!

 

 

CAPITOLO XXVI

 

LE OPERE DI CARITÀ

PURIFICANO DAL PECCATO VENIALE

 

Metilde rimproverava sé stessa perché non si fosse dimostrata riconoscente a Dio come avrebbe dovuto, per i doni che ne aveva ricevuti. Le sue due confidenti, nell'intenzione di supplire per lei, fecero recitare, come lode a Dio, l'antifona Ex quo omnia, etc., altrettante volte quanti erano i giorni che era vissuta su la terra. E come Metilde offriva pure a Dio queste lodi in unione con l'amore che dal suo divin Cuore fa scorrere ogni dono, e in unione con la riconoscenza che. mediante il Figlio suo, tutti li fa rifluire verso di Lui medesimo, ella vide zampillare dal Cuore di Dio le acque limpide di un fiume impetuoso. Nel suo corso questo fiume purificava da ogni macchia le anime di quelli che per lei avevano recitate quelle preghiere.

Il Signore disse: "Così, ogni atto di carità purifica dal peccato veniale: ma il peccato mortale, perché si attacca all'anima a modo di pece, non può essere cancellato se non dalla confessione e da una maggiore contrizione. Ogni atto di carità viene conservato nel mio Cuore come un tesoro, a me specialmente caro, sino a quando colui che lo ha fatto verrà da me, ed allora glielo renderò in accrescimento del suo merito e della sua gloria".

Una delle persone che teneramente in Cristo amavano Metilde, non fu ancora soddisfatta, ma volle che quella negligenza fosse più largamente compensata; non trovando nulla di meglio, fece celebrare a questo fine; altrettante messe quanti erano gli anni che Metilde aveva già passati sulla terra. Religiosi e pii sacerdoti celebrarono perciò a questa intenzione la messa Benedicta sit in onore dell'adorabile Trinità.

Siccome Metilde offriva parimenti a Dio queste messe con un sentimento di azione di grazie e di ammirazione per la carità che indusse il Signore ad operare tra gli uomini tali meraviglie, il Signore le disse: "Dammi tutto ciò che è tuo".

D'un tratto ella vide la propria mano nella mano di Dio, come se facesse un dono al Signore: Ma ciò che aveva donato le apparve come un gioiello di gran pregio, una specie di collana di perle bianche, rosse e porporine, le quali figuravano l'umile e gratuita carità ch'ella aveva praticata verso tutti. Il Signore pose nel proprio Cuore questo gioiello, e ne uscì una meravigliosa ed indicibile soavità.

"Tutti quelli, disse il Signore, che ameranno questo dono della mia grazia speciale; tutti quelli che, credendo nella mia bontà, umilmente mi ringrazieranno per le anime che ho ammesse nella mia intimità, troveranno il mio Cuore aperto per loro con una speciale tenerezza".

Frattanto Metilde poté ancora ammirare quattro gigli che circondavano quel misterioso gioiello, e il Signore soggiunse: - "Le Vergini mi hanno fatto per te l'omaggio di questo dono".

 

 

CAPITOLO XXVII

 

COME SI POSSANO RENDERE

AZIONI DI GRAZIE PER QUESTA SANTA VERGINE

 

Una persona divota aveva l'abitudine di rappresentare al Signore che, avendo trasferito lo spirito di Mosè in altri, come pure lo spirito e le virtù di Elia nel suo discepolo Eliseo, Egli poteva comunicare alle suore lo spirito della sua Serva di cui sono scritte queste cose, come di un'eredità da ricevere per testamento.

Una volta dunque, nel raccoglimento della preghiera quella persona disse al Signore: ­ "Signor mio Dio, che debbo fare ora?" Il Signore rispose: "Voglio scoprirti quanto riguarda l'oggetto delle tue preghiere e dei tuoi voti. La mia devotissima Serva, per la quale sì sovente mi rendi azioni di grazie, aveva molte insigni virtù, ma soprattutto in queste cinque singolarmente mi piacque:

1 ° -per la completa rinuncia a sé stessa;

2° - per l'unione perfetta della sua volontà con la mia, perché ha sempre voluto che la mia volontà fosse perfettamente adempiuta, e tutte le mie opere e decisioni sempre le erano gradite;

3° - perché era molto compassionevole e con tenerezza alle anime afflitte porgeva aiuto e consolazione;

4° - perché amava il suo prossimo come sé stessa, né mai, in. tutto il corso di sua vita, diede dispiacere a nessuno.

5° - perché il suo cuore era tranquillo e pacifico, né mai permise che vi rimanesse cosa che potesse turbare il mio riposo in lei.

"Attirerò dunque con maggior dolcezza ed intimità tutti quelli che, per amor mio ameranno questa mia fedelissima sposa. A quelli che mi offriranno per lei lodi ed azioni di grazie, congratulandosi con me per averla eletta e condotta alla perfezione, darò ciò che nelle sue virtù a loro meglio piacerà, e inoltre vi aggiungerò quello per cui maggiormente mi compiacqui in lei.

"Quando Metilde giungerà alla sua ultima ora e che verrò a prenderla meco, voi che - allora preparerete i vostri cuori per ricevere la mia grazia e mi ringrazierete dei benefici che a lei ho concessi, sarete esauditi secondo i vostri voti. Le une riceveranno spirituali consolazioni; ad altre darò la luce della mente ed il fervore dell'amore; ad altre ancora, una sapienza discreta ovvero la dottrina per istruire il prossimo, o il progresso nella santa religione affinché spargano intorno a sé l'odore del buon esempio".

"Quella persona divota domandò al Signore: "In qual modo, Signore, possiamo noi rendervi per Metilde grazie e lodi?" - Egli rispose: "Ringraziatemi per tutti quei doni e quelle grazie che le ho già fatti e che ancora le faccio e che in eterno le farò, specialmente per le delizie ed il lieto riposo che ho gustato nell'anima sua, per quel torrente di felicità che in lei ho fatto scorrere, per le sante operazioni del mio Spirito e per la perfetta libertà con cui ho potuto in lei godermi le mie delizie".

 

 

CAPITOLO XXVIII

 

COME L'ANIMA GIUOCHI AI DADI CON CRISTO

 

Pregando un giorno Metilde per una persona, le parve che la beata Vergine le presentasse tre dadi dicendole: "Glieli darai da parte mia affinché giuochi con mio Figlio. Quando uno sposo fa con la sua sposa una partita ai dadi; si compiace di prenderle nel giuoco gli anelli, i gioielli, i graziosi oggetti ch'ella ha fatto con le sue mani; e da parte sua la sposa si appropria tutto ciò che il suo diletto possiede".

Metilde, per divina ispirazione vide che il punto uno del dado significava la bassezza e il nullo dell'uomo; questi lo mette per così dire in giuoco contro Cristo quando sopporta il disprezzo e la contraddizione e si tiene volentieri sottoposto alla creatura: ma l'anima guadagna ciò che Cristo possiede, mentre ne riceve l'elevazione e gli onori che a Lui diede il Padre in compenso dell'umiliazione ch'Egli sopportò su la terra secondo questa parola del Profeta: Io sono un verme della terra, e non un uomo, sono l'obbrobrio degli uomini e il rifiuto del popolo (Ps., XXI, 7).

I due punti del dado significavano il corpo e l'anima; l'anima li espone come posta nel giuoco quando compie per amore le sue opere spirituali e corporali con l'intenzione di glorificare Cristo, il quale allora propone come sua posta tutte le opere della sua Divinità e della sua Umanità.

I tre punti sono le tre facoltà dell'anima: memoria, intelligenza e volontà. L'anima le getta nel giuoco quando dà loro per regola il beneplacito divino; ma guadagna ciò che appartiene al suo Sposo, quando per la grazia di Gesù Cristo, l'immagine della Santa Trinità di cui venne fregiata nella creazione, in lei acquista maggior perfezione.

L'anima fa quattro punti quando totalmente si affida a Dio, nella prosperità come nell'avversità, per il presente come per l'avvenire. Cristo getta i medesimi punti quando le quattro parti del mondo con ciò che contengono, governate dalla sua potenza e dalla sua sapienza, sono da Lui assoggettate al servizio dell'anima.

I cinque punti sono i cinque sensi, e l'anima li mette come posta del giuoco quando non cerca più di godere i suoi cinque sensi fuorché per il beneplacito di Dio. Allora Cristo le dona le cinque piaghe che riportò per amore di lei e per la sua salvezza, aggiungendo il frutto della sua Passione.

I sei punti sono le sei età dell'uomo e l'anima li fa quando riconosce le negligenze ed i peccati di cui si rese colpevole in tutti i giorni della sua vita. Da parte sua Cristo nella sua benignità, getta in questo giuoco tutta la sua vita santissima con la perfezione. assoluta della sua virtù.

 

 

LETTERE DI SANTA METILDE

AD UN A SIGNORA SECOLARE SUA AMICA

 

 

Carissima figlia in Cristo.

 

Colui che ama l'anima tua tiene la tua mano nella sua destra e con le sue dita tocca ognuna delle tue, onde dimostrarti come Egli agisca nell'anima tua e Come tu debba seguirlo imitando i suoi esempi.

Il suo mignolo significa la sua vita umile su la terra ove Egli venne, non già per essere servito: ma per servire (Marc., X, 45) e sottomettersi ad ogni creatura. Su quel dito del Signore applica - il tuo mignolo, vale a dire quando ti senti agitata dalla superbia, ricordati dell'umiliazione e della sommissione del tuo Dio. Pregalo per la sua umiltà, che tu possa vincere in te stessa l'orgoglio e la volontà propria, effetti di quell'amor proprio che ognuno conserva in sé medesimo.

Il suo anulare rappresenta la fedeltà del suo Cuore, per la quale si prende cura di noi a guisa di madre fedelissima; - con indicibile costanza ci aiuta a portare i nostri carichi ed i nostri fastidi, preservandoci da ogni male. A questo dito del Signore unisci il tuo, riconoscendo l'infedeltà che hai dimostrata al tuo fedelissimo e dolcissimo Amante allontanando l'anima tua da Lui che l'aveva creata per sua lode e per suo amore; pensa con amarezza quanto sia freddo il tuo cuore, mentre sei destinata a trovare in Lui solo le eterne delizie.

Il suo dito medio è simbolo dell'eterno, sommo e divino amore che inclina il suo Cuore verso l'anima dell'uomo e non gli lascia tregua finché non riesca ad infondersi tutto in lui, a guisa di acqua che scorre fuori impetuosamente e va cercando ove si sparga. Presso questo dito metti il tuo, ossia la tua volontà. Che se non puoi vivere ogni momento nell'esercizio attuale dell'amor di Dio, offrigli almeno un desiderio che possa sostituire l'atto, e con la tua intenzione digli che se tu potessi avere l'amore di tutti i Santi e di tutte le creature, a Lui solo tutto lo vorresti indirizzare.

L'indice della sua divina mano significa l'ordine misterioso ed ammirabile della sua Provvidenza, la quale con misericordia prevede ogni evento futuro e con la sua sapienza, ora per mezzo della prosperità, ora per mezzo dell'avversità, conduce l'uomo nella via retta. Su questo dito metti volentieri il tuo, cioè abbi fede che tutto quanto ti capita di bene o di male, tutto proviene dal suo amore, a segno che tu non vorresti che ti avvenisse altra cosa né in modo diverso, perché è volontà divina. In ogni cosa dunque a Lui offrirai lodi ed azioni di grazie.

Il pollice significa la sua divina onnipotenza e la protezione della sua paterna bontà, con cui Egli allontana e reprime tutto quanto potrebbe nuocere all'anima fedele, non lasciando che giunga sino a lei nulla che non concorra a santificarla e ad esercitarla nella virtù. A questo dito divino unisci il tuo pollice, ossia sii forte nella pratica delle virtù, l'esistendo virilmente ad ogni vizio. Non diffidar mai della misericordia di Dio, anche se permetta che tu sii. tribolata ovvero ti sottragga le consolazioni della sua grazia.

 

II

 

Anima fedele che ami Dio, considera con attenzione ed amore la legge che ti venne data dal Principe Reale Gesù, Figlio della tenerezza del Padre, quando ti scelse per sua sposa, quando diede sé medesimo a te come un amabile Sposo, celebrando le nozze a sue spese e nella propria persona. In quel giorno di tanta solennità e di tanta letizia del suo Cuore (Cant. III, 11), si copri di una veste vermiglia, la quale fu colorata dall'Amore nel sangue del suo Cuore. Sul suo capo si pose una ghirlanda di rose ornata tutt'intorno di nobilissime perle, cioè di gocce del suo prezioso sangue. Si coprì le mani di guanti forati, in tal modo, che non potendo più queste divine mani nulla ritenere, ti abbandonò tutto quanto in quelle era nascosto al mondo. Il nobile suo letto nuziale fu la divinissima Croce sopra la quale si slanciò con letizia ed ardore, come mai nessuno sposo si dilettò di possedere un talamo adorno di avorio e di preziosi drappi; in questo letto di amore della Croce ti aspetta ancora, ardendo d'inestimabile desiderio di godere i tuoi abbracci. Che se vorrai essere sua sposa, dovrai rinunciare perfettamente ad ogni gioia sensibile, e dividere con lui questo letto di patimento e d'ignominia, unendoti alla piaga tutt'aperta del suo Cuore.

Considera attentamente il prezioso pegno ch'egli ti lasciò quando aperse per te quel Cuore così dolce, tesoro della Divinità, porgendoti da bere il nettare dell'amore per saltare tutti i mali dell'anima tua. Si, questo nobile pegno è di un prezzo inestimabile, perché contiene in sé ogni grazia, ogni virtù ed ogni bontà. Questo pegno, ti dico, Egli non vuole togliertelo, poiché ti riconferma la sua fede. Come un Re che non ha ancora condotto la sua fidanzata nei suoi palazzi, agli amici di lei consegna in pegno qualche città piena di ricchezze, così il tuo sposo amantissimo, ha posto nelle mani di Dio Padre quel dono prezioso che è il suo divin Cuore. Ecco il pegno che dimostra il suo fermo proposito di non mai abbandonarti, perché sei la sua sposa. E non basta; questo Cuore, te lo offre ogni giorno ancora su l'altare, onde manifestare l'amore col quale da tutta l'eternità ti ha prevenuta.

Dunque, o figlia dell'Eterno Padre, eletta sposa del suo Figlio unigenito, amica dello Spirito Santo e suo desideratissimo riposo, ama un tale Amante, il quale è tutto amore e di cui sei la prediletta. Sii fedele a Colui che è la fedeltà medesima. Se ti capita qualche noia, accettaI a come una catena d'oro di cui Dio ti ha circondata per attirarti all'amore del Figlio suo. Cedi subito a questa dolce violenza; sollevati in alto e innalza il tuo cuore, affinché più efficacemente sia attratto all'amore; preparati con la pazienza e la riconoscenza e considera qual beneficio di salvezza Dio voglia in tal modo operare nell'anima tua.

Considera inoltre quello che ti manca nelle sante virtù. Forse tu hai bisogno di umiltà e di altre virtù? Con la chiave dell'amore apri il prezioso scrigno di tutte le virtù, vale a dire il divin Cuore di Gesù Cristo; domanda al Dio degli eserciti che ti comunichi la sua forza per trionfare dell'assalto dei vizi.

Se i ladri delle cattive suggestioni tentano di sorprenderti, corri a quell'arsenale, pigliando le armi sempre lucenti della Passione e della morte del tuo Signore, la quale, con un ricordo continuo, imprimerai sul tuo cuore; e la turba dei perversi pensieri sarà costretta ad una vergognosa fuga.

Se ti molestano pensieri di disperazione, ricorri all'inesauribile tesoro di quella tenerezza la quale non vuole che alcuno perisca, ma che tutti arrivino alla conoscenza ed all'amore della verità, eccettuati soltanto coloro che volontariamente scelgono l'eterna dannazione. Ricordati come Dio sia disposto a ricevere l'uomo più che l'uomo sia disposto ad andare a Dio; ricordati che il supremo desiderio del Signore è di vedere l'uomo così ben disposto che Egli possa senza intermissione infondere in lui la sua grazia e ricolmarlo sempre più di tutti i suoi beni.

 

III

 

Il Signore Gesù, amatore degli uomini, con immenso desiderio brama di unirsi all'anima, soprattutto a quella che vuole da Lui essere consolata e che desidera gustare quelle delizie che solo in Lui si possono trovare, disprezzando le gioie e consolazioni terrene, le quali sono incapaci di attirarla e di perfezionarla nell'amor di Dio.

Quando l'uomo ama qualsiasi cosa terrena o in quella si diletta, pensi fra sé stesso. come Iddio gli abbia donato questa cosa, affinché per mezzo di quella sia attratto al divino amore. Che se da tal pensiero non ricava profitto, ma, quella cosa gli viene al cuore più spesso che Dio, egli deve tosto rimuoverla da sé, se pur vuole e desidera l'amicizia e la famigliarità con Dio. La dolce famigliarità di Dio è molto delicata, né in nessun modo Dio tollera che si ami alcuna cosa più di Lui, e neppure che il cuore sia diviso tra Lui ed altra cosa. Il Figlio della paterna carità vuol essere tutto - solo l'amico tuo amatissimo e tutto solo godere l'intima famigliarità del tuo cuore.

 

IV

 

Iddio ha donato all'anima il suo divin Cuore, affinché anche l'anima doni il suo cuore a Lui. Se essa glielo offre lietamente e con fiducia, Egli lo darà in custodia alla sua potenza, dimodochè essa non potrà mai cadere in peccato grave.

Custodisca dunque l'uomo con gran cura il Cuore di Dio e con attenzione ricerchi ciò, che massimamente a Lui piace. Nella tristezza, cerchi rifugio e consolazione presso quel tesoro che gli è affidato; e se per disposizione della divina sapienza, la consolazione non viene, perseveri nondimeno nella lode di Dio e nell'azione di grazie. Dio molto si compiace nell'anima fedele, la quale non cerca il proprio interesse, ma quello di Gesù Cristo (I Cor., XIII, 5) ed alla propria consolazione antepone là gloria e l'onore di Dio.

LIBRO QUINTO

 

 

 

CAPITOLO I

 

L'ANIMA DELLA BADESSA

GERTRUDE SORELLA DI METILDE.

 

Metilde, piena di tenerezza per gli afflitti, si ricordava davanti al Signore non solo dei vivi, ma anche dei defunti, ai quali applicava i suoi devoti suffragi. Più volte dunque, pregando per varie anime che non avevano più bisogno di soccorso, le furono dal misericordioso Signore manifestati i loro meriti e la loro gloria.

Un giorno in cui si cantava la messa per i defunti, quella divota vergine, in azione di grazie recitava per l'anima di sua sorella la badessa Gertrude di felice memoria, la serie dei responsori della Santa Trinità. Avendo ella già visto altre volte quell'anima nella gloria, il Signore le disse: "La rivedresti tu volentieri ancora?"

D'un tratto, sua sorella le apparve portando sul corpo un velo di candidissimo lino splendente di luce. Metilde le domandò cosa significasse questo velo, e la defunta rispose: "Rappresenta la vita che ho menata nel chiostro, tutti i fili di cui è tessuto sono dalla Divinità penetrati di gloria e di splendore".

Tali parole fecero intendere a Metilde che non si osserva nessuna buona pratica per divozione o per fedeltà alle regole del proprio stato, che non venga raccolta dalla memoria del Signore per darne all'anima una ricompensa speciale.

"E la tua corona dov'è?" ripigliò Metilde. "La mia corona, rispose quella anima beata, è talmente gloriosa che dalla terra s'innalza sino al trono di Dio, e raggiunge i confini del mondo. Incomincia su la terra dove agli uomini lasciai la mia memoria ed i miei esempi; sale sino al trono di Dio, perché le mie virtù procurano a Dio onore e lode, ed in pari tempo rallegrano tutti i Santi; abbraccia pure le quattro parti del mondo, perché la mia vita ha: giovato a tutta la Chiesa e le sarà di vantaggio sino alla fine dei secoli".

Metilde l'interrogò sopra un punto che era oggetto delle loro preghiere quando era ancor vivente, e l'anima rispose: "La mia preghiera è ormai più efficace, più utile e più fruttuosa che durante la mia vita". E dimostrando Metilde qualche sorpresa nell'udire queste parole, la beata soggiunse: "È così, perché 1a preghiera del giusto, anche dopo la sua morte, né perisce né muore mai. La preghiera che avrà implorato la salvezza dei peccatori conserverà il suo valore anche dopo la morte di chi l'ha fatta. Così pure di tutte le altre preghiere".

Questo è conforme a ciò che si legge nel secondo libro dei Maccabei, dove si vede che il Sommo Sacerdote Onia, comparve col profeta Geremia a Giuda Maccabeo e indicando Geremia gli disse: Ecco colui che prega per tutto il popolo (II Mach., XV, 14). È certo che l'anima di Geremia allora era nel Limbo. Ma colui che, durante la sua vita, come un vero sacerdote del Signore aveva propiziato il Signore con le sue preghiere per il popolo, veniva mostrato dopo la sua morte come intercessore a favore di quello.

Donde si può concludere che se uno sapesse dare ai propri desiderii un'intenzione che si estendesse a tutti i secoli, vale à dire se desiderasse per l'amore e la gloria di Dio, di vivere sino alla fine del mondo nella preghiera, nel lavoro e nella sofferenza per soccorrere i vivi e le anime del purgatorio, sicuramente Dio accetterebbe un tal voto come l'atto medésimo.

 

 

CAPITOLO II

 

LE ANIME BEATE OFFRONO A DIO

LE PREGHIERE CHE VENGONO RECITATE PER LORO

 

Un'altra volta, mentre la Comunità si accostava alla Comunione, là Santa vide di nuovo l'anima di sua sorella tutta risplendente di bellezza, la quale stava alla destra di Dio e dal Signore riceveva tanti baci quanti erano le persone che ricevevano il Corpo del Signore. Questo esprimeva il merito particolare che quell'anima aveva acquistato col promuovere nelle Suore la frequenza alla Santa Comunione.

Considerando un tale spettacolo con gaudio ed ammirazione, Metilde volle sapere se il Sacerdote acquisti qualche merito nel distribuire il Corpo di Cristo. - "Se un semplice soldato, rispose il Signore, portasse ai Principi della Corte il figlio unico del Re, e che il Bambino reale da ciascuno di quei Principi ricevesse cento monete; quel soldato certo si arricchirebbe, quando riportando il figlio del Re da questo ricevesse in dono quel denaro offerto dai Principi. Così pure si accresce il merito del Sacerdote il quale, con divozione e santa gioia, distribuisce ai fedeli il Sacramento del Corpo di Gesù Cristo".

