Inno Akàthistos

Inserito in Preghiere alla Madre di Dio.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Inno Akàthistos

o Madre ci Dio, o intatta protettrice,

noi, tua città, salvati da terribili sciagure

eleviamo a Te inni di vittoria e di ringraziamento

Tu, che possiedi potenza invincibile,

liberaci da tutti i mali

e noi grideremo a Te; Gioisci Vergine Sposa.

1

Il più eccelso degli Angeli fu mandato dal cielo

per recare il "Gioisci" alla Madre di Dio.

Al suo incorporeo saluto

vedendoti, Signore, prendere corpo umano

attonito ad estatico stette acclamando a Lei così:

Gioisci per te la gioia risplenderà;

gioisci per te la maledizione cesserà;

gioisci resurrezione di Adamo caduto;

gioisci riscatto del pianto di Eva

Gioisci o Vetta inaccessibile ad umano intelletto,

gioisci o abisso imperscrutabile anche agli occhi degli Angeli.

Gioisci perchè Tu sei il trono del Re;

gioisci perché tu porti Colui che il tutto sostiene.

Gioisci o astro che il sole precorri;

gioisci o grembo del Dio fattosi uomo.

Gioisci per Te la creazione è rinnovata;

gioisci per Te il Creatore è baciato,

gioisci Vergine Sposa.

2

Sapendo la Santa dl essere casta

con fiducia a Gabriele dice:

"Il singolare tuo messaggio

all' anima mia incomprensibile appare;

infatti da inseminato concepimento una gravidanza predici,

acclamando: Alleluia.

3

La Vergine desiderando conoscere la misteriosa rivelazione

si rivolse al messaggero divino:

Come è possibile partorire un figlio

da seno puro? Dimmelo.

Ed Egli con riverenza a Lei rispose acclamando così:

Gioisci iniziata alla volontà ineffabile,

gioisci segretamente la più eccelsa di tutte.

Gioisci preludio dei prodigi di Cristo;

gioisci compendio delle sue verità.

Gioisci o scala celeste: per Te Dio discese;

gioisci o ponte che fai passare dalla terra al cielo.

Gioisci degli Angeli celebrato portento;

gioisci dei demoni terribile sconfitta.

Gioisci Tu che in modo indicibile generasti la Luce;

gioisci tu che a nessuno il come insegnasti.

Gioisci Tu che la sapienza dei saggi trascendi;

gioisci tu che illumini le menti dei credenti.

Gioisci Vergine Sposa.

4

La potenza dell’Altissimo adombro allora

l' inesperta di nozze perché concepisse

e rese fecondo il suo seno

quale soave campo a tutti

coloro che vogliono mietere salvezza cantando così:

Gioisci Vergine Sposa.

5

Maria, con il grembo gravido di Dio,

in fretta corse da Elisabetta,

e il piccolo di costei subito

riconosciuto il suo saluto esultò

e con salti come cantici lodava la madre di Dio:

Gioisci ramoscello dell’immarcescibile pianta;

gioisci possesso del frutto incorruttibile.

Gioisci Tu che coltivi il Coltivatore amico degli uomini;

gioisci Tu che hai generato l' autore dalla vita nostra.

Gioisci o campo che fai germogliare abbondanza di misericordie

gioisci o mensa che imbandisci pienezza di riconciliazioni

Gioisci perché tu prepari il porto delle anime;

gioisci perché tu fai rifiorire il prato delle delizie.

Gioisci incenso gradito di intercessione;

gioisci riconciliazione del mondo intero.

Gioisci benevolenza di Dio per gli uomini;

gioisci fiducia degli uomini in Dio.

Gioisci vergine Sposa

6

Avendo nell’intimo un uragano di opposti pensieri

il saggio Giuseppe era turbata:

sapendoti vergine

e ora sospettando un furtivo amore, o immacolata;

ma quando conobbe la concezione da Spirito Santo esclamò

l’Alleluia.

7

I pastori sentirono gli Angeli cantare

la venuta di Cristo nella carne

e correndo verso il Pastore,

lo contemplarono come Agnello innocente

nutrirsi al seno di Maria e inneggiando dissero:

Gioisci madre dell’Agnello e del Pastore;

gioisci ovile delle pecorelle spirituali

Gioisci difesa dei nemici invisibili

gioisci chiave delle porte del paradiso

Gioisci perché tu i cieli unisci alla terra,

gioisci perché con Cristo la creazione giubila

Gioisci,degli Apostoli voce perenne,

gioisci dei Martiri indomito coraggio

Gioisci della fede possente sostegno.

gioisci segno splendente di grazia.

Gioisci per te fu spogliato l’inferno;

gioisci per te di gloria siamo stati rivestiti.

Gioisci, Vergine Sposa.