Dopo, la Santa disse a sua sorella: "Dimmi, sorella diletta, qual vantaggio ricevi tu quando poi recitiamo per te i responsori della Santa Trinità od altre preghiere?" L'anima rispose: "Io ricevo tutte le parole delle vostre labbra sotto forma di rose che offro con gioia al mio diletto". Poi mostrando a Metilde nelle pieghe del suo mantello bellissime rose che nel loro centro avevano una foglia d'oro, le disse: - "Questa foglia d'oro è quella del cuore, cioè della carità che dà valore alla preghiera. E non è forse più per carità che per dovere che mi fate questa offerta?"

"Ma che avviene, ripigliò Metilde, delle offerte fatte ai Santi?"

"Le ricevono, rispose l'anima, con gioia e parimenti le presentano al Signore. Offrireste voi ai Santi anche un solo Pater con l'intenzione di darne se fosse possibile altrettanto a ciascuno, che questo unico Pater lo accetterebbero tutti come se fosse stato particolarmente recitato per ciascuno di loro in particolare".

 

 

CAPITOLO III

 

DELL'ANIMA DI SUOR M.

 

Quando morì Suor M. di felice memoria; l'anima sua apparve alla Santa sotto la forma di una bellissima vergine, avvolta. in un lenzuolo verde, portando una corona sul capo e circondata da una moltitudine di Vergini e di Santi che le dimostravano una viva tenerezza. Tuttavia la Santa conobbe in ispirito che la Suor M. non aveva ancora fatto il suo ingresso nella gloria, né doveva ottenerlo se non al momento in cui nella messa si sarebbe fatta per lei l'oblazione dell'Ostia. Ma il Signore si donava allora a quest'anima in una maniera speciale, onde compensarla perché durante la sua malattia per un po' di tempo era stata priva della Santa Comunione.

Durante il canto dell'offertorio Domine Jesu Christe, siccome nessuno si presentava. Del fare l'offerta a favore di quella poveretta, Metilde vide il Re della gloria, Sposo delle virtù, presentarsi a Dio Padre. ed offrirgli tutte le sue opere, le preghiere, le fatiche ed i patimenti della sua santissima Umanità, onde accrescere la beatitudine della sua nuova sposa.

La Beata Vergine, Madre dello Sposo della verginità, offri pure in sacrifizio tutte le sue grazie e tutti i suoi privilegi per aumentare la gloria di quella sposa del suo divin Figlio.

Similmente fecero i Patriarchi, i Profeti, gli Apostoli, i Martiri, i Confessori, le Vergini e tutti gli Ordini dei Santi.

Ma all'oblazione dell'Ostia Santa, dall'Oriente apparve una luce meravigliosa che rappresentava la gloria della Divinità e nella quale venne rapita quell'anima beata. In quella luce le fu data quella sacra unione, di cui si è detto sopra, nella vera società e nel vero godimento di Dio. Là ancora, quella beata ricevette la piena e sovrabbondante ricompensa delle sue fatiche e delle sue pene.

Al cuore dell'uomo è più facile credere una tale felicità, che immaginarla e descriverla.

 

 

CAPITOLO IV

 

DELL' ANIMA DELLA PIA EREMITA YSENTRUDA.

 

La Santa conobbe ancora come l'anima di Ysentruda fosse passata a Dio. Le parve che tutti i cori degli Angeli le facessero un corteo di gloria e di amore, perché era particolarmente degna di essere loro associata e come assimilata. Essa, infatti, erasi resa simile agli Spiriti angelici per l'umile ed affettuosa cura con cui accoglieva quelli che la visitavano. Aveva imitato gli Arcangeli per la sua familiarità con Dio; le Virtù per la pratica vigorosa del bene, peri buoni esempi, anzi per uno zelo talmente ardente che parecchie persone si erano convertite per le sue veementi esortazioni. Aveva ancora portato la somiglianza dei Principati, delle Potestà e delle Dominazioni per il suo coraggio e la sua potenza contro i demonii ed i vizi, per il rispetto e l'amore che portava all'immagine di Dio impressa in ogni uomo e che nell'anima propria ella aveva conservata senza macchia; per le preghiere ferventi ed orazioni che offriva a Dio giorno e notte.

Era stata persino una degna emula degli spiriti degli Ordini più elevati; Dio, infatti, trovava nell'anima di lei un delizioso riposo mentre essa possedeva la pienezza della conoscenza di Dio e nutriva per Lui un amore estremamente ardente.

La Beata Vergine Maria e Giovanni l'Evangelista presentarono dunque quell'anima davanti al trono della gloria.

Nostro Signore Gesù Cristo l'accolse nei suoi abbracci, la condusse davanti a Dio Padre e in onore della sua sposa con una voce melodiosa, cantò: "Haec est quae nescivit thorum in delicto , etc., Ecco quella che non conobbe il matrimonio. Ecco quella che mi ha amato con tutto il suo cuore e con tutte le sue forze. Ecco quella che si è attaccata a me con tutta la purezza dell'anima sua". Su la corona della beata, la Passione di Cristo cui era tanto divota, l'amore e la castità brillavano con un particolare splendore il quale si diffondeva sopra tutte le sue virtù ed i suoi ornamenti.

 

 

CAPITOLO V

 

DELL'ANIMA DELLA SUORA B. DE BAR.

 

Durante l'agonia d'una Religiosa, la Santa vide Nostro Signore Gesù Cristo, il quale, davanti alla bocca della moribonda teneva un pannolino bianco, come per riceverne l'anima. Appena fu morta, venne celebrata la messa in suo suffragio. Essendo questa appena incominciata; il Signore Gesù Sposo delle Vergini, parve venire all'altare per deporvi un gran tesoro; questo significava che offriva al Padre suo per la defunta tutto ciò che gli apparteneva, anche la sua Passione. La Beata Vergine apportò pure i vari gioielli di cui secondo l'usanza si adorna una fidanzata per il giorno delle sue nozze. Maria SS. sotto questa forma offriva alla Santa Trinità le operazioni del Signore in lei, onde completare la gloria di quella nuova sposa del suo divin Figlio e festeggiarne con gaudio l'arrivo.

All'Elevazione dell'Ostia santa, il Signore comparve in piedi su l'altare e,chinatosi verso il Sacerdote gli disse: "La tua volontà è la mia volontà!". Da queste parole la Santa intese che il Sacerdote in quel momento aveva concepito il desiderio di liberare quell'anima, ed era stato esaudito.

Quando si arrivò all'Agnus Dei e che il Sacerdote ebbe preso il Corpo del Signore, quell'anima beata, sotto la forma di una vergine bellissima si avvicinò all'Altare, dove il Signore chinandosi le concesse il dolce bacio che l'introdusse nella felice partecipazione della vita del cielo.

In fine della messa, nel momento della benedizione del sacerdote, si sentirono in aria delle voci che cantavano, con accompagnamento di cembali, di arpe e di ogni sorta di strumenti, come si usa nelle nozze dei re. E quell'anima venne ammessa a condividere la sorte degli angeli i quali sino alla, fine delle solite preghiere, stettero sopra il monastero dove giaceva. il corpo della defunta; poi con grandi trasporti di gioia, la ,condussero nella patria celeste.

L'indomani, giorno della sèpoltura, il Signore comparve ancora durante la messa, e l'anima della defunta, seguita da una gran folla di Vergini, arrivò tutta adorna di rose d'oro come una sposa nuovamente introdotta nella casa.

All'offertorio Domine Jesu Christe, il Signore con benevolenza le disse: "Va' ora e offri al Padre tutto ciò che io e mia Madre ieri ti abbiamo donato; questo tesoro ti appartiene per la tua eterna beatitudine".

Sempre seguita dalla folla delle Vergini, l'anima s'avanzò per offrire i preziosi doni che aveva ricevuti dal Signore; e tutte le altre Vergini presentarono per la loro compagna le meraviglie che la santa Trinità in ciascuna di loro aveva opérate.

Le Vergini intorno all'altare formarono un circolo intorno a quella nuova Sposa di Cristo, ed eseguirono come una gioiosa farandola sino al termine della messa; poi, comparvero in aria e sino al termine della funzione cantarono le loro lodi. al disopra del luogo dove il corpo. riceveva la sepoltura. Ripresi poi i loro cembali, coi loro celesti canti condussero quell'anima beata, sino alla camera. nuziale dello Sposo immortale, cui siano onore e gloria nei secoli eterni! Amen.

 

 

CAPITOLO VI

 

DI UNA SUORA INFERMA

 

Una suora che in tutti i giorni della sua vita aveva devotamente servito Dio nella santa Religione, cadde ammalata. Metilde, mentre invocava il Signore per lei, ne vide l'anima come inginocchiata davanti al Signore, il quale le mostrava le sue rosseggianti piaghe, e quella le salutava con la seguente preghiera che la Santa non conosceva: O salutari piaghe del mio carissimo amante Gesù Cristo, Salvete, Salvete! Salvete nella onnipotenza del Padre che vi ha volute, nella sapienza del Figlio che vi ha sofferte; nella benignità dello Spirito Santo che, per mezzo di Voi, ha compiuto l'opera della nostra redenzione!

Mentre quella suora stava per ricevere l'estrema Unzione e la Comunità si era radunata attorno al suo letto, Metilde vide due angeli che portavano ciascuno una vaschetta piena d'acqua; questa significava la misericordia e la verità, nelle quali l'anima doveva lavarsi da ogni macchia, secondo queste parole: La misericordia e la verità cammineranno davanti alla vostra faccia. (Ps.; LXXXVIII, 15).

Vennero ancora quattro Angeli, i quali sospesero sopra il letto un drappo rosso, per simboleggiare il merito e la dignità che quella suora doveva ricevere dopo la sua morte; perché fin tanto che l'anima è rinchiusa nel suo involucro mortale, non può conoscere la gloria di cui sarà da Dio coronata in cielo.

Tuttavia. Metilde era triste perché in questa scena non compariva il suo Diletto. A lei non bastava per la sua consolazione la presenza degli Angeli; con l'occhio del cuore, da ogni parte ella cercava Colui che era l'unico oggetto del suo amore.

D'un tratto, il Signore comparve nel mezzo della stanza, rivestito d'un abito bianco ornato di scudi d'oro; il color bianco indicava la purezza dell'ammalata, e gli scudi la sua pazienza inalterabile nei dolori e nelle infermità. Il Signore aveva scelto queste vesti per onorare le virtù della sua sposa.

Metilde vide che il Signore stava presso l'inferma al posto del Sacerdote. La Beata Vergine Maria sedeva in capo alletto; e mentre il Sacerdote recita,va le Litanie dei Santi, il Signore tre volte fece su l'inferma il segno della Croce dicendo: "Ti benedico per la sanità dell'anima tua, e per la santificazione del tuo corpo".

La Beata Vergine Maria, quando nelle litanie si pronunciò il suo nome, sollevò l'inferma dicendo: "Ecco, o Figlio mio, questa sposa che offro ai vostri eterni abbracci". E ognuno dei Santi, all'invocazione del proprio nome, piegava il ginocchio onde intercedere per lei. Poi esultando formarono tutti come una corona, girando attorno alletto; e le Vergini camminavano per le prime presso il Signore. Quando le unzioni furono terminate, il Signore disse alla Madre sua: "A Voi l'affido perché la presentiate immacolata al mio cospetto".

Frattanto l'ora del beato tramonto si avvicinava; quando l'inferma fu agli estremi, la Santa, piena di compassione, raddoppiò di fervore nelle sue preghiere e vide arrivare un innumerevole esercito di Santi. I Santi Martiri si posero in fila presso il capo del: l'ammalata; erano rivestiti di porpora, portavano degli scudi perfino sui loro abiti, e dicevano a vicenda: "Agitiamo i nostri scudi". Un tal rumore di armi produsse un'armonia così soave che i dolori dell'inferma si cangiarono in allegrezza.

Gesù. il Diletto di quell'anima, stava ancora vicino al letto, e la Madre sua a lato di Lui; allora quell'anima beata, liberata dai vincoli della carne, volò con grande letizia nelle braccia delta Vergine Madre. Liberata da ogni dolore, se n'andava a ricevere la corona eterna. La Vergine Maria la offrì subito al suo divin Figlio, il quale con ineffabile tenerezza, l'accolse nelle sue braccia, e la fece riposare sul proprio seno sino alla celebrazione della messa in cui venne offerta la vittima pasquale.

Il Signore intanto aveva raccomandato alla divota vergine che vedeva tutte queste cose, di far cantare al più presto la messa per quell'anima; e così fu fatto, poiché la messa venne celebrata prima dell'Ora di Prima.

Il Signore, in onore della sua nuova sposa, aveva preso un abito bianco sfarzoso, tutto ornato di aquile ricamate. Il color bianco significava la purezza e la carità della defunta; le aquile, la sua anima contemplativa.

Dal principio della messa, sembrò che celebrasse Gesù Cristo medesimo, sommo Sacerdote e vero Pontefice, Si vedeva su l'altare un tesoro di infinite ricchezze ed era il. complesso delle opere compiute su la terra dal Figlio di Dio per la salvezza del genere umano, Egli offrì al Padre suo questo tesoro onde supplire ai meriti di quell'anima.

La gloriosa Vergine Maria la condusse, ella medesima, presso l'altare, dopo di averle consegnato un cofanetto di oro nel quale aveva rinchiuso le sue proprie virtù ed opere sante. le quali, sopraggiunte a quelle praticate dall'anima, ne coprivano tutti i difetti e le imperfezioni.

Al Vangelo, il Signore prendendo quell'anima per mano le disse: "Io ti prometto, diletta mia, che il tuo corpo il quale fu consacrato tutt'intero al mio servizio, risusciterà glorioso nell'ultimo giorno".

Ornata come una sposa, quell'anima beata portava al dito un anello di cui la gemma rappresentava la testa di un uomo; uno splendore meraviglioso dava al suo cuore la trasparenza di uno specchio; ma quando il divino Agnello Pasquale venne offerto per lei, dal Cuore di Dio uscì una luce più possente ancora che tutta l'avvolse e la tolse agli sguardi di Metilde. Irradiata in. quel modo dalla luce della Divinità, riempita della ineffabile dolcezza dello Spirito Santo, arricchita di tutti doni celesti, quell'anima beata. diveniva un solo spirito con Dio per il vincolo di un indissolubile sposalizio.

Mentre si portava il corpo alla sepoltura, Metilde sentì risuonare il canto armonioso dei Santi che onoravano le esequie di quella sposa del Re immortale. Essi cantavano:"Tu sei beata e tutto va bene per te, eletta sposa di Cristo: tu avrai parte in eterno al gaudio dei Santi ed all'allegrezza degli Angeli".

Davanti al corpo, splendevano torre ardenti dalle larghe fiamme, simbolo delle opere che quella suora aveva compiute per grazie di Dio e che l'avevano preceduta nell'eternità. Poi il Re dei Re e supremo Signore, accolse la sua sposa e strettamente l'abbracciò: ma ella sapendo in qual modo poteva disporre di quel Dio che si abbandonava al suo potere, prese la mano del Signore e lo condusse a benedire la Congregazione.

In questo modo adunque il Signore lietamente trasportò la sua diletta, scortata dal glorioso esercito dei Santi, sin nelle celesti regioni. Metilde vide quell'anima in presenza dell'adorabile Trinità, dove brillava con un indicibile splendore. Il Signore si chinava verso di lei come per darle il bacio, ma non glielo dava; e siccome Metilde ne rimaneva sorpresa, il Signore gliene spiegò il motivo dicendo: "Il bacio significa la pace; in cielo non si dà perché è il soggiorno della pace eterna; quindi l'anima beata non ha bisogno del bacio di pace".

Poi il Signore disse a quell'anima gloriosa: "Alzati, e vieni, come una figlia prediletta, a precipitarti nelle braccia di tuo Padre". Essa obbedì subito con allegrezza, e il Signore ripigliò: "Questo abbraccio significa l'unione con cui l'anima è sempre a me congiunta per un indissolubile vincolo d'amore".

 

 

CAPITOLO VII

 

DELL'ANIMA DI FRA N. DEI PREDICATORI

 

Negli otto giorni che seguirono la morte di Fra N., dell'Ordine dei Predicatori, intimo e fedele amico del Monastero, la Santa venne illuminata intorno all'anima di lui. Questo religioso durante la messa le apparve in alto, e sembrava portare calzature così ammirabilmente ricamate che Metilde provava un vivo desiderio di ottenere qualche cosa di tali ornamenti. Ed egli le disse: "Ricevi la perla della sapienza", Quelle calzature simboleggiavano i faticosi viaggi che quel religioso aveva fatti per predicare la parola di Dio.

Quando si giunse all'Offertorio della messa, la Santa udì una voce che diceva: "Sono aperte le porte del cielo"; e le parve di vedere una porta immensa che d'un tratto si aprì e per la quale l'anima di quel religioso entrò con allegrezza.

Il Signore con le mani distese venne incontro a quell’anima beata, l'accolse nelle sue braccia e la condusse sino al trono della gloria, dove la rivestì di un meraviglioso splendore che niuna lingua umana potrebbe descrivere; alle mani le mise guanti bianchissimi, e ai piedi calzature più belle e più brillanti ancora delle prime, dicendo: "Portate subito la prima delle vesti"; ora questa veste Dio l'aveva formata di sé medesimo.

Ecco come la Santa intese che Dio riveste l'anima: su la terra Dio è l'autore e il distributore di ogni grazia, e in cielo Egli stesso è l'ornamento, la gloria e la sovrabbondante ricompensa dei Beati; di sé medesimo li orna e li premia per tutte le opere buone e le virtù che hanno praticate su la terra.

A quel religioso venne inoltre messa in capo una grande corona di orò rosso ornata di finissime perle. Nel ricevere questa corona quell'anima beata si prostrò ai piedi del Signore rendendo grazie e confessando che tutti questi doni li riceveva unicamente dalla divina bontà e non in virtù dei suoi propri meriti.

Metilde desiderò sapere qual merito avesse acquistato quel religioso nell'apprezzare con un cuore fedele il dono di Dio in Suor M. Ed ella vide uscire dal divin Cuore come una corrente che si riversò su quell'anima beata e conobbe che questa medesima corrente si portava parimenti verso tutte le anime che amano i doni di Dio negli altri, benché non ne ricevano di simili. Subito Suor M. le apparve piena d'immensa gioia, circondata di luce e di gloria. La Santa, nella sua ammirazione, le disse: "Fatemi conoscere qualche cosa dei vostri ornamenti"; ma quella rispose: "Tu non potresti intenderne nulla, perché gli ornamenti che porto adesso sono più numerosi dei fili che vi sono in un vestito ordinario e sono un dono del Signore mio Sposo". Da queste parole, la Santa conobbe che i Santi non si attribuiscono nulla dei propri meriti, ma che alla grazia ed alla misericordia di Dio fanno risalire tutto il premio e tutta la gloria che possiedono.

 

 

CAPITOLO VIII

 

DELL'ANIMA DI FRA H. DE PLAUEN

 

Avendo un religioso raccomandato alla Santa di pregare per l'anima di un altro religioso, ella non si affrettò tanto di farlo; ma un giorno, stando in orazione, ebbe l'ispirazione di pregare per quell'anima. Vi si rifiutava ancora, mai! Signore con una certa severità le disse: "Così non potrò soddisfare per mezzo tuo il desiderio del mio amore!".

Poi, prendendola per mano, le disse: Vieni e ti condurrò nel tabernacolo ammirabile, sin nella mia casa (Ps., XLI, 5). E subito la Santa venne rapita al cielo dove vide l'anima di quel frate come in piedi davanti al Signore; cinque raggi usciti dal divi n Cuore vennero ad ornarla meravigliosamente.

Il primo raggio entrò nei suoi occhi, per significare quella conoscenza oltremodo deliziosa per la quale i Beati senza intermissione contemplano: Dio nella Divinità. Il secondo gli penetrò nelle orecchie per indicare il gaudio che provano per le parole e le salutazioni così piene di tenerezze e di dolcezza che eternamente sentono dalla bocca di Dio. Il terzo raggio gli riempì la bocca, per significare la lode ineffabile che incessantemente i beati rivalgono a Dio. Il quarto riempì il suo cuore, per manifestare la soavità, la gioia, e le ineffabili delizie che sentono nel lasciarsi investire dalla voluttà divina. Il quinto rivestì ed illuminò tutte le sue membra di uno splendore indicibile, per significare che il suo corpo con tutte le sue forze era stato votato alle. opere buone ed alla pratica delle virtù.

Egli inoltre portava in capo una corona, le cui finissime cesellature rappresentavano la Passione del Signore; la Santa ne dedusse che il. defunto aveva avuto una particolare divozione a questo mistero.

Compresa d'ammirazione, Metilde disse al Signore: "Dolcissimo mio Dio, perché avete così presto tolto quest'anima da questo mondo, dove molti avrebbero approfittato delle sue parole e dei suoi esempi?"

Il Signore rispose: "Vi fui costretto dal suo violento desiderio; perché a guisa di un bambino slattato dal seno di sua madre, l'anima sua si era tutta attaccata a me e meritò di possedere il suo riposo in me. Doveva essere tanto elevata nella dignità e nella gloria, perciò la sua ammissione ebbe qualche dilazione; ma durante tale attesa, la feci riposare sul mio seno". La Santa ripigliò: "Amabilissimo Signore, quanto tempo durò questa dilazione?" Egli rispose: "Il tempo di una mattinata, finché l'amore non ebbe compiuto per lei ciò che io avevo decretato da tutta l'eternità".

 

 

CAPITOLO IX

 

DELL'ANIMA DEI FRATI

ALBERTO E TOMMASO, DEI PREDICATORI

 

Metilde vide che le anime di don Alberto e di fra Tommaso, d'illustre memoria erano penetrate nei cieli, come Principi di alta nobiltà. Ciascuna aveva davanti a sé due angeli che portavano fiaccole ed appartenevano, l'uno al caro dei Serafini, l'altro a quello dei Cherubini. Il Cherubino indicava che su la terra essi erano stati illuminati dalla scienza divina; il Serafino, che erano stati accesi di ardente amore, non solo per Dio ma pure per quella conoscenza e quella intelligenza che amavano come il più prezioso dei doni divini.

Quando furono arrivati davanti al trono di Dio, tutte le parole dei loro scritti apparvero su le loro vesti in lettere d'oro; la luce della Divinità le faceva tutte brillare come l'oro sotto i raggi di un sole cocente ed ogni parola, a sua volta, rinviava su la Divinità un magnifico riflesso. Una dolcezza inesprimibile scorreva pure da quelle parole anche su le loro membra per aumentare il gaudio delle loro anime. Non v'era neppure una parola tra quelle che trattavano della Divinità e dell'Umanità di Gesù Cristo che non procurasse loro una gloria particolare e non sembrasse conferir loro una sorta di rassomiglianza con la Divinità. Così pure le loro spiegazioni su la gloria e la felicità degli Angeli, su le parole dei Profeti e degli Apostoli, sul trionfo dei Martiri. sul merito di tutti i Santi, riproducevano a loro favore la gloria degli uni e degli altri; perciò si vedevano in quei Dottori risplendere la chiarezza degli Angeli, i meriti dei Profeti, la dignità sovreminente degli Apostoli, la trionfante gloria dei Martiri, la dottrina dei Santi Confessori, e infine la glorificazione di tutti i Santi.

 

 

CAPITOLO X

 

DELL'ANIMA DEL CONTE BERNARDO,

FONDATORE DEL MONASTERO

 

Nel giorno anniversario del Conte Bernardo, nostro fondatore, di pia ed eterna memoria, durante la messa che si celebrava per lui, quella Serva di Cristo ne vide l'anima davanti al Signore, ornata di vesti su le quali apparivano, come bellissime immagini, tutte le anime della Comunità da lui fondata, tanto quelle che già regnavano in cielo come quelle che vi sarebbero poi giunte dopo. La sua corona aveva tante gemme d'oro quante erano le anime che nel monastero avevano servito il Signore.

Le due badesse le quali avevano governato il monastero, stavano l'una alla sua destra e l'altra alla sua sinistra, e il Signore con tenerissime parole si congratulava con loro perché nessuna delle loro pecorelle si era perduta.

I membri della Comunità ed insieme alcuni eredi del Conte, i quali su la terra avevano fatto un buon uso dei loro beni, formavano intorno a lui come una corona festante, proiettando sopra di lui raggi meravigliosi per cui brillava con indicibile splendore.

Tutte quelle anime che circondavano il Conte modulavano dolci accenti per narrare i benefizi che da Dio avevano ricevuti, e quell'eletto godeva di tutto nell'allegrezza del suo cuore. Tutto ciò dava ad intendere che. il Conte si rallegrava di avere la sua parte nei meriti di tutte quelle anime ed una specie di diritto sul bene che il Signore in esse aveva operato.

Nel momento in cui vene immolata la vittima che salva il mondo, il Signor Gesù Cristo aperse il suo dolcissimo Cuore, dal quale esalò un soavissimo profumo che procurò un nuovo rapimento all'anima del Conte, Metilde disse al Signore: "Perché mai quest'anima meritò che le ispiraste la volontà di fare un'opera così grande e così gloriosa per Voi?

Il Signore rispose: "Era un uomo di un cuore mansueto e benigno; quando peccò non fu mai per malizia; perciò la mia sapienza ordinò per lui questa via di salvezza.

"Il cuore benevolo mi piace molto, mentre, il peccato commesso per malizia è un gran peso per l'anima.

"Costui fondò questo monastero, non già per attirarsi il favore degli uomini, ma per la mia gloria e per la salvezza dell'anima sua, e inoltre amò fortemente la Comunità che vi abita, perciò si acquistò i meriti di ciascuna delle suore del Monastero e gode dei beni di tutte come se fossero suoi propri".

 

 

CAPITOLO XI

 

DELL'ANIMA DI UN ALTRO

CONTE BERNARDO MORTO IN ETÀ DI DICIANNOVE ANNI

 

L'indomani del giorno in cui morì il Conte Bernardo di felice memoria, questa divota vergine, stando in orazione, lo vide prostrato ai piedi del Signore, nell’atto di versare abbondanti lacrime, perché negli ultimi momenti si era pentito per timore piuttosto che per amore di Dio. Egli piangeva pure perché non aveva mai-versato lagrime d'amore. Metilde compresa da compassione per una tale tristezza, pregò il Signore che volesse dare a quest'anima come rimedio e supplemento. tutte le lagrime che il suo innocente amore gli aveva fatto versare su la terra. Il Signore si degnò di esaudire questa prece, e il defunto ne provò gran sollievo.

Ma Metilde disse al Signore: "Perché l'avete voi tolto, o mio Signore, con una morte prematura, mentre avendo uno spirito così buono e devoto, avrebbe fatto tanto bene se fosse vissuto più a lungo?

"Non sai, rispose il Signore, che le opere buone fatte in istato di peccato mortale noli hanno nessun valore?"

Ella ripigliò: "E che. serve adunque che ora egli sia lodato dagli uomini per la sua bontà, per le sue qualità e per i suoi modi eleganti?"

Il Signore disse: "Ogni volta che gli uomini su la terra lodandomi celebrano l'innocenza della sua vita, tutti i Santi mi rendono un particolare maggiore per le, virtù naturali di cui avevo ornato l'anima sua.

"Più, quest'anima medesima. quantunque non ancora beatificata, ogni volta che su la terra si dice del bene di lei, con allegrezza celebra le mie lodi".

Nella messa dell'ottavo giorno, celebrata per il defunto nella cappella in cui era sepolto, Metilde vide il Signore rivolto verso il sacerdote che leggeva il Vangelo; e tutte le parole del Signore riferite in quel Vangelo passavano attraverso il sacerdote come risplendènti raggi.

Il Signore disse a Metilde: "Tutte le parole che pronunciai su la terra hanno conservato la loro efficacia, ed operano ancora in quelli che le ripetono con divozione le meraviglie che operarono nell'uscire dalle mie divine labbra. Le mie parole non passano come le parole degli uomini: ma come io sono eterno, anche le parole mie hanno un effetto eterno".

Mentre si cantava l'offertorio il Signore disse: "Le offerte dei fedeli che il Sacerdote riceve. e lietamente mi offre, non già per amore del denaro ma semplicemente per la salvezza delle anime, sono per loro di un gran profitto".

Metilde vide allora il defunto girare intorno all'altare cantando: "Io so, o Signore che mi avete dato alla morte per salvezza, gaudio e consolazione dell'anima mia"; e gli disse: "Chi dunque ti ha insegnato a cantare?"

L'anima rispose: "Io so tutto quello che concerne la lode del mio Creatore".

"Soffri tu qualche pena?"

"Nessuna, rispose l'anima, se non che non godo ancora la visione dell'amabilissimo mio Dio, mentre brucio dalla brama di contemplarlo. Quando pure tutti i desiderii che furono nel cuore dell'uomo si trovassero riuniti in un cuor solo, sarebbero nulla a confronto del desiderio di cui ardo".

Metilde continuò: "Come ciò può essere vero, poiché molti Santi sospirarono verso Dio con gemiti inenarrabili?"

"Finché l'anima è aggravata dal peso della carne, ripigliò il defunto, le necessità del corpo le sono continuamente di impedimento. Mangiare, dormire, lavorare, conversare con gli uomini, sono cose per le quali l'anima non può giammai con tale e tanto desiderio infiammarsi, come quando liberata dal carcere della carne e da ogni umano impedimento, sospira verso il Creatore".

 

* * *

 

Tre mesi dopo la sua morte, il detto Conte apparve ancora a quella vergine di Cristo. L'anima sua veniva condotta da due giovani risplendenti di luce e pareva vestita di una tunica grigia e di sopra aveva un abito antico di lino che aveva la forma delle vesti militari. Quella vergine gli disse: "Perché sei vestito ancora come nel secolo?"

Egli rispose: "Mia madre ha fatto delle mie vesti un uso così buono e a me così gradito ch'io perciò comparisco di quelle ancora vestito".

"Non ha forse fatto buon uso di tutto ciò che ti apparteneva?" continuò Metilde.

"Sì, rispose il defunto, di tutto ha disposto bene, ma più utilmente delle mie vesti; perciò mi ha procurato con quelle una particolare soddisfazione e ti prego di rendere grazie a lei ed ai miei parenti ed amici, perché si sono comportati verso di me con tanta benevolenza".

"Ma non è per te di impedimento, che i tuoi parenti tanto piangano per te?

- No, desidero soltanto che sappiano il bene che Dio ha fatto all'anima mia col ritirarmi dal mondo".

"Perché porti tu questa tunica grigia?"

"Perché nell'ultimo estremo, dopo aver ricevuto il Corpo del Signore, con piena volontà proposi che se avessi ricuperato la sanità mi sarei fatto soldato di Cristo".

"Godi tu la dignità riservata alle Vergini?"

"Sì, ma non nella sua perfezione, perché i consigli dei cattivi inclinarono i miei desiderii e la mia volontà verso le cose terrene, e l'anima mia ne contrasse qualche macchia".

"E che cosa ti ha giovato di più per liberarti?"

"Le messe celebra te per me, le elemosine e l'orazione pura".

"Che cosa intendi tu per orazione pura?"

"Quella che proviene dal cuore mondo dal peccato, o almeno da un cuore il quale avendo pur coscienza di aver peccato, si propone di purificarsi. Una preghiera offerta in tal modo, scorre nel divin Cuore come acqua purissima e vi opera meraviglie: ma la preghiera del peccatore non sale se non come acqua torbida".

"Chi ti ha insegnato queste cose?"

"Tutto quanto vogliamo sapere, Dio ce lo insegna".

"E chi sono questi giovani che ti accompagnano?"

"Uno è l'Angelo cui il Signore mi aveva affidato su la terra, rispose l'anima, l'altro appartiene al coro nel quale devo essere condotto".

 

 

CAPITOLO XII

 

DELL'ANIMA DI UNA FANCIULLA

(E. D'ORLAMUNDO)

 

Una signora, prima ancora di diventar madre, aveva fatto a Dio la promessa che, se le avesse dato una bambina, l'avrebbe consacrata al Signore e data a Cristo in isposa. Nacque la bambina, ma morì nel secondo anno della sua età.

Metilde ne vide l'anima sotto la forma di una bellissima vergine, rivestita d'una tunica vermiglia e d'un manto d'oro adorno di bianchissimi gigli e le disse: "Donde a te tanta gloria?"

La defunta rispose: "Il Signore nella sua bontà me l'ha donata. Questa tunica vermiglia significa che ero naturalmente dotata di un cuore amante; questo manto d'oro indica l'abito religioso, il quale dal Signore mi è stato dato perché mia madre mi aveva destinata al chiostro. Orbene, tutto ciò di cui il Signore mi avrebbe arricchita se avessi praticata la perfezione religiosa, me lo concede adesso per un effetto della sua liberalità: anzi mi attribuisce come un merito particolare, l'essere stata a Lui consacrata fin dal seno di mia madre".

E come queste parole causavano alla Serva di Cristo una grande sorpresa, il Signore le disse: "Di che ti meravigli? Ho accettato la volontà formale della madre come se avesse avuto il suo effetto ed ho attribuito alla bambina come eterna ricompensa tutti i beni che la sua madre aveva desiderati per lei".

Metilde fece pure questa domanda: "Ma perché, o mio Diletto, l'avete così presto tolta dal mondo?"

Il Signore rispose: "Era tanto amabile che non era conveniente per lei stare su la terra. Di più, suo padre dopo la morte della sua primogenita avrebbe revocato il voto della madre e l'avrebbe ritenuta nel secolo".

 

* * *

 

Pregando per un altro defunto, Metilde udì il Signore che gli diceva: "Dal midollo del mio Cuore bevi il gaudio, per parte di tutti quelli che pregano per te".

 

 

CAPITOLO XIII

 

DELLA RISURREZIONE FUTURA

 

Udendo una volta nel Vangelo queste parole: "Et tertia die resurget: E risusciterà il terzo giorno", Metilde si prostrò a terra, rendendo grazie, a Dio per la nostra futura risurrezione e la glorificazione del nostro corpo. Nella cappella dove pregava, erano tre corpi sepolti davanti all'altare; ed ella li vide alzarsi dalle loro tombe ed elevare le mani al cielo per rendere grazie a Dio.

I loro cuori apparivano ornati di gemme preziose e si muovevano in modo meraviglioso quasi giocando, rallegrandosi grandemente delle buone opere che avevano praticate nel mondo.

Metilde disse al Signore: "In quale stato, o mio Signore, questi corpi saranno ripigliati dalle loro anime? Quale sarà il loro splendore quando l'anima sarà loro di nuovo riunita?"

Il Signore rispose: "Nella risurrezione il corpo sarà sette volte più risplendente del sole, e l'anima sette volte più risplendente del corpo. L'anima si rivestirà del suo corpo come di una veste e attraverso tutte le membra di esso risplenderà come un sole attraverso il cristallo. Io investirò l'intima sostanza dell'anima di una luce ineffabile e gli eletti così brilleranno in cielo nel corpo e nell'anima per sempre riuniti".

 

 

CAPITOLO XIV

 

L'ANIMA DEL CONTE B.

 

Nell'anniversario del Conte B. (di cui sopra), la Madre badessa disse a Metilde di pregare per conoscere qualche cosa intorno allo stato del padre suo. Ma la Serva di Cristo non voleva assecondarne il desiderio, perché non richiedeva quasi mai nessuna rivelazione e preferiva rimettersene alla volontà del Signore.

Durante la messa, il Signore le disse:

"Perché non adempi la tua obbedienza?" Ella rispose: "Ma io non avevo considerato quella domanda come un ordine". Il Signore continuò: "Fa' come ho fatto io: mio Padre mi ha comandato, e sono disceso sulla terra".

Da tali parole Metilde intese che il Signor Gesù, nell'uscire dal seno del Padre suo, si era umiliato davanti a Lui con sì grande riverenza e sommissione come mai nessun figlio davanti al proprio padre, né servitore davanti al padrone. Infatti, Egli era pronto a portare i carichi, le miserie ed i travagli di tutti gli uomini, e a supplire a tutte le loro incapacità.

Avuta questa illuminazione, Metilde disse al Signore: "Mio Dio, esaudite il desiderio della vostra Serva". E d'un tratto vide davanti al Signore il detto Conte rivestito - di un abito verde, con un magnifico cinto tutto brillante di cui le estremità gli scendevano sino ai piedi. Il color verde significava l'eternità sempre nuova e rinascente; e il cinto la fede cattolica che. quel Conte aveva sempre conservata ferma, invincibile ed arricchita di opere buone.

Sul petto egli portava pure un gioiello damaschino che lo copriva dal collo sino alla cintura. In questo gioiello erano rappresentate tutte le sue virtù e le sue opere buone; vi si distinguevano soprattutto l'umiltà che lo aveva reso sottomesso anche alla sua sposa, poi la tenerezza del cuore per la quale si era dimostrato accessibile e benevolo verso tutti, la misericordia per i poveri e gli indigenti, infine la profonda divozione con la quale aveva offerto a Dio la sua figlia.

Metilde disse inoltre al Signore: "Mio Signore, per quella suprema Carità che vi indusse ad assumere il carico di tutti gli uomini onde supplire a tutto ciò che ci manca, e vi rese obbediente sino alla morte, vi prego di rendere grazie al Padre perché avete voluto adempiere la mia obbedienza".

Il Signore rispose: "Come ho obbedito al Padre mio, così obbedisco ancora a tutti quelli che per amore stanno sommessi a tutti i loro Superiori e reprimono la propria volontà; dopo questa vita godranno in me di una libertà speciale e di eterne delizie. Ed io, scambievolmente, voglio pure godere in essi particolari delizie onde manifestare a tutti i cittadini del cielo quanto mi sia gradito chi, per una vera obbedienza, sacrifica la propria volontà".

 

 

CAPITOLO XV

 

LE ANIME DI SALOMONE,

DI SANSONE, DI ORIGENE E DI TRAIANO

 

Dietro richiesta di un religioso, Metilde domandò al Signore in quale stato si trovassero le anime di Salomone, di Sansone, di Origene e di Traiano.

Il Signore rispose: "Ciò che la mia misericordia abbia fatto dell'anima di Salomone non voglio sia conosciuto agli uomini, affinché con maggior cura evitino i peccati carnali. Ciò che la mia bontà abbia fatto dell'anima di Sansone resterà pure nascosto, affinché gli uomini maggiormente temano di vendicarsi dei loro nemici; così anche dell'anima di Origene, affinché nessuno confidando nella propria scienza ardisca insuperbirsi. Infine, ciò che la mia liberalità abbia disposto rispetto all'anima di Traiano, per mia volontà dagli uomini resterà ignorato, affinché la fede cattolica sia maggiormente esaltata, perché questo Imperatore, quantunque ornato di tutte le virtù, non ebbe né la fede cattolica né il battesimo".

 

 

CAPITOLO XVI

 

DELLE ANIME LIBERATE DALLE SUE PREGHIERE

 

Nel giorno della commemorazione delle anime dei defunti, Metilde voleva pregare. ma ne fu impedita da una preoccupazione ostinata rispetto ad una persona di cui conosceva lo stato deplorevole. E d'un tratto vide il Signor Gesù, che, sospeso in aria con le mani ed i piedi legati, diceva: "In questo modo mi lega l'uomo ogni qual volta pecca mortalmente e così mi tiene legato finché persevera nel suo peccato".

Il Signore le apparve ancora sotto la forma di un giovane di gran bellezza, meravigliosamente ornato a guisa di grazioso fidanzato. Tra altri ornamenti aveva sul petto tre preziosi gioielli: il primo significava l'eterno desiderio di cui di continuo Dio arde per il bene dell'anima; il secondo. l'amore del suo divin Cuore, amore ardente ed immutabile quantunque l'uomo resti tiepido e non abbia per Lui nessun amore; il terzo esprimeva quella compiacenza del Divin Cuore, della quale sta scritto: Deliciae meae esse cum filiis hominum, Le mie delizie sono di stare coi figli degli uomini.

Egli portava pure una cintura d'oro, per significare il vincolo di amore col quale stringe le anime in una unione ineffabile. E il Signore disse a Metilde: "Così sono legato con l'anima che mi ama".

Attirando la Santa presso di sé, il Signore la condusse in un ameno giardino, situato in alto vicino al cielo. Là vi era una folla di anime sedute ad una gran mensa dal lato di settentrione. Il Signore si degnò di avvicinarsi per servire Lui stesso a questa mensa, sotto forma di cibi e bevande, le preghiere dell'Ufficio, che si recitano in coro e tutti gli uffici celebrati in quel giorno nella Chiesa universale. L'anima che vedeva tutte queste cose aiutava il Signore a servire i commensali.

Cantandosi il versetto Si quae illis sint dignae, Domine, cruciatibus culpae, tu eis gratia lenitatis, indulge: Se in quelle anime vi sono colpe degne di tormento, Voi, o Signore, con la grazia della vostra pietà perdonate loro, ella disse a Dio: "Che cosa può giovare a quelle anime questo versetto, o mio Signore, poiché godono di un sì gran gaudio?" Ed ecco, svelando sé stesse quelle anime. Metilde nel cuore di ciascuna vide una specie di verme, il quale aveva una testa di cane e quattro zampe erodeva questi cuori, straziandoli con le unghie.

Il verme era la propria coscienza di ciascuna, giustamente raffigurata dal cane, che è un animale fedele, perché la coscienza rode e consuma l'anima col rimproverarle le sue infedeltà verso un Dio così tenero e buono, infedeltà per le quali dopo la morte non ha potuto volare a Lui senza impedimento.

Le zampe davanti significavano le colpe contro i precetti del Signore per le quali l'anima dopo la morte viene cruciata. Le zampe di dietro figuravano i cattivi desiderii e le perverse vie che allontanano l'anima dal suo Dio. Quel verme aveva una lunga coda, per alcune, liscia e piatta; per altre, ruvida ed irta di grossi peli. Questa rappresentava la fama che ognuno lascia dopo di sé in questo mondo. In coloro che si erano acquistato una buona fama, il verme aveva una coda tutta piatta e l'anima soffriva meno; ma in quelli che avevano lasciato una cattiva fama, quella coda era pelosa e ritorta, e ciò accresceva il loro tormento.

Questo verme non muore mai, e l'anima non può esserne liberata prima di entrare nel gaudio del Signore per unirsi a Dio con una alleanza indissolubile.

La Santa con tutte le sue forze pregò il Signore perché a quelle anime volesse concedere un perdono completo e prenderle nella gloria della sua luce. E d'un tratto quei vermi, cadendo dai cuori di quelle, morivano; e le anime, con grande allegrezza, se ne volavano nelle delizie eterne.

 

* * *

 

Dopo questa visione Dio la condusse a vedere il purgatorio ed i tormenti che vi si soffrono. Essa vide certe anime che sembravano uscire dall'acqua tutte inzuppate; altre sembravano uscire dal fuoco, orribilmente bruciate e deformi. Mentre pregava per esse, quelle anime uscivano dai loro tormenti; riprendendo la forma che avevano sulla terra, e, passavano in quel bel giardino dal quale erano uscite le prime.

 

 

CAPITOLO XVII

 

COME SI POSSA PREGARE

EFFICACEMENTE PER I DEFUNTI

 

Un giorno in cui la Santa aveva fatto la Comunione e offerto a Dio l'Ostia preziosa per la liberazione delle anime, la remissione dei loro peccati e la riparazione delle loro negligenze, il Signore le disse: "Reciterai per esse il Pater, in unione con l'intenzione che ebbi nel trarlo dal mio Cuore per insegnarlo agli uomini". In pari tempo l'ispirazione divina le svelò quanto segue:

Con le prime parole: Padre nostro che siete nei cieli, si deve domandare che venga perdonata a quelle anime la mancanza di amore verso un Padre sì adorabile ed amabile. La sua bontà, infatti, innalzò gli uomini ad un onore così grande che sono chiamati e in realtà sono figli di Dio; ma quelle anime al contrario non lo amarono né lo riverirono degnamente; gli rifiutarono il dovuto onore, spesso lo irritarono coi peccati, scacciandolo dal loro cuore dove Egli aveva fissato di regnare come nel suo cielo. Si deve pregare allora in unione con l'amorosa soddisfazione prestata dal loro innocente fratello Gesù, affinché in riparazione del peccato, il Padre accolga l’amore del divin Cuore del Figlio suo, ricevendo la riverenza e l'onore che gli vennero offerti dall'Uomo-Dio.