8.

Osservando la stella che a Dio guidava, i Magi

ne seguirono lo splendore

e avendola come lucerna

con essa trovarono il Signore possente

e l’irraggiungibile raggiunto gioirono e a Lui cantarono:

L' Alleluia.

9

Contemplarono i figli dei Caldei nelle braccia dalla Vergine

Colui che con le mani gli uomini plasma;

e riconosciutolo quale Signore,

pur nelle sembianze di schiavo, premurosi

con doni l' adorarono e da Benedetta acclamarono:

Gioisci madre dell' astro che mai tramonta;

gioisci splendore di mistico giorno,

Gioisci tu la fucina dell' errore spegnesti;

gioisci tu gli iniziati alla Trinità custodisci.

Gioisci tu che dal trono il nemico degli uomini balzasti

gioisci tu che il Cristo Signore amante degli uomini mostrasti.

Gioisci tu che da barbara superstizione riscatti;

gioisci tu che dalle opere di corruzione liberi.

Gioisci tu che il culto del fuoco hai distrutto;

gioisci tu delle passioni la fiamma estingui.

Gioisci dei credenti guida di saggezza;

gioia di tutte le genti.

Gioisci Vergine Sposa.

10

Divenuti araldi divini, i Magi

ritornarono a Babilonia

realizzando così la tua profezia

e a tutti proclamarono te, o Cristo,

incuranti di Erode che, da stolto, non fu capace di cantare

l' Alleluia.

11

Irradiando la luce del vero in Egitto

Tu le tenebre dell’errore scacciasti;

i suoi idoli, infatti, o Salvatore,

non sopportando la tua forza caddero;

e quanti furono liberati acclamarono alla Madre di Dio:

gioisci ristabilimento degli uomini;

gioisci disfatta dei demoni.

Gioisci tu che l' errore dell' inganno calpestasti,

gioisci tu che la frode degli idoli smascherasti.

Gioisci mare che hai sommerso l’intellettuale Faraone;

gioisci roccia che dissetasti gli assetati della Vita.

Gioisci colonna di fuoco che guidi chi è nelle tenebre;

gioisci riparo del mondo più ampio della nube.

Gioisci nutrimento sostitutivo della manna;

gioisci minestra di sante delizie.

Gioisci terra dalla promessa;

gioisci da te scorrono miele e latte.

Gioisci Vergine Sposa.

12

A Simeone prossimo a lasciare

questo mondo fallace

fosti dato come bambino

ma da lui fosti riconosciuto come il Dio perfetto.

Per questo, commosso dalla tua ineffabile sapienza, cantò

l' Alleluia.

13

Una creazione nuova rivelò il Creatore

apparendo fra noi da lui generati;

fiorito da seno incontaminato

lo custodì intatto quale era prima

e noi che contempliamo il prodigio lodiamo Lei acclamando:

Gioisci primizia di incorruttibilità;

gioisci corona di castità,

Gioisci immagine rifulgente di resurrezione;

gioisci tu degli angeli sveli la vita.

Gioisci, albero dai bei frutti: da te sono nutriti i fedeli;

gioisci albero dalle ombrose fronde che tutti ricopri.

Gioisci tu che generasti il redentore degli schiavi;

Gioisci tu che inteneristi con le preghiere il giusto giudice

gioisci perdono della moltitudine dei traviati

Gioisci veste di fiducia dei disarmati;

gioisci amore che vinci ogni desiderio

Gioisci Vergine Sposa.

14

L' inaudito parto ammirando, esuliamo dal mondo

volgendo al cielo la mente

l’Eccelso, infatti, per questo

sulla terra apparve umile uomo

volendo attrarre verso il cielo coloro che a Lui cantano

l' Alleluia.

15

Tutto era quaggiù e non solamente lassù

Era l’incomprensibile Verbo;

infatti fu un abbassarsi di Dio

e non un cambiamento di luogo

e nacque nel mondo da Vergine che aveva accolto Dio ed udiva ciò:

Gioisci confine di Dio sconfinato;

gioisci porta di sacro mistero.

Gioisci annuncio incerto per gli increduli;

gioisci sicura gloria dei fedeli.

Gioisci carro santissimo di Colui che è sopra i Cherubini;

gioisci dimora bellissima di Colui che e sopra i Serafini.

Gioisci tu che in uno i contrari concili;

gioisci tu che unisci verginità e parto.

Gioisci per te il paradiso fu riaperto;

gioisci per te la trasgressione fu sciolta.

Gioisci chiave del regno di Cristo;

gioisci speranza dei beni futuri.

Gioisci o Vergine Sposa.

16

Tutte le schiere degli Angeli si stupirono

per l' evento sublime della tua incarnazione;

l' inaccessibile, infatti; come Dio

vedevano a tutti farsi accessibile come uomo

e convivere con noi e ascoltare così da tutti

l' Alleluia.