Il vostro nome sia santificato; in supplemento della mancanza di rispetto che le anime usarono verso il nome di un Padre così buono; in riparazione del male che fecero nominandolo invano e dimenticandolo, ovvero rendendosi indegne con la loro vita perversa di portare quel nome di cristiano che loro veniva da Cristo, si deve domandare che il Padre si degni di accettare la perfettissima santità con la quale il Figlio suo esaltò il nome di Lui in tutti i suoi discorsi, e l'onorò con tutte le onere della sua Santa Umanità.

Venga il vostro regno. Con queste parole Gesù Cristo aveva l'intenzione di domandar perdono per le anime che non avessero abbastanza desiderato il Regno di Dio, né aspirato verso Dio medesimo il quale vuole essere cercato con diligenza, perché in Lui solo si trovano il vero riposo e il gaudio eterno. Si deve pregare allora il Padre di accettare il santissimo desiderio del suo amabile Figlio di aver coteste anime per eredi del suo regno, e di riparare col suo amore la loro tiepidezza nel bene.

Sia fatta la vostra volontà in terra carne in cielo. Non avendo gli uomini preferito la volontà di Dio alla propria volontà, né avendolo amato in ogni cosa, si deve con quelle parole pregare il Padre che dimentichi questa disobbedienza, in virtù dell'amantissimo Cuore del Figlio suo unito al suo nella prontissima sommissione con cui fu obbediente sino alla morte. Metilde conobbe in particolare che le persone spirituali molto peccano contro queste parole: "Sia fatta la vostra volontà", perché molto di rado offrono pienamente a Dio la loro volontà e quando gliel'hanno offerta, spesse volte la riprendono. Perciò è grandemente necessario di fare menzione di quelle anime in questa domanda, perché la loro negligenza le ritiene, dopo morte, in una grande lontananza da Dio.

Dateci oggi il nostro pane quotidiano. Molte anime non ricevettero il nobilissimo e vantaggiosissimo Sacramento dell'Eucaristia con quel desiderio, quella divozione e quell'amore che si richiede, quindi se ne resero indegne; un maggior numero ancora non lo ricevettero che raramente o non lo ricevettero mai. Si deve pregare il Padre perché accetti in compenso quell'amore infocato, quell'ineffabile desiderio, quella grande santità e divozione con cui Gesù Cristo ci fece questo dono supremo.

Rimetteteci i nostri debiti carne noi li rimettiamo ai nostri debitori. In queste parole si deve domandar perdono ber tutte le colpe commesse dalle anime. con i sette peccati capitali e tutti quei che ne derivano, implorando il perdono per quelli che rifiutarono di amare i loro avversari e di riconciliarsi coi medesimi, supplicando il Padre perché in riparazione accetti la preghiera così amorosa che il Figlio suo fece per i suoi nemici.

Non c'indurre nella tentazione; vale a dire, perdonate a quelle anime di non aver resistito ai vizi ed alla concupiscenza, e di essersi volontariamente immerse nel male, acconsentendo al demonio ed alla carne. Si deve pregare il Padre celeste che, in riparazione di tutte queste colpe, accetti la vittoria che Cristo riportò sul demonio e sul mondo; che accetti parimenti tutt'intera la vita santissima del Figlio suo con le sue fatiche e le sue pene, e si degni di liberare quelle anime da ogni male e di condurle al regno della gloria che è Lui medesimo. Amen.

Quando la Santa ebbe recitata alle dette intenzioni l'Orazione domenicale, vide una gran moltitudine di anime rendere grazie a Dio con eterna letizia per la loro liberazione.

 

* * *

 

Metilde avendo recitato per un defunto cinque Pater in onore delle sacratissime piaghe di Cristo, come si usa appena ricevuto l'avviso della morte di una persona, desiderava sapere qual sollievo l'anima ne avesse ricevuto. Il Signore le disse: "Ella ne ritira cinque vantaggi. Gli Angeli le porgono, a destra, protezione; a sinistra, consolazione; davanti, le danno la speranza; dietro, la confidenza; e di sopra, il celeste gaudio".

Il Signore soggiunse: "Chiunque per un sentimento di compassione e di carità intercede per un defunto, ha parte a tutto il bene che nella Chiesa si compie per quello, e nel giorno in cui uscirà da questo mondo, troverà tutto questo bene preparato a sollievo e salute dell'anima propria".

 

 

CAPITOLO XVIII

 

L'INFERNO E IL PURGATORIO

 

Durante la sua preghiera, Metilde vide una volta l'inferno spalancato sotto i suoi piedi, e in quell'abisso una miseria ed un orrore infinito: serpenti, leoni, rospi, cani, orribili spettri di atrocissime fiere le quali crudelmente si laceravano a vicenda. Ella disse al Signore: "O Signore, chi sono questi disgraziati?"

"Quelli, rispose il Signore, che non hanno mai voluto, neppure, per un'ora, pensare a me con dolcezza".

 

* * *

 

Essa vide pure il purgatorio, dove erano altrettanti tormenti quanti sono i vizi di cui, le anime su la terra si fanno schiave. Gli orgogliosi cadevano senza posa da un abisso in un altro; quelli che erano stati infedeli alle loro regole ed alla loro professione religiosa, camminavano curvi come sotto un peso schiacciante. I golosi ed i bevoni giacevano per terra, privi di sensi e disseccati dalla fame e dalla sete, Quelli che avevano soddisfatto i loro desiderii carnali, si fondevano nel fuoco come la carne ed il grasso sul braciere. Ogni anima soffriva la pena che si era meritata col suo vizio preferito.

Ma quando la Santa ebbe pregato per loro, il Signore misericordiosamente ne liberò una copiosa moltitudine.

 

 

CAPITOLO XIX

 

COME DIO RIEMPIE L'ANIMA DEL GIUSTO

CHE LASCIA IL SUO CORPO

 

Quando l'anima esce dal suo corpo se è libera da ogni peccato così da poter subito entrare in cielo, nell'istante medesimo Dio la penetra con la sua virtù divina, tutta la riempie e prende un tal possesso dei suoi sensi che Egli diventa l'occhio per il quale l'anima vede, la luce per la quale vede, e la bellezza ch'essa vede. In tal modo, in una maniera meravigliosa e sommamente deliziosa, Dio nell'anima e con l'anima contempla sé medesimo e l'anima e tutti i Santi.

Egli è l'udito per il quale l'anima sente le parole di Dio piene di dolcezza ed amorevoli come la più materna tenerezza, e insieme la soave armonia di Dio e di tutti i Santi.

Parimenti in Dio l'anima sente e respira il soffio vivente e divino dei più soavi aromi, il quale da Lui emana e la vivifica per l'eternità.

Dio è il gustò dell'anima, per il quale Egli gusta nella medesima la dolcezza dì sé stesso.

Dio è ancora la voce e la lingua dell'anima, poiché nel modo più completo e più sublime loda sé medesimo nell'anima e per mezzo dell'anima.

Dio è pure il cuore dell'anima per rallegrarla e rapida, godendo Egli medesimo, nell'anima e con l'anima, delle proprie inèbrianti delizie.

Di più, Dio è la vita dell'anima in maniera che ogni azione dell'anima sembra fatta da Dio in lei.

Così nei Santi si trova adempito questo detto: Dio sarà tutto in tutti. Le anime che non sono ancora purificate, dagli angeli ricevono la luce della conoscenza, l'assistenza e la consolazione nelle loro pene.

 

* * *

 

Le anime dei dannati, all'uscire dal loro corpo, sono invase dalle tenebre, dall'orrore, dal fetore, dall'amarezza, dalla pena intollerabile, dall'inesprimibile tristezza, dalla disperazione e dalla miseria infinita. Sono in sé medesime talmente corrotte e prive di ogni bene che, quantunque non avessero a cadere nell'inferno e nel potere del demonio, i tanti mali di cui sono in sé stesse ripiene sarebbero già una tortura sufficiente, perché fossero per sempre misere, infelici ed assolutamente prive di qualunque divino conforto.

 

 

CAPITOLO XX

 

NOME E UTILITÀ DI QUESTO LIBRO

 

Come abbiamo già detto, (libro II, cap. XXV) questo libro venne quasi per intero scritto all'insaputa della Serva di Dio. Ma essendone stata informata da qualcuno, Metilde ne rimase così profondamente rattristata che non si riuscì a consolarla; perciò si rifugiò, secondo il suo costume, presso il suo Signore onde confidargli la sua pena.

Il Signore si degnò di comparirle subito, tenendo questo libro con la sua destra appoggiato sul proprio Cuore. Egli si chinò, sino ad offrire il suo bacio alla sua Serva e le disse: "Tutto quanto sta scritto in questo libro è uscito dal mio divin Cuore e a Lui ritornerà". Poi le sospese al collo il libro e gliela attaccò sulle spalle. Metilde ne concluse che non dovesse prendersi fastidio per questo libro più che se appartenesse ad un altro, poiché era stato scritto per disegno provvidenziale di Dio, senza che ne fosse stata avvertita.

In seguito, interrogò il Signore onde sapere se d'ora innanzi. dovesse astenersi dal manifestare i doni di Dio. Egli le rispose: "Donami secondo la liberalità del mio Cuore generoso; donami secondo la mia volontà e non secondo la tua". Ella ripigliò: "Ma che ne sarà di questo libro dopo la mia morte? Ne risulterà qualche vantaggio?"

Il Signore rispose: "Tutti quelli che mi cercheranno con un cuor fedéle, in questo libro troveranno grande letizia; quelli che mi ameranno, leggendolo s'infiammeranno ancor più di amore per me, e gli afflitti vi troveranno consolazione". L'anima domandò infine qual titolo gli si dovesse dare, è il Signore rispose: "Si chiamerà Libro della grazia speciale".

Da quel momento, Metilde conobbe perfettamente il libro, senza averlo veduto coi propri occhi, ed alla sua confidente ne descriveva persino la copertina di cuoio.

 

* * *

 

Ciò che si contiene in questo libro è ben poca cosa in confronto di ciò che non vi è scritto; perché ho buone ragioni di presumere che la Santa ebbe rivelazioni molto più numerose di quelle che abbia mai voluto manifestare. Ella non parlava se non per gloria di Dio, e solo di quelle cose dove credeva esservi qualche utilità o qualche insegnamento, sopprimendo tante parole amorose, del suo Diletto. Talvolta pure le sue visioni erano tanto spirituali che non avrebbe potuto trovare espressioni per manifestarle.

 

VERACITÀ DI QUESTO LIBRO

 

Durante una messa, il Signore comparve davanti alla sua Serva, seduto sul trono della sua Maestà. Quando suonò la campana per la preghiera segreta, essa disse al Signore:

"Ecco, siete adesso tutt'intero sull'altare nelle mani del Sacerdote, eppure siete tutt'intero qui con me!".

Il Signore rispose: "Non è forse l'anima tua presente in tutte le parti del tuo corpo, eppure sempre nella mia presenza in cielo? se l'anima tua, non essendo che semplice creatura, ha pur questo potere, io che sono il Creatore perché non potrei essere in tutte le creature e dappertutto?"

Nel medesimo istante, sembrò a Metilde che l'anima sua fosse in cielo, alla presenza della santa Trinità, e rivestita di un abito di una bianchezza sfolgorante: Il Signore la innalzò sino al suo seno, la guardò con tenerezza e le disse queste amorevoli parole: "La mia bellezza sarà la tua corona; la mia gioia sarà la tua collima; il mio amore sarà il tuo manto, e le mie delizie saranno il tuo onore".

La fece inoltre dolcemente riposare nel proprio Cuore, dicendole: "Ricevi tutt'intero il mio divin Cuore".

L'anima sentì la Divinità che la investiva a guisa di un torrente impetuoso, e disse: "Quantunque voi mi abbiate ora riempita e in modo maraviglioso illuminata, io nondimeno sono una creatura così meschina che tutto quello che in voi conosco e che posso manifestare agli uomini, equivale appena a ciò che una formica potrebbe rimuovere da una grande montagna".

Ma pensando che in quel libro erano scritte le illuminazioni che Dio si era degnato di darle, disse: "Perché ciò che hanno fatto mi dà gran pena, o amabilissimo mio Dio, benché non dubiti che sia stata la vostra volontà?" Il Signore le rispose: "Perché non sei abbastanza riconoscente per il dono che ti ho fatto".

Metilde ripigliò: "E che cosa mai vi muove a concedere tali doni a me indegnissima e vilissima vostra servente?"

"La mia bontà infinita, disse il Signore; se non ti avessi allettata con simili favori, tu avresti avuto tanta consolazione terrena e poca io ne avrei in te".

Essa ripigliò di nuovo: "Come posso io sapere se tutto quanto è scritto in quel libro sia vero, poiché non l'ho né letto né approvato? E l'avessi pur tetto, non potrei perfettamente fidarmi di me stessa".

Il Signore rispose: "Io sono nel cuore di quelli che desiderano udire da te i miei segreti; io accendo in loro un tal desiderio. Io sono la loro intelligenza quando ti ascoltano, perché intendano ciò che leggono ed odono. lo sono pure nella bocca di quelli che ne parlano e nelle mani di quelli che lo scrivono; in tutto sono il loro aiuto e il loro cooperatore. Perciò è vero tutto quanto dettano e scrivono per me e in me, perché io sono la verità. Non mi hai tu sovente pregato di non permettere. che tu fossi ingannata dallo spirito di errore affinché tu potessi credere alla bontà mia? Sappi dunque che sei stata esaudita".

Metilde vide allora tre raggi uscire dal Divin Cuore ed estendersi nei cuori delle due persone le quali scrivevano questo libro, ciò che dava ad intendere che in questo lavoro erano ispirate e confortate dalla divina grazia ed avrebbero fedelmente scritto questo libro, accettando di buon cuore per la gloria di Dio ogni fatica ed ogni fastidio.

La Santa disse ancora: "Ahimé! o dolcissimo Amico mio, poiché sono stata ingrata per i vostri doni e non vi ho ringraziato come dovevo, desidero che tutti quelli che leggeranno questo libro, a Voi e per mezzo di Voi rendano azioni di grazie per me meschina e miserabile. In questo solo mi consolerò se da tutto ciò risulterà lode a Voi e profitto ai lettori".

Il Signore rispose: "Tutti quelli che leggeranno questo libro, quando per il dono che ti ho concesso reciteranno l'antifona Tibi decus, A Voi la gloria, oppure qualche altra lode, mi rallegreranno come se mi cantassero in cielo dolcissimi inni d'amore; per onorarmi in presenza della santissima Trinità".

 

Un'altra volta, dopo aver pregato il Signore per tutti quelli che avrebbero letto questo libro, ella gli domandò qual merito possano acquistare quelli che amano negli altri i doni di Dio:

"Tutti quelli che amano negli altri i miei doni, rispose il Signore, riceveranno lo stesso merito e la stessa gloria di quelli ai quali ho concesso tali grazie".

 

* * *

 

Che questo libro sia veramente di Dio, che sia stato composto per la sua grazia, che o sia di nome come di fatto, il Libro della grazia speciale, l'abbiamo già esposto sopra. La persona che lo scrisse, secondo quanto sentiva dalle labbra della Santa, o secondò la narrazione di una persona che famigliarmente conversava con lei, ebbe nel sonno, circa tre anni fa, il favore di una visione, nella quale le parve che quèlla anima gradita a Dio della quale tratta questo libro, si comunicasse con gran divozione, e ritornando dalla comunione, tenesse in mano una gran coppa d'oro, lunga un cubito, piena di miele. Ella cantava con voce alta: "Signore mi avete dato cinque talenti, eccovene in più cinque altri che ho guadagnati"; poi, disse a tutti: "Chi vuole del miele della celeste Gerusalemme?"

Tutte le suore che erano in coro, si avvicinavano e ricevevano un favo di miele contenuto in quella coppa. Orbene, la persona che ebbe questa visione si avvicinò, e dalla Santa ricevette un boccone di pane inzuppato di quel miele. Mentre però teneva nelle mani questo boccone ella vide un'altra meraviglia; quel boccone ed il miele cominciarono a moltiplicarsi a segno che il, boccone divenne un pane intero fresco e tenero, mentre il miele avendo inzuppato il pane da ogni parte ne scorreva come olio, non solo nelle sue mani ma ancora su le sue vesti e persino sul suolo che ne restò inondato.

Non credo di tacere neppure il fatto seguente. Le persone che scrissero questo libro, lo tenevano nascosto con gran cura; orbene, un giorno di festa, una di esse, desiderando leggerlo, appena l'ebbe aperto che un'altra le disse con trasporto: "Ebbene, qual tesoro vi è mai in questo libro? Nell'istante in cui l'ho visto, il mio cuore ha risentito tale una emozione che tutto il mio corpo ne ha trasalito.

Giustamente dunque questo libro da Dio ha ricevuto il titolo di Libro della grazia speciale, poiché or ora l'abbiamo visto presentato sotto la forma di un liquore così dolce, e inoltre produce sentimenti così soavi anche in quelli che soltanto lo veggono. Niente, infatti, è più dolce della consolazione della divina grazia; niente commuove ed illumina l'anima cristiana come questa grazia che la rinvigorisce e la conforta per ogni opera buona. Donde queste parole dell'Apostolo: È bene che il Cuore sia rinsaldato dalla grazia (Hebr., XIII, 19). Così pure il Salmista dimostra che le parole di Dio (ed esse abbondano in questo libro) illuminano l'anima, poiché egli dice: La rivelazione delle vostre parole, o Signore dà l'intelligenza ai semplici (Ps. CXVIII, 130),

 

 

AZIONI DI GRAZIE

 

Sia benedetto il Signore, Dio di ogni grazia, la cui volontà ci ha dato la gloria di condurre a termine questo libro che avevamo intrapreso, non già per nostra volontà o per presunzione, ma per consiglio ed ordine della Madre badessa e col consenso del nostro Prelato. La Serva di Cristo cui venne ispirato o rivelato quanto nel medesimo si contiene, l'ha letto, approvato e corretto. Ecco come avvenne questo fatto:

Una: notte, in cui essa stava in orazione, il Signore le apparve con questo libro aperto nella sua mano destra. Metilde riferì questa visione alle due persone. che scrivevano; pregandole di mostrarle. quel volume. Esse rifiutarono, temendo di affliggerla; ma la Santa provò gran pena per il loro rifiuto e disse loro che non avrebbe pace finché non avesse letto il loro manoscritto.

Nella notte seguente, mentre ancora stava in orazione, ella vide la gloriosa Vergine Maria con in braccio un bel bambino e ne udì queste parole: "Ricevi mio Figlio, il Consolatore degli afflitti: Egli ha il potere di raddolcire le tue pene". La Santa con gioia prese il divin Bambino e a lui espose tutto. "Non temere, le disse il Signore; io stesso ho permesso tutto questo, perché questo libro è opera mia. Il dono che hai ricevuto viene da me; e come tu hai ricevuto dal mio spirito, così quelle che hanno fatto questo libro sono state mosse dal mio Spirito a scrivere ed a proseguire nell'opera loro. Non aver dunque nessun timore, non v'è ragione per cui tu debba essere afflitta. Io stesso preserverò questo libro da qualsiasi danno e da ogni errore".

Così il Signore pienamente la rassicurò e disse: "Le tue confidenti, in tutta verità, hanno scritto, seguendo il mio Spirito; tutte le parole di questo libro risplenderanno per sempre davanti ai miei occhi nella loro corona".

Così il Signore la liberò dalla sua pena, e da quel giorno, le venne mostrato il libro secondo il suo desiderio, e gliene venne fatta lettura. Ogni volta che si presentava qualche dubbio, Metilde ne riferiva al Signore, il quale in tal modo si degnò di essere il correttore di questo libro per mezzo della Santa medesima.

 

* * *

 

Una persona interrogò l'anima di santa Metilde affine di sapere quale fosse la sua gloria per il suo dono di grazia speciale e ne ebbe questa risposta: "Questa gloria oltrepassa tutte le altre; l'amore illimitato che ha portato Dio a farsi uomo, mi ha gratuitamente affidato questo dono nella sua potente sapienza, nella sua divina dolcezza e nella sua liberalissima bontà".

Alla domanda se fosse contenta o, meno che questo libro fosse stato scritto, l'anima rispose: "Ne provo tanto gaudio, perché procurerà la lode e l'adempimento della volontà di Dio ed anche il vantaggio del prossimo. Questo libro verrà chiamato: Luce della Chiesa, perché quelli che lo leggeranno saranno illuminati dalla luce della conoscenza, vi riconosceranno da quale spirito siano animati, e gli afflitti vi troveranno consolazione".

Infatti, chiunque ama questo dono, ne riceve la sua parte così realmente come l'anima cui Dio l'ha dato. Se uno dal Re ricevesse un regalo per mezzo di un intermediario, quel regalo gli apparterrebbe in proprio, ed egli ne ritrarrebbe i medesimi vantaggi che se lo avesse ricevuto direttamente dalla mano medesima del Re. Per tali doni Dio richiede per sé solo la lode, la gloria e la riconoscenza.

 

 

CAPITOLO XXI

 

DELL'ANIMA DEL CONTE B.

FONDATORE DEL MONASTERO

 

Nell'intervallo del trentesimo della Beata, celebrandosi l'anniversario del Conte B. fondatore del Monastero, quella persona (S. Gertrude) vide l'anima di lui in un meraviglioso splendore, rivestito d'una tunica di porpora, adorna di tutte le virtù e coperta d'un manto rosso e verde.

La parte rossa portava in ricamo dei circoli d'oro in mezzo ai quali vi erano dei leoni e sul cuore di questi una magnifica rosa; sopra la parte verde erano ricamate In rilievo tutte le virtù del Conte. Questi sul petto portava un gioiello brillante come una stella; infine aveva un mantello d'oro puro e brillante, foderato d'argento, e sul capo una magnifica corona.

La persona che vedeva tutte queste cose, gli disse: "Dove mai avete acquistate tante e tali virtù?" L'anima rispose: "Non già per le opere mie ho ricevuto una tal grazia, ma per la bontà del Signore e per i meriti della Congregazione che tanto amai.

"Questa tunica composta di tutte le virtù, mi venne data nell'avvento di quella regina magnifica che fu la madre badessa Gertrude. Essa entrò nel palazzo del cielo, circondata di gloria, come ricca e potente Regina. Da molto tempo non si era visto entrare nei celesti padiglioni anima così adorna di virtù.

"Di questa veste rossa e verde sono pure debitore ai meriti di questa grande badessa, ma venne tessuta con la vita santa di quelle che le erano sottoposte; il suo colore rosso indica la gloria del martirio che i Religiosi ottengono con una obbedienza sincera, perché chi spontaneamente rinuncia per Dio alla sua volontà propria, immola un'ostia più degna e più gradita che se gli offrisse la sua testa. I leoni figurano le opere forti dell'obbedienza; e le rose, la pazienza che i Religiosi devono conservare in mezzo a tutte le loro opere. Il color verde esprime il vigore delle virtù, e l'ornato in rilievo rappresenta il loro carattere proprio. Ai meriti ,di ciascun. membro del Monastero di cui fui il fondatore sono adunque debitore delle mie splendide virtù.

"Quel gioiello brillante significa il desiderio della venerabile badessa. Simile alla stella che sempre scintilla, questo desiderio non subì mai nessuna interruzione; e la sua intenzione non fu meno pura di una stella, perché sempre e sopra ogni cosa, ella voleva la gloria di Dio e la salvezza del suo prossimo. L'oro e le perle finissime che ornano questo gioiello significano l'intenzione e le opere del suo cuore sotto l'azione di questi desiderii.

"Infine, questo manto d'oro, figura dell'amore e della riconoscenza e questa corona figura della carità, mi vennero dati recentemente dal Signore a motivo dei meriti di quest'aquila ammirabile che ha penetrato nelle inscrutabili profondità dei cieli".

Quella persona disse ancora al Conte: "Spiegatemi quale fu allora il gaudio dei Santi?"

"Quando la Madre badessa si comunicò per l'ultima volta, rispose quel Beato, parve talmente unita al Signore che la vedemmo già nel cielo in Dio, e dalla Divinità uscì un nuovo raggio per illuminare tutti i Santi. In questa luce ci venne dato di vedere la ricompensa e la dignità preparate per quest'anima felice, e da quel momento ci preparammo con grande allegrezza.

"Nel momento del suo felice transito, il Signore col suo alito divino l'attrasse in sé medesimo con ineffabile tenerezza. Tutti i Santi, dal primo sino all'ultimo, erano presenti, e quando il Signore la prese con sé, cantarono in coro: "Prudens et vigilans virgo, qualis es cum sponso illo! Vergine prudente e vigilante, come siete gloriosa con lo Sposo che vi ha eletta!".

"A queste parole "Quam pulchra es! quam mirabilis! Quanta luce spectabilis! Come siete bella! Quanto siete ammirabile! Quale luce brilla in Voi!", quell'anima, traboccante di delizie, dal Divin Cuore si slanciò come la sposa fuori dalla camera nuziale, e stette davanti al trono, sotto il manto medesimo della Divinità della quale era ripiena.

"Quando i Santi cantarono: "Thalamo gaudes, regio, conjuncta Dei Filio: Voi siete accolta come regale sposa, unita come siete al Figlio di Dio", il Signore la prese di nuovo nelle sue braccia e a sua lode melodiosamente cantò: "Ista est speciosa, etc.: Ecco quella che è bella tra le figlie di Gerusalemme: l'avete vista piena di carità e di amore per Dio e per il prossimo: In cubilibus: Nei ritiri nascosti; vale a dire nella contemplazione; Et in hortis aromatum: E nei giardini profumati, vale a dire in quel fruttuoso insegnamento ch'ella elaborava a favore del suo prossimo.

"Intanto tutti i Santi offrivano a Dio i loro meriti in onore della sua sposa, e mentre con loro mi avvicinavo io pure, il Signore mi abbracciò con effusione, mi diede questo manto d'oro, simbolo d'amore e di riconoscenza, a motivo dei meriti della sua Diletta, e pose sul mio capo la corona della carità. Da quel momento il mio amore e la mia riconoscenza verso l'adorabile Trinità ricevettero mi aumento che durerà sempre".

Quella persona domandò ancora: "Che significa quello splendore di cui siete circondata?", L'anima rispose: "In questa luce scorgo la bontà e la misericordia di Dio verso di me, e gusto l'ineffabile dolcezza del suo eterno amore per me".

"Quale profitto, continuò quella, ricevete dagli anniversari che la Congregazione celebra per voi su la terra con canti solenni?"

"Il mio Signore, rispose quell'anima beata, manda alle anime del purgatorio tutto quanto si fa per me, e molte ottengono in tal modo la loro liberazione; Egli mi dona queste anime, come Un imperatore affida le sue truppe ai Principi che comandano i suoi eserciti. Questo sarà per me in cielo un onore eterno".

 

 

CAPITOLO XXII

 

SANTA METILDE E LA MORTE DI SUA SORELLA,

LA BADESSA GERTRUDE

 

 

I

 

Da quarant'anni la madre badessa Gertrude, sorella di santa Metilde, governava il Monastero, quando venne colpita da numerose infermità. Dopo un anno di malattia, perdette anche l'uso della parola. La sua pia sorella temendone prossima la fine, raddoppiò di fervore nella preghiera, affinché il Signore si degnasse disporre ogni cosa, sia secondo il suo beneplacito, sia secondo i bisogni dell'anima dell'inferma. Ma d'un tratto Metilde venne rapita in cielo, dove nello specchio della Divina Provvidenza vide che sua sorella, benché gravemente inferma non sarebbe morta ancora.

Intanto l'esercito dei Santi già stava tutto preparando con allegrezza per il ricevimento di quella grande sposa di Dio.

La Beata Vergine Maria, oltre i suoi splendidi ornamenti, si metteva alle mani dei guanti bianchi come la neve, sopra uno dei quali era ricamata un'aquila d'oro, mentre su l'altro spiccava un leone parimenti d'oro. Questi guanti simboleggiavano l'anima che la Beata Vergine si accingeva ad accogliere solennemente, la quale le rassomigliava sotto tre aspetti in particolare. La sua innocenza verginale era rappresentata dal color bianco dei guanti della Vergine; la sua sublime e profonda contemplazione era raffigurata dall'aquila; e la sua vigorosa costanza nel trionfare dei vizi, era simboleggiata dal leone.

I Patriarchi ed i Profeti preparavano cestini di oro ripieni di vari gioielli, indicando così che quella venerabile badessa con sapienza e fedeltà aveva provveduto ai bisogni spirituali e temporali di tutti i suoi dipendènti.

Gli Apostoli, per farle onore, portavano davanti a sé grandi libri magnificamente ornati, perché ella aveva distribuito ai suoi la sana dottrina, ciò che le conferiva i meriti dell'apostolato.

I Martiri tenevano in mano splendenti scudi d'oro per fargliene omaggio a motivo della sua instancabile pazienza in tutte le avversità, per la quale fu come la loro emula.

I Confessori erano coperti di splendide cappe dalle larghe pieghe, perché la sua vita nel Monastero ed i suoi santi esempi l'avevano elevata alla parità di meriti con loro.

Le Vergini si munivano di aureole e di specchi onde farne l'offerta a quella santa vergine per la sua innocente purezza, e per la lodevole cura con cui sovente aveva esaminato la sua vita nel limpido specchio degli esempi di Gesù. Cristo, rendendosi conto in tal modo del suo progredire nella somiglianza con Dio. Così quell'anima santa aveva meritato di essere riunita alle sante Vergini, anzi di occupare tra quelle un posto eminente.

 

 

II

 

DODICI ANGELI ASSISTONO L'INFERMA

 

In seguito, Metilde, pregando ancora per lei, ne vide l'anima sotto la forma di una casa trasparente, in mezzo alla quale Dio stava seduto, irradiante come un sole attraverso il cristallo. Il Signore disse: "Come tu mi vedi senz'ostacolo attraverso questa casa, così puoi riconoscermi nell'anima di Gertrude in tutte le opere e le virtù della sua infermità, in particolare nella pazienza, nella bontà, nel buon umore, virtù che in lei sono effetto della divina grazia più ancora che dell'indole naturale. lo stesso opero queste virtù in lei per mezzo di lei".

Metilde vide, inoltre, intorno al letto dell'inferma dodici angeli assegnati al suo servizio, i quali senza posa riferivano al Signore tutto quanto avveniva intorno a lei, tanto le virtù ch'ella praticava, come i servizi che le venivano prestati dalle sorelle che l'assistevano. Ai suoi piedi, tre angeli sorreggevano la sua pazienza; e l'inferma ne era largamente provvista a segno che il numero di dodici angeli non era troppo per lodarne il Signore Iddio. Alla sinistra, tre Arcangeli le ispiravano buona volontà, intenzioni pie e santi desiderii. Alla destra, tre angeli del coro delle Dominazioni accoglievano l'onore, la venerazione e la carità che le suore dimostravano all'inferma e tutto portavano con gioia alla presenza del Re supremo.

Metilde temeva di cedere ad un sentimento troppo umano nello stare volentieri presso la sorella, e se ne rimproverava come di un peccato; consultò dunque il Signore, il quale le rispose: "Non hai commesso nessuna colpa. I suoi sensi, i suoi movimenti, tutti i mezzi di peccare le sono ormai tolti; e l'ho posta in uno stato in cui nulla in lei può dispiacermi. Inoltre, in nessun luogo, fuorché nel Sacramento dell'Altare, tu mi troverai con maggior verità e certezza che in lei e con lei; in lei troverai pure una piena conformità con le mie virtù e la mia vita.

"Io mi dimostrai sempre benigno, mansueto, amabile con i miei discepoli e con tutti gli uomini: così pure Gertrude si comporta coi suoi dipendenti e con tutti quelli che vengono a visitarla.

"Io sopportai con dolce mansuetudine e lieta pazienza ogni sorta di ingiurie e di sofferenze; così pure questa mia sposa, con cuore dolce e contento sopporta le malattie ed i dolori.

"Nella mia estrema liberalità lasciai nelle mani dei miei carnefici tutto ciò che possedevo; così pure, con la liberalità di cuore nella quale sempre si distinse Gertrude si spoglia di tutto ciò che le appartiene".

 

 

CRISTO GESÙ RICEVE SÈ STESSO IN GERTRUDE

 

Un'altra volta, mentre Gertrude stava per comunicarsi, Metilde pregò il Signore che si degnasse ricevere sé medesimo in lei e offrire, Lui medesimo, a Dio Padre un degno tributo di lode e di azioni di grazie, poiché l'inferma non poteva parlare.

Il Signore rispose: "Non sono forse io obbligato a comportarmi così? Anche un ladro, se volesse dimostrarsi giusto, così farebbe, restituendo l'oggetto rubato o rendendone l'equivalente. lo le ho tolto l'uso della parola: da me stesso adunque adempirò al centuplo ciò che ella non può fare".

Parve a Metilde che il Signore stesse alla destra dell'inferma, rivestito di un manto d'oro guarnito di fiori verdi, e che amorevolmente prendendola nelle sue braccia, le desse un bacio dicendo: "Ricevine migliaia di mille, o mia sposa".

Il vestito d'oro del Signore figurava l'amore del suo divin Cuore; i fiori verdi, la freschezza e la fioritura delle virtù di Gertrude. Sul suo petto brillava una magnifica rosa la quale sembrava pure di color verde; l'inferma si trastullava con questo fiore, il quale significava il completo abbandono ch'ella aveva sempre praticato in ogni circostanza.

 

 

* * *

 

Un'altra volta, Metilde, dopo la santa Comunione disse ancora al Signore: "Vene supplico, o mio Signore, vi sovvenga dello zelo con cui la vostra Serva, ora con carezze, ora con minacce, eccitava le Suore alla frequente comunione. Adesso che per la malattia non può ricevere il vostro corpo adorabile, degnatevi dunque di darvi Voi medesimo a lei in quel modo che meglio convenga alla vostra regale liberalità".

"Il Signore rispose: "Gertrude. mi possiede come Sposo, amIco fedele ed unico consolatore". - "Come mai può dirsi, o mio Signore, replicò Metilde, che Voi siate l'unico suo consolatore, poiché quando da altri riceve qualche servigio o qualche piccolo dono, tutto accoglie con un sorriso che denota una certa qual soddisfazione? Non sembra forse che si compiaccia ancora nelle cose terrestri?"

"Ma non osservi tu, replicò il Signore, che quando voi perché non intendete i suoi segni fate il contrario di ciò che domanda, nondimeno vi sorride con altrettanta bontà come se le aveste fatto un gran bene? Sappi dunque che è così fermamente stabilita in me, che davanti a tutto ciò che le accade, sia piacevole, sia penoso, ella serba sempre il medesimo contegno".

 

* * *

 

Un'altra volta, ancora, mentre Gertrude stava per comunicarsi, Metilde vide il Signore Gesù sotto la forma di un bello e nobile giovane dell'età di dodici anni circa. Col suo braccio destro, Egli. abbracciava quella sua sposa dicendo: "Ti ho preso la mano destra, facendomi tuo cooperatore in tutte le tue opere; ti ho preso il piede destro divenendo la tua guida; ti darò lo splendore di una perpetua verginità; la gioia e l'allegrezza in compenso delle tue infermità; l'agilità perfetta invece dell'attuale gravame del tuo corpo. Infine tu mi godrai in un'eterna felicità".

 

IV

 

FELICE TRANSITO DI GERTRUDE

 

Essendo Gertrude vicina ad entrare in agonia, il Signore sembrò venire frettoloso ad incontrarla con la Beata Vergine Maria alla sua destra e il discepolo prediletto San Giovanni alla sinistra; i cittadini della Corte celeste giungevano pure in folla, specialmente le legioni delle Vergini; queste, in quel giorno, parvero riempire la casa e frammischiarsi alle Suore, le quali stettero tutta la giornata presso la loro moribonda madre, singhiozzando e pregando.

Frattanto, il Signore Gesù sembrava con gesti dimostrare alla santa moribonda tanto affetto che l'amarezza della morte ne dovette per lei essere molto raddolcita. Quando nella lettura del Passio si giunse a queste parole: Chinando il capo, rendette lo spirito (Joann. XIX, 30), il Signore, quasi non potesse più a lungo trattenere l'ardore del suo amore, si chinò verso la morente e, con ambe le mani, aprì sopra di lei il suo divin Cuore.

Stava dunque per suonare l'ora in cui lo Sposo celeste, Figlio regale del Padre Onnipotente, avrebbe ricevuto la sua diletta. Liberata, dopo lunghi sospiri dal terrestre carcere del corpo, ella se n'andava a riposare con Lui nel talamo dell'amore.

Quell'anima felice, prese il volo con un inestimabile gaudio verso quel sovreminente Santuario, cioè verso il dolcissimo, Cuore che Gesù Cristo le apriva con tanta letizia e fedeltà. Ciò ch'ella udì, ciò che risentì in. quel Cuore, la felicità che la sovrabbondanza della misericordia fece penetrare in lei, dopo averle dato il privilegio speciale d'esservi trasportata con un tal mezzo, chi tra i mortali potrebbe mai immaginarlo?

Con quali delizie lo Sposo sempre brillante di giovinezza, l'introdusse nella sua dolce intimità? Con quali trasporti di allegrezza le fecero corteo, i Santi che le apportavano corone di gaudio? Quali lodi accompagnarono una tal beata glorificazione? Sono meraviglie che la debolezza umana non può neppure tentare di esprimere; non ci rimane che di innalzare a Dio, Autore di ogni cosa, il canto di giubilo e quello dell'azione di grazie, in unione coi cittadini del cielo.

 

* * *

 

In mezzo alla tristezza della loro desolazione, le suore ad alta voce rivolsero al cielo le loro lodi, ed alla loro madre rappresentarono il loro abbandono, cantando in suo onore il responsorio: Surge Virgo. Ma a queste parole: Quae pausas sub umbra Dilecti: Tu, che riposi all'ombra del tuo Diletto, si sentì la defunta badessa rispondere: "Non mi basterebbe riposare all'ombra del mio Diletto; sul suo Cuore medesimo sto riposando con dolcezza, sicurezza e pace".

 

* * *

 

In seguito, Metilde mentre si trovava in orazione, vide ancora l'anima della sorella tutta raggiante di gloria. Il Padre dell'Ordine, san Benedetto la precedeva con una mano tenendo il pastorale e con l'altro braccio circondando con amore e venerazione l'anima, di quella sua figlia beata. Egli la condusse così sin davanti al trono dell'adorabile Trinità dove con voce ammirabile, sur una indescrivibile melodia cantò il Responsorio Quae est ista. Poi il Signore chinandosi con amore verso di lei, le disse: "Sii la benvenuta, figlia mia bellissima". Ma la beata, sempre fedele, pregò il Signore per la Comunità che le era stata affidata.

Metilde le disse: "Sorella carissima, che volete ch'io dica da parte vostra alle vostre figlie? - Dirai loro, rispose quella beata, che amino con tutta l'anima il Diletto del mio Cuore, e che non preferiscano mai nulla al suo amore". Metilde ripigliò: "Raccomandateci tutte al Signore poiché la vostra sorte è così beata". "Sì, rispose Gertrude, raccomando le mie figlie onde giungano a questo dolcissimo riposo dove vivo con tanta sicurezza, vale a dire, nel dolcissimo Cuore di Gesù Cristo".

 

* * *

 

Sembrò pure alla Serva di Cristo che in sogno salutasse l'anima della sua defunta sorella con queste parole: "Ti saluto, sposa di Cristo, nell'amore di cui sei stata accesa quando la prima volta hai contemplato la faccia e la bellezza di Dio tuo Creatore, nella rivelazione della sua gloria. Ti saluto, Vergine di Cristo, nelle tue delizie, quando per una perfetta esperienza hai conosciuto l'amore inestimabile con cui Dio ti ha amata da tutta l'eternità. Ti saluto nella tua fulgente bellezza quando dalla mano del Signore tuo Amico e tuo Sposo hai ricevuto il premio eterno di tutte le tue opere". Dette queste parole, pensava come mai avesse osato salutare in questo modo l'anima di una persona non canonizzata. Nella sua perplessità, consultò il Signore, il quale si degnò di rispondere: "Hai fatto bene; perché essa è l'onore della mia onnipotenza, lo splendore della mia sapienza, la delizia della mia divina bontà".

Un'altra volta, la Santa vide quell'anima in mezzo ad. un coro il quale eseguiva una mirabile danza in una meravigliosa gloria. Un ornamento di bellissimi capelli ne rialzava la bellezza e la giovinezza. Il Signore Gesù, suo nobile e brillante Sposo, la teneva per mano e diceva: "Più numerose dei suoi capelli sono le sue virtù!".

Un'altro giorno la vide ancora nella gloria e le domandò quale ricompensa ella avesse ottenuta per la sua divota abitudine di recitare così spesso il Salmo Laudate Dominum omnes gentes, soprattutto nelle feste della Risurrezione. Per tutta risposta, quell'anima beata mostrò alla sorella le splendide vesti verdi di cui era ornata. Queste vesti erano cosparse d'innumerevoli stelle d'oro e ornate nelle cuciture di perle bianche alternate con piccoli rubini.

Metilde le disse: "Poiché siete nell'abbondanza di ogni bene, ditemi cosa volete dare a quella Suora che vi ha servito con tanta fedeltà durante la vostra malattia".

Mettendo la mano sopra uno di quei rubini la Beata rispose: "Portale questo da parte mia". Metilde replicò "Voi ben sapete; come io vi vegga qui solo in ispirito; non posso dunque offrirle questa gemma nella sua realtà".

"Il colore bianco, ripigliò l'anima beata, il quale appare su le cuciture delle mie vesti, significa l'Umanità di Gesù Cristo il quale era di una suprema dolcezza e mansuetudine; il color rosso dei rubini figura la Passione dell'Agnello immacolato. Le dirai dunque che confidi nella misericordia di Dio; perché voglio ottenerle dal Signore la mansuetudine e la pazienza nel soffrire per Lui ogni contrarietà".

 

 

APPARIZIONE DI GERTRUDE

NEL TRENTESIMO GIORNO DALLA SUA MORTE

 

Nel giorno trentesimo dalla sua morte, quell'anima beata comparve ancora a Metilde in una gloria nuova e sovreminente. I Principi celesti con le loro schiere la circondavano come di un muro. Tutti avevano in mano dei cembali la cui soavissima armonia accompagnava il canto del versetto: Lodate Dio sui cembali risonanti (Ps. CL, 5).

In mezzo a tale concerto, quell'anima beata venne condotta davanti al trono del Re della gloria, dove il suo dolcissimo Sposò Gesù le rivolse queste parole: "Sii la benVenuta, o mia carissima!".

E subito la Divinità la penetrò di un dolcissimo sentimento, vale a dire ch'ella sperimentò la maniera con cui l'Onnipotenza infinitamente semplice rimira ed ama ogni creatura come se non amasse che quella ad esclusione di ogni altra. Per la pienezza delle sue sovrabbondanti delizie, ella scoppiò in lodi in onore del suo Sposo, e cantò: Anima mea liquefacta est (Cant., V, 6).

Il Supremo Cantore per eccellenza, volle parimenti onorare la sua diletta col celebrarne le lodi, e dal più intimo di sé stesso, da quell'abisso di ogni beatitudine, principio e fine d'ogni perfezione, fece risonare sur un modo melodiosissimo quest'antifona: O Gertrudis! o pia! e tutta la Corte celeste continuò l'antifona: Quam pium est gaudere de te, o Gertrudis, prophetis compar! - O Gertrude, o misericordiosa! Quanto è pio rallegrarsi per causa di te! O Gertrude, emula dei Profeti! Con queste parole ella veniva specialmente lodata per aver avuto tanta fede su la terra ed aver mirabilmente goduto i doni divini.

L'antifona seguente l'esaltava a motivo della dottrina spirituale che aveva distribuita al suo Monastero: Apostolis conserta, etc., Ammessa tra gli Apostoli, perla dei prelati, distinta per la fede e per i meriti, per la pietà, la misericordia e la ineffabile carità; che tu trionfi sempre qui, e davanti a Dio.

Metilde le disse: "Spiegatemi dunque, sorella carissima, cosa sia questa liquefazione di cui cantate: L'anima mia si è liquefatta.

La beata rispose: "Quando l'amore della Divinità entra impetuosamente nell'anima per investirla, agisce con una dolcezza così potente che alla creatura riesce impossibile contenerlo. L'essere allora dell'anima si scioglie e si liquefà, per così dire, onde rifluire poi verso la sorgente donde le è venuta una tale beatitudine".

"Pregate, ripigliò Metilde, pregate per le vostre figlie che su la terra vi circondavano. di un amore così fedele".

"L'ho già fatto e lo farò sempre".

"Che cosa desidera te per loro?"

"Che la soavità dell'amore che sta nel mio cuore riempia pure i loro cuori ed i loro sensi!".

"Che cosa avete ricevuto, continuò Metilde, nel vostro ingresso in cielo?"