17

I più eloquenti retori muti come pesci

vediamo dinanzi a Te, o Madre di Dio.

non riescono a dire come

restando vergine sei giunta a partorire;

ma noi, che ammiriamo il mistero, cantiamo così:

Gioisci sapienza della provvidenza divina;

gioisci vaso della eterna sapienza.

Gioisci tu che rendi ignoranti i filosofi;

gioisci tu che sottrai le parole agli eloquenti.

Gioisci perché i più sottili ragionatori hai reso sciocchi;

gioisci perché gli iniziati dei miti sono svaniti.

Gioisci tu che degli Ateniesi le astuzie hai distrutto;

gioisci tu che riempi dei pescatori le reti.

Gioisci tu che trai fuori dall’abisso dell’ignoranza;

gioisci tu che illumini molti nella conoscenza.

Gioisci barca di coloro che vogliono salvarsi;

gioisci porto di chi naviga nella vita

Gioisci Vergine Sposa.

18

Il Creatore dell' universo volendo salvare il mondo

In esso spontaneamente venne

e benché come Dio fosse Pastore

per noi apparve agnello come noi;

e come simile chiama il simile, come Dio ascolta

l’alleluia.

19

Difesa dei vergini Tu sei o Vergine Madre di Dio,

e di tutti coloro che a te ricorrono.

Il Creatore del cielo e della terra

ti fece immacolata

abitando nel tuo seno e insegnando a tutti cantare:

Gioisci colonna della verginità;

gioisci porta della salvezza.

gioisci inizio della nuova progenie;

gioisci dispensatrice dei beni divini.

Gioisci tu che hai dato La saggezza ai privi di senno;

gioisci tu che hai ridato la vita ai concepiti nell' onta.

Gioisci tu che annientasti il corruttore dei sentimenti,

gioisci tu che hai generato il seminatore della castità.

Gioisci tu talamo di nozze illibate;

gioisci tenda adattata al Signore

Gioisci o alma nutrice vergine;

gioisci tu che vesti come spose le anime sante.

Gioisci o Vergine Sposa.

20

Si svilisce ogni inno che tenti eguagliare

la pienezza delle tue infinite misericordie.

Anche se ti offrissimo, o Santo Re,

altrettanti salmi e odi

non faremmo mai cosa degna di quanto elargisti a quelli che ti cantano

l’Alleluia.

21

Contempliamo la Santa Maria

apparsa come lampada che porta la luce nelle tenebre:

acceso il fuoco divino

guida tutti alla divina conoscenza,

illuminando di splendore la mente, ed è lodata con questo canto:

Gioisci raggio del sole spirituale;

gioisci lampada della luce che non tramonta.

Gioisci folgore che rischiari le tenebre;

gioisci tu che come tuono atterrisci i nemici,

Gioisci perché tu fai sorgere la luce sfolgorante;

gioisci perché tu fai sgorgare il fiume che scorre abbondante.

Gioisci tu che sei il simbolo del lavacro;

gioisci tu che rimuovi la lordura del peccato.

Gioisci bacino che mondi la coscienza;

gioisci coppa che mesci esultanza.

Gioisci fragranza del profumo di Cristo;

gioisci della vita del mistico banchetto.

Gioisci Vergine Sposa.

22

Volendo fare grazia per i debiti antichi

colui che pagò il debito di tutti gli uomini

spontaneamente venne

presso coloro che avevano disertato la sua grazia

e lacerato il rescritto del debito da tutti ode cantare

l’Alleluia.

23

Inneggiando al tuo parto tutti noi ti cantiamo

quale tempio vivente, o Madre di Dio,

perché nel tuo seno prese dimora

il Signore che nella sua mano tutto sostiene.

Egli ti fece santa e ti rese gloriosa, insegnando a tutti a cantare:

Gioisci tenda di Dio e del Verbo;

gioisci santa più alta dai santi.

Gioisci tesoro inesauribile di vita;

gioisci arca dorata dello Spirito.

Gioisci diadema prezioso dei santi sovrani;

gioisci dei pii sacerdoti venerabile vanto.

Gioisci della Chiesa torre incrollabile;

gioisci indistruttibile muraglia dell' Impero.

Gioisci per te s' innalzano trofei;

gioisci per te i nemici sono sconfitti.

Gioisci farmaco per il mio corpo;

gioisci difesa dell’anima mia.

Gioisci Vergine Spose.

24

Madre degna di ogni canto, che desti alla luce

il Verbo più santo fra tutti i santi,

accogli ora l’offerta;

da ogni sventura libera tutti

e riscatta dal futuro castigo quelli che acclamano a te

l' Alleluia