"Il Signore Iddio, mio Creatore, mio Redentore e mio Sposo, mi ha presa in sé medesimo e riempita di un'ineffabile gioia. Mi ha: rivestita di sé, di sé mi ha nutrita, ha dato sé stesso a me come Sposo, e mi ha onorata di una gloria inenarrabile".

 

VI

 

NELL'ANNIVERSARIO DELLA MEDESIMA

MADRE BADESSA

 

Nell'anniversario della medesima madre badessa, di dolce memoria, mentre nell'ufficio si cantava il responsorio Redemptor meus vivit, Metilde ne vide l'anima esultante di ineffabile delizia, la quale abbracciava il Signore Gesù e dolcemente a Lui cantava le dette parole. Poi, per divina ispirazione conobbe che in cielo le anime trasaliscono di una inesprimibile gioia che emana dall'Umanità di Gesù Cristo; intese pure che quando con attenzione si cantano quelle parole od altre che si riferiscono alla futura risurrezione degli uomini, quelle anime glorificate ne ritraggono ogni volta un'indicibile felicità, perché ne riconoscono la verità, vedendole, compiute nella Umanità di Gesù Cristo. Gli eletti essendo certi della loro propria risurrezione, pregano per quelli che ancora recitano i Salmi onde essi pure ottengano di aver parte alla medesima felicità. Conobbe inoltre che quelle parole devotamente recitate, hanno per la fede. una virtù che santifica anche i corpi, onde prepararli a godere più degnamente la gloria.

 

* * *

 

Le sembrò ancora di vedere Dio Padre che sedeva con quell'anima ad una mensa regale e le rivolgeva le più amabili parole, ricolmandola delle più delicate carezze, come se la sua unica gioia e le sue uniche delizie fossero quelle di far festa con lei.

Il Signor Gesù, ornato del cinturino a guisa di un giovine figlio d'imperatore, serviva a mensa vari cibi conditi dalla dolcezza dello Spirito Santo.

Tutte le suore venivano in seguito come in processione e piegando il ginocchio con grande riverenza, offrivano dei cofanetti d'avorio, d'argento e di oro, ripieni di meravigliosi aromi. Quelle che risplendevano per la purezza del cuore apportavano i cofanetti di avorio; le più ardenti nel sacrificarsi nel servizio di Dio offrivano i cofanetti d'argento; e le più ferventi nell'amore portavano cofanetti di oro.

Una moltitudine di anime vennero pure con grande letizia a rendere grazie per la loro liberazione a Dio e all'anima cui Dio le aveva donate onde rialzare la gloria della sua festa.

In seguito, tutte le anime della Congregazione formarono attorno a quell'anima beata un circolo a guisa di coro danzante, cantando con gaudio: O Mater nostra etc.: O nostra Madre ecc., ma le loro voci penetravano in una lunga tromba posta nel Cuore di Gesù onde produrre tutte assieme una sola melodia di grande soavità!

L'indomani, durante una messa celebrata ancora per l'anima della medesima, ad un tratto venne in mente a Metilde questo pensiero: "Se fossi una potente regina offrirei a Dio su l'altare, per l'anima della mia diletta sorella, un'immagine d'oro riccamente ornata".

A questo pensiero il Signore rispose: "E che diresti se per me stesso io adempissi fin d'ora e subito il tuo desiderio?"

E il Signore le comparve sotto la forma di un giovine tutto fulgente di regale o piuttosto divino splendore, e le disse: "Eccomi, prendimi e va ad offrirmi secondo il tuo desiderio".

Metilde in un ineffabile trasporto di gaudio e di gratitudine prese il suo Diletto e lo condusse all'altare, Il Signore Gesù offrì dunque sé stesso al Padre suo con tutte le sue virtù, per accrescere il gaudio e la beatitudine eterna di quella sua eletta sposa.

Poi, quell'anima beata, come una regina che ha potere sul suo Sposo, con ardentissimo amore si slanciò negli abbracci del Signore e lo condusse attraverso il coro a tutte le Suore, dicendo a ciascuna: "Ricevi il Signore delle virtù e a Lui chiede le virtù". È quella che vedeva. tutte queste cose disse: "Sorella mia diletta, qual cosa desiderate di più che noi osserviamo?"

"Un'umile sommissione, rispose quella, un'amabile mutua carità, una fedele attenzione a Dio in ogni cosa".

E soggiunse: "Sì, all'Amore darai tutto intero il tuo cuore ed amerai tutti; allora l'amore di Dio e di tutti quelli che abbiano mai amato Dio, sarà tutto per te. Se sarai umile, l'umiltà di Cristo e di tutti quelli che si sono umiliati per il suo nome, sarà in tutta realtà tua proprietà. Se userai misericordia al tuo prossimo, la misericordia di Dio e dei suoi Santi sarà parimenti in tuo possesso; e sappi che così sarà anche di tutte le altre virtù".

 

Per queste cose sia benedetto Dio nei suoi doni e in tutte le sue opere!

LIBRO SESTO

 

 

 

CAPITOLO I

 

DELLA VITA AMMIRABILE DI SANTA METILDE

VERGINE E MONACA DI HELFTA

 

Potremmo aggiungere molte altre cose, in lode e manifestazione di quanto Dio ha operato per mezzo di questa sua devotissima Serva, ma non vogliamo diffonderci di più per timore che il lettore non abbia a stancarsi per la prolissità e la molteplicità delle narrazioni.

Ciò che abbiamo scritto è ben poco in confronto di quello che abbiamo omesso. Unicamente per gloria di Dio ed utilità del prossimo pubblichiamo queste cose, perché ci sembrerebbe ingiusto serbare il silenzio, sopra tante grazie che Metilde ricevette da Dio non tanto per lei medesima, a nostro avviso, ma per noi e per quelli che verranno dopo di noi. Ma siccome non abbiamo detto nulla ancora della degna ed ammirabile vita di un'anima sì venerabile, conviene, prima di finire, dire in qualche maniera delle sue virtù, affine di presentarla come modello a quelli che vorranno camminare su le sue tracce.

Orbene, questa venerabile religiosa ebbe gran cura di custodire la verginità di cui aveva fatto voto fin dall'età di sette anni, con tale una perfetta purità di cuore che fin dall'infanzia si era guardata da ogni minimo peccato. I suoi confessori attestarono non aver mai conosciuto anime così pure ed innocenti come Metilde e sua sorella la Madre badessa. Perciò, dopo averle udito la confessione generale, il confessore non le impose di dire per penitenza che il Veni Creator. Un altro, in simile circostanza le diede per penitenza il Te Deum. Il maggior peccato della sua infanzia, e non lo ricordava mai senza gran dolore, era quello di aver detto una volta che vedeva un ladro nel cortile, mentre non vi era punto. Non si ricordava di aver detto avvertitamente nessun'altra bugia.

Meritamente dunque la paragoneremo, alle Vergini che seguono l'Agnello, poiché potrà seguirlo passo passo dovunque andrà. Per innalzarsi ad una tale sublimità della gloria suprema, l'indispensabile umiltà non le fece difetto più della verginale castità per la quale era unita, con tanta familiarità e dolcezza con l'Agnello verginale e purissimo.

Giustamente l'assimileremo pure ai nostri Padri nella religione, poiché per amore di Cristo disprezzò il mondo ed ogni fiore di mondana vanità, e così bene abbracciò la povertà, che rifiutava anche le cose necessarie. Unicamente in virtù dell'ubbidienza accettò una veste di qualche pregio: le sue altre vesti erano di vilissima qualità; le sue tuniche erano stracciate e rappezzate da ogni parte, mentre avrebbe potuto procurarsene altre a suo piacimento.

Metilde possedette con perfezione tutte le altre virtù religiose: la rinuncia alla propria volontà, il disprezzo di sé, la prontezza nell'ubbidienza, lo zelo nella preghiera. e nella divozione, l'abbondanza delle divo te lagrime, il godimento di un'assidua contemplazione.

Aveva talmente rinunciato a sé medesima ed era così bene immersa ed assorta in Cristo, che in conformità con ciò che si legge di San Bernardo, poco usava dei suoi sensi esterni. Perciò le accadeva talvolta di mangiare uova putride senza neppure avvedersene; l'odorato delle vicine se n'accorse più volte. Ostinatamente rifiutava di toccare alla carne; quelli che conoscevano le sue abitudini gliela mettevano davanti ed ella ne mangiava senza saperlo; ma il sorriso degli ospiti la faceva accorta del suo inganno.

Ella distribuiva la dottrina con tanta abbondanza che non si è mai visto nel monastero ed abbiamo, ahimé! gran timore che non si vedrà mai più nulla di simile. Le suore si riunivano intorno a lei per sentire la parola di Dio, come presso un predicatore. Era il rifugio e la consolatrice di tutti, ed aveva, per dono singolare di Dio, la grazia di rivelare liberamente, i segreti del cuore di ciascuno. Molte persone, non solo nel Monastero, ma anche estranei, religiosi e secolari, venuti da lontano, attestavano che questa santa vergine li aveva liberati dalle loro pene e che non avevano mai provato tanta consolazione come presso di lei. Compose inoltre ed insegnò tante orazioni che se venissero riunite, eccederebbero il volume di un salterio.

Fu talmente provata da dolori e da infermità che giustamente si può associarla ai Martiri; inoltre, affliggeva il suo corpo con durissime penitenze onde ottenere la salvezza dei peccatori. Una volta, nei giorni che precedono la quaresima, sentì che il popolo cantava vane e cattive canzoni; infiammata dallo zelo di Dio e compresa da compassione, cosparse il suo letto di pezzi di vetro e di altri acuti frammenti e, per offrire almeno al Signore una riparazione, vi si rivoltolò sino a rimanerne tutta lacerata, a segno che il suo sangue scorreva da ogni parte, e per il dolore non poté per molto tempo né giacere, né sedersi.

Nel tempo della Passione del Signore, era talmente commossa che non poteva parlarne senza lagrime. Spesse volte quando la sua conversazione aveva per argomento la Passione o l'amore di Gesù Cristo, s'infiammava di tale fervore che il suo viso e le sue mani apparivano di fuoco. Questo ci porta a credere che più d'una volta ella abbia in ispirito vérsato il suo sangue per amore di Gesù.

 

* * *

 

Al pari di quegli uomini eletti che furono gli Apostoli, i quali servivano Gesù Cristo notte e giorno, ne ascoltavano gli insegnamenti pieni di dolcezza e godevano della sua presenza, questa divota discepola di Cristo, con gli occhi dell'anima contemplava Dio a faccia a faccia, e veramente ogni giorno fruiva con Lui di una soave conversazione. Come discepola e figlia prediletta, da Lui medesimo era istruita in tutto quanto aveva desiderio o necessità di sapere; era infatti, continuamente unita al Signore e gli aveva fatto della sua volontà un'offerta così perfetta, che dopo la sua professione, come ella medesima riferì, non ebbe mai in nessuna circostanza; altra volontà che il beneplacito di Dio.

Le parole del Vangelo erano per lei un alimento meraviglioso ed eccitavano nel suo cuore sentimenti di tale dolcezza che sovente per l'entusiasmo non poteva terminarne la lettura e talvolta cadeva in deliquio. Il modo con cui leggeva quelle parole, era così fervente che in tutti eccitava la divozione. Così pure, quando cantava in coro, era tutta assorta in Dio, trasportata da tale ardore che talvolta manifestava i suoi sentimenti con i gesti, distendendo le mani od elevandole verso il cielo. Altre volte, come rapita in estasi non sentiva quelli che la chiamavano o la muovevano ed a mala pena riprendeva il senso delle cose esteriori.

 

* * *

 

Dotata dello spirito di profezia, più d'una volta predisse il futuro. Una signora trovavasi in gran timore per il suo marito, perché i suoi nemici gli preparavano un'imboscata, avendo deciso di aspettarlo su la strada e di tenerlo schiavo sicché non avesse consentito a liberare i loro prigionieri. Questa signora si raccomandò alla Serva di Cristo, ed ella dopo avèr pregato le rispose: "Ho visto il Signore, la sua mano era dura come l'osso, e diceva: "Non si può ferire questa mano; parimenti i suoi nemici non potranno fargli nessun male". Dopo questa risposta, quella signora riprese fiducia, perché più volte aveva riconosciuto la verità delle parole di Metilde, e se, ne ritornò in pace. Appena era rientrata in città, che i nemici sopravvennero ed assediarono il suo castello, ma invano.

La medesima Signora un'altra volta raccomandò di nuovo alla Serva di Dio la salvezza del suo marito di cui i nemici erano ancora numerosi; Metilde con un tono profetico rispose: "Avversità e pericoli non gli mancheranno, ma il Signore lo preserverà dalla prigionia come dalle ferite". Il fatto giustificò la profezia, perché quel signore scampò spesse volte, per miracolo, dal pericolo di cadere in mano dei suoi nemici.

 

* * *

 

Ed ora cosa diremo ancora? Non possiamo forse paragonarla agli Spiriti angelici? Unita su la terra con gli Angeli per un vincolo di stretta amicizia, raramente era priva della loro presenza, e ci sembra che abbia esercitato l'ufficio affidato a ciascuno dei loro cori.

Assomigliava agli Angeli, il cui ministero è di servire, poiché con la sua compiacente carità e là sua affabilità prodigava agli infelici la compassione, ai peccatori la preghiera, ai tiepidi lo stimolo della correzione, agli ignoranti le sapienti istruzioni.

Alla maniera degli Arcangeli, per molti col suo misericordioso intervento fu messaggera presso il Signore.

Non rassomiglia forse alla Virtù, poiché fu illustre modello di tutte le virtù?

Possiamo paragonarla alle Poteste perché: la onnipotente Maestà spesse volte si rimetteva nel suo potere e la rendeva oltremodo potente contro il demonio. Questi infatti, un giorno se ne lagnò dicendo ad altra persona in un'apparizione, che le orazioni di Metilde ogni giorno gli rapivano molte anime.

Metilde merita pure un posto a lato dei Principati, poiché, simile ad un principe della milizia celeste, si univa a sua sorella la venerabile Madre badessa, per governare il Monastero con grande sapienza e regolarità tanto nelle faccende temporali come nelle cose spirituali.

Si può con verità associarla con le Dominazioni. Sì, dominava sopra i propri sentimenti, dirigendoli tutti la Dio; dominava sul proprio cuore con una vigile e continua custodia; dominava sopra le proprie azioni, compiendole tutte per amore di Dio.

La serenità e la perfetta purità del suo spirito le meritano il nome di tranquillo e delizioso Trono del Signore. Piena di grazia, a chiunque venisse ad interrogarla significava come dovesse vivere e comportarsi, a segno che sembrava rendere oracoli con la bocca di Dio che in lei risiedeva.

Ai Cherubini si potrà giustamente paragonarla, perché immersa sovente nella fonte della sapienza e penetrando nelle profondità della luce, a guisa di un sole splendente nella Chiesa di Dio, con la scienza e la dottrina illuminava quelli che a lei ricorrevano. Sovente ci confidò che durante la salmodia recitata o cantata, il Signore, d'un tratto le dava l'intelligenza di verità a lei prima sconosciute.

Ma soprattutto ai Serafini conviene paragonare questa vergine angelica. Sovente, infatti, era unita immediatamente con l'Amore medesimo che è Dio; sovente Dio se la strinse con tenerezza sul suo Cuore infuocato, a segno che divenne con Lui un solo spirito di fuoco. Quando parlava di Dio il suo linguaggio era tutto grazioso; ma quando si trattava dell'amore, lo faceva con tanto ardore che ne restavano infiammati tutti quelli che la udivano. Perciò si può dire di Metilde come di Elia, che le sue parole ardevano come una fiaccola (Eccl. XLVIII, 1).

Nelle sue infermità era talmente mansueta, benigna, allegra e paziente in tutto, che rallegrava e consolava tutte le sorelle che la servivano o la visitavano. Aggravata di dolori estremi, era sempre allegra come se nulla fosse.

Non la si vedeva mai oziosa, ma sempre occupata o in lavori manuali, o nel fare orazione, o nell'insegnare o nel leggere.

Abbiamo scritto queste poche cose per lodare la Sua vita e paragonarla ai Santi, coi quali su la terra era unita così strettamente che frequentemente godeva della loro presenza, soprattutto nel giorno della loro festa. Ma nessuno pensi che sia sconveniente paragonare a tutti i Santi questa Vergine in questo tempo, in cui noi già vediamo la fine dei secoli, vale a dire la faccia di tutti i vizi e il disgusto da ogni bene.

San Gregorio, commentando Ezechiele, dice: "Dio si degna d'illuminare sempre più gli uomini con una conoscenza superiore e rivela sempre meglio i suoi segreti: col tempo si accresce l'intelligenza delle cose spirituali": Richiamando questo passo di Daniele su la fine dei tempi: Molti passeranno e la scienza si moltiplicherà, il santo Dottore aggiunge: "Mosè ne seppe più di Abramo; i Profeti più di Mosè; gli Apostoli più dei Profeti". Davide attestava pure di sé stesso la medesima cosa dicendo: Io ho conosciuto e inteso le meraviglie di Dio, più di quelli che mi furono maestri e più dei miei antichi predecessori.

Nelle vite dèi Padri si legge questa profezia su l'ultima generazione: "Gli uomini di quel tempo saranno negligenti, ma fra loro molti saranno tanto perfetti che saranno migliori di noi e dei padri nostri".

 

CAPITOLO II

 

ULTIMA INFERMITÀ DI SANTA METILDE

 

Quest'umile e divota Serva di Nostro Signore Gesù Cristo, questa tenera madre e dolce consolatrice di noi tutti, di cui abbiamo scritto in questo piccolo libro, dopo aver passato cinquantasette anni nella vita religiosa, praticando in sommo grado tutte le virtù, venne per tre anni colpita di continui dolori che l'avviarono verso la sua fine.

Infatti, nella penultima domenica (dopo la Pentecoste) Si iniquitates, mentre questa eletta di Dio per l'ultima volta prima della sua morte aveva ricevuto il vivificante sacramento del corpo e del sangue di Gesù Cristo, una persona di grande pietà e divozione vide, davanti all'inferma, Gesù Cristo, il quale con molta tenerezza diceva a Metilde: "Onore e gioia della mia Divinità; corona e premio della mia Umanità, delizia e riposo del mio Spirito, vuoi tu ora venir meco e dimorare sola con me? Non sarebbe forse questa la soddisfazione del tuo desiderio come del mio?"

Ella rispose: "Signor mio Dio, più che la mia salvezza desidero la vostra gloria. Perciò, ve ne supplico, lasciate ch'io adempia ancora coi patimenti ciò che, per essere io debole creatura, ho trascurato nelle vostre lodi".

Il Signore accolse favorevolmente questa risposta e disse: "Perché tu hai fatto questa scelta, avrai ancora con me questo tratto di somiglianza: Io accettai volontariamente e sopportai i patimenti della Croce e la morte per la gloria di Dio Padre e la salvezza del mondo. Come ogni mio patimento attraversò il Cuore del divin Padre mio, così le tue sofferenze e la tua morte penetreranno sino al fondo del mio Cuore e contribuiranno alla salvezza del mondo intero".

Un'altra persona sentì pure che il Signore la chiamava in questi termini: "Vieni, eletta mia, colomba mia, mio campo fiorito dove trovo tutto ciò che desidero; mio bel giardino dove il mio Cuore gusta le sue delizie, dove fioriscono le virtù, si innalzano gli alberi delle opere buone e scorrono le acque delle devote e frequenti lacrime; giardino che fu sempre aperto ad ogni mia volontà. In te io mi ritiro quando i peccatori irritano la mia collera, della tua acqua mi inebrio onde dimenticare le ingiurie che mi vengono fatte".

 

* * *

 

Il Signore si rivolse allo spirito di una persona che stava pregando e le diede l'incarico di avvertire Metilde onde si preparasse a ricevere l'Estrema Unzione; assicurandole da parte di Dio, che in virtù di questo salutare Sacramento, Colui che è il più vigilante degli amici se la prenderebbe in seno onde metterla al sicuro da ogni colpa: Così, un pittore quando abbia finito un quadro, veglia con cura perché questo non venga macchiato dalla polvere.

 

I SANTI, AL MOMENTO DELL'UNZIONE,

LE DIEDERO IL FRUTTO DEI LORO MERITI

 

Venne rivelato a tre persone che il Signore medesimo era presente, sotto forma di un nobile fidanzato, per conferire alla sua eletta quel sacramento di vita. Una di quelle, nel momento in cui il Sacerdote faceva l'unzione su gli occhi dell'inferma, vide che il Signore rivolgeva alla Santa uno sguardo che compendiava tutta la tenerezza di cui il suo divin Cuore era stato mai commosso per lei. Poi, in un raggio di luce divina, le comunicò tutto lo splendore dei suoi santissimi occhi con tutte le loro operazioni. Sembrava allora che dagli occhi dell'inferma scorresse un olio profumato proveniente dalla sovrabbondante misericordia di Dio. Questo dava ad intendere che il Signore, per i meriti di Metilde, a tutti quelli che l'avrebbero invocata con fiducia, avrebbe dato largamente il soccorso della sua consolazione. Un tal dono, la Santa l'aveva meritato con la bontà e la carità verso tutti.

Quando le vennero fatte le altre unzioni, il Signore le comunicò parimenti le azioni che, Egli aveva fatte per mezzo di ciascuno dei suoi sensi. Ma, all'unzione delle labbra, questo Amante geloso diede alla sua sposa un bacio della sua bocca, più dolce del miele: e nel medesimo tempo le comunicò tutto il frutto ossia tutti i meriti della sua sacratissima bocca.

Alle Litanie: mentre si recitava questa invocazione: Voi tutti, Santi Cherubini e Serafini, pregate per lei, quella persona vide i Serafini ed i Cherubini che si scostavano, per così dire, con grande riverenza ed allegrezza, onde offrire tra di loro il posto che conveniva a questa eletta di Dio. Pensavano senza dubbio che avendo ella condotto sulla terra, nella pratica della santa verginità, una vita non solamente angelica, ma più elevata ancora, perché dalla sorgente medesima di ogni sapienza, con i Cherubini, aveva attinto le acque dell'intelligenza spirituale, e nelle strette del suo amore aveva come gli ardenti Serafini abbracciato Colui che è fuoco consumante (Deut. IV, 24), era giusto che occupasse un posto tra quegli Spiriti che più delle altre creature sono vicini alla divina Maestà.

Ciascun Santo, quando nelle Litanie veniva invocato il suo nome, con profondo rispetto si alzava tutto lieto e piegava le ginocchia deponendo nel seno di Dio i suoi meriti, come un ricchissimo dono che il Signore faceva alla sua diletta per accrescerne la gloria e la felicità.

Terminate le unzioni, il Signore, con tenerezza prese l'inferma nelle sue braccia e ve la sostenne per due giorni, in modo che la piaga del suo dolcissimo Cuore era applicata contro le labbra della inferma, la quale da quel divin Cuore sembrava trarre il suo respiro e in Lui rinviarlo.

 

 

CAPITOLO III

 

DEL GRANDE FERVORE DEL SUO ZELO

PER TUTTI GLI UOMINI

 

Era dunque vicina per Metilde l'ora felice in cui il Signore aveva decretato di dare alla sua eletta, dopo tante sofferenze nelle malattie, il sonno tranquillo dell'eterno riposo.

Nella feria terza, vigilia di santa Elisabetta, prima di Nona si vide chiaramente che entrava in agonia. La Comunità, devotamente radunata, aspettava con tristezza la partenza di questa dilettissima sorella, e l'assisteva con le sue preghiere.

Una delle suore, rapita in un ardente trasporto di divozione, vide l'anima di lei sotto la forma di un'elegante giovinetta che stava davanti al Signore e respirava attraverso l'apertura della sacratissima piaga del dolcissimo Cuore di Lui. Il divin Cuore, sotto l'impulso della sua bontà e della sua illimitata tenerezza, ad ogni respiro che riceveva, versava i flutti di grazia di cui traboccava, sopra tutta la Chiesa e in modo speciale sopra gli astanti.

Quella che vedeva queste cose conobbe che ciò avveniva perché la beata inferma, per dono di Dio, si era sempre con divota intenzione conservata piena di fervente zelo per il bene di tutti, vivi e morti.

Il Signore, in virtù dei meriti di lei fece allora una larga distribuzione dei doni della sua grazia.

 

 

CAPITOLO IV

 

DI UN VAPORE CHE SEMBRAVA USCIRE

DALLE MEMBRA DELL'INFERMA

 

Recitandosi l'orazione: Ave Iesu Christe, a queste parole: Via dulcis: Dolce via, il Signor Gesù, Sposo delle anime che lo amano, sembrò diffondere le ricchezze della sua Divinità su la strada in: cui stava per camminare quella sua sposa, onde attrarla più dolcemente a sé.

La Santa nella sua agonia non diceva che queste parole: "O buon Gesù! O buon Gesù!", manifestando così che aveva nel più intimo del suo cuore Colui del quale il nome le ritornava continuamente su le labbra, in mezzo a crudeli dolori dei quali i suoi gesti attestavano la violenza.

Frattanto, ognuna delle Suore le faceva le sue raccomandazioni, affidandole i propri bisogni e quelli delle persone care. La Santa, non potendo più parlare, rispondeva con debolissima voce: "Volentieri", oppure "Sì", mostrando così con quale sentimento presentasse tutte le loro domande al Diletto suo Signore. Nell'ultimo momento, non potendo articolare nessuna parola, tuttavia continuava ad esprimere la sua tenerezza verso le sorelle e gli amici spirituali, levando amorosamente verso il cielo gli occhi o le mani.

La medesima persona di cui sopra, vide innalzarsi dai membri più sofferenti di quella beata inferma una specie di leggero vapore che penetrava nell'anima di lei e la purificava, la santificava e la disponeva alla beatitudine eterna. Ma quella persona si propose di tener segreta questa visione per la paura di attirare sopra di sé l'attenzione; da quanto diremo si vedrà come un tal proposito fosse contrario alla volontà di Dio, perché é gloriosa per lui la rivelazione delle sue parole (Tob. XII, 7); Egli ha detto pure nel Vangelo: Ciò che sentite con l'orecchio, predicatelo sopra i tetti (Matth. X, 27).

Infatti, durante i Vespri, Suor Metilde, di felice memoria, sembrò di nuovo così vicina a spirare che la Comunità, richiamata dal coro, omise i suffragi onde recitare presso l'inferma le preci d'uso. Ma durante questo tempo, quella persona di cui sopra, malgrado l'applicazione dei suoi sensi interni, non poté veder nulla di ciò che facesse il Signore rispetto alla sua eletta; dovette quindi rientrare in sé medesima, riconoscère la sua colpa e cancellarla col pentimento; poi promise a Dio di rivelare, per gloria di Lui e per consolazione del prossimo, tutto ciò che Egli si sarebbe ancora compiaciuto di manifestarle.

Dopo Compieta, per la terza volta la morte di Metilde sembrò imminente. Allora la medesima persona, rapita in ispirito, vide di nuovo l'anima dell'inferma sotto la forma di una graziosa ed amabile giovinetta, adorna di nuovi splendori per le sofferenze che in quel giorno aveva sopportate. In un rapido slancio l'anima della moribonda si gettava al collo del Signore Gesù, suo Sposo, stringendolo in un amoroso abbraccio, e simile ad un'ape che vola da un fiore all'altro, raccoglieva una voluttà speciale in ciascuna delle piaghe del Signore.

Durante la recita del responsorio: Ave Sponsa Virginum, Regina, Rosa sine spina, la Regina delle Vergini, la Rosa senza spine, Maria Madre di Dio, veniva a preparare sempre più l'anima dell'inferma al godimento delle delizie della Divinità.

Il Signor Gesù prese i meriti della sua immacolata Madre Vergine, ne formò una, specie di gioiello arricchito di splendenti gemme, e lo sospese al collo dell'inferma, donandole come alla Verginale Madre sua, lo speciale privilegio di essere chiamata vergine ed insieme madre; perché per un casto amore ella aveva generato nel cuore di molti una costante memoria del Signore.

 

 

CAPITOLO V

 

CRISTO IN UN MODO AMMIRABILE

SALUTA QUELL 'ANIMA BEATA

 

Al Mattutino nella notte di Sant'Elisabetta, il volto dell'inferma si alterò completamente. Non si aspettava più che il suo ultimo sospiro; il Mattutino venne interrotto e la Comunità in tutta fretta si radunò di nuovo intorno alla Santa.

Il Signore, apparve nello splendore della sua divina virtù, sotto la forma di uno sposo coronato di gloria e di onore, adorno dello sfolgorante fulgore della sua Divinità. Con isquisita tenerezza disse alla moribonda queste parole: "Ora, o mia diletta; ti esalterò davanti ai tuoi prossimi, cioè davanti alla tua Congregazione che tanto mi è cara". Poi salutò quell'anima veramente o beata in una maniera misteriosa, superiore all'intelligenza umana, inaudita fin dal principio dei secoli; la salutò per tutte le piaghe del suo sacratissimo corpo (di cui si dice che siano cinquemila quattrocento novanta). Da ciascuna di queste piaghe simultaneamente emanavano una dolce armonia, un benefico vapore, un'abbondante rugiada ed una deliziosa luce. Il Signore che si nascondeva, per così dire, sotto queste diverse forme, chiamava l'anima e la salutava come di passaggio.

Ora, quella dolce, armonia oltremodo superiore a quella degli organi più perfetti, ricordava tutte e singole le parole che l'eletta di Dio, durante la sua vita, aveva rivolte al Signore per la propria consolazione o al suo prossimo per amore di Dio. Queste parole che nel divin Cuore avevano fruttificato al centuplo, attraverso ciascuna delle piaghe di Gesù Cristo, ritornavano come premio alla eletta medesima.

Quel vapore meraviglioso significava i suoi desiderii della gloria di Dio e della salvezza del mondo per la gloria di Dio e secondo il desiderio medesimo di Dio; quei desiderii, coi loro molteplici effetti venivano pure dati in premio alla eletta di Dio per mezzo delle piaghe del Signore.

Quell'abbondante rugiada esprimeva il suo amore per Dio e per le creature per amore di Dio. Per le piaghe del Signore, questo amore ritornava a fortificare la sua anima e a procurarle ineffabili delizie.

Da ultimo, quella sfolgorante luce significava le sofferenze del corpo e dell'anima ch'ella aveva sopportate dall'infanzia sino a questo giorno, le quali erano superiori alla capacità naturale della creatura; ma nobilitate per la loro unione con la Passione di Gesù Cristo, all'anima dell'eletta conferivano la santità e la rendevano atta alla divina gloria.

Tuttavia, l'eletta avendo gustato un certo riposo nel godimento di quelle celesti delizie, non morì ancora, ma continuò ad aspirare verso i beni ineffabili che il suo divino Sposo le preparava.

Il Signore intanto con generosa abbondanza diffondeva su tutte le astanti la rugiada della sua divina benedizione, dicendo: "Mosso dalla mia propria benignità, ho risentito in me stesso una grande letizia nel mio cuore, vedendo tutti i membri di una Comunità che mi è tanto cara assistere a questa mia ammirabile trasfigurazione. N e riceveranno nei cieli, davanti a tutti i miei Santi, tanto onore quanto ne ebbero i miei tre Apostoli Pietro, Giacomo e Giovanni, i quali di preferenza agli altri, scelsi perché fossero testimoni della mia Trasfigurazione sul monte".

La persona che aveva il favore di questa visione disse allora: "Signore, come mai que­sta dolce benedizione e quest'abbondante effusione di, grazie possono giovare alle persone che interiormente non le gustano?"

Il Signore si degnò rispondere: "Quando un uomo dal suo padrone riceve la concessione di un orto dove abbondano alberi fruttiferi, non può, conoscere il gusto dei frutti di queste piante prima del tempo della loro maturità. Così, quando diffondo sopra qualcuno il dono della mia grazia, egli non percepisce nessun diletto interiore prima di aver rotto per così dire, con la pratica delle virtù esteriori, la dura scorza dei diletti terreni sotto la quale meriterà di trovare e di gustare l'armandola della soavità interiore".

Dopo aver ricevuto quella salutare benedizione del Signore, la Comunità ritornò in coro per terminare il Mattutino.

 

 

CAPITOLO VI

 

LA SANTA TRINITÀ ED I SANTI SALUTANO L'ANIMA

 

Durante il canto del dolcissimo responsorio O Lampas, l'anima dell'inferma comparve nell'atto di intercedere con fervore per la Chiesa in presenza della Santissima Trinità.

Dio Padre dolcemente la salutò cantando queste parole: "Ave, electa mea! Salve, eletta mia, che per gli esempi della tua soave vita sei chiamata lampada della Chiesa, perché tu spargi torrenti di olio, vale a dire, torrenti di preghiera sopra tutta la superficie del mondo!".

Il Figlio di Dio dolcemente a sua volta cantò: "Gaude, Sponsa mea! Rallegrati, o mia Sposa, che in verità sei chiamata Rimedio della grazia, Medicina gratiae, perché le tue sante preghiere meriteranno in grande abbondanza la grazia a quelli che l'hanno perduta".

Lo Spirito Santo pure cantò: "Ave, Immaculata mea! Salve, o mia Immacolata; tu sarai chiamata Alimento della fede, Nutrimentum fidei, perché la fede verrà accresciuta e portata alla sua perfezione in tutti quelli che piamente crederanno alle opere spirituali che ho compiute nel segreto dell'anima tua".

L'onnipotenza del Padre le comunicò inoltre il potere di custodire sotto la sua sicura protezione quelli che, spaventati per la umana fragilità, non ardiscono affidarsi con pieno abbandono alla divina bontà. Lo Spirito Paraclito che viene chiamato Fuoco consumante, le comunicò il potere di attingere nella divina carità gli ardori necessari per le anime tiepide. Infine il Figlio di Dio le concesse in unione con la sua santissima Passione e Morte, il potere di risanare le anime che marciscono nel peccato.

E la moltitudine dei Santi Angeli la innalzò con grande onore davanti a Dio, cantando ad alta voce: Tu Dei saturitas, oliva fructifera, cuius lucet puritas et resplendent opera: Tu sei quella che sazia Dio, ulivo carico di frutti, di cui brilla la purezza e risplendono le opere.

Per le parole Brilla la purezza gli Angeli lodavano in modo speciale quel tranquillo riposo che il Signore si era compiaciuto di prendersi nell'anima sua. Le parole: Di cui le opere risplendono, celebravano in modo particolare l'intenzione purissima, e degna di lode che informava tutte le sue azioni. Infine, i Santi tutti si misero a cantare: "Deus palam omnibus revelavit justitiam etc., Dio davanti a tutti ha manifestato la sua giustizia, ecc.

 

 

CAPITOLO VII

 

IL SIGNORE MARAVIGLIOSAMENTE PREPARA

QUELL’ANIMA ALLA GLORIA CELESTE

 

Durante il Prefazio della messa cantata, Gesù, come uno sposo nel fiore della giovinezza, rivestito di nuova gloria, con infinita tenerezza prese nelle sue mani sì delicate il mento della sua sposa, rivolgendo il di lei volto contro la sua divina faccia, dimodochè Egli sembrava direttamente aspirare nella sua Divinità l'alito dell'inferma. Pose pure i suoi divini occhi in faccia agli occhi dell'inferma e li illuminò col raggio meraviglioso della sua Divinità. Il Signore adunque beatificava per così dire quell'anima, illuminandola e santificandola nella fede; in tal modo la disponeva alla beatitudine della gloria futura.

Intanto la persona che vedeva queste cose in ispirito, intese che la Santa non sarebbe tolta da questa terra finché la virtù divina non ne avesse completamente consumate e annichilite tutte le forze; simile ad una goccia d'acqua gettata in un vino generoso ella doveva prendere quel sapore che manca ad ogni natura umana ed immergersi nell'abisso della Divinità, affine di diventare un solo spirito con Dio.

Dopo l'ora di terza, Metilde distese le gambe e posò i suoi piedi come quelli del Signore su la Croce, il piede destro sul piede sinistro. Una delle persone che l'assistevano, rimise quel piede a lato dell'altro; ma la moribonda vigorosamente lo ritirò e lo pose di nuovo sul piede sinistro, manifestando così che non operava a caso, ma per un sentimento di divozione, affinché, portando la somiglianza col suo unico Diletto persino nell'attitudine del suo corpo, meritasse di divenire simile a Lui nella gloria. La Santa, in riconoscenza della crocifissione che all'ora di sesta il Signore aveva sopportata per amor nostro quando le sue mani ed i suoi piedi erano stati inchiodati su la Croce, all'ora di sesta stese volontariamente i suoi piedi offrendo così un sacrificio di lode. Allora il Signore, come un amico pieno di tenerezza, sembrò rianimare. con le sue carezze le membra quasi irrigidite dell'agonizzante.

 

 

CAPITOLO VIII

 

COME SE NE VOLÒ E FU RICEVUTA NEL DIVIN CUORE

 

Giunse infine l'ora da Metilde tanto sospirata. Già spoglia, per così dire, di tutto ciò che è umano e perfettamente disposta ad arbitrio del suo Diletto, questa tenera sposa stava per lasciare il carcere della carne onde entrare nella camera nuziale del suo regale Sposo.

Le suore si erano appena alzate dalla mensa; la Madre del Monastero era giunta la prima con parecchie suore presso l'inferma, quando il volto di questa d'un tratto prese un'espressione di ineffabile tenerezza, segno di grande consolazione interiore. Arrivando tutte le sue amatissime sorelle in Gesù Cristo, la moribonda con l'espressione e l'amabilità del suo volto, poiché non poteva più farlo con le parole, sembrava volerle invitare a congratularsi seco per gli inestimabili benefizi che aveva ricevuti dal suo Signore.

Allora il Dio di Maestà, fonte di delizie, unica soavità dell'anima che lo ama, fece splendere intorno alla sua sposa e penetrare in lei la luce della Divinità. Poi quel sommo Cantore, con la sua divina voce i cui accenti sono ben superiori ad ogni armonia celeste, volle incantare la sua Filomela che tante volte aveva attirato il suo divin Cuore per la sua tenera divozione più che per l'incanto della sua voce. Egli le cantò: Venite vos, benedicti Patris mei etc. Venite, o voi che siete i benedetti dal Padre mio, venite a ricevere il regno, indi le ricordò l'insigne favore che le aveva fatto otto anni prima quando, dicendo queste medesime parole, le aveva dato il suo. divin Cuore come pegno d'amore e di sicurezza. Il Signore, salutandola con tenerezza le disse dunque: "E il mio pegno dov'è?"

A queste parole Metilde con ambe le mani aperse il proprio cuore, posto in faccia al Cuore aperto del suo Diletto. Il Signore applicò il suo Sacratissimo Cuore sopra quello della sua sposa, e, assorbendola tutt'intera per la virtù della sua Divinità, l'associò alla sua gloria.

Anima beata! Ora ricordati di quelli che serbano la tua memoria! Le tue sante preghiere ci ottengano qualche goccia delle sovrabbondanti delizie che godi presso il tuo Diletto col quale altamente ti rallegrerai, essendo con Lui un solo spirito! Amen.

 

 

CAPITOLO IX

 

DELLA GIOIA E DELL' AUMENTO

DEI MERITI DEI SANTI

 

Mentre si faceva la ordinaria commemorazione per la defunta, il Signore comparve seduto nella Maestà della, sua gloria, ricolmando di dolci carezze quell’anima beata che riposava nel suo seno.

Mentre si recitava il Subvenite, Sancti Dei etc., gli Angeli si alzarono con gran riverenza. Non avevano più. ormai da ricevere l'anima di Metilde, poiché Dio l'aveva già accolta con tanto onore e con tanta magnificenza; ma piegarono il ginocchio davanti al Signore, come fanno i Principi, davanti all'Imperatore che li investe del loro feudo. Poi ricevettero i loro meriti che il giorno prima avevano offerto per accrescere quelli della diletta di Cristo; ma questi meriti venivano loro resi raddoppiati, per così dire o meravigliosamente rialzati dall'uso che Metilde ne aveva fatto. I Santi avevano fatto la medesima offerta quando nelle Litanie era stato invocato il loro nome.

Quella che aveva questa visione pregò quell'anima di ottenere a ciascuno dei suoi particolari amici ciò che gli mancasse, per quel sentimento di affezione ch'ella aveva avuto per loro in questo mondo.

L'anima rispose: "Adesso, nella luce della verità riconosco chiaramente che la mia tenerezza per quelli che amavo su la terra a paragone dei sentimenti da cui verso di loro è animato il divin Cuore è appena come una goccia d'acqua rispetto all'Oceano. Veggo pure l'incomprensibile, ma sapientissima ragione per la quale Dio lascia che l'uomo conservi certi difetti che l'umiliano e lo esercitano, ma lo, fanno progredire ogni giorno più nella via della salvezza. Non avrei dunque il minimo pensiero di cambiare un iota a ciò che dalla onnipotente sapienza e dalla bontà sapientissima del mio dolcissimo e diletto Signore viene decretato per ciascuno, secondo il divino beneplacito. Di fronte alle disposizioni così bene ordinate dalla divina misericordia, non posso che effondermi in lodi ed azioni di grazie".

 

 

CAPITOLO X

 

MODO DI PREGAR DIO PER I MERITI DI QUESTA VERGINE

 

L'indomani, durante la messa Requiem aeternam comparve l'anima della defunta e sembrava mettere una cannuccia d'oro tra il divin Cuore e ciascuno di quelli che l'avevano circondata di devozione e di affezione, affinché potessero da quel sacratissimo Cuore attirare in sé tutto quanto desideravano. Orbene, l'imboccatura di questa cannuccia era pure in oro, affine di lasciar passare le parole della seguente preghiera e per un tal mezzo attirare la divina benevolenza.

 

Devota preghiera da recitarsi spesso per ringraziare il Signore dei favori concessi a questa vergine.

 

"Per l'amore che vi ha indotto a ricolmare di tanti benefizi la vostra diletta Metilde (oppure chiunque dei vostri eletti, o di cui avreste ricolmato qualsiasi uomo capace di riceverli), per tutti quei favori che concederete ancora su la terra e nei cieli, esauditemi, o benignissimo Signore Gesù Cristo, per i meriti di lei e per quelli di tutti i vostri eletti".

All'elevazione dell'Ostia, sembrò che quell'anima beata desiderasse di essere offerta in pari tempo a Dio Padre, in lode eterna, per la salvezza del mondo. Perciò il Figlio di Dio che non respinge mai i desiderii di quelli che lo amano. l'attrasse tutta a sé e la presentò con sé a Dio Padre, poi elargì l'effetto salutare di questo sacrifizio raddoppiato da tale unione, a tutto il cielo, alla terra e al purgatorio.

 

 

CAPITOLO XI

 

È UTILE NELLA MESSA PRESENTARE COME OFFERTA,

PER LE ANIME, I MERITI DI GESÙ CRISTO E DEI SANTI

 

Durante la messa seguente, la Santa apparve come rinchiusa nel divin Cuore, usando di questo Cuore come di una lira di cui toccava quattro corde, dalle quali emanava una deliziosa melodia a quattro parti: canto di lode, di azioni di grazie, di tenero lamento e di preghiera. In questo modo suppliva alle négligenze di quelli che in quel momento cantavano le sue esequie ed anche di quelli che su la terra avrebbero avuto piacere di celebrarle, se avessero conosciuto i doni gratuiti che Dio aveva depositati nell'anima sua.

All'offertorio le venne domandato che cosa le avesse ottenuto quell'offerta dei meriti di Gesù Cristo e dei Santi, come ella faceva per le anime a questo punto della messa. Per tutta risposta, la Beata s'inchinò e sembrò inviar giù delle ceste ripiene di scatolette ch'ella presentava alle anime detenute in varii luoghi di pena. Con grande letizia ogni anima prendeva la sua scatoletta e non appena l'aveva aperta, che liberata da ogni pena, se ne andava in un luogo di ameno riposo.

Le ceste che scendevano presso le anime significavano le virtù di Metilde; le scatolette indicavano le medesime virtù messe in atto; per esempio: l'umiltà effettiva, la bontà, la compassione ed altre simili.

Poiché Metilde mandava ogni cesta in qualche luogo particolare del purgatorio, le anime che vi si trovavano detenute e che, su la terra, avevano praticato qualche cosa di quella virtù speciale, partecipavano ai meriti della Santa e tosto dalla pena passavano alla felicità.

In tal modo, per mettere il colmo al gaudio ed alla gloria della sua diletta, il Signore portò ai portici del Paradiso una moltitudine di anime. Quelle poi che, non avendo ancora soddisfatto interamente la divina giustizia, non potevano riunirsi coi cittadini del cielo, vennero per divina degnazione ammesse nelle amene regioni di un beato riposo.

 

 

CAPITOLO XII

 

NEL GIORNO DELLA SUA MORTE

NESSUN'ANIMA CADDE NELL'INFERNO

 

Ciò che abbiamo detto sopra rispetto alla liberazione delle anime del purgatorio, venne pure rivelato a due altre persone. Ma una terza persona ebbe davanti a Dio la certezza che nel giorno del beato transito di Metilde, per la sovrabbondante bontà del Cuore di Gesù Cristo neppure un'anima cristiana era caduta nell'inferno.

Questo vuol dire che i peccatori defunti in quel giorno, per i meriti di quest'anima beata così cara a Dio, ottennero la grazia del pentimento; e quei peccatori ch'erano perversi ed induriti a segno di non voler corrispondere alla mozione della grazia, per volontà di Dio non morirono in quel giorno.

Il Signore, nel giorno di una tale solennità e di una letizia così grande per il suo Cuore non volle pronunciare nessuna sentenza dì maledizione.

 

 

CAPITOLO XIII

 

SI DEVE INNANZITUTTO, RICERCARE LA LODE DIVINA,

E CELEBRARLA CON INTENZIONE PURA

 

Durante una messa, Metilde apparve lieta in un dolce riposo negli abbracci del Signore; ma, quella persona che la vedeva desiderando rivolgerle la parola, il Signore aprì le sue braccia per dare a quell'anima beata un po' di libertà. Quella persona la vide allora circondata di una gloria ineffabile e ornata di una veste di cristallo le cui faccette scintillavano come fulgide stelle o come lucenti specchi.

Questi meravigliosi cristalli erano incastrati in un cerchio d'oro, e attraverso i medesimi si vedevano rubini, smeraldi ed altre gemme di colori e forme diverse. Quella veste era foderata con seta tessuta con le virtù e le opere buone di quell'anima beata.

Il cristallo indicava pure le sue opere, mentre l'oro di cui era circondato significava la carità che le aveva accompagnate.

Le gemme preziose figuravano le virtù di Gesù Cristo alle quali la Santa aveva unito le sue, poiché non faceva nessun'azione senza conformarsi alle intenzioni di Gesù Cristo.

Essendosi la beata alzata in piedi, la sua veste si. distese in tutta la sua ampiezza ed ella vi si rimirò, per così dire, mentre lo splendore di quella bastava a diffondere nel paradiso una luce nuova, e la soave armonia dei suoi abiti cristallini risonava attraverso il cielo e tutto quanto vi è contenuto.

Quella che aveva il favore di questa visione le domandò quale. fosse il suo principale desiderio rispetto alla Congregazione.

La Beata rispose: "Desidero soprattutto la lode del mio Signore, il quale mi ha talmente glorificata ed esaltata oltre il mio merito, che tutto ciò che mi ha dato sembra un effetto della sua gratuita bontà. Perciò molto gradisco che gli offriate senza posa delle lodi per me. Egli mi ha trasportato nella schiera di quei Santi nei quali maggiormente si compiace con le maggiori delizie e riceve le lodi più sublimi".

Quella persona ripigliò: "E in che modo noi potremo lodare Dio in voi?"

"Tutto quanto voi fate, rispose la Beata, tutto facevo io pure su la terra. Dunque, per dir tutto in una parola, fate le vostre azioni in unione con quella intenzione pura e quell'amore perfetto con cui tutto io facevo per la gloria di Dio e la salvezza dèl mondo.

"Quando, per esempio, entrate nel coro per adorare o per cantare, pensate alla purezza ed al fervore in cui io ero tutta dedicata a Dio e studiatevi di imitarmi meglio che potete.

"Così pure quando vi date al riposo nel sonno, pensate all'intenzione pura ed all'ardente carità con cui io accettavo i sollievi utili al mio corpo ed usavo delle creature. E così per tutto il resto.

"Fate dunque tutte le vostre azioni in lode del mio Diletto e troverete la salvezza".

Quella persona domandò ancora: "Che cosa ne ricavate dalla lode. che noi rivolgiamo a Dio per Voi?"

La Beata rispose: "Un abbraccio e un bacio che rinnovano tutto il mio gaudio".

 

La medesima persona vide allora tre raggi che uscivano dal divin Cuore e passando attraverso quell'anima beatificata, si dirigevano su tutti i Santi. Illuminati e rallegrati, i Santi si misero a lodare per lei il Signore, dicendo: "Vi lodiamo per la incantevole bellezza della vostra Sposa, per l'amabile compiacenza che in lei godete e per l'unione perfetta che l'ha resa una cosa sola con Voi".

E siccome quella persona vedeva pure quali delizie queste lodi procurassero al Signore, gli disse: "Perché, o mio Signore, vi compiacete così tanto nell'essere lodato in quest'anima?"

"Perché durante la sua vita, rispose il Signore, ella soprattutto desiderò il mio onore; e poiché sempre conserva questo desiderio, io la sazierà con la mia incessante lode".

 

 

CAPITOLO XIV

 

SICUREZZA CONCESSA A QUELLI

CHE NE CELEBRARONO LE ESEQUIE

 

Nel giorno della sepoltura, durante il canto del responsorio Libera me Domine, la Beata comparve in atto di chiedere al Signore con ardenti supplicazioni che di tutti quelli che erano presenti alle sue esequie, nessuno incorresse nella morte, eterna, ed ella ottenne per tutti la promessa di tale completa sicurezza.

Durante il responsorio Regnum mundi, alle parole Quem vidi, la Beata si mise pure a cantare dicendo:"Si, l'ho visto nella sua Divinità Colui che su la terra tante volte considerai con gli occhi della mente; Quem amavi, che amai con tutte le mie forze; In quem credidi, nel quale credetti con tutto il mio cuore; Quem dilexi, che fu l'oggetto prediletto di tutti i miei affetti".

Poi voltandosi verso la Comunità, disse: "Vi prego tutte che sempre cantiate e ripetiate volentieri questo responsorio, perché Dio Padre ne gode, Dio Figlio vi trova un gradito saluto e Dio Spirito Santo vi si compiace con infinite delizie. Per qual motivo, Dio vi ha trasmesso per mezzo di Suor M. l'ordine di cantarlo così, se non perché Egli prova un ineffabile gaudio nell'udire la vostra voce?"

Mentre poi si cantava il responsorio Surge virgo. Ella comparve in piedi davanti al Signore, ornata come una Regina, si precipitò nelle braccia del Signore e riposò la sua testa sul Sacro di Lui Cuore. E il Signore le disse: "Gioia e delizia del mio Cuore, tutti i miei beni sono tuoi: secondo il tuo desiderio esaudirò tutti quelli che sono presenti al tuo funerale, e li assisterò in tutte le loro necessità".

 

 

CAPITOLO XV

 

NOSTRO SIGNOR GESÙ CRISTO AMA I SUOI

E NEL SUO AMORE LI CASTIGA.

 

Più tardi, nella festa di Santa Caterina, Metilde sembrò attraversare il coro in compagnia del Signore e dirigere il canto come usava mentre era ancora vivente. Quella che vedeva queste cose ne fu sorpresa, ma l'anima beata le disse: "Quando in coro io cantavo gruppi di note ascendenti, i miei desiderii si sforzavano sempre di trascinare i vostri cuori verso Dio, in alto; nelle note discendenti, io volevo invéce far scendere la grazia sopra di voi; e questo è ciò che ancora continuamente desidero".

Quella persona le domandò: "Avete qualche cosa da dire alle suore?"

"Rallegratevi, rispose quella, rallegratevi cordialmente nel vostro diletto! Il mio amore per voi è tenero e attento come quello di una madre per il figlio unico ch'essa si tiene sempre in seno, onde preservarlo da ogni pericolo.

"Così, Dio nel suo amore desidera che sempre a Lui siate unite, e, non ve ne stacchiate giammai. Se voi lo abbandonaste, Egli vi manderebbe qualche croce per ricondurvi a Lui. Una madre con la verga castiga il suo fanciullo se corre lontano da lei e cade; così gli insegna a non allontanarsi. Una madre si diletta delle parole amabili e tenere del suo bambino; ma il vostro Sposo ben altrimenti desidera udire dalle vostre labbra certe parole che penetrano sino al fondo del suo Cuore. Fatevi coraggio, e dategli sempre tutto il vostro cuore, perché Egli è per voi Padre, Signore, Sposo, Amico e per voi sarà tutto in ogni cosa".

A tali parole quella persona diede questo , senso: Poiché il Signore è Padre, a Lui dobbiamo affidare ogni nostro bene; poiché è Signore, in Lui dobbiamo porre la nostra speranza; poiché è Sposo, dobbiamo amarlo con tutto il cuore e con tutta l'anima; poiché è Amico, a Lui possiamo con intera confidenza esporre le nostre pene e le nostre necessità e da Lui solo dobbiamo aspettarci la consolazione.

 

 

CAPITOLO XVI

 

AMORE DEL SIGNORE

PER L' ANIMA DELLA BEATA SUOR METILDE.

 

Nel trentesimo giorno, quella persona vedendo ancora l'anima di Metilde di beata memoria, l'interrogò in merito alla sua gloria.

La Beata rispose: "Il mio merito e la mia gloria! L'occhio non li ha visti, l'orecchio non li ha uditi, il cuore dell'uomo non li ha compresi".

A tali parole, quella persona fu rattristata, ma per consolarla l'anima beata le disse: "Non affliggerti, sorella carissima; quando un bambino vuole abbracciare il padre suo e non lo può fare per la sua piccola statura, il padre tenero e compassionevole si china finché il bambino possa gettargli le braccia al collo e baciarlo. Così il dolce Signore si degna di chinarsi verso l'anima che lo ama e con paragoni rivelarle gli invisibili ed ineffabili segreti del cielo.

"Venni dunque trasportata nella Divinità, unita alla Divinità, in tal modo che sono, per così dire, potente della sua potenza, sapiente della sua sapienza, buona della sua bontà, arricchita, insomma, di, tutti quei beni che sono in Dio.

"Perciò tutto quanto avei:e fatto per me in questi trenta giorni, preghiere, azioni di grazie ed altre opere buone, tutto dal Signore, tutto assolutamente è stato gradito come se l'aveste fatto per Lui medesimo ed Egli ha esaudito le vostre preci secondo il beneplacito. della sua volontà.

"Sappiate pure che tutte le preghiere che faceste con divozione e fiducia presso la tomba della sorella mia diletta) saranno esaudite: che se l'oggetto della vostra domanda non sarà per il vostro bene, la clemente bontà di Dio lo cambierà in un altro per voi migliore e più utile".

Quella persona, le disse ancora: "Tutte le anime degli eletti hanno esse con Dio quella beata unione di cui avete detto?"

"Certo, rispose la Beata: ma vi è una differenza fondata sul grado dei meriti: le une sono superiori nella liberalità, altre nella conoscenza, e così del rimanente".

 

 

CAPITOLO XVII

 

QUEST'ANIMA PER LE SUE VIRTÙ IN QUALCHE MODO RASSOMIGLIA ALLA BEATA VERGINE MARIA

 

Durante la messa, la gloriosa Vergine Maria apparve alla medesima persona, la quale ardì domandarle se quell'anima beata avesse con Lei qualche tratto di somiglianza. La benigna Vergine rispose:"Sì, mi rassomiglia, e soprattutto per le sette virtù seguenti:

"Dapprima si è distinta per l'umiltà; perché si stimava come un nulla, né preferiva sé medesima a nessuno; perciò Dio l'ha elevata al pari dei più grandi tra i Santi.

"Secondo: per la purezza del suo cuore e l'innocenza della sua vita, ciò che l'ha associata ai Santi più vicini a Dio e di cui l'occhio è dotato di una più chiara visione.

"Terzo, per il suo amore fedele il quale le valse la sovrabbondanza del bene migliore che un'anima possa possedere, cioè gaudio, allegrezza, onore e beatitudine.

"Mi rassomiglia in quarto luogo, per il desiderio che ebbe della gloria di Dio, nel cercare con tutte le sue forze di promuovere la lode divina; perciò il suo posto è fra quelli che con maggiori delizie celebrano le lodi di Dio ed il Signore accetta come offerto a sé medesimo ogni omaggio, ogni azione di grazie che su la terra si rende alla sua Diletta; e inoltre, vuole compiere quei desiderii ch'ella non poté effettuare.

"In quinto luogo, per la misericordia e la compassione che le hanno meritato l'onore di essere potente per aiutare tutti i suoi umili clienti.

"Sesto, per la sua bontà. e riconoscenza; perciò il Signore ha stabilito in Lei una specie di fontana, di cui le traboccanti acque procurano ai Santi una allegrezza particolare di cui benedicono il Signore.

"Infine, mi rassomiglia per l'unione intima, con la quale ha meritato di godere col Signore di una familiarità speciale. Ella gode pure della prerogativa di esaudire tutti quelli che invocheranno Dio in nome di quel mutuo amore con cui il Signore l'ha prediletta, e con cui ella ha amato il suo Signore".

La gloriosa Vergine soggiunse: "Da quel giorno in cui Dio vi tolse la vostra Madre badessa Gertrude che voi. amavate come l'anima vostra, Egli vi ha raccomandate a me nella fede e nell'amore che l'hanno indotto ad eleggermi come sua Madre: perciò tutto il mio zelo è impegnato nell'onorarvi come si conviene a spose del mio divin Figlio. Ed ora che vi ha tolta la vostra consolatrice (S. Metilde); Egli vi ha dato di nuovo sé stesso con tutto ciò che Egli è, onde sia il vostro Consolatore".

Sia Egli benedetto nei secoli dei secoli! Amen.

 

INDICE DEI CAPITOLI

 

 

Introduzione

Prologo

Proemio - Nascita e primi anni di S. Metilde

 

 

LIBRO PRIMO

 

CAP. I Festa dell'Annunciazione

II Il Cuore SS. della B. Vergine

III La voce del Signore

IV La faccia del Signore assomigliata al sole

V Nella solennità del S. Natale. - Le pulsazioni del Cuore

di G. Cristo

VI S. Giovanni Apost. ed Evangel.

VII Nella Circoncisione del Signore

VIII Nella solennità dell'Epifania

IX Nell'Ottava dell'Epifania

X Della Venerazione dell'Immagine di Cristo

XI S. Agnese

XII Purificazione della B. Vergine

XIII Il monte di sette piani

XIV Domenica delle Palme

XV Il nome di Gesù. - Le piaghe del Redentore.

XVI L'albero della Croce

XVII La Passione del Signore

XVIII Risurrezione e glorificazione di Gesù Cristo

XIX Nella seconda festa di Pasqua

XX Nell'Ottava di Pasqua

XXI Nella Solennità dell' Ascensione.

XXII Le lagrime d'amore del Signore

XXIII Nella Vigilia della Pentecoste

XXIV Nella solennità della Pentecoste

XXV Nella Festa della SS. Trinità

XXVI Nella vigilia della festa di San Pietro

XXVII Santa Maria Maddalena

XXVII Nella Festa dell'Assunta

XXIX Messa e Processione celebrate dal Signore

XXX San Bernardo, Abate

XXXI Natività di Maria Ss.

XXXII Gli uomini associati con gli angeli nella gloria.

XXXIII La Festa di Ognissanti

XXXIV S. Caterina, Verg. e Mart.

XXXV L'Ultimo dei Santi

XXXVI San Bartolomeo

XXXVII Dedicazione delle chiese.

XXXVIII Ultime domeniche dopo la Pentecoste

XXXIX La B. M. V. e le sue sette ancelle

XL La vera santità

XLI Le sette corone della B. M. V.

XLII Dei gaudi della B. M. V.

XLIII L'Ave Maria

XLIV L'Ave Maria prima della Comunione

XLV Varii modi di salutare la B. M. V.

XLVI Tre Ave Maria per la buona morte

 

 

LIBRO SECONDO

 

CAP. I In qual modo Dio invita l'anima

II La vigna del Signore

III Gli ardori dell'amore del Signore"

IV Il Signore appare sotto forma di bambino e di diacono

V Il flagello del Signore. - Consolazione nella tribolazione

VI Il desiderio della Confessione

VII Il divino Amore

VIII Il Signore adorna Metilde delle sue virtù

IX Il Signore le dà il suo Cuore come pegno della vita eterna.

X Cristo compie per lei le lodi dovute al Padre

XI Il Cuore di Gesù sotto la forma di una lampada

XII La visione del rovo. - I nove cori angelici e il giusto

XIII La cucina del Signore

XIV L'anima si annida nel Cuore del Signore

XV L'anima di Metilde trapassata da un dardo di Amore -

La Croce

XVI Infermità di Metilde

XVII Il Signore le promette di rivestirla di se stesso

XVIII La fonte della Misericordia

XIX Bontà del Signore nelle malattie di Metilde

XX Come l'anima prepari nel suo cuore una casa al Signore

XXI Ancora il divino amore

XXII Come confidare a Dio le proprie pene. - Gloria dei Santi

e delle Vergini

XXIII Cristo si riveste delle nostre pene e le offre al Padre

XXIV Cristo considera come fatti a sé i servizi resi alla

sua Serva

XXV Il trono di Dio e i cori angelici

 

 

LIBRO TERZO

 

CAP. I L'anello ornato di sette gemme

II La rosa sbocciata nel Cuore del Signore. - La lode divina

III Modo di lodare il Signore

IV Tre cose che l'uomo deve avere nella mente

V Lode alle singole membra di Cristo. - La confessione

VI Metilde respira nel divin Cuore. ­ Le creature lodano Dio

VII Bontà del Signore

VIII Il S. Cuore fiamma ardente. ­ Unione con Cristo

IX Vivit in me Christus

X Le membra di Cristo specchi scintillanti

XI Per vivere secondo il beneplacito del Signore e riparare le

proprie negligenze. - Offrire a Dio il proprio cuore

XII La santa Messa

XIII Come si debba scuotere il torpore e il sonno

XIV La santa Comunione

XV In qual modo il cuore dell'uomo si unisce al Cuore

del Signore

XVI Il Cofano a tre compartimenti. ­ Il cuore umano

XVII Le ore Canoniche

XVIII Domandare al Signore che ci conservi la fede

XIX Sul modo di addormentarsi

XX Cristo accorre al gemito del misero

XXI Cristo nell'anima rinfresca gli ardori del suo Cuore

XXII Quanto sia preziosa per li Signore l'anima dell'uomo,

XXXIII Come esercitare la propria memoria. - Intenzioni

XXIV Dell'obbedienza e del timore. ­ Il corpo e l'anima

XXV Il giardino e gli alberi delle virtù

XXVI Prima della Comunione

XXVII La castità della gloriosa M. Vergine

 

 

LIBRO QUARTO

 

CAP. I La mensa del Signore. - Tre disposizioni del divin Cuore

II L'abito bianco e la corona del Regno

III Le virtù su la Corona del Signore

IV Il modo migliore di progredire nella perfezione

V Tre cose a Dio graditissime

VI I Santi pregano per la Congregazione

VII Preziosità della vita - Unione mistica col Signore

VIII Grazie concesse alle preghiere di S. Metilde

IX Rinnovazione del mistico sposalizio

X Le novizie. - La Professione religiosa

XI La rinuncia alla propria volontà

XII Il libero arbitrio dell'uomo

XIII La mortificazione dei sensi

XIV La preghiera comune

XV Cristo supplisce a ciò che ci manca

XVI Nella tristezza.

XVII Nel Cuore di Dio l'anima troverà tutto

XVIII Riparare con la lode le proprie negligenze

XIX Il Signore si riveste dell'anima

XX Come l'uomo debba ricorrere a Dio

XXI Come comportarsi col Signore e si tiene preziosa

l'anima nostra

XXII Cristo ci comunica le sue opere

XXIII Per le anime afflitte. - Le lagrime trasformate

XXIV Divina condiscendenza. - Il Signore paragona sé stesso

all'ape - Le opere di carità

XXV Gioia del Signore per la conversione del peccatore. -

Recita di 460 pater. - Liberazione dei prigionieri e dei

peccatori. Il Signore concede a Metilde 100 peccatori

XXVI Le opere di carità purificano dal peccato veniale

XXVII Come si possa rendere grazie pèr questa vergine

XXVIII L'anima giuoca ai dadi col Signore. Lettere di Metilde

a una signora secolare

 

 

LIBRO QUINTO

 

CAP. I L'anima della Badessa Gertrude

II I beati offrono a Dio le preghiere che vengono recitate

per loro

III Dell'anima di suor M.

IV Dell'anima della pia eremita Ysentruda

V Dell'anima di suor B. de Bar.

VI Di una suora inferma

VII Dall'anima di Fra N. dei Predicatori.

VIII Dell'anima di Fra H. de Plauen

IX Dell'anima dei Fr. Alberto e Tommaso dei Predicatori

X Dell'anima del conte Bernardo, fondatore del monastero

XI Dell'anima di un altro conte Bernardo

XII Dell'anima di E,. d'Orlamundo

XIII Della risurrezione futura

XIV L'anima del conte B.

XV Le anime di Salomone, Sansone, Origene e Traiano

XVI Delle anime liberate dalle sue preghiere

XVII Modo di pregare per i defunti

XVIII L'inferno e il purgatorio

XIX Come Dio riempie l'anima del giusto che lascia

il suo corpo

XX Nome, utilità e veracità di questo libro. Azioni di grazie

XXI L'anima del conte B.

XXII Morte della sorella di santa Metilde

 

 

LIBRO SESTO

 

CAP. I Vita ammirabile di santa Metilde

II Ultima infermità di santa Metilde - I santi al momento

dell'Estrema Unzione le dànno il frutto dei loro meriti

III Del gran fervore del suo zelo

IV Di un vapore che sembrò uscire dalle sue membra

V Cristo la saluta in un modo ammirabile.

VI La SS. Trinità e i Santi la salutano

VII Il Signore meravigliosamente la prepara alla gloria celeste

VIII Come se ne volò e fu ricevuta dal divin Cuore.

IX Gaudio dei Santi e aumento dei loro meriti

X Modo di pregar Dio, pei meriti di S. Metilde

XI Nella Messa, offerta dei meriti di G. C. e dei Santi

XII Nel giorno della morte di S. Metilde nessun'anima cadde

nell'inferno.

XIII La lode divina con intenzione pura

XIV Sicurezza concessa a quelli che ne celebrarono le esequie

XV N. Signore ama io suoi e li castiga per amore

XVI Amore del Signore per l'anima di S. Metilde

XVII In qual modo rassomigli alla B. V. M.